La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

1 Nuove frontiere della medicina trasfusionale: il contributo Avis Le nuove tecnologie per la sicurezza trasfusionale Davide Rossi Varese 26 marzo 2011.

Presentazioni simili


Presentazione sul tema: "1 Nuove frontiere della medicina trasfusionale: il contributo Avis Le nuove tecnologie per la sicurezza trasfusionale Davide Rossi Varese 26 marzo 2011."— Transcript della presentazione:

1 1 Nuove frontiere della medicina trasfusionale: il contributo Avis Le nuove tecnologie per la sicurezza trasfusionale Davide Rossi Varese 26 marzo 2011

2 2 Tecnologia RFId: dal donatore al paziente Rintracciabilità

3 3 Caratteristiche tag RFId Tag passivi ISO ,56 Mhz, HF Memoria da 2 Kbit

4 4 Lidentificazione univoca del donatore (fondamentale nei casi di autodonazione) al momento dellaccettazione mediante carta regionale dei servizi; La stampa di etichette contenenti: il CF del donatore (se non munito di tessera sanitaria), il CDM della sacca (RFId), tutti i codici delle provette associate alla donazione. Procedura La gestione dellintero processo trasfusionale prevede:

5 5 La lettura sulla bilancia delletichetta RFId e riconferma mediante lettura con codice a barre di tutti i codici attribuiti alla donazione (CF, CDM, Cart_Alt provette); Procedura La gestione dellintero processo trasfusionale prevede: Se tutti i codici sono congruenti si dà il via alla donazione Questa procedura permette di attribuire con sicurezza il contenuto delle sacche e DELLE PROVETTE al donatore prescelto !!!

6 6 Il riconoscimento univoco da parte degli scompositori degli emocomponenti attraverso il tag RFId; Il recupero delle informazioni relative alla procedura di donazione dal gestionale (tempo, peso, eventuali segnalazioni); Il recupero delle informazioni cliniche relative agli indici emocromocitometrici dallo strumento; Controllo del frazionamento mediante verifica della qualità degli emocomponenti ottenibili in funzione dei dati di prelievo ed emocromocitometrici; Procedura La gestione dellintero processo trasfusionale prevede: Questa procedura permette di creare unità che rispettino gli standard di qualità previsti per lemocomponente prescelto !!!

7 7

8 8 PROVA

9 9

10 10

11 11 Pazienti non tipizzati ???

12 12

13 13 Il secondo campione deve provenire da un prelievo differente rispetto al primo NON SI DEVONO RIEMPIRE DUE PROVETTE CON LO STESSO PRELIEVO

14 14 Il Sistema FULLTRACE

15 15 server server software software palmare/culla palmare/culla Principali elementi del sistema

16 16 Codice operatore Codice paziente Codice campione CODICI UNIVOCI CHE ASSUMONO SIGNIFICATO NEL MOMENTO IN CUI SONO CORRELATI TRA LORO Codice sacca Principali elementi del sistema

17 17 CODICI UNIVOCI CHE ASSUMONO SIGNIFICATO NEL MOMENTO IN CUI SONO CORRELATI TRA LORO Principali elementi del sistema menu display 1 - Richiesta sangue 2 - Inizio trasfusione 3 - Fine trasfusione 4 - Reazioni 5 - Verifica sacca 6 - Sacche assegnate 1 - Verifica prelievo 2 - Inizio trasfusione 3 - Fine trasfusione 4 - Verifica sacca

18 18 Integrazione con EmonetWeb (richiesta trasfusionale informatica) Attività iniziata a settembre 2010 Ambulatorio del SIMT Gestite : 357 richieste sacche FULL TRACE SIMT VARESE Attività con FullTrace

19 19 IN REPARTO 2 - Richiesta trasfusione (le domande compaiono in sequenza dopo ogni risposta) selezione attività identificazione operatore lettura braccialetto lettura campione

20 20 IN REPARTO 2 - Richiesta trasfusione selezione attività Richiesta sangue 2 - Inizio trasfusione 3 - Fine trasfusione 4 - Reazioni 5 - Verifica sacca 6 - Sacche assegnate 1 - Richiesta sangue 1 - Verifica prelievo 2 - Inizio trasfusione 3 - Fine trasfusione 4 - Verifica sacca 1 - Verifica prelievo

21 21 SIMT CANGEMI Adelio IN REPARTO 2 - Richiesta trasfusione identificazione operatore (barcode o RFId) 2

22 22 IN REPARTO 2 - Richiesta trasfusione lettura braccialetto (barcode o RFId) identificazione univoca del paziente che accede al Pronto Soccorso/Accettazione o ai reparti di degenza 3

