La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

DALLE MADRI ALLA MADRE a cura di: Antonella Anghinoni e Silvia Franceschini © Silvia Franceschini, 2010 Rebecca: il desiderio da dissetare.

Presentazioni simili


Presentazione sul tema: "DALLE MADRI ALLA MADRE a cura di: Antonella Anghinoni e Silvia Franceschini © Silvia Franceschini, 2010 Rebecca: il desiderio da dissetare."— Transcript della presentazione:

1 DALLE MADRI ALLA MADRE a cura di: Antonella Anghinoni e Silvia Franceschini © Silvia Franceschini, 2010 Rebecca: il desiderio da dissetare

2 Rebecca: amore e generosità Il nome רבקה significa: laccio, corda, legame, finimento per legare più animali insieme, mangiatoia e in senso figurato anche che avvince con la sua bellezza Pronipote di Abramo, figlia di Betuel, sorella di Labano e nipote di secondo grado di Isacco (Gen 22,20-23) Moglie di Isacco (Gen 24,67) Rebecca è molto bella, vergine, e non aveva conosciuto uomo (Gen 24,16; Gen 26,7) Rebecca è altruista, generosa, ospitale e sincera nelle risposte; si rivela poi coraggiosa nellaffrontare lincognita di un matrimonio con uno sconosciuto (Gen 24) Intuitiva. Sostituisce gli occhi del marito cieco e vede il futuro con chiarezza

3 1912, Aubain, Rebecca, Londra, Art Renewal Center

4 Il vero protagonista Il viaggio del servo è raccontato con maestria, infatti lautore ricorre a procedimenti letterari diversi. Ne annoveriamo alcuni fra i più importanti quali ad esempio: - la ripetizione per 17 volte della parola cammelli dallinizio alla fine del racconto - Sara fa da inclusione allinizio e alla fine - il servo di Abramo invoca il Signore tre volte: 24,12-14; 27; 56 - Il servo, poi si prostra a Dio per tre volte: v. 26; 48; 52 - Il ruolo di Rebecca è decisivo, fin dallinizio lesito del viaggio è descritto come incerto, Abramo mette in conto il fallimento della missione. I racconti dei patriarchi mettono in gioco delle libertà e rispettano la scelta di ciascuno, a cominciare da quella di Rebecca - Il protagonista vero risulta così essere Dio che invocato, guida la storia per realizzare le sue promesse

5 XIV sec., Abramo invia il servo Eliezer, incontro tra Eliezer e Rebecca, miniatura dal Manoscritto coll. Richelieu n.159, Parigi, Bibliothèque National de France

6 Una moglie per Isacco … Quando/E Abramo fu vecchio, arrivò nei giorni, e YHWH benedisse Abramo in tutto. E disse Abramo al suo servo, il più vecchio della sua casa, il governante in tutto ciò che (è) a lui: orsù poni la tua mano sotto la mia coscia/sesso, e ti farò giurare per YHWH, Dio dei cieli e Dio della terra, che non prenderai a mio figlio per moglie (iššâ) tra le figlie del Cananeo, che io abitante in mezzo a lui, perché nella mia terra e nella mia patria andrai e prenderai moglie (iššâ) per mio figlio, per Isacco. E il servo disse a lui: se non accetterà la donna (hāiššâ) andare dopo di me in questa terra, forse (ûlay) (ritornare) farò ritornare tuo figlio alla terra che uscisti da là? E Abramo disse a lui: guardati affinché tu non faccia ritornare mio figlio là! YHWH Dio dei cieli che mi prese dalla casa di mio padre e dalla terra della mia patria e che mi parlò e che mi giurò dicendo: alla tua stirpe darò questa terra, lui stesso invierà il suo angelo davanti a te, e prenderai moglie (iššâ) per mio figlio da là. E se non accetterà la donna (hāiššâ) andare dopo di te sarai libero da questo mio giuramento. Solamente non farai ritornare mio figlio là. E il servo pose la sua mano sotto la coscia/sesso di Abramo, suo signore, e gli giurò su questa cosa … (Gen 24, 1-9)

7 2008, Lorella Cecchini, Rebecca, coll. priv.

