La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

IL SOFTWARE ISIA Duca degli Abruzzi a.s. 2010/2011 prof. Antonella Schiavon.

Presentazioni simili


Presentazione sul tema: "IL SOFTWARE ISIA Duca degli Abruzzi a.s. 2010/2011 prof. Antonella Schiavon."— Transcript della presentazione:

1 IL SOFTWARE ISIA Duca degli Abruzzi a.s. 2010/2011 prof. Antonella Schiavon

2 Il software gennaio 2011prof. Antonella Schiavon2 Il software è l’insieme dei programmi che permettono di gestire ed utilizzare un sistema di elaborazione

3 Il software gennaio 2011prof. Antonella Schiavon3 Il software comprende (da pag. 25) Software di base: Sistema Operativo Utility: aggiungono funzionalità al S.O. Ambienti di programmazione Software applicativo: Programmi applicativi Tools (pacchetti OPT = Office Productivity Tools)

4 Il software gennaio 2011prof. Antonella Schiavon4 Il Sistema Operativo (pag 29, 48 – 52) È l’insieme dei programmi che consentono di gestire tutte le risorse hardware e software di un sistema di elaborazione Il S.O. può essere integrato con altri moduli che ne completano le funzionalità; ad es. i driver, installati quando una nuova periferica viene connessa al computer

5 Il software gennaio 2011prof. Antonella Schiavon5 Il Sistema Operativo (pag 29, 48 – 52, 55) Costituisce un’interfaccia tra l’utente finale ed il sistema di elaborazione. Esso offre una interfaccia grafica (ad es. Windows, Linux, …) interfaccia testuale (ad es. DOS, Unix, …) Un S.O. può essere Multi-tasking: più programmi eseguiti contemporaneamente (es. Windows, Linux; DOS non è multi-tasking) Multi-utente: più utenti usano contemporaneamente lo stesso computer

6 Il software gennaio 2011prof. Antonella Schiavon6 S.O.: il modello onion skin kernel utenti Kernel (nucleo): caricato nella RAM durante l’inizializzazione del computer e gestisce i processi eseguiti dalla CPU File system: si occupa della gestione dei file registrati nelle memorie di massa Interprete dei comandi: si occupa di risolvere la comunicazione dell’utente (comandi) con l’elaboratore

7 Il software gennaio 2011prof. Antonella Schiavon7 La realizzazione del software (da pag. 27) linguaggio di programmazione Un prodotto software è realizzato attraverso una procedura di analisi, progettazione ed infine scrittura in un linguaggio di programmazione Ambienti di sviluppo: utilizzati dai programmatori per realizzare e testare nuovo software

8 Il software gennaio 2011prof. Antonella Schiavon8 Ambiente di sviluppo Comprende tutto il sw necessario alla realizzazione di nuovo sw Compilatore: in genere analizza e traduce il linguaggio sorgente di un programma in linguaggio oggetto Linker: rende eseguibile il programma scritto in linguaggio oggetto Interprete: in genere, traduce ed esegue un programma sorgente Ambienti IDE: programmi che integrano le funzionalità necessarie per realizzare nuovo sw (editor, collegamenti a compilatore, interpreti, …)

9 Il software gennaio 2011prof. Antonella Schiavon9 Classificazione del sw Software di base Sistema operativo - Utility Ambienti di programmazione Software applicativo (pag 26) Orientati alla soluzione di problemi specifici Sw per la gestione aziendale Giochi Pacchetti di office automation … altro …

10 Il software gennaio 2011prof. Antonella Schiavon10 Classificazione del sw Software libero (open source) Ognuno ha la libertà di uso, copia, modifica e distribuzione, gratis o a pagamento Il codice sorgente è reso disponibile Può essere soggetto a copyright, allo scopo di tutelare le libertà degli utenti Può essere privo di copyright (copyleft), cioè senza permesso d’autore, ciò significa che può essere ridistribuito e non essere più libero

11 Il software gennaio 2011prof. Antonella Schiavon11 Classificazione del sw Software proprietario: è proibita la sua ridistribuzione o la modifica Freeware: sw che può essere ridistribuito, ma non modificato Shareware: è sw ridistribuito, ma ha delle limitazioni, che riguardano il periodo di utilizzo o le funzionalità disponibili; per poter utilizzarlo in modo completo, è necessario acquistarne la licenza d’uso Sw commerciale: sviluppato allo scopo di realizzarne un guadagno; esiste sw proprietario commerciale e sw libero commerciale

12 Il software gennaio 2011prof. Antonella Schiavon12 Il bootstrap (pag 49) Accensione del sistema di elaborazione Fisica: alimentazione elettrica delle componenti hardware Logica: inizializzazione del sistema

13 Il software gennaio 2011prof. Antonella Schiavon13 Il bootstrap – Inizializzazione (pag 49) La CPU carica da una ROM il firmware della scheda madre detto BIOS (= Basic Input/Output System), cioè un insieme di istruzioni che: inizializzano tutte le periferiche del sistema effettuano la diagnostica delle risorse del sistema caricano il Master Boot Record (=MBR, settore localizzato nei primi 512 byte dell’HD), che contiene anche il boot loader, programma dedicato al caricamento del kernel del S.O. nella RAM Multiboot: possibilità di caricare più di un S.O. nello stesso computer

14 Il software gennaio 2011prof. Antonella Schiavon14 Un S.O.: Windows (da pag 60) Interfaccia grafica Desktop con icone, cioè immagini che rappresentano collegamenti, programmi, file, cartelle, … Uso del mouse Uso delle finestre

15 Il software gennaio 2011prof. Antonella Schiavon15 Uso di Windows Riconoscimento delle caratteristiche del sistema di elaborazione (pag 69) Le risorse del computer (pag ) I drive Le cartelle I file


Scaricare ppt "IL SOFTWARE ISIA Duca degli Abruzzi a.s. 2010/2011 prof. Antonella Schiavon."

Presentazioni simili


Annunci Google