La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

DSA cornice istituzionale e percorsi clinico organizzativi Dr. Paolo Soli Direttore Incaricato NPIA Sassuolo 2 settembre 2009.

Presentazioni simili


Presentazione sul tema: "DSA cornice istituzionale e percorsi clinico organizzativi Dr. Paolo Soli Direttore Incaricato NPIA Sassuolo 2 settembre 2009."— Transcript della presentazione:

1 DSA cornice istituzionale e percorsi clinico organizzativi Dr. Paolo Soli Direttore Incaricato NPIA Sassuolo 2 settembre 2009

2 DSA : disegno di legge Legislatura 16º - Disegno di legge N SENATO DELLA REPUBBLICA XVI 1006 – 1036 Attesto che la 7ª Commissione permanente (Istruzione Pubblica, Beni Culturali, Ricerca Scientifica, Spettacolo e Sport), il 19 maggio 2009, ha approvato il seguente disegno di legge, derivante dallunificazione dei disegni di legge n. 1006, diniziativa dei senatori Vittoria Franco, Barbolini, Bastico, Ceruti, Mariapia Garavaglia, Mongiello, Rusconi, Anna Maria Serafini, Soliani, Amati, Bassoli, Blazina, Carloni, Ceccanti, Della Monica, Leopoldo Di Girolamo, Fioroni, Garraffa, Incostante, Legnini, Livi Bacci, Marinaro, Ignazio Roberto Marino, Poretti, Sbarbati, Vita, Vitali e Antezza, e n. 1036, diniziativa dei senatori Asciutti, Possa, Aderenti, Barelli, Bevilacqua, Bianconi, Carrara, De Eccher, De Feo, Ferrara, Firrarello, Pastore, Piccioni, Pittoni, Poli Bortone, Giancarlo Serafini, Sibilia, Spadoni Urbani, Valditara e Vetrella: Nuove norme in materia di difficoltà specifiche dapprendimento.

3 Art. 1. (Riconoscimento e definizione di dislessia, disgrafia e discalculia) 1. La presente legge riconosce la dislessia, la disgrafia/disortografia e la discalculia, di seguito denominate «DSA», quali difficoltà specifiche di apprendimento, che si manifestano in presenza di capacità cognitive adeguate, in assenza di patologie neurologiche e di deficit sensoriali. 2. La legge 5 febbraio 1992, n. 104, non trova applicazione nei confronti degli alunni affetti da DSA. 3. Ai fini della presente legge, la dislessia è un disturbo che si manifesta con una difficoltà nellimparare a leggere, in particolare nella decifrazione dei segni linguistici, ovvero nella correttezza e nella rapidità di lettura. 4. Ai fini della presente legge, la disgrafia/disortografia è un disturbo che si manifesta con prestazioni grafiche scadenti e particolarmente scorrette. 5. Ai fini della presente legge, la discalculia è un disturbo che si manifesta con una difficoltà negli automatismi del calcolo e dellelaborazione dei numeri. 6. La dislessia, la disgrafia/disortografia e la discalculia possono sussistere separatamente o insieme. 7. Le DSA impediscono lutilizzo in maniera automatica e strumentale delle capacità di lettura, di scrittura e di calcolo e possono costituire una limitazione importante per alcune attività della vita quotidiana delle persone.

4 Art. 2. (Finalità) 1. La presente legge persegue le seguenti finalità: a) garantire il diritto allistruzione e i necessari supporti agli alunni con DSA; b) favorire il successo scolastico e prevenire blocchi nellapprendimento degli alunni con DSA, agevolandone la piena integrazione sociale e culturale; c) ridurre i disagi formativi ed emozionali per i soggetti con DSA; d) assicurare una formazione adeguata e lo sviluppo delle potenzialità degli alunni con DSA; e) adottare forme di verifica e di valutazione adeguate alle necessità degli alunni con DSA; f) sensibilizzare e preparare gli insegnanti ed i genitori nei confronti delle problematiche legate alle DSA; g) assicurare adeguate possibilità di diagnosi precoce, anche a partire dalla scuola dellinfanzia, e di riabilitazione per i soggetti con DSA; h) incrementare la comunicazione e la collaborazione tra famiglia, scuola e servizi sanitari durante tutto larco dellistruzione scolastica.

