La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

SHOAH COLORO CHE NON SI RICORDANO DEL PASSATO SONO CONDANNATI A RIVIVERLO Santayana Per non dimenticare a cura di Leonardo Mascellino.

Presentazioni simili


Presentazione sul tema: "SHOAH COLORO CHE NON SI RICORDANO DEL PASSATO SONO CONDANNATI A RIVIVERLO Santayana Per non dimenticare a cura di Leonardo Mascellino."— Transcript della presentazione:

1

2 SHOAH COLORO CHE NON SI RICORDANO DEL PASSATO SONO CONDANNATI A RIVIVERLO Santayana Per non dimenticare a cura di Leonardo Mascellino

3 LO STATO TOTALITARIO IN ITALIA E IN GERMANIA Lo stato totalitario è uno stato in cui esiste una volontà politica unificata Il concetto e la realtà di ogni opposizione sono Il concetto e la realtà di ogni opposizione sono esclusi e repressi Da un lato allarga il consenso attraverso la propaganda e il controllo delle informazioni Dallaltro si serve della macchina poliziesca per terrorizzare le opposizioni Per non dimenticare a cura di Leonardo Mascellino

4 DIFFERENZE TRA NAZISMO E FASCISMO Nel nazismo il principio della totalità proviene dalla RAZZA e lo Stato ne è il mezzo di realizzazione Nel fascismo invece si realizza nello STATO, Non mezzo, ma fine esso stesso Nel nazismo lelemento unificatore è costituito da Un principio BIOLOGICO Nel fascismo da un principio IDEOLOGICO Il nazismo considera il sangue e la purezza della razza Come chiavi di interpretazione della Storia Il fascismo esalta la tradizione statale e la grandezza di ROMA ANTICA, il suo IMPERO unificatore Per non dimenticare a cura di Leonardo Mascellino

5

6 Nel 1938 il fascismo farà proprie le teorie razzistiche Assumerà un volto antisemita Diverrà subordinato al nazismo Il primato cronologico del fascismo italiano cederà al primato della potenza economica e militare del nazismo divenuto guida degli stati totalitari di destra LItalia divenne satellite della Germania Per non dimenticare a cura di Leonardo Mascellino

7 In Germania il regime procedette allannientamento delle opposizioni in modo radicale In Italia il fascismo fu limitato dalla struttura socio – economica Dalla Chiesa Cattolica Dalla Monarchia Per cui il Fascismo per esigenze di compromesso Dovette proclamarsi CATTOLICO e MONARCHICO Per non dimenticare a cura di Leonardo Mascellino

8 Adolf Hitler ( ) Benito Mussolini ( ) Per non dimenticare a cura di Leonardo Mascellino

9 Persecuzione degli ebrei in Germania e introduzione della legislazione razziale in Italia La lotta condotta dal nazismo per assoggettare le chiese andò di pari passo con quella volta ad eliminare ogni influenza nella vita tedesca del circa mezzo milione di ebrei che vivevano in Germania Per non dimenticare a cura di Leonardo Mascellino

10 L ebreo Reso responsabile delle congiure antinazionali Accusato di essere un traditore interno Ridotto a mito negativo è fin dal 1933 Messo ai margini della vita pubblica e culturale Per non dimenticare a cura di Leonardo Mascellino

11 Ma solo nel settembre del 1935 con le Leggi di Norimberga Fu ridotto alla condizione di SOGGETTO Poiché tali leggi stabilivano che Unicamente gli ARIANI o affini Potevano essere considerati CITTADINI DEL REICH Per non dimenticare a cura di Leonardo Mascellino

12 Il matrimonio tra ebrei e ariani Fu vietato Per difendere la razza tedesca Gli ebrei ricevettero lo status di Razza inferiore Gli ebrei reagirono emigrando Tra il 1935 e il 1938 Favoriti dai nazisti che ancora non avevano maturato Lidea dello STERMINIO Per non dimenticare a cura di Leonardo Mascellino

13 Una drammatica svolta in Senso antisemita Si ebbe nel novembre del 1938 Dopo luccisione di un diplomatico tedesco Da parte di un ebreo. Nella notte tra l 8 e il 9 novembre del 1938 La notte dei cristalli Vi furono devastazioni sistematiche Delle proprietà e dei negozi ebraici Le sinagoghe vennero devastate e distrutte Per non dimenticare a cura di Leonardo Mascellino

14 La notte di cristallo – Novembre 1938

15 Tutti gli ebrei vennero definitivamente espulsi dalle posizioni che detenevano nell economia e nella finanza. Hitler parlò della necessità di trovare una SOLUZIONE DEFINITIVA al problema ebraico Per non dimenticare a cura di Leonardo Mascellino

16

17 Mi hanno portato via i genitori, l'identità, il fratello e la sorella e i miei averi. C'è qualcosa che vogliono da me. E allora ho pensato alla mia anima. Ho detto: non riusciranno a portarmela via, la mia anima" Irene Shoah Per non dimenticare a cura di Leonardo Mascellino

