La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

In Grecia con Pericle: Allepoca di Pericle inizialmente venivano considerati cittadini solo i maschi di almeno 30 anni che possedevano terre; dal 451.

Presentazioni simili


Presentazione sul tema: "In Grecia con Pericle: Allepoca di Pericle inizialmente venivano considerati cittadini solo i maschi di almeno 30 anni che possedevano terre; dal 451."— Transcript della presentazione:

1

2 In Grecia con Pericle: Allepoca di Pericle inizialmente venivano considerati cittadini solo i maschi di almeno 30 anni che possedevano terre; dal 451 a.C. solo coloro che avevano entrambi i genitori ateniesi godevano della cittadinanza. le donne, i meteci e gli schiavi non possedevano nessun diritto. ERMA DI PERICLE. Liscrizione dice: Pericle, figlio di Santippo, Ateniese.

3 Oggi 2010: Oggi sono considerati cittadini gli uomini e le donne, con almeno un genitore italiano. anche gli stranieri possono ricevere la cittadinanza, ma solo dopo alcuni anni di residenza nel Paese e dopo aver acquisito la conoscenza della lingua e della cultura e aver trovato un lavoro.

4 A nostro avviso il fatto che uno straniero debba apprendere la lingua e la cultura del Paese in cui va a vivere è necessario affinché possa godere pienamente, consapevolmente e coscientemente dei propri diritti. Data la definizione di cittadinanza forse si può comprendere lesclusione di alcuni gruppi da questo diritto durante letà di Pericle: probabilmente le donne, i meteci e gli schiavi per i Greci non potevano comprendere pienamente i loro diritti e per questo non possedevano la cittadinanza. (Clic per avanzare)

5 In Grecia con Pericle: In principio erano principalmente gli aristocratici a occupare le cariche pubbliche perché, non dovendo lavorare la terra, avevano tempo libero per dedicarsi alla vita politica. Grazie allintroduzione di Pericle delle indennità anche i contadini poterono partecipare alla vita politica. AGORÀ di ATENE

6 Oggi 2010: Oggi le cariche pubbliche sono occupate dai rappresentanti che noi cittadini eleggiamo periodicamente. Qualunque cittadino può candidarsi per occupare una carica politica. PARLAMENTO EUROPEO DI STRASBURGO

7 La differenza maggiore tra oggi e letà di Pericle è come si può accedere a una carica pubblica: Tessera per sorteggio durante letà di Pericle si utilizzava il metodo del sorteggio, quindi tutti avevano le stesse possibilità di successo Oggi 2010: oggi invece si utilizza il metodo dell elezione, quindi chi vuole essere eletto deve candidarsi, fare delle proposte per i cittadini e guadagnare la fiducia della popolazione affinché lo voti.

8 In Grecia con Pericle: I Greci nelletà di Pericle non avevano lidea della separazione dei poteri dello stato. Ogni potere era ricondotto al popolo e alle sue mutevoli maggioranze. VITA QUOTIDIANA AD ATENE

9 Oggi 2010: Esiste la divisione dei poteri: -potere legislativo parlamento -potere esecutivo governo -potere giudiziario magistratura

10 In Grecia con Pericle: La donna non godeva di nessun diritto: non poteva votare, non poteva accedere alle cariche pubbliche, doveva obbedire al marito. Un esempio di questa inferiorità si può riscontrare anche nel fatto che non era tollerato che la donna potesse avere rapporti con più uomini, mentre l uomo poteva intrattenersi con più donne. PENELOPE

11 Nonostante si sia raggiunta luguaglianza dei diritti ancor oggi si risente dellantica inferiorità della donna: per esempio le posizioni di maggior potere e importanza sono ancora nelle mani degli uomini. Oggi 2010: La donna gode degli stessi diritti dell uomo: può votare, candidarsi ed essere eletta in cariche pubbliche. Il Cancelliere tedesco, Angela MERKEL


Scaricare ppt "In Grecia con Pericle: Allepoca di Pericle inizialmente venivano considerati cittadini solo i maschi di almeno 30 anni che possedevano terre; dal 451."

Presentazioni simili


Annunci Google