La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

MODELLAZIONE DELLA STRUTTURA Il modello della struttura su cui verrà effettuata l'analisi dovrà rappresentare in modo adeguato la distribuzione di massa.

Presentazioni simili


Presentazione sul tema: "MODELLAZIONE DELLA STRUTTURA Il modello della struttura su cui verrà effettuata l'analisi dovrà rappresentare in modo adeguato la distribuzione di massa."— Transcript della presentazione:

1 MODELLAZIONE DELLA STRUTTURA Il modello della struttura su cui verrà effettuata l'analisi dovrà rappresentare in modo adeguato la distribuzione di massa e rigidezza effettiva, considerando, laddove appropriato, il contributo di elementi non strutturali. edifici regolari in pianta modelli piani Gli edifici regolari in pianta possono essere analizzati considerando due modelli piani separati, uno per ciascuna direzione principale. In generale, il modello della struttura sarà costituito da elementi resistenti piani a telaio o a parete connessi da diaframmi orizzontali. Se i diaframmi orizzontali, tenendo conto delle aperture in essi presenti, sono sufficientemente rigidi, i gradi di libertà delledificio possono essere ridotti a tre per piano, concentrando masse e momenti di inerzia nel centro di gravità di ciascun piano.

2 Diaframmi orizzontali ruolo fondamentale dei solai: - svolgono il compito di ridistribuire le forze d'inerzia sugli elementi verticali - assicurano che gli elementi resistenti collaborino nel sopportare l'azione orizzontale per poter fare questo un solaio deve possedere adeguata resistenza e rigidezza resistenza la resistenza è necessaria per evitare danni indotti dalle forze d'inerzia nel comportamento a diaframma ad es., solai con elevate luci possono essere sollecitati da azioni flettenti e taglianti tali da produrre deformazioni anelastiche nel diaframma: questo porta a distribuzioni delle azioni impreviste in fase di progetto per accertare la resistenza del solaio, occorre verificare che sia in grado di trasmettere agli elementi verticali le forze risultanti dall'analisi amplificate del 30%

3 rigidi I solai possono essere considerati infinitamente rigidi quando non vi siano vuoti significativi e vi siano solette in c.a. ben collegate e di spessore adeguato (indicazioni specifiche nell'NTC08.) Al di fuori di tali limiti è bene accertare l'effettiva rigidezza del solaio: si può fare una valutazione su una specchiatura di solaio presa come campione, sorretta dalle strutture verticali di competenza e soggetta alle azioni sismiche; si valutano gli spostamenti laterali delle strutture verticali nel caso di modellazione del solaio come diaframma rigido e dopo si valutano modellando il solaio con elementi membrana o con bielle di rigidezza equivalente;

4 si confrontano gli spostamenti nei due casi: se non differiscono di più del 10%, il solaio può essere considerato rigido (v. es. in Petrini, Pinho, Calvi: Criteri di progettazione antisismica degli edifici, IUSS Press) Per i solai infinitamente rigidi è lecito considerare masse e momenti di inerzia concentrati nel centro di massa, riducendo i gradi di libertà a 3 per piano I solai non infinitamente rigidi devono essere modellati in maniera appropriata

5 MODELLAZIONE DELLA STRUTTURA eccentricità accidentale Non potendo conoscere con esattezza la posizione delle masse, in aggiunta alleccentricità effettiva, dovrà essere considerata uneccentricità accidentale e ai, spostando il centro di massa di ogni piano i, in ogni direzione considerata, di una distanza pari a +/- 5% della dimensione massima del piano in direzione perpendicolare allazione sismica. Gli effetti torsionali accidentali rendono generalmente necessaria l'analisi della struttura per almeno 4 carichi sismici, corrispondenti alle 4 diverse posizioni del centro di massa

6 MODELLAZIONE DELLA STRUTTURA rigidezzafessurate La rigidezza degli elementi può essere riferita a condizioni fessurate. Questo può essere giustificato, considerata la scarsa resistenza a trazione dei materiali, muratura o calcestruzzo: talvolta la fessurazione avviene anche per i carichi gravitazionali. Si può scegliere se assumere la rigidezza in condizione fessurata o non fessurata, però con coerenza per lo SLU e per lo SLD. Ammettere una rigidezza ridotta vuol dire aumentare il periodo proprio della struttura e quindi può essere più facile verificare lo SLU (per la riduzione delle accelerazioni), mentre la verifica allo SLD diventa in generale più conservativa (per l'aumento degli spostamenti).

