La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

Come cambiano gli Istituti tecnici Dirigente Scolastico Prof.ssa Flavia De Vincenzi a.s. 2009/2010 - Roma, 2 dicembre 2009 I.I.S. Leopoldo Pirelli ISTITUTO.

Presentazioni simili


Presentazione sul tema: "Come cambiano gli Istituti tecnici Dirigente Scolastico Prof.ssa Flavia De Vincenzi a.s. 2009/2010 - Roma, 2 dicembre 2009 I.I.S. Leopoldo Pirelli ISTITUTO."— Transcript della presentazione:

1 Come cambiano gli Istituti tecnici Dirigente Scolastico Prof.ssa Flavia De Vincenzi a.s. 2009/ Roma, 2 dicembre 2009 I.I.S. Leopoldo Pirelli ISTITUTO ISTRUZIONE SUPERIORE Leopoldo Pirelli

2 IDENTITA DEGLI ISTITUTI TECNICI Solida base culturale a carattere scientifico e tecnologico costruita attraverso lo studio, lapprofondimento di linguaggi e metodologie Istruzione correlata alla innovazione e allo sviluppo delle tecnologie

3 ARTICOLAZIONE DEGLI ISTITUTI TECNICI a)AMMINISTRAZIONE, FINANZA, MARKETING b)TURISMO SETTORE ECONOMICO CON INDIRIZZI a.s. 2009/ Roma, 2 dicembre 2009 I.I.S. Leopoldo Pirelli

4 ARTICOLAZIONE DEGLI ISTITUTI TECNICI a)MECCANICA, MECCATRONICA ed ENERGIA b)TRASPORTI e LOGISTICA c)ELETTRONICA ed ELETTROTECNICA d)INFORMATICA e TELECOMUNICAZIONI e)GRAFICA E COMUNICAZIONI f)CHIMICA, MATERIALI e BIOTECNOLOGIE g)TESSILE, ABBIGLIAMENTO e MODA h)AGRARIA e AGROINDUSTRIA i)COSTRUZIONI, AMBIENTE e TERRITORIO SETTORE TECNOLOGICO

5 I PERCORSI DEGLI ISTITUTI TECNICI Apprendimenti declinati in COMPETENZE, ABILITA e CONOSCENZE, in relazione alle raccomandazioni del Parlamento Europeo sulla costituzione del Quadro Europeo delle qualifiche per lapprendimento permanente (EQF) a.s. 2009/ Roma, 2 dicembre 2009 I.I.S. Leopoldo Pirelli

6 IDENTITA DEGLI ISTITUTI TECNICI art.2 Regolamento Solida base culturale a carattere scientifico e tecnologico costruita attraverso lo studio, lapprofondimento di linguaggi e metodologie Istruzione correlata alla innovazione e allo sviluppo delle tecnologie Limitato numero di ampi indirizzi correlati a settori fondamentali per lo sviluppo economico e produttivo del Paese Acquisizione di tecniche,saperi e competenze relativi allesercizio di professioni, inserimento nel mondo del lavoro, accesso alluniversità e allistruzione e formazione tecnica superiore. Collaborazione con le strutture formative accreditate dalle Regioni nei Poli tecnico professionali

7 ORGANIZZAZIONE DEGLI ISTITUTI TECNICI art.5 Regolamento ORARIO ANNUALE DI 1056 ORE (32 SETTIMANALI) COMPRENDENTE LA QUOTA RISERVATA ALLE REGIONI E LA RELIGIONE CATTOLICA AREA DI ISTRUZIONE GENERALE, COMUNE A TUTTI I PERCORSI E DUE AREE DI INDIRIZZO COMPRESE IN CIASCUNO DEI DUE SETTORI a.s. 2009/ Roma, 2 dicembre 2009 I.I.S. Leopoldo Pirelli

8 ORGANIZZAZIONE DEGLI ISTITUTI TECNICI art.5 Regolamento I percorsi hanno la seguente struttura: a) un primo biennio articolato, per ciascun anno, in 660 ore di attività e insegnamenti di istruzione generale e in 396 ore di attività e insegnamenti obbligatori di indirizzo, ai fini dellassolvimento dellobbligo di istruzione e dellacquisizione dei saperi e delle competenze di indirizzo in funzione orientativa, anche per favorire la reversibilità delle scelte degli studenti; b) un secondo biennio articolato per ciascun anno, in 495 ore di attività e insegnamenti di istruzione generale e in 561 ore di attività e insegnamenti obbligatori di indirizzo; c) un quinto anno articolato in 495 ore di attività e insegnamenti di istruzione generale e in 561 ore di attività e insegnamenti obbligatori di indirizzo. a.s. 2009/ Roma, 2 dicembre 2009 I.I.S. Leopoldo Pirelli

