La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

SEMINARIO LOBBLIGO DI ISTRUZIONE: IL LAVORO DELLA RETE DELLE SCUOLE PADOVANE Padova, 23 maggio 2008 USP PADOVA.

Presentazioni simili


Presentazione sul tema: "SEMINARIO LOBBLIGO DI ISTRUZIONE: IL LAVORO DELLA RETE DELLE SCUOLE PADOVANE Padova, 23 maggio 2008 USP PADOVA."— Transcript della presentazione:

1 SEMINARIO LOBBLIGO DI ISTRUZIONE: IL LAVORO DELLA RETE DELLE SCUOLE PADOVANE Padova, 23 maggio 2008 USP PADOVA

2 L' obbligo di istruzione Padova, 23 maggio 2008 GRUPPO COMPETENZE TRASVERSALI Titolo del lavoro: Biennio dobbligo: trasversalità già dal primo anno di scuola Relatore: Marina Melato - ITI G. Marconi Docenti componenti del gruppo: Albiero Fabio CFP ENAIP Cassin Alessandra Istituto d arte P. SELVATICO Cianfanelli Anna Istituto Professionale U. RUZZA Cingano Chiara ITC A. GRAMSCI Melato Marina ITI G. MARCONI Moresco Marisa ITI G. MARCONI Zecchinato Maria Istituto d arte P. SELVATICO

3 L' obbligo di istruzione Padova, 23 maggio 2008 Competenze chiave di cittadinanza Acquisire linformazione Agire in modo (autonomo) e responsabile Collaborare e partecipare Comunicare Imparare ad imparare MODULO : Attività di accoglienza per gli studenti del 1°anno di scuola secondaria di 2° ordine

4 L' obbligo di istruzione Padova, 23 maggio 2008 Motivazione della proposta e suo valore formativo lobiettivo è quello di promuovere nello studente: la fruizione delle molteplici opportunità, nel rispetto dellaltro, dellambiente e dei beni altrui la consapevolezza di essere inserito in un sistema di regole, al quale é chiamato a partecipare in modo responsabile, da protagonista lassunzione di atteggiamenti riflessivi e critici Tutto ciò in coerenza con quanto disposto nellart. 5 bis dello Statuto delle studentesse e degli studenti (DPR 249/1998, modificato ed integrato dal DPR 235/2007), che recita Nellambito delle prime due settimane di inizio delle attività didattiche, ciascuna istituzione scolastica pone in essere le iniziative più idonee per le opportune attività di accoglienza dei nuovi studenti, per la presentazione e la condivisione dello statuto delle studentesse e degli studenti, del piano dellofferta formativa, dei regolamenti di istituto e del patto educativo di corresponsabilità.

5 L' obbligo di istruzione Padova, 23 maggio 2008 struttura del modulo accoglienza Parte A- INPUT: informativa, è la fase di ricezione attiva, da parte dellallievo, delle informazioni Parte B- di rielaborazione : formativa. Le informazioni acquisite devono essere trattate per poter essere utilizzate in modo efficace. Si tratta di promuovere, con metodologie adeguate, le capacità per: contestualizzare e strutturare generalizzare ed astrarre le informazioni riflettere formulare ipotesi, interpretare, progettare Parte C- OUTPUT : interattiva, è la fase (attiva) di comunicazione e relazione. Nella comunicazione tra due o più soggetti gli ingredienti sono due: il contenuto e la relazione. Le capacità da promuovere sono: la preparazione (determinare gli obiettivi, individuare il filo conduttore,....) la padronanza di sé (controllo del nervosismo, parlare in pubblico, fiducia in sé stessi,...) e dei mezzi espressivi laccettazione del confronto con laltro e la disponibilità allincontro luso consapevole dei filtri: lascolto selettivo, il giudizio, il pregiudizio,...

6 L' obbligo di istruzione Padova, 23 maggio 2008 Competenze del modulo 1) Acquisire e interpretare linformazione la scuola e le regole (POF,regolamenti,servizi,Statuto degli studenti,Patto di corresponsabilità,ruolo e compiti del CdI,CdC,CdD,disposizioni di sicurezza……) linsegnante, gli obiettivi disciplinari, il metodo di lavoro e la valutazione i compagni, chi sono? dove abitano? quali hobby hanno?....

7 L' obbligo di istruzione Padova, 23 maggio ) Agire in modo responsabile ed autonomo Linserimento attivo e consapevole nella vita scolastica e sociale La consapevolezza dei propri bisogni e dei propri diritti La capacità di riconoscere i diritti e i bisogni degli altri La consapevolezza di essere inserito in un sistema di regole di cui è parte attiva Limportanza delle opportunità comuni Lassunzione di atteggiamenti riflessivi e critici

8 L' obbligo di istruzione Padova, 23 maggio 2008 Repertorio di attività Accoglienza/parte A Nucleo fondante:conoscere ed interpretare le regole di convivenza attraverso gli strumenti offerti dalla scuola (POF,regolamenti…) a)Attività conoscitiva mirata alla conoscenza della nuova scuola superiore e dei suoi attori b)Attività informativa mirata alla presentazione dellOF,dellorganizzazione e della struttura della scuola

