La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

S&F Frascati 14-15/06/20091 Giorgio Sironi Modelli Cosmologici e statistica.

Presentazioni simili


Presentazione sul tema: "S&F Frascati 14-15/06/20091 Giorgio Sironi Modelli Cosmologici e statistica."— Transcript della presentazione:

1 S&F Frascati 14-15/06/20091 Giorgio Sironi Modelli Cosmologici e statistica

2 S&F Frascati 14-15/06/20092 Modelli Cosmologici e statistica prima metà del 900 relativita generale espansione dell Universo (Legge di Hubble) nascita della fisica nucleare abbondanza anomala dell elio importanza dei pre-concetti (principio cosmologico) abbondanza di modelli diversi con impossibilita pratica di discriminare tra di essi sulla base delle osservazioni analisi statistiche praticamente inesistenti

3 S&F Frascati 14-15/06/20093 Modelli Cosmologici e statistica Anni 60 – 90 esplosione delle osservazioni astrofisiche (ottico, radio, X, Gamma) scoperta della CMB nascita dell astrofisica dei fenomeni rapidamente variabili raffinamento delle misure di Ho tentativi di misurare (barre d errore) grandezze di interesse cosmologico ( ρ mat, distribuzione della materia, evoluzione oggetti) misura delle proprietà dominanti della CMB (Temperatura, Spettro. Isotropia, Assenza di polarizzazione) rivelazione del moto della Terra all interno dell Universo Cosmologia osservativa (o cosmologia fisica)

4 S&F Frascati 14-15/06/20094 Modelli Cosmologici e statistica fine del modello dell Universo Stazionario sopravvivono i modelli che prevedono un Big Bang caldo applicando semplici considerazioni fisiche si riesce a ricostruire la storia termica dell Universo da qualche frazione di secondo dopo il Big Bang fino ad oggi

5 S&F Frascati 14-15/06/20095 Modelli Cosmologici e statistica

6 S&F Frascati 14-15/06/20096 Modelli Cosmologici e statistica per comprendere la nascita delle condensazioni di materia oggi osservate a partire da un universo primordiale uniforme inizia la ricerca delle proprietà fini della CMB (distorsioni spettrali, anisotropie, polarizzazione) ai parametri cosmologici misurati si riescono ad associare barre d errore definite statisticamente ad es. T CMB = (2.725 ± 0.001) K Culmine e conclusione di questo periodo il lancio nel 1990 e le osservazioni di COBE (Cosmic Background Explorer)

7 S&F Frascati 14-15/06/20097 Modelli Cosmologici e statistica A parte alcuni autorevoli distinguo (Hoyle, Arp,..) il modello del Big Bang Caldo diventa il Modello cosmologico Standard che meglio descrive l Universo osservato L incertezza sui parametri caratteristici di tale Universo e ricavata applicando i metodi statistici tradizionali a misure dirette delle diverse grandezze

8 S&F Frascati 14-15/06/20098 Modelli Cosmologici ei statistica 1990 – 2010 Osservazioni sempre piu spinte delle proprietà fini della CMB da terra (Antartide), da quote stratosferiche (Boomerang) e dallo spazio (WMAP) producono misure sempre più accurate della distribuzione spaziale della Radiazione Fossile I nuovi grandi telescopi nello spazio (Hubble) ed a terra (ESO) consentono misure sempre più accurate della distribuzione della materia condensata presente nell Universo Supernovae Ia, riconosciute come candele campione, vengono usate per migliorare la legge di Hubble

9 S&F Frascati 14-15/06/20099 Modelli Cosmologici e statistica Questi nuovi dati mostrano che l Universo sta riaccelerando tende ad avere geometria euclidea (universo piatto) Ciò può essere spiegato ricorrendo a Energia oscura Inflazione la cui fisica è pero ancora tutta da definire

10 S&F Frascati 14-15/06/ Modelli Cosmologici e statistica + + Modello delle concordanze o Λ-CDM

11 S&F Frascati 14-15/06/ Modelli Cosmologici e statistica Per conciliare tutti questi dati ed il vecchio modello del Big Bang nasce il Modello delle Concordanze o Λ-CDM basato su sei parametri liberi (corrispondenti ad altrettante grandezze misurabili) i cui valori vengono stimati usando una catena di Markov in un analisi di Monte Carlo

12 S&F Frascati 14-15/06/ Modelli Cosmologici e statistica Valutazione grafica dei parametri del modello delle concordanze o Λ-CDM Assumendo un Universo piatto

13 S&F Frascati 14-15/06/ Modelli Cosmologici e statistica Ho Cost di Hubble (km/sec Mpc) Ω b Densità materia barionica Ω m Densità materia barionica e oscura Spessore ottico alla ricombinazione A s Ampiezza delle fluttuazioini scalari n s Indice spettrale scalare

14 S&F Frascati 14-15/06/ Modelli Cosmologici e statistica da cui vengono i seguenti parametri derivati ρ o Densità critica kg/m 3 Ω Λ Densità energia oscura z ion Red-shift della rionizzazione 8 Ampiezza fluttua- zioni galattiche t o Età dell Universo (anni)

15 S&F Frascati 14-15/06/ Modelli Cosmologici e statistica L accuratezza con cui questi parametri sono dati è tale che oggi si parla di Cosmologia di precisione I parametri così ottenuti hanno barre d errore molto piu piccole delle barre d errore delle stesse quantità misurate direttamente ma ……….

