La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

SISTEMI ELASTICI A TELAIO I POTESI DI BASE DELLA MODELLAZIONE masse concentrate in un numero finito di punti strutture con un numero finito di gradi di.

Presentazioni simili


Presentazione sul tema: "SISTEMI ELASTICI A TELAIO I POTESI DI BASE DELLA MODELLAZIONE masse concentrate in un numero finito di punti strutture con un numero finito di gradi di."— Transcript della presentazione:

1 SISTEMI ELASTICI A TELAIO I POTESI DI BASE DELLA MODELLAZIONE masse concentrate in un numero finito di punti strutture con un numero finito di gradi di libertà spesso, almeno nei sistemi elastici, la deformazione assiale delle aste è trascurabile, rispetto a quella flessionale nella ipotesi di piccoli spostamenti e di comportamento lineare elastico del materiale, vale il principio di sovrapposizione degli effetti; pertanto, lo stato di deformazione del telaio conseguente ai carichi applicati può essere considerato come somma di una deformazione locale delle varie aste considerate perfettamente incastrate e di una deformazione nodale, costituita da traslazioni e rotazioni dei nodi.

2 esempio: la deformazione totale può essere vista come somma della deformazione locale (schema a) e delle deformazioni legate alle rotazioni dei nodi (schemi b e c) e alla traslazione del piano (schema d).

3 SISTEMI ELASTICI A TELAIO La deformazione locale è facilmente determinabile in quanto ogni asta è perfettamente incastrata; così come le deformazioni legate a rotazioni e spostamenti unitari; lo studio del sistema consiste perciò nella determinazione dello stato di deformazione nodale, cioè delle rotazioni e spostamenti nodali, che risultano quindi le effettive incognite del problema. Nelle ipotesi di cui sopra (masse concentrate a livello dei nodi, deformazione assiale trascurabile) un modello rappresentativo di telaio è, ad esempio, un modello in cui le coordinate incognite sono le 9 rotazioni dei nodi e i 3 spostamenti di piano.

4 Talvolta, nei telai è accettabile anche lipotesi di traversi infinitamente rigidi rispetto ai pilastri. In tal caso il modello si semplifica ulteriormente essendo i nodi impediti di ruotare: le coordinate incognite si riducono, nel caso dellesempio, ai 3 spostamenti dei piani. Lanalisi dinamica di un modello siffatto viene condotta secondo le linee generali per le strutture ad n gradi di libertà. Il sistema di equazioni differenziali assume la forma:

5 In generale lo smorzamento ha valori piuttosto piccoli, per cui se ne tiene conto in maniera approssimata. Per quanto riguarda i termini di rigidezza, questi possono essere valutati utilizzando direttamente la definizione di rigidezza, cioè come rapporto fra il vettore forza nodale e la deformazione nodale che tale forza induce. La matrice di rigidezza risulta quindi:

6 Tale matrice può essere scritta anche nella forma: In generale, per un telaio ad n piani, nel sistema di equazioni differenziali: si ha:vettore degli spostamenti dei piani

7 matrice delle masse matrice di smorzamento matrice di rigidezza

8 ANALISI SISMICA Infine, nel caso di analisi sismica della struttura a telaio piano, nel sistema: si ha: Lanalisi modale conduce alla scrittura di n equazioni disaccoppiate del tipo: in cui:

9 La soluzione di tali equazioni permette di determinare le forze elastiche relative a ciascun piano: in cui: f p,i (t) può essere visto come il contributo fornito da ciascun modo alla forza di piano. Attraverso i metodi statici, per ciascun istante t, si può poi valutare qualsiasi forza risultante. Per esempio, il taglio alla base in un generico telaio ad N piani (numero dei gradi di libertà n = numero dei piani N) è dato dalla somma delle forze ai piani, cioè:

10 Poiché per questo caso si ha, risulta: e la precedente può essere scritta: La quantità ha le dimensioni di una massa e viene chiamata massa modale efficace relativa al modo i-esimo, perché può essere interpretata come la quota parte della massa totale che risponde al terremoto secondo il modo i-esimo, (questa interpretazione è valida a rigore solo per strutture con masse concentrate lungo un asse verticale). Quindi il contributo di ciascun modo al taglio alla base può essere visto come la reazione della massa modale efficace alla accelerazione modale efficace del terreno.