18 L'Olocausto con gli occhi dell'innocenza Erano in : non ne sono sopravvissuti nemmeno 100. Avevano tutti unetà compresa tra i 12 ed i 16 anni. Terezìn fu il maggiore campo di concentramento nazista sul territorio della Cecoslovacchia. Costruito come transito per gli ebrei che dal Protettorato di Boemia e Moravia venivano deportati verso i campi di sterminio dei territori orientali, dalla sua nascita vi furono deportati persone, fra le quali bambini. La maggior parte trovò la morte nel ghetto stesso o negli altri campi nazisti. Non ci sono immagini forti, non ci sono cumuli di scheletri. Ma i quattromila disegni, come le sessantasei poesie di quelle giovani anime strappate alla vita, hanno senza dubbio lo stesso effetto. Il campo di Terezìn proprio perché di transito, è stato uno dei pochi che prevedeva uno spazio per i bambini. Stesse condizioni igieniche, stessa fame, stesse malattie. Proprio come gli adulti. Stessa Identica Sofferenza. Sotto la guida degli ebrei adulti, i bambini frequentarono lezioni e parteciparono a molte iniziative culturali. Tra gli animatori anche Dicker Brandejsovà, artista e progressista morta, proprio come la maggior parte dei bambini, nel campo di Auschwitz nell'autunno del '44. Sono qui riportate tre delle sessantasei poesie scritte dai bambini rinchiusi a Terezìn, uno dei campi di concentramento più tristemente famosi. Si noti, leggendo queste poesie, il grande coraggio e la grande voglia di vivere di questi bambini. Accanto ad ogni poesia sono riportati, inoltre, alcuni dei disegni fatti dai bambini nel campo di concentramento di Terezìn.

19 Per non dimenticare a cura di Leonardo Mascellino Loperetta Brundibar Musica: Hans Kràsa Testi: Adolf Hoffmeister Operetta per coro di bambini e piccola orchestra in due atti eseguita nel campo di concentramento di Terezìn.

20 Per non dimenticare a cura di Leonardo Mascellino L'importanza di questa breve composizione, che dura non più di trenta minuti, sta nella visione di speranza che si trova alla base della storia molto fanciullesca ed intuitiva. Il protagonista Brundibàr, un suonatore di organetto, che oggi viene identificato nella figura di Hitler, viene alla fine sconfitto dai bambini del paese, che nella scena finale intonano un canto di vittoria e di speranza alla ricerca di un futuro migliore. L'autore del libretto, Adolf Hoffmeister, cambierà più tardi le prime parole del testo originale con la frase: "Colui che saprà amare tanto sua madre, suo padre e i suoi compaesani è nostro amico e può cantare con noi". L opera diverrà importante nel campo per la speranza della voce dei canti, che servirà a generazioni prossime a non ripetere lerrore dello sterminio Brundibàr

21 I bambini di Terzin nella scena finale di Brundibàr di Hans Kràsa L'immagini sono tratte dal film di propaganda Der Fuhrer schenkt den Juden eine Stadt (Il Führer dona una città agli ebrei, Terezìn 1944). Anche il regista di questo cortometraggio, Kurt Gerron (Kurt Gerso - Berlino Auschwitz 1944), poco dopo la fine delle riprese, verrà deportato ed ucciso nelle camere a gas. Un'immagine dell'orchestra dei prigionieri nel campo di concentramento di Janowska (Lvov) Per non dimenticare a cura di Leonardo Mascellino

22 Pavel Haas L'orchestra dei prigionieri nel campo di concentramento di Janowska Le immagini sono tratte dal film di propaganda Der Fuhrer schenkt den Juden eine Stadt. Karel Ancerl ( ) dirige lo Studio per Archi di Pavel Haas. Il regista di questo cortometraggio, Kurt Gerron (Kurt Gerso - Berlino Auschwitz 1944), poco dopo la fine delle riprese, verrà deportato ed ucciso nelle camere a gas.

23 Per non dimenticare a cura di Leonardo Mascellino Alcuni dei pochi sopravvissuti grazie alla collaborazione di musicisti, sono riusciti a riprodurre dei suoni che scandivano le ore della loro giornata nei campi di concentramento

24 Per non dimenticare a cura di Leonardo Mascellino Fischi, rumori dei freni delle carrozze indicavano larrivo di altri prigionieri.

25 Per non dimenticare a cura di Leonardo Mascellino Due tubi dacciaio percossi insieme, segnavano ogni giorno lora della sveglia alle quattro e mezza.