23 23 IN REPARTO 2 - Richiesta trasfusione lettura campione 4

24 24

25 25

26 26

27 27 AL SIMT assegnazione Codice sacca Ricevente Tempo di trasfondibilità

28 28 Inizio trasfusione (le domande compaiono in sequenza dopo ogni risposta) selezione attività identificazione operatore 1 (barcode o RFId) identificazione operatore 2 (barcode o RFId) lettura braccialetto (barcode o RFId) lettura CDM sacca (barcode su etichetta sacca o RFId) lettura emocomponente (barcode su etichetta sacca o RFId) Se la sacca è dotata di tag RFId (ns caso) le ultime due letture si riducono a una IN REPARTO

29 29 Inizio trasfusione selezione attività 1 IN REPARTO 1 - Richiesta sangue 2 - Inizio trasfusione 3 - Fine trasfusione 4 - Reazioni 5 - Verifica sacca 6 - Sacche assegnate 1 - Verifica prelievo 2 - Inizio trasfusione 3 - Fine trasfusione 4 - Verifica sacca 2 - Inizio trasfusione

30 30 Inizio trasfusione identificazione operatore 1 (barcode o RFId) 2 IN REPARTO SIMT ROSSI Davide 02320

31 31 Inizio trasfusione identificazione operatore 2 (barcode o RFId) 3 IN REPARTO SIMT CANGEMI Adelio 04074

32 32 Inizio trasfusione lettura barcode o RFId braccialetto 4 IN REPARTO

33 33 Inizio trasfusione lettura CDM sacca (barcode su etichetta sacca o RFId) lettura emocomponente (barcode su etichetta sacca o RFId) 6 IN REPARTO 5

34 34 Inizio trasfusione Dopo aver completato le letture con il palmare, se vi è congruità, sul display compare il seguente messaggio IN REPARTO

35 35 Inizio trasfusione Dopo aver completato le letture con il palmare, se NON vi è congruità, sul display compare uno dei seguenti messaggi IN REPARTO

36 36 Fine trasfusione (le domande compaiono in sequenza dopo ogni risposta) selezione attività identificazione operatore (barcode o RFId) lettura CDM sacca (barcode su etichetta sacca o RFId) IN REPARTO

37 37 Fine trasfusione selezione attività 1 IN REPARTO 1 - Richiesta sangue 2 - Inizio trasfusione 3 - Fine trasfusione 4 - Reazioni 5 - Verifica sacca 6 - Sacche assegnate 1 - Verifica prelievo 2 - Inizio trasfusione 3 - Fine trasfusione 4 - Verifica sacca 3 - Fine trasfusione

38 38 Fine trasfusione identificazione operatore (barcode o RFId) 2 IN REPARTO SIMT CANGEMI Adelio 04074

39 39 Fine trasfusione lettura CDM sacca (barcode su etichetta sacca o RFId) 3 IN REPARTO

40 40 AL SIMT Al termine della trasfusione vengono inviati in tempo reale: linizio della trasfusione, la fine della trasfusione, la durata della trasfusione.

41 41

42 42

43 43 Il palmare offre due funzioni aggiuntive, oltre a quelle già viste in precedenza : 1 - verifica sacca : selezionando questa voce, il palmare permette di verificare i dati anagrafici del paziente cui è destinata, semplicemente leggendo il CDM 2 - sacche assegnate : selezionando questa voce, il palmare permette di verificare la presenza, al Centro Trasfusionale, di sacche assegnate e per quale paziente. Questultima funzione non serve se è presente la gestione informatica della richiesta trasfusionale (EmonetWeb o altro software). FULL TRACE

44 44 FULL TRACE

45 45 FULL TRACE

46 46 FULL TRACE

47 47 FULL TRACE

48 48 FULL TRACE

49 49 Semplice Reparto – pochi passaggi SIMT – attività pressochè invariata Sicuro Tracciabilità totale di tutte le attività FULL TRACE Riepilogo caratteristiche principali del sistema FullTrace

50 50

51 51

52 52 Il varco A favore Lettura istantanea e contemporanea di un elevato numero di Tag (50) Acquisizione dal Tag di tutte le informazioni Pesatura Controllo della temperatura Contro Possibili conflitti in lettura per Tag troppo vicini (< 10 mm): il Tag non viene letto Deve lavorare con interfacciamento al gestionale per gestire le incongruità Controllo puntuale (antenna) di ogni singolo Tag in caso di mancata lettura


Scaricare ppt "1 Nuove frontiere della medicina trasfusionale: il contributo Avis Le nuove tecnologie per la sicurezza trasfusionale Davide Rossi Varese 26 marzo 2011."

Presentazioni simili


Annunci Google