7 Se si studia la struttura con modelli non lineari a plasticità distribuita, la fessurazione è un risultato dell'analisi, quindi non si devono introdurre rigidezze ridotte. Nello studio con modelli elastici o a plasticità concentrata, nel caso di edifici con struttura in cemento armato, e composta acciaio – calcestruzzo, la rigidezza degli elementi può essere valutata assumendo la rigidezza secante a snervamento. In caso non siano effettuate analisi specifiche, la rigidezza flessionale e a taglio di elementi in cemento armato può essere assunta sino al 50% della rigidezza dei corrispondenti elementi non fessurati, ad esempio in funzione dellinfluenza dello sforzo normale permanente. Indagini più accurate possono essere condotte facendo uso di tabelle che permettono di valutare un momento di inerzia ridotto in funzione della forma della sezione e dell'eventuale carico assiale. Indagini ancora più accurate, ma complesse, si basano su dati sperimentali.

8 METODIDI ANALISI METODI DI ANALISI analisi statica lineare analisi dinamica modale analisi statica non lineare analisi dinamica non lineare La scelta tra un metodo di analisi e l'altro dipende dalle caratteristiche e dall'importanza della struttura. Le norme definiscono "metodo normale per la definizione delle sollecitazioni di progetto" l'analisi modale associata allo spettro di risposta di progetto, applicata ad un modello tridimensionale dell'edificio. Se l'edificio rispetta i criteri di regolarità in pianta, allora si possono utilizzare due modelli piani separati. L'analisi statica lineare può essere utilizzata per edifici regolari in altezza che abbiano il primo periodo proprio di vibrazione non maggiore di 2,5 T C (stima approssimata per edifici con H<40m T 1 =C 1 H 3/4 )

9 Negli edifici nuovi, generalmente si usano analisi lineari. Nella verifica di edifici esistenti l'analisi non lineare, in particolare quella statica, diviene in molti casi necessaria per valutare in modo sufficientemente attendibile la sicurezza della struttura. PiantaAltezzaModelloAnalisi sì pianostatica lineare sìnopianodinamica modale nosìspazialestatica lineare no spazialedinamica modale RegolaritàSemplificazioni

10 Analisi lineare Lanalisi lineare può essere utilizzata per calcolare gli effetti delle azioni sismiche sia nel caso di sistemi dissipativi sia nel caso di sistemi non dissipativi. Quando si utilizza lanalisi lineare per sistemi non dissipativi, come avviene per gli stati limite di esercizio, gli effetti delle azioni sismiche sono calcolati riferendosi allo spettro di progetto ottenuto assumendo un fattore di struttura q unitario. Le verifiche delle membrature sono eseguite nei confronti della resistenza. Quando si utilizza lanalisi lineare per sistemi dissipativi, come avviene per gli stati limite ultimi, si tiene conto degli effetti del comportamento non lineare della struttura attraverso opportune scelte dei valori delle azioni ed opportune verifiche.

11 NTC 2008 NTC 2008: Per quanto riguarda le azioni, si utilizzano spettri di progetto ridotti attraverso un fattore di struttura q maggiore dellunità; le verifiche delle membrature devono essere poi condotte nei confronti sia della resistenza che della duttilità. Il valore del fattore di struttura q da utilizzare per ciascuna direzione della azione sismica, dipende dalla tipologia strutturale, dal suo grado di iperstaticità e dai criteri di progettazione adottati e prende in conto le non linearità di materiale.

12 q 0 valore massimo del fattore di struttura che dipende dal livello di duttilità attesa, dalla tipologia strutturale e dal rapporto u / 1 tra il valore dellazione sismica per il quale si verifica la formazione di un numero di cerniere plastiche tali da rendere la struttura labile e quello per il quale il primo elemento strutturale raggiunge la plasticizzazione a flessione; K R è un fattore riduttivo che dipende dalle caratteristiche di regolarità in altezza della costruzione, con valore pari ad 1 per costruzioni regolari in altezza e pari a 0,8 per costruzioni non regolari in altezza. I valori del rapporto u / 1 possono essere valutati attraverso un'analisi non lineare o possono essere desunti da valori di riferimento per le varie tipologie costruttive. A parità di tipologia costruttiva, i valori del rapporto u / 1 saranno maggiori per edifici regolari in pianta. Per la componente verticale dellazione sismica si utilizza il valore q = 1,5 per qualunque tipologia strutturale e di materiale, tranne che per i ponti per i quali è q = 1.

13 effetti del secondo ordine. Avendo ammesso che la struttura entri in campo anelastico, quindi che subisca deformazioni laterali notevoli, è necessario tenere in conto gli effetti del secondo ordine. Pcarico verticale totale della parte di struttura sovrastante lorizzontamento in esame; d r spostamento orizzontale medio dinterpiano, ovvero la differenza tra gli spostamenti orizzontali in sommità e alla base del piano considerato; V forza orizzontale totale in corrispondenza dellorizzontamento in esame; hdistanza tra lorizzontamento in esame e quello immediatamente sottostante. 0,1 gli effetti del secondo ordine possono essere trascurati; 0,1< <0,2 gli effetti delle non linearità geometriche possono essere presi in conto incrementando gli effetti dellazione sismica orizzontale di un fattore pari a 1/(1- ); >0,2 gli effetti del secondo ordine devono essere valutati in maniera rigorosa; non sono ammessi valori >0,3.