26 Per non dimenticare a cura di Leonardo Mascellino Il rumore del cucchiaio….

27 Per non dimenticare a cura di Leonardo Mascellino

28 …e le canzoni di oggi per ricordare

29 Per non dimenticare a cura di Leonardo Mascellino Guccini

30 Per non dimenticare a cura di Leonardo Mascellino

31 Vedrai che è bello vivere La poesia che ti viene qui presentata porta la data del 1941; non si conosce il nome del ragazzo che lha scritta, ma il messaggio che contiene fa riflettere sul suo coraggio di vivere e sulla sua fede nella vita. Lautore si identifica nelluccello che vola libero nellaria e che indirizza ai suoi compagni, paurosi di lasciare il nido, il suo grido di gioia: vedrai che è bello vivere!. Chi saggrappa al nido non sa che cosè il mondo, non sa quello che tutti gli uccelli sanno e non sa perché voglia cantare il creato e la sua bellezza. Quando allalba il raggio del sole illumina la terra e lerba scintilla di perle dorate, quando laurora scompare e i merli fischiano tra le siepi, allora capisco come è bello vivere. Prova, amico, ad aprire il tuo cuore alla bellezza quando cammini tra la natura per intrecciare ghirlande coi tuoi ricordi: anche se le lacrime ti cadono lungo la strada,

32 Per non dimenticare a cura di Leonardo Mascellino O chiaro ricordo La poesia propone la voce di un adolescente prigioniero; in una esistenza che non ha più nulla di umano rimane accesa, nonostante tutto, la fiamma di un ricordo damore, che diviene testimonianza di vita là dove la vita è ad ogni istante calpestata e distrutta. O chiaro ricordo che minviti alla quiete e mi rammenti colei che amai, ancora sorrido alla tua carezza, ancora con te mi confido come al migliore amico. O dolce ricordo, raccontami la storia della mia ragazza perduta, racconta, racconta dellanello doro e chiama la rondine che la vada a trovare. E tu pure vola da lei e sottovoce domandale se ancora pensa a me, se sta bene e se ancora, se ancora sono rimasto il suo amore di un tempo. E poi ritorna veloce, non ti perdere, perché io possa ricordarmi qualche altra cosa. Era così bella: chissà se mai più la rivedrò. Addio, mia cara, addio! Ti amavo. O chiaro ricordo che minviti alla quiete e mi rammenti colei che amai, ancora sorrido alla tua carezza, ancora con te mi confido come al migliore amico. O dolce ricordo, raccontami la storia della mia ragazza perduta, racconta, racconta dellanello doro e chiama la rondine che la vada a trovare. E tu pure vola da lei e sottovoce domandale se ancora pensa a me, se sta bene e se ancora, se ancora sono rimasto il suo amore di un tempo. E poi ritorna veloce, non ti perdere, perché io possa ricordarmi qualche altra cosa. Era così bella: chissà se mai più la rivedrò. Addio, mia cara, addio! Ti amavo.

33 Per non dimenticare a cura di Leonardo Mascellino Nostalgia della casa Lo sconosciuto autore di questa poesia è ancora un ragazzo ebreo; alla piena consapevolezza della condizione di miseria, di orrore, di fame in cui vive nel campo di concentramento si contrappongono, nella mente del ragazzo, le immagini della sua casa e la speranza di rivederla. E più di un anno che vivo al ghetto, nella nera città di Terezìn, e quando penso alla mia casa so bene di che si tratta O mia piccola casa, mia casetta, perchè mhanno strappato da te, perchè mhanno portato nella desolazione, nellabisso di un nulla senza ritorno? Oh, come vorrei tornare a casa mia, fiore di primavera! Quando vivevo tra le sue mura io non sapevo quanto lamavo! Ora ricordo, quei tempi doro: presto ritornerò, ecco già corro. Per le strade girano i reclusi e in ogni volto che incontri tu vedi che cosè questo ghetto, la paura e la miseria. Squallore e fame, questa è la vita che noi viviamo quaggiù, ma nessuno si deve arrendere: la terra gira e i tempi cambieranno. Che arrivi dunque quel giorno in cui ci rivedremo, mia piccola casa! Ma intanto preziosa mi sei perché mi posso sognare di te.

34 Primo Levi Per lingresso del Memoriale degli italiani sterminati ad Auschwitz Visitatore, osserva le vestigia di questo campo e medita. Da qualunque parte tu venga, tu non sei estraneo, Fa che il tuo viaggio non sia stato inutile, che non sia inutile la nostra morte. Per te e per i tuoi figli, le ceneri di Auschwitz valgano di ammonimento, Fa che il frutto orrendo dellodio, di cui qui hai visto le tracce, non dia nuovo seme né domani né mai! Se questo è un uomo Voi che vivete sicuri nelle vostre tiepide case, voi che trovate tornando a sera il cibo caldo e visi amici: considerate se questo è un uomo che lavora nel fango, che non conosce pace, che lotta per mezzo pane, che muore per un sì o per un no. Considerate se questa è una donna, senza capelli e senza nome, senza più forza di ricordare, vuoti gli occhi e freddo il grembo come una rana dinverno. Meditate che questo è stato: vi comando queste parole. Scolpitele nel vostro cuore Stando in casa, andando per via, coricandovi, alzandovi; ripetetele ai vostri figli. O vi si sfaccia la casa, la malattia vi impedisca, i vostri nato torcano il viso da voi. Per non dimenticare a cura di Leonardo Mascellino


Scaricare ppt "SHOAH COLORO CHE NON SI RICORDANO DEL PASSATO SONO CONDANNATI A RIVIVERLO Santayana Per non dimenticare a cura di Leonardo Mascellino."

Presentazioni simili


Annunci Google