La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

Educazione politica Carlo Nanni nanni.unisal.it. ricerca di efficacia e subordinazione alla finanza internazionale e al mercato mondializzato …primato.

Presentazioni simili


Presentazione sul tema: "Educazione politica Carlo Nanni nanni.unisal.it. ricerca di efficacia e subordinazione alla finanza internazionale e al mercato mondializzato …primato."— Transcript della presentazione:

1 Educazione politica Carlo Nanni nanni.unisal.it

2 ricerca di efficacia e subordinazione alla finanza internazionale e al mercato mondializzato …primato dei problemi e perdita di idealità e di sogni degrado, furbizie… finanziarie…e non solo… corruzione… incoptenza dei politici Verso una cittadinanza virtuale … senza assunzione di responsabilità, succuba dei guru mediatici, senza pratica politica… La questione dei cattolici in politica: dispersione materiale e/o assenza sostanziale? Perché? Difficile Educazione politica fatti mentalità novità … perché difficile CITTADINANZA «caduta dei muri» e nuove intolleranze; Enfatizzazione dellindividualismo… fino alla perdita del senso del bene comune

3 …Il bene comune: una vecchia storia? oggi nella globalizzazione, nel mercato mondializzato, nella complessità sociale? … il bene comune: unastrazione? cosa ha da dire alla vita dei bamboccioni e delle bamboccione, delle famiglie, degli anziani, e della non buona qualità della vita personale e comunitaria?..bene generale e sociale… «materiale»: e quello personale, intimo, attuale e futuro? perché il BENE COMUNE : oggi, problema

4 piste di educazione politica (1) in rapporto con l'educazione sociale sviluppo e promozione della intersoggettività, socialità e partecipazione alla vita organizzata e istituzionalizzata, educazione alla «legalità»…giusta e legittima!!! l'educazione alla cittadinanza nel pluralismo, nelle differenze, nel cambiamento, nelle novità, nelle emergenze, nel conflitto e nelle pro­ blematicità... essere cittadini nella centralità/dignità della persona, individuo, gruppo, comunità, popolo, … umanità

5 (2) l'istruzione politica per l'educazione del "consenso/dissenso": al senso critico, all'impegno, all'utopia... (= saper votare, saper politica...) contenuti politici validi(antropologici, economici, valoriali, storici), conoscenza delle leggi e delle procedure cfr. contributo dell «Insegnamento sociale della Chiesa (3) La formazione alla "competenza politica: - lettura e comprensione delle situazioni nella/oltre l'emotività, la passionalità, schematismi, pregiudizi o i buoni sentimenti...; - sviluppo della progettualità ed operatività politica e quindi capacità di prospettazione, di ipotesi creative, di programmazione, di attuazione concreta possibile, di controllo e di verifica e ri­prospettazione, - iniziazione a stili comportamentali democratici laicità democratica = condivisione, convergenza, differenziazione, discussione ( le due C e le due D)

6 (4) La formazione di una " cultura politica« - cultura della appartenenza (no: anti-statalismo) - cultura della convivenza delle differenze (no: neo- razzismo o fondamentalismo); - cultura del bene comune (no: clientelismo diffuso e particolarismi); - cultura della con-libertà (no: individualismo elitarismo, astoricismo, spiritualismo); - cultura dei diritti e dei doveri (Cost. a.3 e 4) (no: individualismo, particolarismo) - cultura dello sviluppo sostenibile e dello sviluppo integralmente umano (enciclica Caritas in Veritate) (no: allegoismo nazionalistico …e adulto)

7 (5) La formazione della " personalità politica ": radicata in personalità libere e responsabili, capaci di "virtù politiche": - capacità di consonanza con le attese ed i bisogni e le speranze della gente, del paese, dell'umanità; - capacità di decisione saggia e forte, tempestiva e lungimirante, concreta e carica di intenzionalità; - rigore morale interiore, senso della storicità e referenza al bene comune; - spirito di dedizione, di servizio, di "comunanza" nel gioco delle differenze e di "partigianeria" per il bene comune nell'affrontamento dei problemi.