8 Rebecca: un tramonto, unanfora … E il servo prese dieci cammelli dai cammelli del suo signore e andò e ogni bene del suo signore era nella sua mano. E si alzò e andò verso Aram dei due fiumi, verso la città di NāHôr. E fece inginocchiare i cammelli fuori dalla città, al pozzo (delle acque), al tempo della sera, al tempo in cui escono le attingenti. E disse: YHWH, Dio del mio signore Abramo, orsù fa fortuna oggi davanti a me e fa lealtà (Hesed) con il mio signore Abramo! Ecco io stante presso la fonte delle acque, mentre le figlie degli uomini (benôt anešê) della città uscenti per attingere le acque. E sarà la ragazza (hannaărā) alla quale dirò: inclina la tua anfora e berrò, e che dirà: bevi, anche ai tuoi cammelli farò bere, sia quella che hai deciso per il tuo servo, per Isacco. E in questo conoscerò che hai fatto lealtà (Hesed) con il mio signore…(Gen 24, 10-14)

9 1999, Ratner Phillip, Rebecca, Bethesda, Dennis and Phillip Ratner Museum

10 Rebecca: colei che disseta … E avvenne che prima che avesse terminato di parlare: quandecco Rebecca (Ribqâ) uscente, che fu partorita a Betuel figlio di Milca, moglie di Nacor, fratello di Abramo, con la sua anfora sulla sua spalla. La ragazza (hannaărā) di buona visione molto, vergine, non aveva conosciuto uomo. E scese alla fonte e riempì la sua anfora e risalì. Il servo allora le corse incontro e disse: orsù fammi bere un po dacqua dalla tua anfora. Disse: bevi mio signore. E si affrettò e fece scendere la sua anfora sulla sua mano e lo fece bere. E terminò di far bere lui e disse: anche per i tuoi cammelli attingerò fino a quando termineranno di bere. E si affrettò e svuotò la sua anfora nellabbeveratoio e corse ancora al pozzo per attingere e attinse per tutti i cammelli di lui. E luomo era ammirante lei tacente, per conoscere se YHWH fece riuscire il suo viaggio (o) se no … (Gen 24, 15-21)

11 1650, Murillo, Lincontro di Eliezer e Rebecca al pozzo, Madrid, Prado

12 Rebecca: gioiello lucente … e quando i cammelli terminarono di bere, luomo prese lanello doro del peso di mezzo siclo e glielo pose alle narici e gli pose sulle braccia due braccialetti del peso di dieci sicli doro … (Gen 24,22) Solo a questo punto Eliezer si preoccupa delle sue origini, le chiede informazioni sulla famiglia e i parenti, la ragazza risponde in modo veritiero e conciso, forse perché quei gioielli addosso la attraggono e la luce delloro le provoca una strana emozione, così corre ad annunciare larrivo dello straniero, mostrando orgogliosa le braccia ornate e il viso abbellito

13 1740, Piazzetta, Rebecca ed Eliezer al pozzo, Milano, Brera

14 Rebecca: figlia di Betuel … E disse: Di chi (sei) figlia tu? (bat) Orsù raccontamelo. Forse nella casa di tuo padre (cè) luogo per noi per pernottare? Gli disse: Io (sono) figlia (bat) di Betuel, il figlio di Milca che partorì a Nacor. E disse a lui: (cè) anche molta paglia e anche foraggio da noi, e anche un luogo per passare la notte. E luomo si inginocchiò e si prostrò a YHWH e disse: Benedetto YHWH, Dio del mio signore Abramo che non lasciò la sua lealtà (Hesed) e la sua fedeltà (emet) dal mio signore. Quanto a me, YHWH mi ha guidato sulla via fino alla casa dei fratelli del mio signore. E la ragazza (hannaărā) corse e raccontò alla casa di sua madre tutte queste cose. E a Rebecca (era) un fratello di nome Labano e Labano corse verso (el) luomo verso fuori verso (el) la fonte. E avvenne che nel vedere lanello e i braccialetti sulle mani di sua sorella e nellascoltare le parole di Rebecca, sua sorella: così mi ha parlato quelluomo, e venne alluomo, ed ecco stante presso (al) i cammelli presso (al) la fonte. E disse: vieni benedetto da YHWH! Perché stai fuori mentre io ho preparato la casa e un luogo per i cammelli? E luomo entrò in casa e scaricò i cammelli e diede paglia e foraggio ai cammelli e acque per lavare i suoi piedi e i piedi degli uomini che (erano) con lui. E gli fu posto davanti da mangiare e disse: non mangerò fino a che non parli le mie parole. E disse: parla … (Gen 24, 23-33)