9 ORGANIZZAZIONE DEGLI ISTITUTI TECNICI art.5 Regolamento Il secondo biennio e il quinto anno costituiscono articolazioni, allinterno di un complessivo triennio nel quale, oltre allarea di istruzione generale comune a tutti i percorsi, i contenuti scientifici, economico-giuridici e tecnici delle aree di indirizzo vengono approfonditi per assumere progressivamente connotazioni specifiche che consentono agli studenti di raggiungere, nel quinto anno, una adeguata competenza professionale di settore, idonea anche per la prosecuzione degli studi a livello di istruzione e formazione superiore con particolare riferimento allesercizio delle professioni tecniche. a.s. 2009/ Roma, 2 dicembre 2009 I.I.S. Leopoldo Pirelli

10 ORGANIZZAZIONE DEGLI ISTITUTI TECNICI art.5 Regolamento I percorsi si realizzano attraverso metodologie finalizzate a sviluppare competenze basate sulla didattica in laboratorio, lanalisi e la soluzione dei problemi, il lavoro per progetti; I percorsi sono orientati alla gestione di processi in contesti organizzati e alluso di modelli e linguaggi specifici; sono strutturati in modo da favorire un collegamento organico con il mondo del lavoro e delle professioni, ivi compresi il volontariato ed il privato sociale. Stage, tirocini e alternanza scuola lavoro sono strumenti didattici per la realizzazione dei percorsi di studio. a.s. 2009/ Roma, 2 dicembre 2009 I.I.S. Leopoldo Pirelli

11 ORGANIZZAZIONE DEGLI ISTITUTI TECNICI art.5 Regolamento I percorsi utilizzano i seguenti spazi di flessibilità, intesi come possibilità di articolare in opzioni le aree di indirizzo per corrispondere alle esigenze del territorio e ai fabbisogni formativi espressi dal mondo del lavoro e della professioni, con riferimento allorario annuale delle lezioni: entro il 30% nel secondo biennio e il 35% nellultimo anno; a.s. 2009/ Roma, 2 dicembre 2009 I.I.S. Leopoldo Pirelli

12 Valutazione e titoli finali art.6 Regolamento I percorsi degli istituti tecnici si concludono con un esame di Stato, Le prove per la valutazione periodica e finale e per gli esami di Stato sono definite in modo da accertare, in particolare, la capacità dello studente di utilizzare i saperi e le competenze acquisiti nel corso degli studi anche in contesti applicativi. A tal fine, con riferimento a specifiche competenze relative alle aree di indirizzo, le commissioni di esame si possono avvalere di esperti del mondo economico e produttivo con documentata esperienza nel settore di riferimento. Al superamento dellesame di Stato conclusivo dei percorsi degli istituti tecnici viene rilasciato il diploma di perito, indicante lindirizzo seguito dallo studente e le competenze acquisite, anche con riferimento alle eventuali opzioni scelte. Il predetto diploma costituisce titolo necessario per laccesso alluniversità ed agli istituti di alta formazione artistica, musicale e coreutica, agli istituti tecnici superiori e ai percorsi di istruzione e formazione tecnica superiore a.s. 2009/ Roma, 2 dicembre 2009 I.I.S. Leopoldo Pirelli

13 Monitoraggio, valutazione di sitema e aggiornamento dei percorsi –Art.7 I percorsi degli istituti tecnici sono oggetto di costante monitoraggio, anche ai fini della loro innovazione permanente. A tal fine, il Ministro dellistruzione delluniversità e della ricerca si avvale di un apposito Comitato nazionale per listruzione tecnica e professionale, costituito con proprio decreto, del quale fanno parte dirigenti e docenti della scuola, esperti del mondo del lavoro e delle professioni, delluniversità e della ricerca nonché esperti indicati dalla Conferenza dei Presidenti delle Regioni e dallUnione Province dItalia, dal Ministero del lavoro, della salute e delle politiche sociali, dal Ministero dello sviluppo economico e dal Ministero della gioventù. Il Comitato si articola in commissioni di settore e si avvale anche dellassistenza tecnica dellAgenzia Nazionale per lo sviluppo dellautonomia Scolastica (A.N.S.A.S.), dellIstituto per lo Sviluppo della Formazione Professionale dei Lavoratori (ISFOL), di Italia Lavoro e dellIstituto per la Promozione Industriale (IPI). a.s. 2009/ Roma, 2 dicembre 2009 I.I.S. Leopoldo Pirelli

