La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

Moralità e teorie etiche Bibliografia: A. VENDEMIATI, La specificità bio-etica, Rubbettino, Soveria Mannelli 2002, pp. 18-34.

Presentazioni simili


Presentazione sul tema: "Moralità e teorie etiche Bibliografia: A. VENDEMIATI, La specificità bio-etica, Rubbettino, Soveria Mannelli 2002, pp. 18-34."— Transcript della presentazione:

1 Moralità e teorie etiche Bibliografia: A. VENDEMIATI, La specificità bio-etica, Rubbettino, Soveria Mannelli 2002, pp

2 2. Moralità e teorie etiche Etica descrittiva: presenta il modo in cui di fatto ci si comporta, ma non dice nulla di come ci si debba comportare. Etica descrittiva: presenta il modo in cui di fatto ci si comporta, ma non dice nulla di come ci si debba comportare. Metaetica: analisi dei termini cruciali del discorso etico e logica del ragionamento morale. Metaetica: analisi dei termini cruciali del discorso etico e logica del ragionamento morale. Etica normativa: elabora criteri generali per determinare quali azioni siano giuste e quali sbagliate, per giungere alla soluzione di problemi morali specifici. Etica normativa: elabora criteri generali per determinare quali azioni siano giuste e quali sbagliate, per giungere alla soluzione di problemi morali specifici.

3 Metaetica Deduttivismo Deduttivismo Induttivismo Induttivismo Coerentismo Coerentismo

4 Deduttivismo Il giudizio morale è lapplicazione di una regola generale a un caso chiaramente subordinato ad essa. Il giudizio morale è lapplicazione di una regola generale a un caso chiaramente subordinato ad essa. Applicazione dallalto verso il basso di un precetto generale: una concezione che ha motivato luso del termine etica applicata Applicazione dallalto verso il basso di un precetto generale: una concezione che ha motivato luso del termine etica applicata

5 Deduttivismo 4. Teorie etiche 3. Principi 2. Norme 1. Giudizi particolari e azioni

6 Deduttivismo Funziona quando un giudizio può essere posto senza riserve sotto una regola o un principio, ma risulta inutilizzabile di fronte alle complicazioni che sorgono quando si impone il ricorso a più di un principio. Funziona quando un giudizio può essere posto senza riserve sotto una regola o un principio, ma risulta inutilizzabile di fronte alle complicazioni che sorgono quando si impone il ricorso a più di un principio. Non coglie il modo in cui largomentazione e la giustificazione morali procedono nei casi complicati. Non coglie il modo in cui largomentazione e la giustificazione morali procedono nei casi complicati. Cade sotto il trilemma di Albert: se una norma dovesse essere sempre giustificata sulla base di unaltra, 1. si cade in una circolarità; 2. si regredisce allinfinito; 3. si interrompe largomentazione scegliendo un principio primo arbitrario. Cade sotto il trilemma di Albert: se una norma dovesse essere sempre giustificata sulla base di unaltra, 1. si cade in una circolarità; 2. si regredisce allinfinito; 3. si interrompe largomentazione scegliendo un principio primo arbitrario. Gran parte delle decisioni pratiche morali sono state prese facendo a meno di teorie generali. Di solito le regole e i principî condivisi da queste teorie sono per i giudizi pratici dei punti di partenza più adeguati delle teorie stesse. Gran parte delle decisioni pratiche morali sono state prese facendo a meno di teorie generali. Di solito le regole e i principî condivisi da queste teorie sono per i giudizi pratici dei punti di partenza più adeguati delle teorie stesse.

7 Induttivismo I giudizi morali sono tratti dai casi particolari, facendo a meno delle norme generali o della tradizione storica. I giudizi morali sono tratti dai casi particolari, facendo a meno delle norme generali o della tradizione storica. A partire dai giudizi particolari, per generalizzazione, si possono poi derivare regole e principî che valgono in contesti analoghi, e che sono sempre provvisori e rivedibili. A partire dai giudizi particolari, per generalizzazione, si possono poi derivare regole e principî che valgono in contesti analoghi, e che sono sempre provvisori e rivedibili. Allora qual è lutilità pratica di norme e principi? Allora qual è lutilità pratica di norme e principi? Come mai, di fatto, di fronte allo stesso caso, accade che persone egualmente informate ed imparziali formulino giudizi morali contrastanti?. Come mai, di fatto, di fronte allo stesso caso, accade che persone egualmente informate ed imparziali formulino giudizi morali contrastanti?. Come mai i giudizi morali e le tradizioni inadeguate vengono criticati sulla base di norme generali, come per esempio quelle connesse alla tutela dei diritti umani? Come mai i giudizi morali e le tradizioni inadeguate vengono criticati sulla base di norme generali, come per esempio quelle connesse alla tutela dei diritti umani?