15 1700 ca., Solimena, Rebecca ed Eliezer al pozzo, Venezia, Gallerie dellAccademia

16 Rebecca: dialogo per un matrimonio … E disse: io (sono) un servo di Abramo, YHWH ha benedetto molto il mio signore, e fu grande, gli ha dato gregge e mandria, oro e argento, servi e serve, cammelli e asini. Sara (Śārâ), moglie (ēšet) del mio signore ha partorito un figlio al mio signore, dopo la vecchiaia di lei, al quale egli ha dato tutto ciò che è a lui. E il mio padrone mi ha fatto giurare: non prenderai per mio figlio una moglie (iššâ) tra le figlie del Cananeo, che io abito nella terra di lui, piuttosto andrai alla casa di mio padre, alla mia famiglia, e prenderai moglie (iššâ) per mio figlio. Io dissi al mio signore: forse la donna (hāiššâ) non andrà dietro di me. E mi disse: YHWH che cammino davanti a Lui invierà il suo angelo con te e farà riuscire la tua strada, e prenderai moglie (iššâ) per mio figlio dalla mia famiglia e dalla casa di mio padre. Sarai sciolto solamente dalla mia maledizione quando andrai dalla mia famiglia. E se non volessero dartela, sarai sciolto dalla mia maledizione. E oggi sono arrivato alla fonte e ho detto: YHWH, Dio del mio signore Abramo, se tu mi fai riuscire in questa via nella quale sto andando, ecco, io sto presso la fonte delle acque, e sarà la fanciulla (hāalmâ) che uscirà ad attingere, alla quale dirò: orsù fammi bere un poco dacqua dalla tua anfora, e mi dirà: bevi anche tu, e anche per i tuoi cammelli attingerò, quella sarà la moglie (hāiššâ) che YHWH decise per il figlio del mio signore. Io non avevo ancora terminato di dire al mio cuore, ed ecco Rebecca uscire con la sua anfora sulla sua spalla, e scese alla fonte e attinse, io allora le dissi: fammi bere orsù … (Gen 24, 34-45)

17 1648, Poussin, Rebecca ed Eliezer al pozzo, Parigi, Louvre

18 Doni per Rebecca … E si affrettò e fece scendere la sua anfora da lei e disse: bevi, anche ai tuoi cammelli farò bere. E io bevvi e fece bere anche ai cammelli. E chiesi a lei e dissi: di chi (sei) tu figlia? E disse: (sono) figlia di Betuel, figlio di Nacor che gli partorì Milca. E posi lanello sul suo naso/narici (ap) e i braccialetti sulle sue mani/braccia (yad). E mi inginocchiai (qdd e inclinarsi) e mi prostrai a YHWH e benedissi YHWH Dio del mio signore Abramo che mi guidò nel viaggio (di) fedeltà/sicurezza (ĕmet) per prendere la figlia del fratello del mio signore per suo figlio. E adesso, se voi fate lealtà e fedeltà verso il mio signore, raccontatemi, e se no, raccontatemi, e mi volgerò a destra o a sinistra. E rispose Labano e Betuel e dissero: da YHWH uscì la cosa, non potremo parlare a te male o bene Ecco Rebecca davanti a te: prendi e và e sia moglie per il figlio del tuo signore, come parlò YHWH. E fu come ascoltò il servo di Abramo le loro parole, si prostrò a terra a YHWH. E fece uscire il servo oggetti di argento e oggetti doro e vesti e li diede a Rebecca, e preziosità diede a suo fratello e a sua madre. E mangiarono e bevvero lui e gli uomini che erano con lui e pernottarono. E si alzarono al mattino e disse: inviatemi al mio signore. E disse suo fratello e sua madre: resti la ragazza con noi dei giorni, una decina, dopo andrai … (Gen 24, 46-55)

