La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

BLAISE PASCAL. Nasce a Clermont-Ferrand nel 1623, muore a Parigi nel 1662. Nella sua formazione ha un ruolo preponderante leducazione paterna. La famiglia.

Presentazioni simili


Presentazione sul tema: "BLAISE PASCAL. Nasce a Clermont-Ferrand nel 1623, muore a Parigi nel 1662. Nella sua formazione ha un ruolo preponderante leducazione paterna. La famiglia."— Transcript della presentazione:

1 BLAISE PASCAL

2 Nasce a Clermont-Ferrand nel 1623, muore a Parigi nel Nella sua formazione ha un ruolo preponderante leducazione paterna. La famiglia si trasferisce presto a Parigi ove entra a far parte della cerchia intellettuale del padre Morin Mersenne, divenendo intimo di matematici come Fermat e di filosofi come Gassendi. Partecipa a diverse importanti controversie scientifiche e lo stesso Mersenne gli dedica, in segno di amicizia e di stima, un proprio trattato scientifico. Data la straordinaria precocità dimostrata dal figlio nel campo della geometria, fu ammesso a partecipare, a soli dodici anni, alle discussioni dellAccademia Mersenne.

3 Nel 1640 il giovane Pascal si rivela al pubblico scientifico pubblicando un breve Essai sur les coniques, anticipazione di un più ampio Trattato, completato solo nel 1648 e che, inedito, è andato perduto. Lo scritto, salutato da Mersenne come la rivelazione di un genio, riceve la fredda accoglienza di Cartesio che, avendolo letto, lo ritiene un plagio ai danni di Desargues, il suo più diretto rivale nel campo della geometria. In effetti Pascal non nasconde il proprio debito ma vi aggiunge la chiarezza e il rigore del linguaggio e la scoperta di un teorema, oggi noto come esagramma mistico di Pascal. Ciò che separa il metodo di Pascal da quello di Cartesio è il ricorso esclusivo allintuizione, mentre questultimo introduce nella geometria il formalismo algebrico, che rappresenta il punto di forza e lelemento vincente della nuova geometria analitica.

4 La maggiore fama giunge dalla meccanica. Negli anni egli lavora alla costruzione della prima machine arithmétique (calcolatrice), mettendo a frutto la sua abilita matematica e le recenti nozioni della meccanica moderna. Linvenzione della calcolatrice - la cosiddetta pascaline - è dovuta a circostanze pratiche: con essa Blaise si propone di aiutare, nei suoi difficili calcoli, il padre, nominato dal re commissario per la riscossione della taille, unimposta fondiaria. Nellottobre del 1646, avuta notizia dellesperienza di Torricelli sul vuoto, la ripete con laiuto del padre, ottenendo le prime conferme sperimentali della pesantezza dellaria e dellinfondatezza della dottrina aristotelica dellhorror vacui secondo la quale in natura non esiste il vuoto assoluto.

5 Questi anni sono anche quelli della cosiddetta prima conversione al giansenismo. In seguito a una ferita alla gamba, Pascal deve ricorrere alle cure di due chirurghi: i fratelli Deschamps. Questi seguaci delle idee gianseniste convertono lintera famiglia Pascal alla nuova spiritualità, caratterizzata da un forte richiamo allinteriorità del sentimento religioso e alla severità dei costumi. Nel 1647, in seguito a una grave malattia, Blaise lascia Rouen e si trasferisce a Parigi, dove frequenta la buona società e la corte. Ha inizio il periodo mondano di Pascal, che, forse con eccessiva severità, la sorella giudicherà «il tempo peggio utilizzato di tutta la sua vita», durante il quale cioè appare sopito lintenso fervore religioso.

6 Una prima occasione per mettersi in luce negli ambienti scientifici e mondani della capitale gli è fornita dalla discussione intorno allesperienza di Torricelli. Verso la metà degli anni quaranta questo discepolo di Galilei aveva cercato di misurare, servendosi del tubo barometrico, la pesantezza dellaria, giungendo a confutare indirettamente uno degli assiomi più resistenti della fisica antica: la teoria dellhorror vacui. Pascal presenta come semplice ipotesi quella secondo cui gli effetti, spiegati attraverso la teoria aristotelica dellhorror vacui, siano invece da attribuirsi alla pesantezza dellaria, e viene violentemente attaccato dal gesuita padre Noel, il quale sostiene, fedele alla dottrina di Aristotele, che il vuoto assoluto non può esistere in natura e che lo spazio lasciato libero dal liquido contenuto nel tubo barometrico, una volta immerso in una bacinella di mercurio, è in realtà riempito dallaria che vi penetra dai fori del vetro.