5 Art. 3. (Diagnosi e riabilitazione) 1. È compito delle scuole di ogni ordine e grado, comprese le scuole dellinfanzia, attivare, previa apposita comunicazione alle famiglie interessate, interventi tempestivi, idonei ad individuare i casi sospetti di DSA degli alunni. 2. Per gli alunni che, nonostante adeguate attività di recupero e di riabilitazione delle capacità fonologiche, presentano persistenti difficoltà, la scuola trasmette apposita comunicazione alla famiglia. 3. La diagnosi di DSA è effettuata nellambito dei trattamenti specialistici già assicurati dal Servizio sanitario nazionale a legislazione vigente ed è comunicata dalla famiglia alla scuola di appartenenza dellalunno. 4. Il Ministero dellistruzione, delluniversità e della ricerca può promuovere, anche mediante iniziative da realizzare in collaborazione con il Servizio sanitario nazionale, attività di identificazione precoce per individuare gli alunni a rischio di DSA. Lesito di tali attività non costituisce, comunque, una diagnosi effettiva di DSA.

6 Art. 4. (Formazione nella scuola) 1. Al personale docente e dirigenziale delle scuole di ogni ordine e grado, comprese le scuole dellinfanzia, è assicurata una adeguata formazione riguardo alle problematiche relative alle DSA, nellambito dei programmi annuali di formazione attivati a valere sulle disponibilità già previste per la formazione del personale del comparto scuola e dei dirigenti scolastici, anche con ricorso a strumenti di e-learning per la formazione on line. 2. La formazione degli insegnanti deve garantire una conoscenza approfondita delle problematiche relative alle DSA, una sensibilizzazione per lindividuazione precoce e la capacità di applicare strategie didattiche adeguate.

7 Art. 5. (Misure educative e didattiche di supporto) 1. Gli alunni con segnalazione diagnostica di DSA hanno diritto a fruire di appositi provvedimenti dispensativi e compensativi di flessibilità didattica nel corso dei cicli di istruzione. 2. Agli alunni con DSA le istituzioni scolastiche garantiscono, nellambito della loro autonomia didattica e organizzativa, ai sensi delle disposizioni vigenti, tutte le misure utili a: a) favorire luso di una didattica individualizzata e personalizzata, con forme efficaci e flessibili di lavoro scolastico che tengano conto anche di caratteristiche peculiari dei soggetti, quali il bilinguismo, adottando una metodologia e una strategia educativa adeguate; b) coltivare negli alunni una struttura positiva di apprendimento, aiutandoli a vivere lapprendimento in condizioni di benessere; c) favorire il successo scolastico; d) prevedere tecniche compensative, che possono comprendere anche luso delle tecnologie informatiche e degli strumenti di apprendimento alternativi, già attivabili a valere sulle risorse specifiche disponibili a legislazione vigente nello stato di previsione del Ministero dellistruzione, delluniversità e della ricerca, nonché misure dispensative da alcune prestazioni non essenziali ai fini della qualità dei concetti da apprendere, oppure la possibilità di fruire di tempi più lunghi di esecuzione di quelli ordinari;

8 e) prevedere, nei casi di alunni bilingui con DSA, strumenti compensativi che favoriscano la comunicazione verbale e che, in particolare per linsegnamento della lingua straniera, assicurino ritmi graduali e adeguati di apprendimento, prevedendo anche, ove risulti utile, la possibilità dellesonero dallinsegnamento della seconda lingua straniera, qualora prevista dal programma di studi. 3. Le misure di cui al comma 2 devono essere sottoposte periodicamente a monitoraggio per valutarne lefficacia e il raggiungimento degli obiettivi. 4. Al fine di evitare che gli alunni con DSA siano posti in condizioni di svantaggio rispetto agli altri alunni, a causa della loro lentezza o incapacità di decodifica e di produzione di testi, le misure di cui al comma 2 devono comunque garantire adeguate forme di verifica e di valutazione, anche tramite la possibilità di utilizzare strumenti in funzione di ausilio, ovvero lassegnazione di tempi più lunghi di esecuzione. 5. Le misure di cui al presente articolo sono da attuare senza nuovi o maggiori oneri a carico della finanza pubblica.

9 Art. 6. (Misure per lattività lavorativa e sociale) 1. Alle persone con DSA sono assicurate uguali opportunità di sviluppo delle proprie capacità in ambito sociale e professionale. 2. I familiari fino al primo grado di alunni del primo ciclo con DSA impegnati nellassistenza alle attività scolastiche a casa possono usufruire di orari di lavoro flessibili. 3. Le modalità di esercizio del diritto di cui al comma 2 sono demandate ai contratti collettivi nazionali di lavoro dei comparti interessati e non devono comportare nuovi o maggiori oneri a carico della finanza pubblica.