19 1670, Loth, Lincontro di Eliezer e Rebecca al pozzo, San Pietroburgo, Museo dellHermitage

20 La scelta di Rebecca … E disse a loro: non ritardatemi, e YHWH fece riuscire il mio viaggio. Inviatemi, e andrò dal mio signore!. E dissero: chiamiamo la ragazza e chiediamo a lei. E chiamarono Rebecca e le dissero: andrai con questo uomo?. E disse: andrò. E inviarono Rebecca la loro sorella e la sua nutrice e il servo di Abramo con i suoi uomini. E benedissero Rebecca e le dissero: tu sorella nostra diventa migliaia di moltitudine e la tua stirpe si impadronisca della porta dei suoi nemici!. E Rebecca si alzò e le sue ragazze, e cavalcarono sui cammelli e andarono dietro luomo. E il servo prese Rebecca e andò. E Isacco veniva dal rientrare dal pozzo di Lacai Roi, e lui abitava nella terra del Negheb … (Gen 24, 56-62)

21 1751 ca., Tiepolo Gian Domenico, Lincontro di Eliezer e Rebecca al pozzo, Parigi, Museo del Louvre

22 Rebecca: un mancamento damore … Isacco per meditare nella campagna al volgere della sera sollevò i suoi occhi e vide, ed ecco venire i cammelli. E Rebecca sollevò i suoi occhi, e vide Isacco, e cadde dal cammello … (Gen 24,63-64) Rebecca, non scese affatto dal suo cammello, tuttaltro, cadde letteralmente perché fu presa da un tale mancamento, da brividi che le corsero lungo la schiena, che le sue membra si indebolirono terribilmente e scivolò giù … ma senza toccare suolo … la sosteneva infatti la forza dellamore

23 1640, Castiglione, Incontro di Isacco e Rebecca, Sanpietroburgo, Hermitage

24 Rebecca: entra nella tenda … E Isacco, la fece entrare nella tenda di sua madre Sara e prese Rebecca e fu moglie per lui e la amò e Isacco fu consolato dopo la morte della madre … (Gen 24,67) Isacco introduce Rebecca in una tenda fatta di un tetto di colore scuro, quasi nero, tessuto con peli di capra. La tenda rappresenta uno dei luoghi più intimi che racchiude molti segreti, a partire da quelli dellamore … Lessenza più alta dellamore è a-mors: privazione di morte La tradizione rabbinica narra che: Quando Sara era viva, una nuvola era legata allingresso della sua tenda; quando morì, la nuvola cessò. Venuta Rebecca, tornò la nuvola. Mentre Sara era viva, le porte della sua casa erano largamente aperte agli ospiti; morta Sara, cessò questa larghezza. Venuta Rebecca tornò questa larghezza. Quando Sara era viva, la sua pasta era benedetta; morta Sara, cessò questa benedizione. Venuta Rebecca tornò. Quando Sara era al mondo, un lume era acceso dalla notte del Sabato alla notte del Sabato seguente; morta Sara, cessò questo lume. Venuta Rebecca tornò. (Genesi Rabbà 35,15)

25 , James Jacques Joseph Tissot, Incontro di Rebecca e Isacco

26 … Ghimel Essa gli dà felicità/gli fa solo bene e non male e non dispiacere per tutti i giorni della sua vita... (Pr 31,12) È quanto fece Rivkà che, secondo il midrash, sostituì degnamente la figura di Sara riportando la serenità nella vita del marito Isacco, disperato dopo la morte della madre Rebecca: serenità per Isacco