7 Per vincere i dubbi e le obiezioni degli avversari, Pascal realizza, nel settembre 1648, la grande esperienza del colle Puy-de-Dome, facendo ripetere più volte nella stessa giornata lesperienza di Torricelli a diversi livelli di altitudine e riuscendo in tal modo a dimostrare una correlazione diretta tra la pressione atmosferica, che varia con laltitudine, e il livello del liquido contenuto nel tubo barometrico. Frutto di queste esperienze Pascal formula per la prima volta le leggi generali di una nuova branca della moderna fisica: lidrostatica.

8 Il ricorso al principio dautorità, legittimo nelle discipline storiche - «nella storia, nella geografia, nella giurisprudenza, nelle lingue e soprattutto nella teologia» -, non ha motivo dessere invocato quando si tratta di «ciò che cade sotto i sensi o sotto il ragionamento: lautorità vi è inutile; la ragione sola può conoscere». Nelle scienze «che sono sottoposte allesperienza e al raziocinio» - geometria, aritmetica, musica, fisica, medicina, architettura - dobbiamo fuggire il sentimento di riverenza verso gli antichi. La prerogativa delluomo, rispetto agli altri animali, è quella di progredire infinitamente nellesperienza e nel sapere, cosicché «lintera successione degli uomini, durante il corso di tanti secoli, deve essere considerata come uno stesso uomo che esiste da sempre e che impara di continuo». Come per Bacone, la verità è figlia del tempo non della autorità.

9 Alla polemica contro il principio di autorità sintreccia quella contro il dogmatismo metafisico. In un secolo dominato dallesprit de système, dalla tendenza cioè a dedurre da uno o più principi semplici lintero sistema della natura, Pascal è un autentico spirito positivo. Raramente si applica a questioni di teoria generale, ma ha sempre di mira le soluzioni di problemi concreti e particolari. Egli apprezza i procedimenti deduttivi e lesattezza della geometria, ma non vuole che il ragionamento deduttivo prenda il posto dei fatti e delle esperienze. Non solo, come Newton, diffida delle ipotesi metafisiche, non suffragate dallevidenza sperimentale, ma ha una consapevolezza acuta del valore e dei limiti di unipotesi scientifica. Compito di uno scienziato non è tanto di andare alla ricerca delle prove sperimentali che convalidano una teoria, quanto di esaminare in maniera spregiudicata quei fatti nuovi che sembrano confutarla. Rigetto del principio dautorità diffidenza verso le teorie generali o le ipotesi troppo esplicative valorizzazione dellesperimento, accompagnata da unestrema cautela nel trarre formulazioni ipotetiche sospetto nei riguardi dellesprit de système

10 La morte del padre, nel 1651, la decisione della sorella Jacqueline di farsi monaca a Port-Royal, e lamicizia, a partire dal 1653, con personaggi dellalta società segnano linizio del periodo più intensamente mondano della vita di Pascal. Il senso di solitudine e di vuoto, la noia e lirrequietudine per la forzata inattività scientifica sono i moventi psicologici che lo convincono ad accettare lidea di fare «quello che di solito fa il mondo, e cioè di procurarsi una carica e di ammogliarsi». Pascal prende a frequentare il celebre salotto letterario di madame de Sablé. Ma linfluenza più significativa gli deriva dallamicizia con Antoine de Méré. Da lui Blaise apprende lideale dellhonnete homme, che tanta parte avrà nelle riflessioni estetiche dei Pensieri.

11 Lhonneté è un insieme di tatto, raffinatezza, cultura, saggezza e moderazione, uno stile di vita in cui si fondono intimamente connotazioni etiche ed estetiche. La colpa più imperdonabile per un honnete homme è la pedanteria e ogni forma di specializzazione o di professione che ne limiti la libertà di espressione. La dote più essenziale è lesprit: un insieme di intuito e discrezione, che consente di discernere in ogni circostanza ciò che conviene fare, e di leggere nel cuore delle persone con cui si entra in contatto. Lhonneté si trasforma in una art du bonheur, una scienza del vivere e fare bene, che implica finezza di gusto e moderazione delle passioni, nobiltà di costumi, delicatezza del sentire e sicuro dominio di sé. Unetica laica, insomma, ispirata a un moderato razionalismo, altrettanto distante dagli estremi dello scetticismo ateo e del fanatismo religioso.

