La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

Aspetti didattici e organizzativi specifici. Curricoli Sempre più stretta integrazione culturale tra la dimensione umanistica delle competenze e quella.

Copie: 2
Linee guida per il passaggio al nuovo ordinamento.

La prospettiva curricolare. Secondo biennio Risultati di apprendimento il secondo biennio poggia su quanto acquisito durante il primo biennio. Conseguito.

Presentazioni simili


Presentazione sul tema: "Aspetti didattici e organizzativi specifici. Curricoli Sempre più stretta integrazione culturale tra la dimensione umanistica delle competenze e quella."— Transcript della presentazione:

1 Aspetti didattici e organizzativi specifici

2 Curricoli Sempre più stretta integrazione culturale tra la dimensione umanistica delle competenze e quella scientifico-tecnologica tipica delle vocazioni dellIstruzione Tecnica. Aspetti didattici ed organizzativi

3 Raccordo tra Area di istruzione generale e Area di indirizzo Area di istruzione generale costituita da – Lingua e Letteratura Italiana, – Lingua Inglese – Storia – Matematica – Scienze motorie e sportive – Religione cattolica o attività alternative Più ampia nel primo biennio (560 ore annue), Decresce nel secondo biennio e nel quinto anno (495 ore annue) LArea di istruzione generale e le Aree di indirizzo sono in un rapporto di dinamica integrazione Aspetti didattici ed organizzativi

4 Competenze linguistico- comunicative Consentono allo studente di utilizzare il patrimonio lessicale ed espressivo della lingua italiana ed i linguaggi settoriali delle lingue straniere secondo le varie esigenze comunicative favoriscono la comprensione critica della dimensione teorico-culturale delle principali tematiche di tipo scientifico, tecnologico ed economico Nel quinto anno è previsto linsegnamento di una disciplina non linguistica in lingua inglese Aspetti didattici ed organizzativi

5 Competenze storico-sociali Contribuiscono alla comprensione critica della dimensione teorico-culturale dei saperi e delle conoscenze proprie della scienza e della tecnologia attraverso lapprofondimento del rapporto fra le discipline delle Aree di indirizzo e la Storia Consentono allo studente di collocare le scoperte scientifiche e le innovazioni tecnologiche in una dimensione etica e storico-culturale Nel quinto anno rafforzano la cultura dello studente con riferimento anche ai contesti professionali, Aspetti didattici ed organizzativi

6 Competenze matematico- scientifiche Le competenze matematico-scientifiche [Matematica] contribuiscono alla comprensione critica della dimensione teorico-culturale dei saperi e delle conoscenze proprie del pensiero matematico e scientifico Aspetti didattici ed organizzativi

7 Didattica laboratoriale Per lintegrazione tra Area di istruzione generale e Aree di indirizzo laboratorio come strumento di indagine e verifica, esperienze di studio svolte in contesti reali attività di alternanza scuola-lavoro: Sono luoghi in cui conoscenze, abilità e competenze, afferenti a discipline diverse possono si integrano Aspetti didattici ed organizzativi

8 Alternanza, tirocini, stage Importanza delle metodologie didattiche attive e dello sviluppo di organici collegamenti con il mondo del lavoro e delle professioni, compresi il volontariato ed il privato sociale Lo stage consiste nel trascorrere un certo periodo di tempo allinterno di una realtà lavorativa allo scopo di verificare, integrare e rielaborare quanto appreso in aula e/o laboratorio. Il tirocinio - che secondo la legge istitutiva n. 196/1997 si distingue in tirocinio formativo e tirocinio di orientamento - è opportunità di inserimento temporaneo nel mondo del lavoro finalizzato allacquisizione di nuove competenze e di una esperienza pratica che favoriscono la crescita professionale e personale del tirocinante. lalternanza scuola-lavoro consente agli studenti che hanno compiuto il quindicesimo anno di età, di realizzare propri percorsi formativi alternando periodi di studio in aula e forme di apprendimento in contesti lavorativi. Aspetti didattici ed organizzativi

9 Quote di autonomia e di flessibilità I percorsi formativi degli Istituti Tecnici nel secondo biennio e quinto anno assumono connotazioni specifiche in relazione alle filiere produttive di riferimento Gli Istituti Tecnici possono utilizzare la quota del 20% dei curricoli per progettare, nellambito della loro autonomia didattica, organizzativa, di ricerca e sviluppo, specifiche attività formative mirate anche al costante raccordo con i sistemi produttivi del territorio Opportunità di utilizzare gli spazi di flessibilità, intesi come possibilità di articolare le aree di indirizzo in opzioni, per offrire risposte efficaci e mirate alle esigenze del territorio e ai fabbisogni formativi espressi dal mondo del lavoro e delle professioni Aspetti didattici ed organizzativi

10 Dipartimenti Sono articolazioni funzionali del collegio dei docenti di supporto alla didattica e alla progettazione Al centro delle strategie didattiche collegial il laboratorio la didattica laboratoriale la costruzione dei percorsi di insegnamento/ apprendimento in contesti reali lalternanza scuola-lavoro il raccordo con le altre istituzioni scolastiche (reti) e con gli enti locali (convenzioni), anche per realizzare progetti condivisi. In generale, i dipartimenti possono individuare i bisogni formativi definire i piani di aggiornamento del personale promuovere e sostenere la condivisione degli obiettivi educativi Promuovere la diffusione delle metodologie più efficaci per migliorare i risultati di apprendimento degli studenti Aspetti didattici ed organizzativi