8 Le gioie e le speranze, le tristezze e le angosce degli uomini d'oggi, dei poveri soprattutto e di tutti coloro che soffrono, sono pure le gioie e le speranze, le tristezze e le angosce dei discepoli di Cristo, e nulla vi è di genuinamente umano che non trovi eco nel loro cuore (GS,1). Il popolo di Dio, mosso dalla fede con cui crede di essere condotto dallo Spirito del Signore che riempie l'universo, cerca di discernere negli avvenimenti, nelle richieste e nelle aspirazioni, cui prende parte insieme con gli altri uomini del nostro tempo, quali siano i veri segni della presenza o del disegno di Dio. La fede infatti tutto rischiara di una luce nuova, e svela le intenzioni di Dio sulla vocazione integrale dell'uomo, orientando così lo spirito verso soluzioni pienamente umane (GS, 11) …è così per noi? L'atteggiamento di fondo del cristiano condivisione, critica, profezia

9 La difficoltà della «Chiesa» = Dio sì, Cristo sì, la Chiesa… Ingerenza nella politica (e si occupa poco dello Spirito Litizzetto) Incorerenza dei politici cattolici predica bene e razzola male fino a essere corrotta opulenza, attaccamento ai beni materiali, … e predica la povertà e di essere per i poveri, Arretrata e poco attenta ai bisogni della gente «Chiesa Semaforo» (delle norme) invece Chiesa della «misericordia» = Invece che condivisione, critica e profezia autoreferenzialità, chiusura nella «cittadella cristiana – giudizio «esteriore» e negativo della cultura «laica», difesa dei propri privilegi…. Discernimento e visione «ampia» della Chiesa: non si riduce anche se fatta di uomini a Vaticano… « ecclesia semper reformanda.. Simul sancta et peccatrix

10 la «legittima autonomia delle realtà terrene» (GS,36). non: ingerenza politica!!! la «sana laicità» lo Stato non consideri la religione come un semplice sentimento individuale, privato. [Essa ha il diritto di…] difesa dei grandi valori che danno senso alla vita della persona e ne salvaguardano la dignità. (Benedetto XVI ai giuristi cattolici, 9 dic. 2006) L'apporto della fede Xna: 1) riferimenti per l azione i principi non negoziabili = obiettivi minimi. Non è che il cristianesimo riduca il proprio messaggio ai principi non negoziabili. Quelli sono la soglia di intollerabilità assoluta (Giampaolo Crepaldi). il compimento di ogni giustizia nel dare a Cesare quel che è di lui; non "totalizzazione" e idolizzazione del sociale, del politico,… dell'ecclesiale; l'operare il bene nelle città di tutti, essere anima del sociale (Lettera a Diogneto), sale della terra, luce del mondo (Vangelo); la preoccupazione e l'impegno per l'uomo, prima via della chiesa, facendosi prossimo; chiamati a essere primi nel servire e non dominare.. mandati a «Ninive», come Giona, ad evangelizzare il sociale e il politico = salvati come popolo, lo stato dentro di noi e i confini della città di Dio che passano per il nostro cuore; lutopia cristiana della civiltà dellamore acculturazione, tran­sculturalità e impoliticità della fede

11 2)lapporto della fede Xna: dal punto di vista educativo: aiuto ad integrare vita, cultura, fede, ruoli sociali e azione personale, mediante: -l'indicazione di valori, di principi, di criteri "dottrina sociale della Chiesa": - formazione della "coscienza" dei credenti e di tutti gli uomini di buona volontà; - la formazione propriamente politica attraverso iniziative specifiche (scuole, centri, convegni, incontri...);

12 - le Chiese, le comunità, i gruppi, le associazioni, i movimenti, le forme del volontariato, le «scuole» luoghi, occasioni, palestra di formazione, tirocinio pratico di volontariato e di impegno politico nel territorio o a livello nazionale - l'accompagnamento, la guida spirituale, il sostegno della fraternità, e l'offerta di "mezzi" di crescita anche politica (parola di Dio, sacramenti, liturgia, momenti e spazi di preghiera, di comunione, di servizio, la pratica della carità).

13 "Senza lo Spirito Santo, Dio è lontano, il Cristo resta nel passato, il Vangelo è lettera morta, la Chiesa una semplice organizzazione, l'autorità un potere, la missione una propaganda, il culto un arcaismo, e l'agire cristiano una morale da schiavi. Ma nello Spirito Santo il cosmo si solleva e geme nelle doglie del Regno, il Cristo risorto si fa presente, il vangelo è potenza di vita, la Chiesa realizza la comunione trinitaria, l'autorità si trasforma in servizio, la missione è pentecoste, la liturgia è memoriale e anticipazione, l'agire umano viene deificato". (Ignazio IV Hazim, patriarca della Chiesa greco-ortodossa di Antiochia)..nello Spirito

14 …finale mafaldesca


Scaricare ppt "Educazione politica Carlo Nanni nanni.unisal.it. ricerca di efficacia e subordinazione alla finanza internazionale e al mercato mondializzato …primato."

Presentazioni simili


Annunci Google