14 Analisi dinamica lineare determinazione dei modi di vibrare della costruzione (analisi modale) calcolo degli effetti dellazione sismica, rappresentata dallo spettro di risposta di progetto, per ciascuno dei modi di vibrare individuati combinazione di questi effetti. Per ottenere risultati sufficientemente approssimati, si devono considerare tutti i modi con massa partecipante superiore al 5%, e comunque un numero di modi la cui massa partecipante totale sia superiore all85%.

15 NTC 2008 combinazione quadratica completa (CQC) degli effetti relativi a ciascun modo: con: E i, E j valori degli effetti relativi ai modi i, j, rispettivamente; ij coefficiente di correlazione tra il modo i e il modo j: smorzamento viscoso dei modi i e j; rapporto tra linverso dei periodi di ciascuna coppia i-j di modi. Relativamente ai termini misti nella formula di combinazione degli effetti, si nota che, se T i e T j sono abbastanza diversi, ij risulta piuttosto piccolo, ed il relativo contributo trascurabile; l'espressione risultante tende a coincidere con quella della combinazione SRSS.

16 Valutazione degli spostamenti La valutazione degli spostamenti assume particolare importanza nell'ottica della stima dei danni corrispondenti ad eventi con probabilità di accadimento più elevata rispetto al terremoto di progetto. Quando l'analisi di strutture dissipative è effettuata in campo lineare, gli spostamenti d E della struttura sotto lazione sismica di progetto allo SLV si ottengono moltiplicando per il fattore d i valori d Ee ottenuti dallanalisi lineare: in cui: se T 1 T C se T 1

17 Modellazione delle azioni In generale le strutture devono essere studiate con analisi tridimensionali in cui la struttura è descritta tramite un modello spaziale e l'azione sismica di progetto è composta da due componenti orizzontali e da una componente verticale agenti simultaneamente. Le componenti orizzontali dovrebbero essere applicate nelle due direzioni orizzontali rilevanti, con riferimento alla disposizione degli elementi strutturali. Di solito gli elementi resistenti sono disposti secondo due direzioni ortogonali, perciò queste sono le direzioni rilevanti o principali. Per gli edifici regolari in pianta è possibile studiare due modelli piani separati, uno per ciascuna direzione principale, in quanto l'azione in una direzione non ha effetto sugli elementi strutturali disposti secondo l'altra direzione.

18 Le componenti verticali dei sismi hanno un contenuto in frequenza a banda stretta; lo spettro di risposta presenta una zona di amplificazione dell'accelerazione molto limitata: molte strutture non sono interessate in modo significativo dall'azione verticale. componente verticale La componente verticale deve essere considerata obbligatoriamente nei seguenti casi: presenza di elementi pressoché orizzontali di luce superiore ai 20 m elementi principali precompressi elementi a mensola strutture di tipo spingente pilastri in falso edifici con piani sospesi E' possibile limitare l'analisi per la componente verticale a modelli parziali comprendenti i soli elementi sensibili.

19 Combinazione delle componenti dell'azione sismica analisi dinamica non lineare con modello tridimensionale: si applicano contemporaneamente gli accelerogrammi nelle due direzioni principali; i risultati tengono conto dell'interazione fra le componenti del sisma, quindi non c'è bisogno di procedere alla combinazione delle componenti delle sollecitazioni analisi bidimensionale, sia modale che statica: l'azione del sisma in una delle direzioni principali non produce effetti nella direzione ortogonale (perciò è lecito effettuare l'analisi bidimensionale), quindi non c'è bisogno di procedere alla combinazione in termini di componenti analisi tridimensionali lineari, sia statiche che modali, che calcolano gli effetti applicando separatamente le componenti e fornendo i valori massimi degli effetti per ciascuna delle due direzioni (analisi con spettro di risposta). In questi casi occorre combinare gli effetti. Però i valori massimi non si verificano contemporaneamente, quindi sommarli semplicemente porterebbe a risultati troppo conservativi.