12 Allinfluenza di de Méré si deve probabilmente la distinzione tra esprit de géométrie ed esprit de finesse. Lo spirito di geometria procede per definizioni e per progresso di ragionamento. I suoi principi «sono palpabili, ma lontani dalluso comune», cosicché ci vuole un certo esercizio per afferrarli. Ma, una volta colti, essi sono così chiari che è impossibile dedurne conseguenze errate, se si fa un uso regolare e ordinato dellintelletto. Al contrario lo spirito di finezza parte da principi «così sottili e in così gran numero che è quasi impossibile che non ne scappi qualcuno». Esso non si applica alla scienza, ma a tutto ciò che si riferisce al gusto, al sentimento, alla vita morale. Quelli che giudicano in base allo spirito di finezza «pretendono di capire subito con uno sguardo di insieme, e non hanno labitudine di ricercare i principi».

13 I geometri, al contrario, «hanno labitudine di ragionare partendo da principi e non capiscono nulla delle cose del sentimento, poiché vi cercano dei principi e non li possono scorgere con un solo colpo docchio». Si tratta di due ambiti di riflessione, scienza e morale, aventi pari giustificazione e pari dignità, la cui contrapposizione però non va enfatizzata. Sono di questi anni, infatti, le sue indagini anticipatrici sul calcolo delle probabilità, testimoniate dalla corrispondenza con Fermat e dal Traité du triangle arithmétique, entrambi del I problemi alla cui soluzione si applicano Pascal e Fermat sono: la probabilità, per un giocatore di dadi, di ottenere una certa cifra in un dato numero di lanci; la divisione delle parti spettanti a ciascun giocatore, in funzione delle precedenti puntate e delle vincite, qualora il gioco debba essere interrotto.

14 La notte del 23 novembre 1654 segna una svolta decisiva nella vita di Pascal. I biografi parlano, a questo proposito, di una seconda conversione. Alla sua morte, verrà trovato – cucito nei suoi abiti – un foglio di pergamena, contenente il Memoriale di quella fatidica notte. Si tratta certamente di unintensa esperienza mistica, che gli fa gustare la «gioia del Dio nascosto» e lo spinge alla decisione di «dimenticare il mondo e ogni cosa, allinfuori di Dio». È un precipitare di una crisi spirituale in lui latente da mesi. Già nella primavera di quellanno Blaise comincia a provare disgusto per il mondo, pur senza sentire attrazione per Dio. Ha inizio allora un sottile processo psicologico che conosce, nella fatidica notte di novembre, la catarsi risolutiva.

15 Con il termine divertissement Pascal intende tutte le occupazioni particolari in cui si impegna lindividuo, allo scopo di nascondere a se stesso il minaccioso senso di vuoto e di nullità. «Gli uomini, non avendo potuto liberarsi dalla morte, dalla miseria, dallignoranza, hanno deciso, per essere felici, di non pensarci». Il pensiero della morte, dominante di ogni esperienza religiosa non banale, va a scuotere lindividuo dalla sua vita inautentica e a farlo tornare in sé: «Luomo è manifestamente fatto per pensare; in questo sta tutta la sua dignità; e tutto il suo valore e tutto il suo dovere stanno nel suo pensare come si deve. Lordine proprio del pensiero consiste nel cominciare da sé, dal proprio autore e dal proprio fine». «È più facile sopportare la morte non pensandoci, che pensare alla morte senza che si sia in pericolo». «Temere la morte in assenza del pericolo e non nel pericolo; perché bisogna essere uomini!».

16 Nel gennaio 1656 Pascal trascorre un lungo periodo di ritiro fra i solitaires del convento di Port-Royal: un gruppo di laici riunitisi attorno alle monache di quella abbazia, centro di spiritualità giansenista. Qui ha importanti colloqui con il direttore spirituale a Port-Royal, e matura la decisione di rinunciare definitivamente allidea di matrimonio e allimpegno nelle scienze. Prende piede in lui la vocazione di porre il proprio ingegno scientifico e filosofico al servizio della religione. Loccasione non si fa attendere: in due bolle successive papa Innocenzo X condanna come eretiche cinque proposizioni contenute nellAugustinus (1640) - lopera fondamentale di Giansenio, che è allorigine del movimento fondato in Francia - e la polemica antigiansenista, sostenuta con particolare vigore dai gesuiti, minaccia la sopravvivenza stessa di Port-Royal.