27 , Rembrandt, La sposa ebrea, Rijksmuseum, Amsterdam

28 Rebecca ha il ventre sterile (Gen 25,21), 'ăqārâ, sradicata, sradicante, un innesto infertile La sterilità fisica della donna, la sua incapacità di generare e dare la vita, nella Bibbia allude anche a una sterilità teologica, il cui valore sta ad indicare che la nascita di un figlio sarà esclusivamente dono di Dio Solo lazione di Dio può rendere fertile tutto ciò che è arido, solo il seme di Dio può fecondare il deserto Rebecca: seno chiuso alla vita

29 1931, Chagall,Rebecca al pozzo, guazzo preparatorio per la Bibbia, Nizza, Musée National Message Biblique Marc Chagall

30 Isacco prega, e ancora una volta cè un grande amore, la sollecitudine di un affetto profondo contro la sterilità Il midrash narra che Isacco partì per il monte Moria (il luogo della sua legatura) e ivi giunto supplicò lAltissimo con queste parole: Signore del cielo e della terra, la cui misericordia riempie il mondo, Tu, prendesti mio padre dalla terra in cui abitava e lo conducesti in questo paese, assicurandogli che lo avresti dato ai suoi discendenti. Gli dicesti che sarebbero stati tanto numerosi come le stelle del cielo e come la sabbia del mare. Che si compiano ora le tue parole. Dai anche a noi una discendenza, che confermi quanto promettesti a mio padre. Anche Rebecca si unì alla supplica del marito: Dammi, o Signore, una discendenza che, conforme alla tua parola, sia una benedizione per questo paese … Isacco supplicò il Signore per sua moglie perché era sterile e il Signore lo esaudì (si lasciò pregare) così che sua moglie Rebecca divenne incinta … (Gen 25,21) Il verbo ātar significa pregare, esaudire, il sostantivo formato da questo verbo è ātār profumo, fumo (Ez 8,18) e adoratore (Sof 3,10) e invita a pensare a volute innalzatesi da altari, carne che brucia sul fuoco, olezzo votivo. Il Talmud inoltre insegna che eter significa forcone, tridente, e supplica; così racconta che come il tridente sarchia e rivolta la terra così la supplica capovolge il destino, tramuta la realtà nel suo contrario Parola dello sposo sulla sterilità

31 1360, Jean de Mandeville, Nascita di Esaù e Giacobbe, miniatura, Londra, National Library Metà XIV sec., Nascita di Esaù e Giacobbe, miniatura dal Manoscritto coll. Richelieu n. 8, Parigi, Bibliothèque National de France

32 Rebecca: un oracolo, due figli e una grazia sovrabbondante La gravidanza di Rebecca si rivela difficile, due vite lottano nel suo ventre, un accadimento straordinario mai udito prima … Dio disse: due nazioni sono nel tuo grembo, due popoli dalle tue viscere si separeranno, e un popolo sarà più forte dellaltro popolo, e il grande servirà il piccolo … (Gen 25,23) … E uscì il primo rosso e tutto come un mantello di pelo, e lo chiamarono Esaù. E dopo di lui uscì suo fratello e teneva in mano il calcagno di Esaù, e fu chiamato Giacobbe … (Gen 25,25-26) La diversità fisica dei due figli preannuncia la loro diversità dindole, come il testo biblico suggerisce: cacciatore e uomo della steppa Esaù, tranquillo e casalingo Giacobbe

33 1990, Ratner Phillip, Rebecca con Esaù e Giacobbe, Bethesda, Dennis and Phillip Ratner Museum

34 Rebecca: bellezza rischiosa … venne una carestia […] e Isacco andò a Gerar presso Abimelech, re dei Filistei … (Gen 26,1) Isacco teme di perdere la moglie e di più, la sua stessa vita, a causa della sua straordinaria bellezza Isacco si fa sorprendere a צחק ridere, giocare, accarezzare ma in senso sessuale … Abimelech ordinò a tutto il popolo:chi tocca questuomo e sua moglie certamente morirà!. E Isacco seminò in quella terra e raccolse quellanno il centuplo. Così Dio lo aveva benedetto … (Gen 26,11-12)

35 , Raffaello e bottega, Abimelech spia Isacco e Rebecca, affresco, Roma, Logge Vaticane