20 Modalità di combinazione componenti orizzontali: E=E Ex +0.3E Ey E=E Ey +0.3 E Ex E = effetto massimo del sisma (momento, sforzo normale, ecc) E Ex, E Ey = effetto massimo dell'azione applicata in direzione x, y componente verticale: la combinazione si effettua per le strutture sensibili alle azioni verticali, quando l'azione orizzontale produce effetti superiori al 30% di quelli dovuti alle azioni verticali E=E Ex +0.3E Ey +0.3E Ez E=0.3E Ex +E Ey +0.3E Ez E=0.3E Ex +0.3E Ey +E Ez

21 Criteri di verifica agli stati limite ultimi Le verifiche nei confronti degli stati limite ultimi degli elementi strutturali, degli elementi non strutturali e degli impianti devono essere effettuate in termini di resistenza e di duttilità. verifiche di resistenza Per le verifiche di resistenza, si procede come in condizioni non sismiche, verificando che per tutti gli elementi, strutturali e non, inclusi nodi e connessioni tra elementi, il valore di progetto di ogni sollecitazione, calcolato in generale comprendendo gli effetti delle non linearità geometriche e le regole di gerarchia delle resistenze, sia minore della resistenza di progetto. duttilità In relazione alla duttilità e alla capacità di deformazione, deve essere verificato che i singoli elementi strutturali e la struttura nel suo insieme possiedano una duttilità coerente con il fattore di struttura q adottato. Questa condizione si ritiene soddisfatta quando nella progettazione si sono applicate le regole di progetto e di gerarchia delle resistenze specifiche per le diverse tipologie costruttive.

22 Criteri di verifica agli stati limite di esercizio Le verifiche nei confronti degli stati limite di esercizio degli elementi strutturali, degli elementi non strutturali e degli impianti si effettuano rispettivamente in termini di resistenza, di contenimento del danno e di mantenimento della funzionalità. Verifiche in termini di resistenza Al fine di limitare i danneggiamenti strutturali, per tutti gli elementi strutturali, deve essere verificato che il valore di progetto di ciascuna sollecitazione, calcolato in presenza delle azioni sismiche corrispondenti allo SLD ed attribuendo ad il valore di 2/3, sia inferiore al corrispondente valore della resistenza di progetto (R d ), calcolato secondo le regole specifiche indicate per ciascun tipo strutturale con riferimento alle situazioni eccezionali. Nelle NTC2008 queste verifiche sono richieste solo per le costruzioni di classe d'uso III e IV.

23 Verifiche di contenimento del danno agli elementi non strutturali Sotto una azione sismica con probabilità di accadimento elevata nella vita utile della struttura, si richiede che nella struttura non si verifichino spostamenti tali da renderla temporaneamente inagibile. Nelle normative, si indicano delle limitazioni dello spostamento di interpiano in relazione all'altezza dell'interpiano stesso, limiti che variano a seconda della tipologia strutturale e dei tamponamenti. Gli spostamenti di interpiano sono ottenuti dallanalisi in presenza dellazione sismica di progetto relativa allo SLD. Per le costruzioni ricadenti in classe duso III e IV si deve verificare che lazione sismica di progetto non produca danni agli elementi costruttivi senza funzione strutturale tali da rendere temporaneamente non operativa la costruzione.

24 Elementi non strutturali e impianti Tutti gli elementi costruttivi non aventi funzione strutturale, il cui danneggiamento può provocare danni a persone, devono essere verificati per l'azione sismica, insieme alle connessioni alla struttura. La verifica è condotta applicando al baricentro dell'elemento, nella direzione più sfavorevole, una forza pari a: W a è il peso dellelemento q a è il fattore di struttura dellelemento, da considerare pari a: 1 per elementi aggettanti a mensola (quali ad esempio camini e parapetti collegati alla struttura solamente alla base) 2 negli altri casi (ad esempio per pannelli di tamponamento e controsoffitti)

25 S a è il coefficiente sismico da applicare agli elementi non strutturali: Sa g è laccelerazione di progetto al livello della fondazione Z è laltezza del baricentro dellelemento rispetto alla fondazione H è laltezza della struttura g è laccelerazione di gravità T a è il primo periodo di vibrazione dellelemento non strutturale nella direzione considerata, valutato anche in modo approssimato T 1 è il primo periodo di vibrazione della struttura nella direzione considerata Il coefficiente S a tiene conto dell'amplificazione in funzione dell'altezza dell'elemento dal piano di fondazione (1+Z/H) e degli effetti di risonanza che si verificano quando elemento e struttura hanno periodi fondamentali simili

26 Per le strutture con isolamento sismico si assumerà sempre Z=0. Gli effetti dei tamponamenti sulla risposta sismica vanno considerati nei modi e nei limiti descritti per ciascun tipo costruttivo. Nelle NTC08 si danno alcune indicazioni sulla progettazione degli impianti; valgono per l'impiantistica di edifici standard e non impianti complessi. Si tratta solo di alcune indicazioni, ma importanti per far capire che anche agli impianti ed in generale agli arredi si deve prestare attenzione, per le conseguenze, sia di sicurezza che economiche, che il loro danneggiamento in fase di sisma può comportare.


Scaricare ppt "MODELLAZIONE DELLA STRUTTURA Il modello della struttura su cui verrà effettuata l'analisi dovrà rappresentare in modo adeguato la distribuzione di massa."

Presentazioni simili


Annunci Google