La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

Direttiva Ministeriale 27 dicembre 2012 Strumenti dintervento per alunni con bisogni educativi speciali e organizzazione territoriale per linclusione scolastica.

Presentazioni simili


Presentazione sul tema: "Direttiva Ministeriale 27 dicembre 2012 Strumenti dintervento per alunni con bisogni educativi speciali e organizzazione territoriale per linclusione scolastica."— Transcript della presentazione:

1 Direttiva Ministeriale 27 dicembre 2012 Strumenti dintervento per alunni con bisogni educativi speciali e organizzazione territoriale per linclusione scolastica Circolare Ministeriale n. 8 – 6 marzo 2013 Oggetto: Direttiva Ministeriale 27 dicembre 2012 Strumenti dintervento per alunni con Bisogni Educativi Speciali e organizzazione territoriale per linclusione scolastica Condivisione di pratiche organizzative e didattiche per linclusione scolastica degli alunni con Bisogni Educativi Speciali anno scolastico

2 Nota del MIUR 27 giugno 2013 Oggetto: Piano Annuale per lInclusività Direttiva 27 dicembre 2012 e C.M. n. 8/2013 Come noto, la C.M. n. 8 del 6 marzo 2013 prevede che il Gruppo di lavoro per linclusione di ciascuna istituzione scolastica elabori una proposta di Piano Annuale per lInclusività riferito a tutti gli alunni con BES, da redigere al termine di ogni anno scolastico. A tale scopo, il Gruppo procederà ad unanalisi delle criticità e dei punti di forza degli interventi di inclusione scolastica operati nellanno appena trascorso […]. Condivisione di pratiche organizzative e didattiche per linclusione scolastica degli alunni con Bisogni Educativi Speciali 2 I.I.S. PACINOTTI-ARCHIMEDE ROMA anno scolastico

3 CHI SONO GLI ALUNNI B.E.S? I BES sono tutti quelli alunni che presentano delle particolarità che impediscono il loro normale apprendimento e richiedono interventi individualizzati. In ogni caso, avere Bisogni Educativi Speciali non significa per forza avere una disabilità fisica o psicologica, ma anche semplicemente essere in una situazione particolarmente difficile. Per tanto, è doveroso e responsabile rispondere in modo serio e adeguato a questo problema che presentano alunni in tutte le scuole italiane. 3 Condivisione di pratiche organizzative e didattiche per linclusione scolastica degli alunni con Bisogni Educativi Speciali I.I.S. PACINOTTI-ARCHIMEDE ROMA anno scolastico

4 Sono alunni che presentano una richiesta di speciale attenzione per una varietà di ragioni: svantaggio socio-economico, culturale e linguistico (alunni stranieri) disturbi evolutivi specifici: deficit del linguaggio, abilità non verbali coordinazione motoria disturbo dello spettro autistico lieve attenzione e iperattività funzionamento intellettivo limite QI punti disturbi specifici dellapprendimento D.S.A. 4 Condivisione di pratiche organizzative e didattiche per linclusione scolastica degli alunni con Bisogni Educativi Speciali I.I.S. PACINOTTI-ARCHIMEDE ROMA anno scolastico CHI SONO GLI ALUNNI B.E.S?

5 Svantaggio socio-economico, culturale e linguistico (alunni stranieri) ogni alunno, con continuità o per determinati periodi, può manifestare bisogni educativi speciali per motivi: fisici, biologici, fisiologici o anche per motivi psicologici, sociali, rispetto ai quali è necessario che le scuole offrano adeguata e personalizzata risposta 5 Condivisione di pratiche organizzative e didattiche per linclusione scolastica degli alunni con Bisogni Educativi Speciali I.I.S. PACINOTTI-ARCHIMEDE ROMA anno scolastico Certificati dai consigli di classe con ben fondate considerazioni psicopedagogiche e didattiche o con certificazione esterna. Attivazione di percorsi personalizzati strumenti compensativi e misure dispensative, usufruiscono L. 170/2010 A carattere Transitorio P.D.P. firmato dal D.S. e dalla famiglia

6 disturbi evolutivi specifici: (alunni certificati L.104 di grado lieve) deficit del linguaggio abilità non verbali coordinazione motoria disturbo dello spettro autistico lieve attenzione e iperattività funzionamento intellettivo limite QI punti 6 Condivisione di pratiche organizzative e didattiche per linclusione scolastica degli alunni con Bisogni Educativi Speciali I.I.S. PACINOTTI-ARCHIMEDE ROMA anno scolastico Certificazioni Sanitarie Attivazione di percorsi personalizzati strumenti compensativi e misure dispensative, usufruiscono L. 170/2010 A carattere Permanente P.D.P. firmato dal D.S. e dalla famiglia

7 disturbi specifici dellapprendimento D.S.A. si fa riferimento al materiale disponibile sul sito della scuola su: attività per lintegrazione scolastica 7 Certificazioni Sanitarie Attivazione di percorsi personalizzati strumenti compensativi e misure dispensative, usufruiscono L. 170/2010 Referente DSA P.D.P. firmato dal D.S. e dalla famiglia Dislessia Discalculia Disgrafia Disortografia Condivisione di pratiche organizzative e didattiche per linclusione scolastica degli alunni con Bisogni Educativi Speciali I.I.S. PACINOTTI-ARCHIMEDE ROMA anno scolastico A carattere Permanente

8 8 Condivisione di pratiche organizzative e didattiche per linclusione scolastica degli alunni con Bisogni Educativi Speciali I.I.S. PACINOTTI-ARCHIMEDE ROMA anno scolastico P.A.I. Non è un documento solo per chi ha Bisogni Educativi Speciali, ma È uno strumento di progettazione della propria offerta formativa, ad integrazione del POF, per creare un piano di inclusione (contesto educante) dove realizzare concretamente la scuola per tutti e per ciascuno.

9 9 Condivisione di pratiche organizzative e didattiche per linclusione scolastica degli alunni con Bisogni Educativi Speciali I.I.S. PACINOTTI-ARCHIMEDE ROMA anno scolastico P.A.I. Si attiva gruppo di lavoro per linclusione denominato GLI Elabora entro il mese di giugno per lanno successivo il PAI piano annuale per linclusività. Si verifica e si modifica integrando annualmente lofferta PAI.

10 10 "Questi ragazzi nascono due volte. Devono imparare a muoversi in un mondo che la prima nascita ha reso più difficile. La seconda dipende da noi, da quello che sapremo dare. Ma alla fine anche per noi sarà una rinascita". Giuseppe Pontiggia, Nati due volte Condivisione di pratiche organizzative e didattiche per linclusione scolastica degli alunni con Bisogni Educativi Speciali I.I.S. PACINOTTI-ARCHIMEDE ROMA anno scolastico


Scaricare ppt "Direttiva Ministeriale 27 dicembre 2012 Strumenti dintervento per alunni con bisogni educativi speciali e organizzazione territoriale per linclusione scolastica."

Presentazioni simili


Annunci Google