La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

Martedì 29. 05. 2012 VARSAVIA IL RUOLO DEI MERCATI ALLINGROSSO IN ITALIA Luciano Trentini- Responsabile relazioni esterne ed europee di CSO (Centro servizi.

Presentazioni simili


Presentazione sul tema: "Martedì 29. 05. 2012 VARSAVIA IL RUOLO DEI MERCATI ALLINGROSSO IN ITALIA Luciano Trentini- Responsabile relazioni esterne ed europee di CSO (Centro servizi."— Transcript della presentazione:

1 Martedì VARSAVIA IL RUOLO DEI MERCATI ALLINGROSSO IN ITALIA Luciano Trentini- Responsabile relazioni esterne ed europee di CSO (Centro servizi Ortofrutticoli)

2 La produzione di Ortofrutta nella UE (27) % SUL TOTALE PER PRINCIPALE PAESE Fonte: elaborazioni CSO su dati FAO ITALIA 26% 26% SPAGNA 25% 25% FRANCIA 10% 10% POLONIA 6% 6% GRECIA GERMANIA 5% 5%

3 Fonte: elaborazioni CSO su dati FAO UE 27 EXPORT DI FRUTTA E ORTAGGI LUE27 negli ultimi 10 anni, ha esportato 18.7 milioni di tonn. de ortaggi et 18.9 millioni di tonnellate di frutta (media ). Il confrono fra lanno 2000 e l'anno 2010 mostra un aumento delle esportazioni. Il 32% pour la frutta e il 26% per gli ortaggi

4 Fonte: elaborazioni CSO su dati Europech/CSO La produzione italiana ortofrutticola si aggira mediamente su poco meno di 36 milioni di tonnellate Si tratta di circa 18 milioni di t. frutta, oltre 14 milioni di ortaggi e 4 milioni di agrumi Italia PRODUZIONE DI ORTOFRUTTA

5 Fonte: elaborazioni CSO su dati Europech/CSO ITALIA 43% 43% SPAGNA 30% 30% GRECIA 18% 18% FRANCIA 9% 9% LItalia è leader europeo per diversi prodotti ortofrutticoli: PESCHE & NETTARINE

6 Fonte: elaborazioni CSO su dati Prognosfruit /CSO PERE ITALIA 35% 35% SPAGNA 18% 18% BELGIO 12% 12% OLANDA

7 KIWI Fonte: elaborazioni CSO su dati IKO/CSO ITALIA oltre il 70% oltre il 70% GRECIA 14% 14% FRANCIA 11% 11%

8 MELE Fonte: elaborazioni CSO su dati Prognosfruit POLONIA 25% 25% ITALIA oltre 20% FRANCIA 16% 16% GERMANIA 9-10% 9-10%

9 POMODORI da industria e da mensa Fonte: elaborazioni CSO su dati Eurostat ITALIA 37% 37% SPAGNA27% GRECIA 9 % PORTOGALLO

10 LATTUGHE Fonte: elaborazioni CSO su dati Eurostat SPAGNA 36% 36% ITALIA22% FRANCIA 14 %

11 MELONI Fonte: elaborazioni CSO su dati Eurostat SPAGNA 44% 44% ITALIA32% FRANCIA 15 %

12 CAROTE Fonte: elaborazioni CSO su dati Eurostat POLONIA 16% 16% UK16% ITALIA 12 % GERMANIA E FRANCIA 11 % OLANDA10%

13 PATATE Fonte: elaborazioni CSO su dati Eurostat POLONIA 15% 15% UK11% ITALIA 3 % GERMANIA 18% FRANCIA 12 % OLANDA12%

14 INDIVIA E RADICCHI Fonte: elaborazioni CSO su dati Eurostat FRANCIA 63% 63% ITALIA28%

15 Fonte: elaborazioni CSO su dati INEA La PLV ortofrutticola italiana nel 2012 è stata di pari al 32% della PLV agricola italiana Sicilia15% Sicilia15% PUGLIA 12% E. ROMAGNA 12% CAMPANIA 12% LAZIO 9% LAZIO 9% TOSCANA 7% VENETO 7% TRENTINO A.A. 4% PIEMONTE 4% Le regioni produttrici più importanti:

16 LITALIA PRODUCE MOLTO, MA ANCHE BENE... LITALIA È PRIMA IN EUROPA PER PRODOTTI TIPICI DOP E IGP. 229 sono quelli che hanno ottenuto il marchio I prodotti tipici DOP e IGP d'Italia più frequentemente riconosciuti sono gli ortofrutticoli. Su 143 DOP, 32 riguardano prodotti ortofrutticoli e su 86 IGP, 62 sono relative a prodotti ortofrutticoli Nel 2010 La superficie interessata, in conversione o interamente convertita ad agricoltura biologica, risulta pari a: ORTAGGI – ettari (compreso patate e olive da tavola) FRUTTA – ettari (compresa frutta a guscio) AGRUMI – ettari ORTOFRUTTA TOTALE ettari Si stima che la produzione Integrata interessi attualmente circa 1 milione di ettari. Nellambito della frutta la produzione integrata interessa il 77% del totale, per gli agrumi il 70% e per gli ortaggi il 75% Nellambito dellortofrutta la Produzione Integrata sembra così raggiungere il 75% del totale

17 Italia LE ESPORTAZIONI DI FRUTTA Source: élaborations CSO sur la base de données EUROSTAT Le esportazioni italiane verso lEuropa sono stagnanti. Si debbono ricercare nuovi mercati Cina Giappone, Korea e nuove collaborazioni con i nuovi paesi della UE (importiamo di più rispetto a quanto esportiamo) ed extra Ue (America del sud e del Nord.