9 L' obbligo di istruzione Padova, 23 maggio 2008 PRESENTAZIONE TRA LE PARTI La scuola si presenta ( presentazione struttura scol. e sua organizzazione, OF, illustrazione obiettivi didattici e criteri generali, illustrazione servizi rivolti agli studenti e alle fam.,conoscenza diritti e doveri degli studenti,lettura commentata dei regolamenti, consegna materiale predisposto) a cura del D.S,dei Collaboratori,del doc. Responsabile Accoglienza e del Responsabile Sicurezza,del doc. coord. di classe, di alunni tutor, del Presidente CdI….) Lo studente si presenta ( attività mirate alla socializzazione: presentazione,giochi,attività di gruppo,questionari,test identificativi delle competenze in entrata). Linsegnante si presenta ( presentazione di sé,illustrazione della disciplina,degli obiettivi disciplinari,del metodo di lavoro e della valutazione)

10 L' obbligo di istruzione Padova, 23 maggio 2008 Indicatori individuati dimensione relazionale-motivazionale: curiosità, socializzazione, interazione dimensione metacognitiva: autonomia di scelta dalla dimensione metacognitiva alla dimensione cognitiva: dalla contestualizzazione alla flessibilità

11 L' obbligo di istruzione Padova, 23 maggio 2008 Verso lanalisi del modulo LIVELLO 1 Conosce le indicazioni principali dei regolamenti, le rispetta in una situazione di normalità (classe,contesto scolastico) e di controllo esterno (docente) curiosità Ascolta senza dimostrare particolare interesse socializzazione Se sollecitato, interviene in una situazione di normalità per esprimere idee, nellambito dei propri interessi. interazione E in grado di interagire in modo semplice e se sollecitato nel contesto classe esprimendo il proprio punto di vista solo nel suddetto contesto. autonomia di scelta Vive le regole come richiesta a cui adeguarsi nel contesto scolastico e sotto il controllo esterno contestualizzaz. - flessibilità Acquisisce le informazioni e applica le regole, nella loro interezza, nel contesto classe

12 L' obbligo di istruzione Padova, 23 maggio 2008 LIVELLO 2 Conosce e condivide nellinterazione con gli altri la maggior parte delle regole cogliendone anche lutilità;le applica senza controllo esterno ( del docente) curiosità Ascolta e partecipa ponendo domande socializzazione Spontaneamente interviene anche in contesti prossimi alla scuola per esprimere e confrontare idee in merito alle regole che conosce interazione E in grado di interagire con ragionevole disinvoltura esprimendo opinioni personali su principi e regole apprese cogliendone lutilità anche in contesti prossimi alla scuola. autonomia di scelta Vive le regole spontaneamente, come necessità funzionale allapprendimento contestualizz.- flessibilità Acquisisce le informazioni, applica le regole nella loro interezza in contesti prossimi alla scuola

13 L' obbligo di istruzione Padova, 23 maggio 2008 LIVELLO 3 Conosce in modo approfondito e condivide nellinterazione attiva con gli altri le regole ed i principi che le hanno ispirate; in situazioni non consuete ed extrascolastiche assume atteggiamenti di responsabilità curiosità Ascolta e partecipa ponendo molte domande pertinenti socializzazione Esprime e confronta con le opportune motivazioni allinterno del gruppo le proprie idee in merito ai principi e alle regole di civile convivenza acquisiti. Apporta idee e contributi personali alla loro piena condivisione. interazione Interagisce con scioltezza e spontaneità nel contesto scolastico ed extrascolastico nel rispetto delle regole apprese e dei principi che le hanno ispirate. Esprime e sostiene le opinioni personali con argomentazioni efficaci. autonomia di scelta Vive le regole con assunzione di responsabilità, con la consapevolezza che lo stare bene a scuola è frutto della loro condivisione e della loro attuazione da parte di ciascuno contestualiz.- flessibilità Sa trasferire allinterno del gruppo dei pari, anche in un contesto di cittadinanza,i principi e regole di civile convivenza acquisiti.

14 L' obbligo di istruzione Padova, 23 maggio 2008 Profilo formativo integrato atteso ACQUISIZIONE DELLINFORMAZIONE COMPETENZE Livello 1 Conosce le regole principali del regolamento, le rispetta in una situazione di normalità, classe-contesto scolastico e di controllo esterno (docente). Livello 2 Conosce nellinterazione con gli altri la maggior parte delle regole cogliendone anche lutilità e le applica senza il controllo esterno (del docente). Livello 3 Conosce in modo approfondito e condivide nellinterazione attiva con gli altri le regole ed i principi che le hanno ispirate; in situazioni non consuete ed extrascolastiche assume atteggiamenti di responsabilità.


Scaricare ppt "SEMINARIO LOBBLIGO DI ISTRUZIONE: IL LAVORO DELLA RETE DELLE SCUOLE PADOVANE Padova, 23 maggio 2008 USP PADOVA."

Presentazioni simili


Annunci Google