14 Passaggio al nuovo ordinamento Gli attuali istituti tecnici di ogni tipo e indirizzo confluiscono, a partire dallanno scolastico Il passaggio al nuovo ordinamento è accompagnato da misure nazionali di sistema idonee a sostenere laggiornamento dei dirigenti, dei docenti e del personale amministrativo, tecnico e ausiliario degli istituti tecnici e a informare i giovani e le loro famiglie in relazione alle scelte degli studi per lanno scolastico a.s. 2009/ Roma, 2 dicembre 2009 I.I.S. Leopoldo Pirelli

15 LABORATORI 1.DALLA DOTAZIONE DI LABORATORIO ALLIDEA DELLA SCUOLA STESSA COME LABORATORIO 2.ISTITUTI TECNICI E PROFESSIONALI COME LABORATORI DEL SAPERE SCIENTIFICO E TECNOLOGICO 3.RAFFORZARE LA PRATICA SPERIMENTALE, I PERCORSI LABORATORIALI E LA REALIZZAZIONE DI PERCORSI INTEGRATI TRA LE VARIE DISCIPLINE 4.TEORIA DEL RAGIONAMENTO BASATA SUL CLIMA DI LABORATORIO a.s. 2009/ Roma, 2 dicembre 2009 I.I.S. Leopoldo Pirelli

16 DIDATTICA DI LABORATORIO Presentare compiti e problemi autentici, situazioni significative della complessità reale, Esperienze di lavoro introdotte anche nel primo biennio attraverso: 1. Attività di laboratorio a scuola 2. Visite brevi in contesti aziendali 3. Aree di progetto realizzate nella realtà classe con lutilizzo di collaborazioni esterne del mondo aziendale 4. Stage osservativi ( nella fase più avanzata stage in azienda, lavoro simulato, impresa formativa simulata) a.s. 2009/ Roma, 2 dicembre 2009 I.I.S. Leopoldo Pirelli

17 DIDATTICA DI LABORATORIO. Fondare lazione didattica sulle tecniche di: 1. Apprendimento cooperativo ( per il miglioramento delle competenze sociali e della responsabilità del singolo e del gruppo ) 2. Apprendimento partecipativo (capacità di elaborare processi finalizzati alla presa di decisioni, allascolto empatico e al rispetto per gli altri) 3. Apprendimento esperenziale ( potenzia- mento della curiosità e della voglia di sperimentare) a.s. 2009/ Roma, 2 dicembre 2009 I.I.S. Leopoldo Pirelli

18 DIDATTICA DI LABORATORIO Dalle esperienze attivate dovranno derivare : Standard formativi effettivamente osservabili e misurabili Strategie e modelli di intervento ( dalla programmazione alla conduzione delle esperienze) che tengano conto della variabile ALUNNO a.s. 2009/ Roma, 2 dicembre 2009 I.I.S. Leopoldo Pirelli

19 a)INSERIMENTO DI UNA DISCIPLINA TECNICA IN QUINTA CLASSE DA INSEGNARE IN LINGUA INGLESE b)BIENNIO COMUNE c)MONITORAGGIO, VALUTAZIONE E AUTOVALUTAZIONE DEGLI ISTITUTI. VALUTAZIONE PERIODICA E FINALE DEGLI APPRENDIMENTI d)RACCORDO TRA ISTITUTI TECNICI, PROFESSIONALI, UNIVERSITA E IMPRESE PER IL RILANCIO DEL MADE IN ITALY IDENTITA DEGLI ISTITUTI TECNICI

20 e)RIDOTTO NUMERO DELLE MATERIE E DEGLI INDIRIZZI COMPORTERA UN MIGLIOR ORIENTAMENTO DELLO SUDENTE f)CONTINUITA EDUCATIVA g)CENTRALITA DELLAPPRENDIMENTO h)REALIZZAZIONE COMPLETA DELLA SCUOLA DELLAUTONOMIA i)VALORIZZAZIONE DELLA FUNZIONE DOCENTE IDENTITA DEGLI ISTITUTI TECNICI

21 PARTE DALLINTERNO DELLA SCUOLA, HA RADICI NELLA PROGETTAZIONE DEI CURRICULI, SI ATTUA IN UNA NUOVA CULTURA DELLA PROFESSIONE DOCENTE LA MIGLIORE RIFORMA ….

22


Scaricare ppt "Come cambiano gli Istituti tecnici Dirigente Scolastico Prof.ssa Flavia De Vincenzi a.s. 2009/2010 - Roma, 2 dicembre 2009 I.I.S. Leopoldo Pirelli ISTITUTO."

Presentazioni simili


Annunci Google