La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

SICUREZZA, MOLTE DIMENSIONI E MOLTI RUOLI Alberto Ceriani IReR – Istituto Regionale di Ricerca della Lombardia.

Copie: 1
PICCOLI COMUNI IN LOMBARDIA: DOVE, QUANTI E CON QUALI PROSPETTIVE Alberto Ceriani IReR – Istituto Regionale di Ricerca della Lombardia.

Presentazioni simili


Presentazione sul tema: "SICUREZZA, MOLTE DIMENSIONI E MOLTI RUOLI Alberto Ceriani IReR – Istituto Regionale di Ricerca della Lombardia."— Transcript della presentazione:

1 SICUREZZA, MOLTE DIMENSIONI E MOLTI RUOLI Alberto Ceriani IReR – Istituto Regionale di Ricerca della Lombardia

2 Un quadro meno allarmante Situazione della sicurezza in Lombardia: meno allarmante Timore di restare vittima di un atto criminoso: –rischio chiaro ai cittadini lombardi, –ma possibileeffetto di rinforzo Il dibattito sulla sicurezza, nellultima decade, si è in parte sviluppato secondo logiche interne al quadro politico e al rapporto con i mass-media, indipendentemente - almeno in parte - dallevoluzione della situazione oggettiva della criminalità nella nostra Regione (le stesse considerazioni potrebbero essere fatte rispetto ad altre aree del Paese). Il punto Fonte: IReR, La sicurezza in Lombardia: la percezione dei cittadini attraverso le ricerche dellIReR e dellOsservatorio Regionale, Dicembre 2004

3 Le nuove domande di sicurezza Negli ultimi decenni abbiamo assistito al passaggio da una società delle regole generali continue e stabili ad una società dei rischi individualizzati, instabile e discontinua. (Morin, 2004) L' attesa dell' inaspettato, l'attesa dei rischi possibili domina sempre più la scena della nostra vita: rischi individuali e rischi collettivi. E' il fenomeno nuovo che diventa un fattore di stress per le istituzioni nel diritto, nell'economia, nel sistema politico e anche nella vita quotidiana delle famiglie. (Beck, 2001)

4 Come conciliare le dimensioni: partire dal rischio territoriale Rischi dovuti ad un evento scatenante caratterizzato da: tempi brevi in cui si scatena in un sistema; impatto su uno spazio circoscritto ma con effetti sovra-sistemici; alta concentrazione di nocività; vulnerabilità dei luoghi in cui impatta; impatto su territori con presenze antropiche Eventi trattati per le fasi di impatto, emergenza, ricostruzione della normalità

5 Costruire un sistema integrato Con queste premesse la particolarità dellapproccio della Regione Lombardia in materia di sicurezza è quella di considerare il concetto di sicurezza trasversalmente nelle diverse politiche esercitate su scala regionale, allo scopo di creare un sistema integrato che coniughi compiutamente safety e security. Gli strumenti: il PRIM Programma Regionale Integrato di Mitigazione dei rischi maggiori 2007/2010

6 Analizzare rischi nella scala locale Rischi considerati: Rischio idrogeologico (alluvioni, valanghe, frane), Rischio sismico, Rischio industriale, Rischio incendi boschivi, Rischio meteorologico, Incidentalità stradale, Incidentalità lavorativa, Sicurezza urbana Patto per la sicurezza; Piani darea per il rischio integrato; porre le condizioni per una vera resilienza sociale, intesa come capacità complessiva del sistema socio- economico di convivere con i vari tipi di rischio e di farvi fronte in caso di loro emersione


Scaricare ppt "SICUREZZA, MOLTE DIMENSIONI E MOLTI RUOLI Alberto Ceriani IReR – Istituto Regionale di Ricerca della Lombardia."

Presentazioni simili


Annunci Google