18 Italia I MODELLI DISTRIBUTIVI DEL SETTORE ORTOFRUTTICOLO SONO CARATTERIZZATI DA: - FORTE SEGMENTAZIONE DEL MERCATO E DEI CLIENTI - POLITICHE DI ACQUISTO DEI GRANDI DISTRIBUTORI, CENTRALIZZATE E GOVERNATE - UNICA SEDE DIREZIONALE, PER VASTE AREE DI INTERVENTO

19 Italia I CANALI DI ACQUISTO PER IL SETTORE ORTOFRUTTICOLO GLI ACQUISTI OGGI : - MERCATI ALLINGROSSO 45 % - ALTRE FORME 5%; - G.D.O 50 % ( 65 % al Nord Italia 35 % al sud)

20 Italia QUALI GLI ASPETTI CHIAVE PER IL FUTURO DEL SETTORE ORTOFRUTTICOLO ? - Qualità del servizio (confezionamento, continuità di fornitura, puntualità nelle consegne, rintracciabilità) - Logistica (puntualità nelle consegne, garanzia del freddo ecc.) - Etica ( personale regolarmente assunto, età adeguata ecc.) - Qualità del prodotto (sicurezza alimmentare, caratteristiche nutrizionale e organolettiche, tracciabilità. - Innovazione di prodotto e di processo (nuovi varietà, nuove tecniche produttive,nuovi materiali per il confezionamento).

21 Italia: I punti di forza dei mercati ortofrutticoli 1)Capacità di completare la gamma della merce in vendita attraverso la concentrazione dellofferta; 2) Collegamento diretto fra produzione e distribuzione finale attraverso una rapida movimentazione del prodotto deperibile 3) Riferimento per i produttori vista la funzione nella formulazione del prezzo 4) Volumi trattati importanti 5) Innovazione di prodotto e di processo (nuovi varietà, nuove tecniche produttive,nuovi materiali per il confezionamento).

22 Italia: I MERCATI ORTOFRUTTICOLI ALLA PRODUZIONE Esempio: Mercato di Vittoria - RG ( t.) Mercato di Fondi - LT ( di t.) Mercato di Villafranca - VR ( t.)

23 Italia IL COMMERCIO NEI MERCATI ORTOFRUTTICOLI TERMINALI Esempio: Mercato di Palermo ( t.) Mercato di Roma ( t.) Mercato di Firenze ( t.) Mercato di Treviso ( t.)

24 Italia IL COMMERCIO NEI MERCATI ORTOFRUTTICOLI DI RIDISTRIBUZIONE Source: élaborations CSO sur la base de données EUROSTAT Esempio: Mercato di Catania ( t.) Mercato di Bologna ( t.) Mercato di Verona ( t.)

25 Italia IL COMMERCIO NEI MERCATI ORTOFRUTTICOLI Source: élaborations CSO sur la base de données EUROSTAT

26 Italia IL COMMERCIO NEI MERCATI ORTOFRUTTICOLI

27 Italia Le altre forme commerciali : IL COMMERCIO NELLE PIATTAFORME DASTA Esempio: Coferasta di Ferrara AstafruttAltedo Asta di Vignola Aste private a chiamata

28 Italia Le altre forme commerciali: IL COMMERCIO NELLE PIATTAFORME DELLE OP E AOP - ORGANIZZAZIONI DEI PRODUTTORI- OP APOFRUIT ( SOLARELLI) OP APOCONERPO (VALFRUTTA FRESCO) OP AFE (GRUPPO SALVI) AOP APOT (GRUPPO MELINDA MARLENE, LA TRENTINA, FROM) OP GRANFRUTTA ZANI OP CICO ( GRUPPO MAZZONI )

29 Italia Come dovranno essere i mercati allingrosso di domani? - Grandi - Organizzati - Polivalenti - Con imprenditori avanzati - Fornitori di servizi innovativi - Rispettosi dellambiente

30 Italia Il Mercato non è solo commercio tradizionale ma è anche servizi Per la logistica degli ortofrutticoli freschi destinati al : - mercato interno - mercato estero trasformazione dei prodotti ortofrutticoli di IV gamma e freschi

31 Ma lItalia Non è solo mercato ma è anche servizi Per il miglioramento della qualità del prodotto in fase di lavorazione, prima del confezionamento Piattaforma per la selezione e la calibratura dei prodotti freschi

32 Ma lItalia Non è solo commercializzazione ma è anche servizi - Per il miglioramento della qualità nella lavorazione in fase di calibratura e confezionamento e di piking dei prodotti

33 NE POSSIAMO PARLARE A CESENA MACFRUT 2012 Grazie per lattenzione


Scaricare ppt "Martedì 29. 05. 2012 VARSAVIA IL RUOLO DEI MERCATI ALLINGROSSO IN ITALIA Luciano Trentini- Responsabile relazioni esterne ed europee di CSO (Centro servizi."

Presentazioni simili


Annunci Google