8 Coerentismo Né esclusivamente dallalto né esclusivamente dal basso:«equilibrio riflessivo» in entrambe le direzioni. Né esclusivamente dallalto né esclusivamente dal basso:«equilibrio riflessivo» in entrambe le direzioni. Laccettazione di una teoria etica parte dai nostri «giudizi ponderati»: punti fermi ma passibili di revisione. Laccettazione di una teoria etica parte dai nostri «giudizi ponderati»: punti fermi ma passibili di revisione. Tali giudizi devono essere giustificati senza ricorrere ad altri giudizi. Tali giudizi devono essere giustificati senza ricorrere ad altri giudizi. La loro assunzione non dipende dalla mera intuizione individuale: credenze acquisite, collaudate e corrette nel tempo. La loro assunzione non dipende dalla mera intuizione individuale: credenze acquisite, collaudate e corrette nel tempo. Armonizzare tali giudizi, emendandoli e rendendoli compatibili tra loro e con le premesse di una teoria coerente. Armonizzare tali giudizi, emendandoli e rendendoli compatibili tra loro e con le premesse di una teoria coerente. I risultati andrebbero poi messi alla prova pratica, per vedere se producono un risultato coerente. I risultati andrebbero poi messi alla prova pratica, per vedere se producono un risultato coerente. Il pieno equilibrio sarebbe quindi una meta ideale (anche se non utopistica), il cui scopo attuale sarebbe la «massima approssimazione alla piena coerenza». Il pieno equilibrio sarebbe quindi una meta ideale (anche se non utopistica), il cui scopo attuale sarebbe la «massima approssimazione alla piena coerenza».

9 Coerentismo Confrontando teorie diverse e sottoponendole alla verifica pratica, si raggiungono gradi di giustificazione via via maggiori: Confrontando teorie diverse e sottoponendole alla verifica pratica, si raggiungono gradi di giustificazione via via maggiori: coerenza dei risultati con le premesse («condizione della rassomiglianza»), coerenza dei risultati con le premesse («condizione della rassomiglianza»), «universalizzabilità» delle norme, «universalizzabilità» delle norme, resistenza al confronto, dellelasticità (adattamento alle novità) resistenza al confronto, dellelasticità (adattamento alle novità) produttività (capacità di offrire soluzioni creative e pratiche). produttività (capacità di offrire soluzioni creative e pratiche). Ma è possibile elaborare teorie pienamente «coerenti» eppure ripugnanti. Ma è possibile elaborare teorie pienamente «coerenti» eppure ripugnanti. Sembrerebbe auspicabile che una teoria etica non si limitasse alla coerenza, ma giungesse a cogliere ciò che in realtà è giusto e virtuoso, ossia che giungesse alla verità morale. Sembrerebbe auspicabile che una teoria etica non si limitasse alla coerenza, ma giungesse a cogliere ciò che in realtà è giusto e virtuoso, ossia che giungesse alla verità morale.

10 Caratteristiche delle teorie etiche Fornire uno schema per riflettere sullaccettabilità delle azioni e valutare i giudizi morali e il carattere morale. Requisiti: 1.c hiarezza dellinsieme e delle singole parti; 2.c oerenza interna; 3.m assimo di completezza e di comprensione possibile nellelencare i principî morali; 4.s emplicità; 5.p otere esplicativo della vita morale (i suoi scopi, il suo status, il modo in cui i diritti sono correlati ai doveri, ecc.); 6.c apacità di giustificare le opinioni; 7.c apacità di produrre giudizi che non facevano parte del nucleo di giudizi sui quali la teoria è stata costruita; 8.r ealizzabilità delle sue richieste.

11 Utilitarismo - Conseguenzialismo Unico principio fondamentale, quello di utilità: la rettitudine (rightness) dellazione sarebbe data dalla bontà (goodness) delle conseguenze: Unico principio fondamentale, quello di utilità: la rettitudine (rightness) dellazione sarebbe data dalla bontà (goodness) delle conseguenze: lutilitarismo della norma giustifica i giudizi e le azioni in base alle norme, e le norme in base al principio di utilità lutilitarismo della norma giustifica i giudizi e le azioni in base alle norme, e le norme in base al principio di utilità è più utile obbedire sempre alle norme che non obbedire mai è più utile obbedire sempre alle norme che non obbedire mai lutilitarismo dellatto giustifica direttamente le azioni e i giudizi in base al principio suddetto lutilitarismo dellatto giustifica direttamente le azioni e i giudizi in base al principio suddetto obbedire o disobbedire a seconda che ciò sia utile o meno. obbedire o disobbedire a seconda che ciò sia utile o meno.

