La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

Ing. Alessandro Brasso 1 CONVEGNO INCIDENTI SUL LAVORO: I MORTI NON SONO TUTTI UGUALI 14 marzo 2009 - Torino R d B Pubblico Impiego - CUB.

Presentazioni simili


Presentazione sul tema: "Ing. Alessandro Brasso 1 CONVEGNO INCIDENTI SUL LAVORO: I MORTI NON SONO TUTTI UGUALI 14 marzo 2009 - Torino R d B Pubblico Impiego - CUB."— Transcript della presentazione:

1 ing. Alessandro Brasso 1 CONVEGNO INCIDENTI SUL LAVORO: I MORTI NON SONO TUTTI UGUALI 14 marzo Torino R d B Pubblico Impiego - CUB

2 ing. Alessandro Brasso 2 Morti inaccettabili, che richiedono ancora più impegno» Le domande più frequenti Come si possono prevenire cosi tanti incidenti nei luoghi di lavoro ? Come si possono prevenire cosi tanti incidenti nei luoghi di lavoro ? Quali le reali cause che li provocano? Quali le reali cause che li provocano? Ruoli Ruoli 1. del legislatore; 2. del datore di lavoro, degli addetti alla sicurezza a vario titolo; 3. degli Enti preposti ai controlli.

3 ing. Alessandro Brasso 3 Contesto europeo 205 milioni di lavoratori in Europa 205 milioni di lavoratori in Europa decessi a causa di infortuni sul lavoro e malattie professionali nellUE a 27: decessi a causa di infortuni sul lavoro e malattie professionali nellUE a 27: decessi per malattie professionali decessi per malattie professionali di cui decessi riconducibili alluso di sostanze pericolose sul lavoro (compreso lamianto) di cui decessi riconducibili alluso di sostanze pericolose sul lavoro (compreso lamianto) 7460 decessi a causa di infortuni sul lavoro7460 decessi a causa di infortuni sul lavoro

4 ing. Alessandro Brasso 4 Contesto Europeo 2 Ogni tre minuti e mezzo nellUE a 27 qualcuno muore per cause legate allattività lavorativa. Ogni tre minuti e mezzo nellUE a 27 qualcuno muore per cause legate allattività lavorativa. Ogni quattro secondi e mezzo un lavoratore dellUE è vittima di un infortunio che lo costringe a restare a casa per tre o più giorni. Ogni quattro secondi e mezzo un lavoratore dellUE è vittima di un infortunio che lo costringe a restare a casa per tre o più giorni. Il numero di infortuni sul lavoro che comportano unassenza dal lavoro di tre o più giorni è altissimo: oltre 7 milioni allanno. Il numero di infortuni sul lavoro che comportano unassenza dal lavoro di tre o più giorni è altissimo: oltre 7 milioni allanno.

5 ing. Alessandro Brasso 5 Un costo enorme! Costo umano per i lavoratori e le loro famiglie (dietro ogni statistica ci sono persone reali) Costo umano per i lavoratori e le loro famiglie (dietro ogni statistica ci sono persone reali) Costo per le organizzazioni/le aziende (assenteismo, costi assicurativi, produttività, frequente avvicendamento dei lavoratori, calo di motivazione, competitività ecc.) Costo per le organizzazioni/le aziende (assenteismo, costi assicurativi, produttività, frequente avvicendamento dei lavoratori, calo di motivazione, competitività ecc.) Costo per la società (aumento degli oneri a carico dei sistemi di assistenza sanitaria) Costo per la società (aumento degli oneri a carico dei sistemi di assistenza sanitaria)

6 ing. Alessandro Brasso 6 INFORTUNI DENUNCIATI NELLE COSTRUZIONI PER TIPO DI LAVORAZIONE Dal punto di vista infortunistico il settore ha fatto registrare un consistente miglioramento: - 4,2% nel triennio e - 6,1% per gli eventi mortali. Un infortunio su 5 e un decesso su 6 colpisce un lavoratore straniero, con i rumeni in testa. TIPO DI LAVORAZIONE 2007 Composizione % 2005 / 2007 Totale di cui mortali Totale Edilizia e genio civile ,658,3 Installazione dei servizi in un fabbricato ,618 Lavori di completamen. degli edifici ,717 Preparazione del cantiere edile ,96,2 Noleggio di macchine con manovratore 183-0,20,5 TOTALE

7 ing. Alessandro Brasso 7 COSTRUZIONI: UN SETTORE A RISCHIO ANCHE PER LE MALATTIE PROFESSIONALI Nelle Costruzioni si ha il numero più elevato di malattie professionali fra tutti i settori di attività dellIndustria e Servizi: circa i casi riconosciuti di cui più del 60% indennizzati. Il trend del settore rivela comunque, nel quinquennio , una riduzione complessiva di oltre il 25% delle denunce pervenute allINAIL.