17 I giansenisti si difendono ammettendo leresia delle cinque proposizioni (questione di diritto), ma negando che esse rappresentino il pensiero contenuto nellAugustinus (questione di fatto). Nel gennaio 1656 lo stesso Arnauld (allora direttore di Port-Royal) viene deferito alla Sorbona, per il contenuto di alcune lettere, con cui protestava contro la decisione di un parroco di negare lassoluzione al duca di Liancourt, perché simpatizzante con i giansenisti. Arnauld viene condannato, dopo un processo irregolare e i gesuiti riescono a ottenere la seconda bolla di condanna papale, in cui le cinque proposizioni vengono censurate nel testo di Giansenio, togliendo terreno alla sottile distinzione tra questione di diritto e di fatto.

18 Tra il gennaio 1656 e il 1657 Pascal scrive, sotto lo pseudonimo di Louis de Montalte, le Provinciali: 18 lettere indirizzate «a un provinciale dai suoi amici e ai reverendi padri gesuiti», che contribuiscono in maniera determinante a spostare le simpatie di una parte della pubblica opinione a favore dei giansenisti. Le Provinciali, con una prosa chiara, piena di finezza e ironia, prendono in esame le accuse dottrinarie rivolte ai giansenisti, dimostrandone linconsistenza e la malafede degli avversari e attaccano la morale rilassata dei gesuiti (molinisti). Il lavoro apologetico di Pascal non vale ad arrestare la persecuzione antigiansenistica (le stesse Provinciali vengono condannate nel settembre 1657), ma rende popolare lardua materia teologica al centro dello scontro tra giansenisti e molinisti: peccato originale e grazia, predestinazione e libertà delluomo.

19 Gli ultimi anni della vita di Pascal sono i più drammatici; Pascal ricade seriamente ammalato e vede gravemente compromesse le proprie capacità di lavoro. La malattia ne accentua lausterità di vita e limpegno attivo a favore dei poveri. Essa contribuisce anche ad aggravare il suo pessimismo, quellaspetto della sua religiosità che ha fatto parlare di un antimondanismo di Pascal: senso drammatico delle conseguenze negative del peccato originale; radicale sfiducia nei confronti della ragione e dei valori delletica naturale; rifiuto radicale del mondo e della storia, in nome di unesclusiva e paradossale affermazione di trascendenza (la fede nel Dio nascosto e incomprensibile).

20 Nel 1661 alla malattia si aggiunge lisolamento, determinato dalla rottura con Port-Royal sulla questione del formulario: in quellanno il Parlamento di Parigi aveva reso vincolante per tutti i religiosi lobbligo di sottoscrivere un formulario, contenente le cinque proposizioni dellAugustinus condannate dalla chiesa. Arnauld e Nicole scelgono un atteggiamento di prudenza, accettando la firma del formulario. Pascal invece è dellidea che ci si debba rifiutare di firmarlo, poiché si tratta di uninammissibile intrusione dello stato in una questione di coscienza. Tra luglio e agosto si compie lepilogo della vita di Pascal, con una drammatica agonia. Dopo aver ceduto la propria abitazione a una famiglia povera e chiesto inutilmente di essere ricoverato agli Incurabili, muore il 19 agosto 1662.

21 Sino allultimo, Pascal lavora a unincompiuta Apologia del cristianesimo, di cui i celebri frammenti pubblicati postumi con il titolo di Pensées costituirebbero materiale preparatorio. Nutrito di spiritualità agostiniana e paolina, è persuaso che Dio non sia oggetto tanto di convinzione razionale, quanto piuttosto di un sentimento irrazionale: «Il cuore, e non la ragione, sente Dio. Ecco che cosè la fede: Dio sensibile al cuore e non alla ragione». A formare questa convinzione concorrono, accanto alle pessimistiche considerazioni sul peccato originale, che impedisce alla ragione di raggiungere Dio e la verità, gli esiti scettici del pensiero moderno.

22 Pascal ha derivato: - da Montaigne: il suo scetticismo, la consapevolezza circa lattuale miseria della condizione umana; - da Epitteto: la consapevolezza della dignità originaria delluomo e della sua destinazione etica finale. Daltra parte, le nuove certezze dogmatiche del meccanicismo cartesiano («Cartesio inutile e incerto») sembrano ridurre loperacreatrice di Dio a un semplice dettaglio: il Dio di Cartesio si limita a imprimere alla macchina del mondo il suo primo movimento, che prosegue indefinitamente in virtù di leggi proprie, che non richiedono più la sua assistenza.