36 Rebecca: inganni e benedizioni Isacco è divenuto cieco ed avverte la morte ormai vicina; desidera perciò benedire il figlio maggiore per comunicargli in tal modo la propria forza vitale Rebecca, eroina astuta e raffinata grazie alle sue arti femminili ascolta nascosta, inganna suo marito, manovra con furbizie le azioni del figlio, cucina con gusto due capretti e del pane, ruba le vesti favorite di Esaù, e con bravura traveste collo e mani di Giacobbe con pelli di piccole capre Rebecca, vede dove il marito, ormai cieco non riesce più a vedere, lo inganna affinché la voce di Dio possa realizzarsi, e poi, con strategia e abilità femminili, salva il custode della benedizione Quando il figlio prediletto dimostra esitazione, la madre coraggiosa ribatte: … Sia su di me la tua maledizione, figlio mio! Ascolta solamente la mia voce, và e prendi per me (i capretti) … (Gen 27,13)

37 1638, Flinck, Isacco benedice Giacobbe, Amsterdam, Rijksmuseum

38 Rebecca: un amore che slega Isacco ama Esaù, forse in quel figlio vede lautonomia che egli non ha mai avuto. Del resto non è un amore gratuito: Esaù soddisfa le esigenze paterne procurandogli quella cacciagione che adora Rebecca si affeziona particolarmente al suo secondogenito, sente di doverlo aiutare ad affrontare la vita. Ma la legge del clan non dà a chi ha bisogno, ma a chi viene prima. La madre rimedia a quellingiustizia con un sotterfugio. Giacobbe deve prendersi quello che la vita non gli ha dato altrimenti soccomberà La vita di Giacobbe cambierà radicalmente dopo le parole benedicenti del padre, egli sarà finalmente in grado di andare, di affrontare da solo il mondo La particolarità dellamore di Rebecca nei confronti del figlio più debole non sta nellintensità, Rebecca ama i suoi figli senza legarli, fornendo loro tutte le possibilità per camminare da soli. La sua capacità materna è quella di coniugare amore, astuzia e autonomia

39 XV sec., Nascita di Esaù e Giacobbe, miniatura dal Man. coll. Richelieu n. 9, Parigi, Bibliothèque National de France XV sec., miniatura da Bibbia Historiale, Nascita dei gemelli Esaù e Giacobbe, Museum Meermannno Westreenianum

40 Rebecca: voce ascoltata, voce di salvezza Episodio di vita quotidiana che svela laffettuosa armonia di pensieri e volontà che regna in questa famiglia dove il marito ascolta con attenzione e asseconda il volere della moglie Rebecca, abile stratega muove le fila degli eventi. Parla prima con Giacobbe e gli dice di andare a Caran dallo zio Labano finché lira di Esaù non si è placata (Gen 27,42-45). Poi parla con Isacco e dice che la vita la disgusta a causa dei matrimoni di Esaù con delle Ittite, delle straniere idolatre; occorre che Giacobbe trovi una moglie della famiglia (Gen 27,46) Isacco chiama Giacobbe e lo fa partire con il pretesto del matrimonio (Gen 28,1-5). In realtà la manovra dellastuta madre riesce alla perfezione: il custode della benedizione si salva così dal fratello che, mosso dallira vuole ucciderlo, e in più trova realmente una moglie meravigliosa … anzi due … ma questa è unaltra storia …

41 1450 ca., Hesdin of Amiens, Saluto di Isacco a Giacobbe

42 Rebecca: sepolta nella terra promessa Rebecca e Isacco, proprio allo stesso modo di Abramo e Sara, furono seppelliti nel campo di Macpela, di fronte alle querce di Mamre, nel paese di Canaan (Gen 49, 31) Anche dopo la morte i due sposi si trovano uno accanto allaltra; il progetto di Dio li aveva uniti, e neppure il mistero della morte riuscì a separarli

43 XX sec., Anonimo, Il Campo di Mamre


Scaricare ppt "DALLE MADRI ALLA MADRE a cura di: Antonella Anghinoni e Silvia Franceschini © Silvia Franceschini, 2010 Rebecca: il desiderio da dissetare."

Presentazioni simili


Annunci Google