16 S&F Frascati 14-15/06/ Modelli Cosmologici e statistica ma le nuove barre d errore non sono barre d errore statistiche, di natura gaussiana ( sono la banda in cui cade il 68% dei valori calcolati col metodo Montecarlo) sono l effetto di assunzioni a priori (universo piatto, in alcuni casi accettazione di processi fisici la cui realtà e ancora da provare) In pratica più o meno consapevolmente si e passati dalla statistica classica alla statistica Bayesiana

17 S&F Frascati 14-15/06/ Modelli Cosmologici e statistica Statistica Bayesiana Le probabilità bayesiane non sono più definite come frequenze, rapporti ecc., risultato di misure esprimono più che l incertezza di una misura il livello di fiducia nel verificarsi di un evento (es il ragionamento di Lapplace sulla possibilita di osservare il sorgere del sole il giorno dopo) sono ottenute partendo da scelte a priori

18 S&F Frascati 14-15/06/ Modelli Cosmologici e statistica Teorema di Bayes P(A|E) = P(E|A) P(A) / P(E) P(A) distribuzione di probabilità a priori (formulata ab initio, eventualmente sulla base di precedenti osservazioni, ma comunque prima delle nuove) associata al fenomeno A P(E) probabilità marginale di ottenere E senza alcuna informazione pregressa P(E|A) funzione di verosimiglianza, praticamente coincidente con la distribuzione di probabilita classica che l osservazione di A dia E A P(A|E) distribuzione di probabilità a posteriori associabile al fenomeno A dopo la nuova osservazione E

19 S&F Frascati 14-15/06/ Modelli Cosmologici e statistica Pertanto i valori attribuiti ai parametri al termine dell analisi assumono il valore di barre d errore solo nell ipotesi che la scelta a priori sia corretta si potrebbe, forse, stabilire l attendibilità della scelta priori misurando direttamente i singoli parametri e verificando se si riesce a raggiungere una accuratezza confrontabile con quella risultante dalle analisi con i metodi precedenti non siamo in grado di dire nulla su modelli che non soddisfano la scelta a priori

20 S&F Frascati 14-15/06/ Modelli Cosmologici e statistica Il Modello delle concordanze è stato spinto oltre: aggiungendo altri parametri ed ipotesi a priori (ad es. inflazione) si possono stimare altre proprietà dell Universo primordiale. aggiungendo cinque nuovi parametri sono state ricavate informazioni su a)equazione di stato del fluido primordiale, b)rapporto tensore/scalare c)curvatura spaziale, d)variabilità dell indice spettrale delle perturbazioni, e)somma delle masse dei neutrini)

21 S&F Frascati 14-15/06/ Modelli Cosmologici e statistica Quale peso possiamo dare a queste fughe in avanti? Quanto anche questi risultati sono dipendenti dall a priori iniziale ?

22 S&F Frascati 14-15/06/ Modelli Cosmologici ed analisi statistica Pur tenendo conto che le osservazioni cosmologiche sono peculiari (l Universo è unico, non c è possibilità di mediare tra ripetute osservazioni dello stesso universo o l osservazione di più universi) il sistema Universo è molto complesso e noi lo osserviamo dal suo interno è inevitabile ricorrere a metodi di analisi non canonici per effetto delle scelte a priori c è il rischio di privilegiare alcuni modelli ed ignorarne altri (pre-giudizi)

23 S&F Frascati 14-15/06/ Modelli Cosmologici ed analisi statistica Conclusione i modelli scientifici dell Universo oggi comunemente accettati, sono meno generali (precisi) di quanto certe barre d errore, se erroneamente interpretate come barre d errore classiche, farebbero pensare ciò rischia di bloccare la ricerca impedendo di fatto di muoversi lungo direttrici non previste dall a priori (nuovi Casi Galileo (in ambito puramente scientifico) in vista ?) casi simili si hanno ormai anche in altri settori di ricerca avanzata (teorie di unificazione delle forze, stringhe ecc.) è necessario chiarire ciò anche nella divulgazione scientifica

24 S&F Frascati 14-15/06/ Modelli Cosmologici ed analisi statistica Last but not least (punto di vista informale) Lo studio di un universo in cui tutto torna puntino (le concordanze) è proprio noioso. Il divertimento della ricerca sta nello scoprire qualcosa di nuovo ed imprevisto che distrugga le certezze preesistenti (Giorgio Sironi, 16 Giugno 2009)

25 S&F Frascati 14-15/06/ Modelli Cosmologici ed analisi statistica Spazio per ripensamenti personali

26 S&F Frascati 14-15/06/ Modelli Cosmologici ed analisi statistica Distribuzione della radiazione di fondo

27 S&F Frascati 14-15/06/ Modelli Cosmologici ed analisi statistica Distribuzione della materia condensata

28 S&F Frascati 14-15/06/ Modelli Cosmologici ed analisi statistica SN-Ia e riaccelerazione dell Universo


Scaricare ppt "S&F Frascati 14-15/06/20091 Giorgio Sironi Modelli Cosmologici e statistica."

Presentazioni simili


Annunci Google