8 ing. Alessandro Brasso 8 Lavoratori stranieri Sempre più rilevante la presenza straniera nel mercato del lavoro in generale e nel settore delle Costruzioni (in particolare + 40% nellultimo triennio) effetto positivo della regolarizzazione dei lavoratori stranieri, soprattutto a seguito dellingresso della Romania nellUE. Sempre più rilevante la presenza straniera nel mercato del lavoro in generale e nel settore delle Costruzioni (in particolare + 40% nellultimo triennio) effetto positivo della regolarizzazione dei lavoratori stranieri, soprattutto a seguito dellingresso della Romania nellUE. Purtroppo il trend positivo del settore edile si è interrotto, sulla scia dellevoluzione negativa delleconomia generale. Purtroppo il trend positivo del settore edile si è interrotto, sulla scia dellevoluzione negativa delleconomia generale.

9 ing. Alessandro Brasso 9 Promozione della cultura e della prevenzione. Come? Forme di partecipazione istituzionale, di progetti formativi, con particolare riferimento alle piccole, medie e micro imprese, da indirizzare (anche attraverso il sistema della bilateralità) nei confronti di tutti i soggetti del sistema di prevenzione aziendale. Forme di partecipazione istituzionale, di progetti formativi, con particolare riferimento alle piccole, medie e micro imprese, da indirizzare (anche attraverso il sistema della bilateralità) nei confronti di tutti i soggetti del sistema di prevenzione aziendale. Il futuro è nella partecipazione, non nellantagonismo

10 ing. Alessandro Brasso 10 Ambienti di lavoro sani e sicuri. Un bene per chi vi lavora. Un bene per limpresa. Il nuovo Testo Unico sulla Sicurezza ribadisce la necessità di una partecipazione attiva da parte di tutti i soggetti coinvolti (DL, RSPP, ASPP, MC, RLST, RLS, addetti e responsabili, preposti, Lavoratori ecc.) sugli aspetti destinati a garantire la sicurezza sul lavoro.

11 ing. Alessandro Brasso 11 La partecipazione attiva Se impostata in modo corretto questa "partecipazione, allinterno dei posti di lavoro, può rivelarsi una scelta strategica di cui TUTTI possono avvalersi, al fine di conseguire un corretto atteggiamento nei confronti della prevenzione antinfortunistica.

12 ing. Alessandro Brasso 12 Gli attori della prevenzione IMPRESE APPALTATORI MEDICO COMPETENTE LAVORATORI SERVIZIO DI PREVENZIONE E PROTEZIONE RLST ed RLS PROGETTISTI INSTALLATORI FORNITORI DIRIGENTI PREPOSTI ADDETTI DATORE DI LAVORO PREVENZIONE E SICUREZZA DEL LAVORO ORGANI DI VIGILANZA

13 ing. Alessandro Brasso 13 Come si possono prevenire cosi tanti incidenti nei luoghi di lavoro ? In particolare, i nostri orientamenti generali, per quanto riguarda la necessaria revisione operativa dellintero sistema di prevenzione, si basano su unarchitettura che abbia come prioritari i seguenti criteri:

14 ing. Alessandro Brasso 14 Criteri prioritari Responsabilità Istituzionali: Responsabilità Istituzionali: la definizione di un quadro possibilmente chiaro delle diverse responsabilità istituzionali, in un'ottica di integrazione e non di sovrapposizione di ruoli, e di confronto con le organizzazioni dei datori di lavoro e dei lavoratori, su un piano di rappresentanza paritetica, con previsione di risorse appositamente dedicate. la definizione di un quadro possibilmente chiaro delle diverse responsabilità istituzionali, in un'ottica di integrazione e non di sovrapposizione di ruoli, e di confronto con le organizzazioni dei datori di lavoro e dei lavoratori, su un piano di rappresentanza paritetica, con previsione di risorse appositamente dedicate. Regolarità contributiva : Regolarità contributiva : i temi della regolarità costituiscono impegni primari (in edilizia: regolarità per quanto concerne gli adempimenti INPS, INAIL e Cassa Edile verificati sulla base della rispettiva normativa di riferimento). i temi della regolarità costituiscono impegni primari (in edilizia: regolarità per quanto concerne gli adempimenti INPS, INAIL e Cassa Edile verificati sulla base della rispettiva normativa di riferimento). Temi che sono tra i principali obiettivi di formazione per le Scuole edili. Temi che sono tra i principali obiettivi di formazione per le Scuole edili.