23 In questo cielo vuoto, dove i segni della presenza divina sono assenti, la ricerca del Dio nascosto diventa un affare di cuore. Pascal afferma il valore delle prove storiche del cristianesimo che ci pongono di fronte alla religione cristiana come a un fatto: le profezie, i miracoli, lautorità delle Scritture. A chi non riesce a trovare la fede, non ancora toccato dalla grazia, Pascal propone un inedito argomento apologetico, quello della scommessa. In assenza di prove razionali decisive sullesistenza o sullinesistenza di Dio, conviene scommettere sulla sua esistenza e comportarsi come se si credesse, essendo in gioco «una infinità di vita infinitamente felice» contro la rinuncia ai vani divertimenti e piaceri mondani, che sono nulla, destinati a cessare con la morte.

24 Alcuni frammenti

25 Dio di Abramo, Dio di Isacco, Dio di Giacobbe. Non dei filosofi e degli scienziati. Certezza, certezza, sentimento, gioia, pace. Dio di Gesù Cristo. (23, novembre 1654 – frammento cucito nel vestito di B. Pascal) Non so chi mi abbia messo al mondo, né cosa sia il mondo, né cosa sia io stesso. Sono in una ignoranza spaventosa di tutto. Non so che cosa sia il mio corpo, i miei sensi, la mia anima e questa parte di me che pensa quel che dico, che medita sopra di tutto e sopra se stessa, e non conosce sé meglio del resto. Vedo quegli spaventosi spazi delluniverso, che mi rinchiudono; e mi trovo confinato in un angolo di questa immensa distesa, senza sapere perché sono collocato qui piuttosto che altrove, né perché questo po di tempo che mi è dato da vivere mi sia assegnato in questo momento piuttosto che in un altro di tutta leternità che mi ha preceduto e di tutta quella che mi seguirà. Da ogni parte vedo soltanto infiniti, che mi assorbono come un atomo e come unombre che dura un istante, e scopare poi per sempre. Tutto quel che so è che debbp presto morire; ma quel che ignoro di più è, appunto, questa stessa morte, che non posso evitare. (Pensieri, 194)

26 Ciascuno esamini i propri pensieri: li troverà sempre occupati del passato o dellavvenire. Non pensiamo quasi mai al presente, o se ci pensiamo, è solo per prendere lume al fine di predisporre lavvenire. Il presente non è mai il nostro fine; il passato e il presente sono i nostri mezzi; solo lavvenire è il nostro fine. Così, non viviamo mai, ma speriamo di vivere, e, preparandoci sempre a essere felici, è inevitabile che non siamo mai tali. (Pensieri, 172) Luomo è manifestatamente nato a pensare; qui sta tutta la sua dignità e tutto il suo pregio; e tutto il suo dovere sta nel pensare rettamente. Ora lordine del pensiero esige che si cominci da sé. (Pensieri, 146) Il cuore ha le sue ragioni, che la ragione non conosce. (Pensieri, 177) Il supremo passo della ragione sta nel riconoscere che cè uninfinità di cose che la sorpassano. (Pensieri, 272)

27 Avevo trascorso gran tempo nello studio delle scienze esatte ma la scarsa comunicazione che vi si può avere con gli uomini me ne aveva disgustato. Quando cominciai lo studio delluomo, capii che quelle scienze esatte non si addicono alluomo, e che mi sviavo di più dalla mia condizione con lapprofondire lo studio che gli altri con lignorarlo. (Pensieri, 144) Vanità delle scienze. Nei giorni di afflizione, la scienza delle cose esteriori non varrà a consolarmi dellignoranza della morale; ma la conoscenza di questa mi consolerà sempre dellignoranza del mondo esteriore. (Pensieri, 67) Bisogna conoscere sé medesimi: quandanche non servisse a trovare la verità, giova per lo meno a regolare la propria vita; e non cè nulla di più giusto. (Penseri, 66)


Scaricare ppt "BLAISE PASCAL. Nasce a Clermont-Ferrand nel 1623, muore a Parigi nel 1662. Nella sua formazione ha un ruolo preponderante leducazione paterna. La famiglia."

Presentazioni simili


Annunci Google