11 Comitato tecnico scientifico Gli istituti tecnici, in base allart. 5, comma 3 punto d) del Regolamento, possono dotarsi di un comitato tecnico scientifico (CTS) composto da docenti e da esperti del mondo del lavoro, delle professioni e della ricerca scientifica e tecnologica Aspetti didattici ed organizzativi

12 Ufficio tecnico Gli istituti tecnici per gli indirizzi del settore tecnologico sono dotati di un ufficio tecnico con il compito di sostenere la migliore organizzazione e funzionalità dei laboratori a fini didattici e il loro adeguamento in relazione alle esigenze poste dallinnovazione tecnologica, nonché per la sicurezza delle persone e dellambiente Aspetti didattici ed organizzativi

13 Progettare e valutare per competenze vengono proposti alcuni criteri di riferimento, in particolare per quanto riguarda il primo biennio. La normativa relativa allobbligo di istruzione elenca – otto competenze chiave di cittadinanza – quattro assi culturali a cui fare riferimento nellimpostare lattività formativa del primo biennio del secondo ciclo. Aspetti didattici ed organizzativi

14 insegnare per sviluppare competenze una competenza sia generale, sia di studio, sia di lavoro si sviluppa in un contesto nel quale lo studente è coinvolto, personalmente o collettivamente, nellaffrontare situazioni, nel portare a termine compiti, nel realizzare prodotti, nel risolvere problemi, che implicano lattivazione e il coordinamento operativo di quanto sa, sa fare, sa essere o sa collaborare con gli altri progettazione di unattività formativa diretta allo sviluppo di competenze. Per questo è necessario lindividuazione chiara delle conoscenze e abilità fondamentali che le varie competenze implicano e del livello di profondità e padronanza da raggiungere e, dallaltra, leffettuazione di un bilancio delle conoscenze, delle abilità già acquisite ed evidenziate da parte dello studente (o, eventualmente, delle competenze da lui già raggiunte) promuovere una pratica formativa segnata dallesigenza di favorire unacquisizione di conoscenze e abilità del cui valore, ai fini dello sviluppo personale, culturale e professionale indicate nelle competenze finali da raggiungere, siano consapevoli sia i docenti, sia gli studenti.

15 segue Un ambiente di lavoro nel quale si realizzano individualmente o collettivamente prodotti che richiedono un utilizzo intelligente di quanto studiato o sollecitano un suo approfondimento è la chiave di volta metodologica. Si tratta di promuovere una metodologia di insegnamento e apprendimento di tipo laboratoriale, alla quale si potrà accostare con ancor maggior profitto 18 lutilizzo delle previste attività da svolgere nei laboratori. Ad esempio, si può immaginare un laboratorio di scrittura in italiano, sostenuto dalluso personale e/o collettivo di tecnologie digitali, nel quale si possano anche redigere relazioni su quanto esplorato nelle scienze o nelle tecnologie, oltre che commenti alle proprie letture; un laboratorio di introduzione e di applicazione dei concetti e dei procedimenti matematici, mediante la soluzione di problemi anche ispirati allo studio parallelo delle scienze o delle tecnologie; esercitazioni nella lingua straniera, valorizzando, se ci sono, quanti ne manifestano una maggiore padronanza o mediante la lettura e/o ascolto collettivo di testi tecnici in inglese

16 Operare per progetti Ad esempio, si può proporre agli studenti di impegnarsi nella produzione di uno spettacolo, nella pubblicazione di un giornale, nel preparare un viaggio o unescursione, scrivere una novella, redigere una guida turistica che descriva un luogo o un oggetto darte, preparare una esposizione, girare un film o un video, progettare e realizzare un sito informatico, partecipare a unazione umanitaria ecc

17 Valutare le competenze Una competenza si manifesta quando uno studente è in grado di affrontare un compito o realizzare un prodotto a lui assegnato, mettendo in gioco le sue risorse personali e quelle, se disponibili, esterne utili o necessarie. Occorre anche aggiungere che non è possibile decidere se uno studente possieda o meno una competenza sulla base di una sola prestazione. Lelaborazione di un giudizio che tenga conto dellinsieme delle manifestazioni di competenza, anche da un punto di vista evolutivo, non può basarsi su calcoli di tipo statistico, alla ricerca di medie: assume invece il carattere di un accertamento di presenza e di livello, che deve essere sostenuto da elementi di prova (le informazioni raccolte) e da consenso (da parte di altri)

18 Valutare le competenze Per quanto riguarda, in generale, le fonti informative sulla base delle quali esprimere un giudizio di competenza, possono essere classificate secondo tre grandi ambiti specifici: – uello relativo ai risultati ottenuti nello svolgimento di un compito o nella realizzazione del prodotto; – quello relativo a come lo studente è giunto a conseguire tali risultati; – quello relativo alla percezione che lo studente ha del suo lavoro

19 Il ruolo della valutazione delle conoscenze, delle abilità e degli atteggiament le conoscenze, per poter essere valorizzate nello sviluppo di una competenza, devono manifestare tre caratteristiche: significatività, stabilità e fruibilità. Una abilità deve poter essere utilizzata in maniera fluida e corretta, sapendo collegarla a quelle che sono denominate conoscenze condizionali; cioè di fronte a una questione o un compito lo studente dovrà essere in grado di attivare quelle abilità che sono richieste e farlo in maniera adeguata e consapevole


Scaricare ppt "Aspetti didattici e organizzativi specifici. Curricoli Sempre più stretta integrazione culturale tra la dimensione umanistica delle competenze e quella."

Presentazioni simili


Annunci Google