10 Art. 7. (Disposizioni di attuazione) 1. Con decreto del Ministro dellistruzione, delluniversità e della ricerca e del Ministro del lavoro, della salute e delle politiche sociali, sentita la Conferenza permanente per i rapporti tra lo Stato, le regioni e le province autonome di Trento e di Bolzano, si provvede, entro tre mesi dalla data di entrata in vigore della presente legge, ad emanare linee guida per la predisposizione di appositi protocolli regionali, da stipulare entro i successivi sei mesi, per le attività di identificazione precoce di cui allarticolo 3, comma Il Ministro dellistruzione, delluniversità e della ricerca, entro tre mesi dalla data di entrata in vigore della presente legge, con proprio decreto, individua le modalità di formazione dei docenti di cui allarticolo Il Ministro dellistruzione, delluniversità e della ricerca, con il medesimo decreto di cui al comma 2 del presente articolo, individua altresì forme di verifica e di valutazione finalizzate ad evitare condizioni di svantaggio degli alunni con DSA, ai sensi di quanto previsto dallarticolo 5, comma 4.

11 Art. 8. (Competenze delle regioni a statuto speciale e delle province autonome) 1. Sono fatte salve le competenze delle regioni a statuto speciale e delle province autonome di Trento e di Bolzano, in conformità ai rispettivi statuti e alle relative norme di attuazione nonché alle disposizioni del titolo V della parte seconda della Costituzione. 2. Entro tre mesi dalla data di entrata in vigore della presente legge, le regioni a statuto speciale e le province autonome di Trento e di Bolzano provvedono a dare attuazione alle disposizioni della legge stessa. Art. 9. (Clausola di salvaguardia) 1. Dallattuazione della presente legge non devono comunque derivare nuovi o maggiori oneri a carico della finanza pubblica.

12 Protocollo di intenti Sanità USR Condividere le modalità di definizione degli interventi per lintegrazione scolastica di alunni in difficoltà sia in situazione di disabilità che di altri disturbi di apprendimento che compromettono il benessere globale dellalunno, al fine di migliorare le modalità di comunicazione e collaborazione fra i servizi di NPIA e le istituzioni scolastiche, in particolare per quanto attiene alla definizione dei seguenti percorsi di: - certificazione ex L. 104/92 per lintegrazione scolastica di alunni in situazione di disabilità - segnalazione di alunni che, pur non presentando disabilità certificabile ai sensi della L. 104/92, presentano comunque difficoltà specifiche di apprendimento (es. Disturbi Specifici di Apprendimento) - integrazione scolastica mirata a potenziare il supporto e lapproccio psico-educativo per specifiche categorie di diagnosi che richiedono una particolare strutturazione della didattica (es. Disturbi dello Spettro Autistico, ADHD) - strutturazione della didattica con lausilio di strumenti compensativi, anche di tipo informatico (es. Disturbi Specifici di Apprendimento) - programmazione della formazione ed aggiornamento del personale per supportare il perseguimento dei suddetti obiettivi.

13 DETERMINAZIONE n° 6393 del 09/07/2009 DETERMINA 1. di costituire il Comitato Paritetico per dare attuazione al Protocollo di intenti fra Assessorato Politiche per la Salute e Ufficio Scolastico Regionale per lEmilia-Romagna per favorire il successo scolastico degli alunni con segnalazione di disturbo specifico di apprendimento e lintegrazione scolastica degli allievi certificati ex legge 104/92;

14 DETERMINAZIONE n° 6908 del 21/07/ di costituire il Gruppo Regionale per i Disturbi Specifici di Apprendimento (DSA); 2. di dare mandato al Gruppo DSA di strutturare una proposta di indirizzi tecnici ed organizzativi, di supporto alle attività del Comitato Paritetico, costituito da questa Direzione Generale con determinazione n 6393 del 9 luglio 2009, finalizzata a definire: a) le linee di miglioramento per la diagnosi e presa in carico di minori con DSA residenti in Emilia-Romagna b) le linee di interazione con le istituzioni scolastiche per un appropriato inserimento degli alunni con DSA c) i possibili impegni regionali attinenti sia laggiornamento sui temi dei DSA per operatori sanitari e scolastici sia eventuali altre iniziative regionali di supporto e di monitoraggio per il processo di miglioramento della assistenza ai minori con DSA.

