La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

Linee guida del secondo biennio e del quinto anno negli Istituti Tecnici Lo sviluppo della nuova offerta formativa A cura di Prof.ssa Francesca Neiviller.

Presentazioni simili


Presentazione sul tema: "Linee guida del secondo biennio e del quinto anno negli Istituti Tecnici Lo sviluppo della nuova offerta formativa A cura di Prof.ssa Francesca Neiviller."— Transcript della presentazione:

1 Linee guida del secondo biennio e del quinto anno negli Istituti Tecnici Lo sviluppo della nuova offerta formativa A cura di Prof.ssa Francesca Neiviller

2 Il nuovo ordinamento si basa sulle seguenti norme di legge nazionali ed europee: Legge n.53/2003 metodologie didattiche attive e sullo sviluppo di organici collegamenti con il mondo del lavoro compresi il volontariato ed il privato sociale e decreto legislativo n77/2005 stage e tirocini. Decreto ministeriale del Presidente della Repubblica n° 88/2010 art. 18 comma 2 lettera d. rende operativo il sistema delle opzioni e precisa i presupposti per lindividuazione di questi percorsi. ( art.5) stretto collegamento tra esigenze del territorio e e fabbisogni formativi. Quota di flessibilità 30% 35%. Art. 8, c.2 lett. b del d. P.R n.88 CLIL insegnamento di una disciplina non linguistica in inglese DGPR del 9 dicembre 2010 formazione dei docenti.

3 Rapporto OCSE 2010: i giovani italiani incontrano il lavoro in età troppo avanzata rispetto ai coetanei di altri paesi e con conoscenze poco spendibili, assenza di un vero contatto con il mondo del lavoro. Europa 2020: invita gli stati membri a sviluppare i partenariati tra il settore istruzione/formazione e il mondo del lavoro, in particolare associando le parti sociali alla pianificazione dellistruzione e della formazione, per fare in modo che le competenze necessarie per il proseguimento della formazione e lingresso nel mercato del lavoro siano acquisite e riconosciute in tutti i sistemi di insegnamento generale, professionale, superiore e per adulti, compreso lapprendimento non formale ed informale. In secondo luogo lUnione auspica lo sviluppo dei servizi dorientamento che dovrebbero svolgere un ruolo di collegamento tra i bisogni della persona e quelli della società, del mondo del lavoro e delle professioni, nella prospettiva dellapprendimento permanente. EQF European Qualification Framework. EQAVET 2009 European quality Assurance Reference Framework for Vocational Education and Training.

4 Limpianto del nuovo ordinamento persegue i seguenti obiettivi: Integrare le culture umanistica, scientifica e tecnologica Costituire partenariati tra listruzione e la formazione Costituire reti

5 La formazione tecnica rappresenta il punto di snodo tra il sistema produttivo con il mondo del lavoro e delle nuove professioni.

6 Come si realizza? La scuola sul piano organizzativo deve: Introdurre dipartimenti interdisciplinari e multidisciplinari Sul piano didattico: Adottare approcci modulari che facilitino la permeabilità tra gli indirizzi offerti, al fine di recuperare gli abbandoni. Modificare il curricolo con le quote di autonomia e di flessibilità Utilizzare il valore sia pure non prescrittivo del c.t.s. Adottare metodologie didattiche innovative: uso delle I.T. Valorizzare il metodo scientifico e laboratoriale: uso delle LIM

7 Sul piano generale deve : Garantire la qualità della propria offerta formativa Come? 1.Attraverso una costante opera di monitoraggio dei processi e dei risultati dellattività scolastica e formativa. Adottando specifici criteri, descrittori e indicatori. In particolare Il tasso di occupazione Il tasso di abbandono Le valutazioni periodiche Invalsi 2. Attraverso la costruzione di reti con altre scuole e con luniversità

8 Larticolazione delle discipline dellarea generale e quella dindirizzo del secondo biennio e del quinto anno mirano a costruire e consolidare le competenze dei profili di ciascun settore, in unottica di forte collegamento con la realtà produttiva locale, nazionale e internazionale.

9 Secondo biennio Pertanto è auspicabile: Anticipare al secondo biennio alcuni risultati di apprendimento di filiera solitamente riferiti alle quinte classi. Lettere: indirizzare la disciplina verso argomenti di carattere settoriale ( economico, scientifico, industriale) Lingue: favorire il conseguimento delle certificazioni linguistiche. Informatica: favorire il conseguimento delle certificazioni informatiche e lutilizzo trasversale della materia alle altre discipline. Matematica: introduzione della disciplina: Complementi di matematica: legame tra la cultura matematica generale e quella scientifica, tecnologica e professionale di ogni indirizzo. Storia: approfondire lo studio di storie settoriali (ambiente, economica e sociale, scienza e tecnologia, ) Scienze motorie e sportive: adottare in situazioni di studio, di vita e di lavoro, stili comportamentali al fair play.

10 Quinto Anno 1.Approfondire nuclei tematici funzionali allorientamento alle professioni o alla prosecuzione degli studi attraverso attività di Alternanza scuola-lavoro Tirocini Stage 2. Favorire il conseguimento delle certificazioni professionali ( linguistiche, informatiche e sicurezza).

11 3. Clil : insegnamento di una disciplina non linguistica in lingua straniera. 4. Storia : approfondire lo studio della Carta Costituzionale. 5. Matematica: complementi di matematica: legame tra la cultura matematica generale e quella scientifica, tecnologica e professionale di ogni indirizzo. 6. Scienze motorie e sportive: cogliere limportanza del linguaggio del corpo per colloqui di lavoro e per la comunicazione professionale.


Scaricare ppt "Linee guida del secondo biennio e del quinto anno negli Istituti Tecnici Lo sviluppo della nuova offerta formativa A cura di Prof.ssa Francesca Neiviller."

Presentazioni simili


Annunci Google