11 Per semplificare l'analisi della risposta al terremoto, può essere lecito tenere conto solo dei primi Z modi di vibrare (Z

12 Infatti, per tali strutture la massa totale è data da: Considerato che un qualunque vettore di spostamenti di un sistema può essere espresso come somma degli autovettori moltiplicati ciascuno per una certa ampiezza, anche uno spostamento unitario può essere espresso come somma di componenti modali; ovvero, il vettore unitario può essere scritto in termini di coordinate modali: (*) (**) Per determinare le ampiezze modali n che soddisfano la (**), si premoltiplicano entrambi i membri della (**) per :

13 ma: e per le condizioni di ortogonalità: Sostituendo, si ha: Sostituendo quest'ultima nelle equaz. (**) e (*): Perciò si può scrivere: Utilizzando tale espressione, si può quindi valutare la quota del taglio totale che si prende in conto quando si limiti lanalisi ai primi Z modi di vibrare.

14 ANALISI MODALE CON SPETTRO DI RISPOSTA Per lesempio considerato, lanalisi modale con spettro di risposta porta ai seguenti risultati. in termini di coordinate generalizzate: in termini di accelerazioni: in termini di forze di piano: in termini di taglio alla base:

15 ANALISI STATICA LINEARE In condizioni molto particolari, l'analisi sismica di una struttura intelaiata può essere condotta senza effettuare l'analisi dinamica, ma semplicemente effettuando una analisi statica con forze orizzontali applicate ai piani. Supponiamo di considerare solo la prima forma modale e che questa sia lineare con l'altezza (ciò è abbastanza ben approssimato per edifici a telai molto regolari in pianta ed in altezza); allora:

16 Le forze di piano valgono:

17 ANALISI STATICA SECONDO LA NORMATIVA In particolari condizioni, l'analisi sismica può essere condotta per via statica applicando ad ogni piano dell'edificio forze orizzontali valutate attraverso le seguenti formule: F i è la forza da applicare al piano i-esimo W i e W j sono i pesi delle masse ai piani i e j rispettivamente z i e z j sono le altezze dei piani i e j rispetto alle fondazioni S d (T 1 ) è l'ordinata dello spettro di progetto T 1 può essere valutato in modo approssimato W è il peso complessivo della costruzione è un coefficiente che tiene conto del numero dei piani e del periodo proprio

18 In definitiva, tali espressioni risultano simili alle espressioni trovate e, rispetto a queste ultime, forniscono valori più elevati per le forze di piano: L'analisi statica costituisce uno strumento molto efficace per effettuare un predimensionamento della struttura e per il controllo dei risultati forniti dall'analisi eseguita con i codici di calcolo. La struttura tridimensionale può essere scomposta in telai piani. Per ciascun telaio piano viene effettuata l'analisi dei carichi verticali secondo il criterio delle zone di competenza. In base ai pesi di piano calcolati, si valutano le forze sismiche di piano. La somma delle forze di piano fornisce il taglio totale alla base. Con procedimenti approssimati, si possono stimare le sollecitazioni sforzo normale, taglio e momento flettente negli elementi strutturali (travi e pilastri) e le forze trasmesse alle fondazioni.

19 Metodi approssimati per carichi verticali Per i carichi verticali, i telai possono essere considerati a nodi fissi. Ogni trave può essere analizzata come trave continua, incastrata o semi- incastrata ai pilastri di riva e appoggiata a quelli interni. I pilastri, salvo quelli di riva, possono essere considerati soggetti solo a sforzo normale. PREDIMENSIONAMENTO DELLE STRUTTURE

20 Metodi approssimati per azioni orizzontali Si valutano le forze di piano secondo l'analisi statica; la ripartizione fra i telai può essere fatta secondo le aree di competenza. Si può pensare che le travi abbiano rigidezza molto maggiore rispetto alla rigidezza laterale dei pilastri. Perciò le travi rimangono rettilinee e la deformata del telaio è del tipo taglio. Per ciascun telaio si valuta il taglio a ciascun piano.

21 Il taglio a ciascun piano si ripartisce fra i pilastri proporzionalmente alle rigidezze flessionali. Il diagramma del momento flettente su ciascun pilastro sarà antisimmetrico perché la deformata è antisimmetrica. Sempre in via approssimata, si possono calcolare i tagli alle basi dei pilastri, utili per verificare l'output del calcolo automatico.


Scaricare ppt "SISTEMI ELASTICI A TELAIO I POTESI DI BASE DELLA MODELLAZIONE masse concentrate in un numero finito di punti strutture con un numero finito di gradi di."

Presentazioni simili


Annunci Google