15 Dati DSA SINP RER ,75 % delle nuove diagnosi 15,34 % dei casi in carico NPIA SINP NPIA Modena ,40 % delle nuove diagnosi 18,30 % dei casi in carico NPIA Epidemiologia 3-4 % popolazione dai 7 ai 14 anni RER 2,18 % NPIA Modena 2.82 %

16 Diagnosi DSA Dislessia disortografia disgrafia discalculia SPECIFICITA' il criterio principale per la diagnosi è la DISCREPANZA tra le abilità del dominio interessato e l'intelligenza globale

17 Diagnosi DSA Tests standardizzati per valutare le specifiche abilità e l'intelligenza generale Escludere la presenza di deficit sensoriali, disturbi neurologici, disturbi psichiatrici, svantaggi socioculturali ( attenzione a immigrazione o adozione internazionale )

18 Diagnosi DSA Compromissione dominio specifica ( pari o inferiore a 2 DS ) Livello intellettivo ( non inferiore a 85 con tests standardizzati )

19 Caratteristiche DSA La componente neurobiologica delle anomalie processuali dei DSA ( che interagisce attivamente con i fattori ambientali nella determinazione della comparsa e della espressività del disturbo ) L'evolutività e la diversa espressività del disturbo nel corso dello sviluppo ( quasi tutti i bambini con DSA raggiungono l'apprendimento di lettura scrittura e calcolo ma in modo meno automatizzato rispetto ai coetanei ; questo determina un maggior carico sugli apprendimenti curricolari che si enfatizza negli ordini superiori di scuola ) La frequente comorbidità dei quattro disturbi ( tra di loro e con altri disturbi di sviluppo come disprassie, disturbi del comportamento, disturbi dell'umore, disturbi d'ansia, ADHD )

20 Dislessia evolutiva Valutare : parole, non-parole, brano Valutare : Correttezza e Rapidità Risultati : = o > - 2 DS Diagnosi : al completamento della 2° classe della scuola primaria

21 Disgrafia Disortografia Disgrafia ( motoria ) : deficit di realizzazione grafica Disortografia ( linguistica ) : deficit nei processi di transcodifica tra rappresentazioni fonologiche ed ortografiche Valutare : dettato di parole, non-parole, frasi e brani Risultati : = o > - 2 DS Diagnosi : al completamento della 2° classe della scuola primaria

22 Discalculia evolutiva Valutare : il sistema dei numeri Valutare : il sistema del calcolo orale e scritto Risultati : = o > - 2 DS Diagnosi : al completamento della 3° classe della scuola primaria

23 Indicatori precoci Fattori di rischio alla fine della 1° classe della scuola primaria per il linguaggio scritto : Difficoltà nella associazione grafema-fonema e viceversa Mancato raggiungimento del controllo sillabico in lettura e scrittura Eccessiva lentezza Incapacità di produrre le lettere in stampato maiuscolo in modo riconoscibile

24 Indicatori precoci Fattori di rischio alla fine della 1° classe della scuola primaria per la cognizione numerica : Riconoscimento di piccole quantità Lettura e scrittura dei numeri fino a 10 Calcolo orale entro la decina anche con supporto concreto

25 DSA UONPIA Accoglienza Valutazione Diagnosi Periodo che intercorre tra la richiesta di un utente e la restutuzione di una diagnosi Se DSA referto sotto forma di segnalazione (note ministeriali /A/4 del iniziative relative alla dislessia – 26/A/4 del iniziative relative alla dislessia – 1787 del esami di stato 04/05 alunni affetti da dislessia )

26 Segnalazione DSA UONPIA Dati anagrafici Diagnosi ICD10 Sintesi della valutazione neuropsicologica che evidenzi punti di forza e punti di debolezza Proposte e suggerimenti sull'utilizzo degli strumenti dispensativi e compensativi Generalità e recapito dello specialista Consegna della segnalazione alla famiglia

27 Presa in carico UONPIA Profilo neuropsicologico Presenza o meno di comorbilità Fase evolutiva del disturbo Contesto scolastico familiare sociale Vissuto personale riguardo al disturbo

28 Presa in carico UONPIA Tempestività ( sequele psicopatologiche e status clinico del disturbo ) Cooperazione ( proposte concordate ed omogenee ) Alfabetizzazione Automatizzazione delle competenze Strategie di studio

29 Screening e formazione Individuazione precoce di popolazioni a rischio (non è chiara la ricaduta di fattori di rischio quali difficoltà comunicativo-linguistiche, motorio- prassiche, uditive, visuo-spaziali, familiarità DSA ) Formazione su screening ed utilizzo di strumenti specifici

30 non sono d'accordo con chi pensa che si impari molto di più dalle sconfitte che dalle vittorie Tom Cruise


Scaricare ppt "DSA cornice istituzionale e percorsi clinico organizzativi Dr. Paolo Soli Direttore Incaricato NPIA Sassuolo 2 settembre 2009."

Presentazioni simili


Annunci Google