12 Utilitarismo - Conseguenzialismo PUNTI DI FORZA Sottolinea la responsabilità per le conseguenze delle azioni; Sottolinea la responsabilità per le conseguenze delle azioni; la raccomandazione che il principio di utilità abbia un ruolo nellelaborazione degli orientamenti pubblici; la raccomandazione che il principio di utilità abbia un ruolo nellelaborazione degli orientamenti pubblici; laffermazione che lutilità riveste un ruolo importante nella formulazione dei principî di beneficenza; laffermazione che lutilità riveste un ruolo importante nella formulazione dei principî di beneficenza; lesigenza di riferirsi al benessere generale anche al di là di quanto prescritto dalle norme morali comuni. lesigenza di riferirsi al benessere generale anche al di là di quanto prescritto dalle norme morali comuni.PROBLEMI 1. In base a quale criterio giudichiamo migliore o peggiore una conseguenza? a.Utilitarismo edonistico b.Utilitarismo delle preferenze c.Utilitarismo del benessere d.Utilitarismo ideale e.Utilitarismo perfezionista o eudemonista 2. È eticamente sostenibile la prospettiva secondo cui lunica cosa che conta è il risultato?

13 Utilitarismo edonistico La maggior felicità per il maggior numero La maggior felicità per il maggior numero massimizzazione del piacere (calcolabilità) massimizzazione del piacere (calcolabilità) ma piacere e felicità coincidono? ma piacere e felicità coincidono? Kierkegaard sullo stadio estetico Kierkegaard sullo stadio estetico Frankl sulla genesi delle nevrosi Frankl sulla genesi delle nevrosi Nozik e la macchina delle esperienze Nozik e la macchina delle esperienze

14 Utilitarismo delle preferenze Optare per quel comportamento che massimizza la realizzazione delle aspirazioni del maggior numero di soggetti. Optare per quel comportamento che massimizza la realizzazione delle aspirazioni del maggior numero di soggetti. Ma vi sono preferenze – es. quelle espresse nel 1933 in Germania dalla maggioranza elettorale che mandò al potere A. Hitler - che giustamente vengono recepite come eticamente sbagliate. Ma vi sono preferenze – es. quelle espresse nel 1933 in Germania dalla maggioranza elettorale che mandò al potere A. Hitler - che giustamente vengono recepite come eticamente sbagliate.

15 Utilitarismo del benessere Massimizzare non il piacere ma il benessere. Massimizzare non il piacere ma il benessere. Ma che cosè il benessere? Ma che cosè il benessere? Il problema della definizione del bene è semplicemente spostato Il problema della definizione del bene è semplicemente spostato

16 Utilitarismi ideali, perfezionisti, eudemonistici Promozione di valori ideali quali lamicizia, la virtù ecc. Promozione di valori ideali quali lamicizia, la virtù ecc. Promozione della perfezione del soggetto agente. Promozione della perfezione del soggetto agente. Il problema è quello di fondare i valori ideali e definire in cosa consista la perfezione. Il problema è quello di fondare i valori ideali e definire in cosa consista la perfezione.

17 Utilitarismo: conta solo il risultato? Dati dei valori, la risposta adeguata consiste non nel «rispettarli», ma nel «promuoverli». Dati dei valori, la risposta adeguata consiste non nel «rispettarli», ma nel «promuoverli». Lazione giusta sarebbe quella che ha come conseguenza la promozione del valore, anche nel caso in cui lazione stessa, nella sua struttura oggettiva, contrastasse con il valore in questione. Lazione giusta sarebbe quella che ha come conseguenza la promozione del valore, anche nel caso in cui lazione stessa, nella sua struttura oggettiva, contrastasse con il valore in questione. Es. sul valore della vita umana: non si dovrebbe esitare ad uccidere un innocente qualora ciò fosse prevedibilmente utile per salvare la vita di più persone. Es. sul valore della vita umana: non si dovrebbe esitare ad uccidere un innocente qualora ciò fosse prevedibilmente utile per salvare la vita di più persone. In opposizione al deontologismo, ossia alla convinzione che vi siano delle azioni che vanno evitate sempre e in ogni circostanza. In opposizione al deontologismo, ossia alla convinzione che vi siano delle azioni che vanno evitate sempre e in ogni circostanza. Mentalità tecnicista – pragmatismo giuridico: sfugge la specificità morale. Mentalità tecnicista – pragmatismo giuridico: sfugge la specificità morale.


Scaricare ppt "Moralità e teorie etiche Bibliografia: A. VENDEMIATI, La specificità bio-etica, Rubbettino, Soveria Mannelli 2002, pp. 18-34."

Presentazioni simili


Annunci Google