15 ing. Alessandro Brasso 15 Criteri prioritari 2 Potenziamento delle funzioni degli organismi paritetici: Potenziamento delle funzioni degli organismi paritetici: è prevista la «rivisitazione e potenziamento delle funzioni degli organismi paritetici, anche quali strumento di aiuto alle imprese nellindividuazione di soluzioni tecniche ed organizzative dirette a garantire e migliorare la tutela della salute e sicurezza sul lavoro» è prevista la «rivisitazione e potenziamento delle funzioni degli organismi paritetici, anche quali strumento di aiuto alle imprese nellindividuazione di soluzioni tecniche ed organizzative dirette a garantire e migliorare la tutela della salute e sicurezza sul lavoro» Sensibilizzare: Sensibilizzare: sensibilizzare alla cultura della sicurezza aziende pubbliche e private, industrie, imprese ed artigiani e incoraggiarli ad effettuare vere valutazioni dei rischi sensibilizzare alla cultura della sicurezza aziende pubbliche e private, industrie, imprese ed artigiani e incoraggiarli ad effettuare vere valutazioni dei rischi

16 ing. Alessandro Brasso 16 Criteri prioritari 3 Qualificazione di imprese e lavoratori autonomi: Qualificazione di imprese e lavoratori autonomi: di particolare rilevanza è la «previsione di un sistema di qualificazione delle imprese e dei lavoratori autonomi, fondato sulla specifica esperienza, ovvero sulle competenze e conoscenze in materia di tutela della salute e sicurezza sul lavoro, acquisite attraverso percorsi formativi mirati. di particolare rilevanza è la «previsione di un sistema di qualificazione delle imprese e dei lavoratori autonomi, fondato sulla specifica esperienza, ovvero sulle competenze e conoscenze in materia di tutela della salute e sicurezza sul lavoro, acquisite attraverso percorsi formativi mirati. Affrontare il rischio di contenziosi: Affrontare il rischio di contenziosi: Si ritiene che il ricorso al massimo ribasso, come criterio per l'aggiudicazione delle opere pubbliche, incentiva a volte l'evasione fiscale e contributiva e l'inosservanza delle norme di sicurezza. Si ritiene che il ricorso al massimo ribasso, come criterio per l'aggiudicazione delle opere pubbliche, incentiva a volte l'evasione fiscale e contributiva e l'inosservanza delle norme di sicurezza. Valorizzazione di accordi e codici di condotta: Valorizzazione di accordi e codici di condotta: valorizzazione, anche mediante rinvio legislativo, di accordi aziendali, territoriali e nazionali, nonché, su base volontaria, dei codici di condotta ed etici e delle buone prassi, che orientino i comportamenti dei datori di lavoro e di tutti i soggetti interessati, in funzione migliorativa rispetto ai livelli di tutela definiti legislativamente. valorizzazione, anche mediante rinvio legislativo, di accordi aziendali, territoriali e nazionali, nonché, su base volontaria, dei codici di condotta ed etici e delle buone prassi, che orientino i comportamenti dei datori di lavoro e di tutti i soggetti interessati, in funzione migliorativa rispetto ai livelli di tutela definiti legislativamente.

17 ing. Alessandro Brasso 17 Criteri prioritari 4 Razionalizzare il Sistema dei Controlli: Razionalizzare il Sistema dei Controlli: oggi le responsabilità in materia sono troppe e ciò non si traduce in maggiori controlli, ma anzi in inefficacia e deresponsabilizzazione dei vari soggetti coinvolti. oggi le responsabilità in materia sono troppe e ciò non si traduce in maggiori controlli, ma anzi in inefficacia e deresponsabilizzazione dei vari soggetti coinvolti. Razionalizzazione e coordinamento delle strutture centrali e territoriali di vigilanza al fine di rendere più efficaci gli interventi di pianificazione, programmazione, promozione della salute, vigilanza, nel rispetto e nella verifica dei risultati, per evitare sovrapposizioni, duplicazioni e carenze negli interventi e valorizzando le specifiche competenze. Razionalizzazione e coordinamento delle strutture centrali e territoriali di vigilanza al fine di rendere più efficaci gli interventi di pianificazione, programmazione, promozione della salute, vigilanza, nel rispetto e nella verifica dei risultati, per evitare sovrapposizioni, duplicazioni e carenze negli interventi e valorizzando le specifiche competenze.

18 ing. Alessandro Brasso 18 Criteri prioritari 5 Certificazione della formazione: Certificazione della formazione: di fondamentale rilievo è il tema della certificazione della formazione. Numerose sono state infatti in questi anni le iniziative informative e formative realizzate da enti pubblici e privati, quasi mai coordinate tra loro. Urgente la predisposizione di un sistema di certificazione condiviso (da annotare ad esempio sul libretto formativo del cittadino), accreditato dal servizio pubblico, al fine di una verifica e controllo sulla qualità della formazione erogata, evitando che l'obbligo formativo scada in un mero adempimento burocratico. di fondamentale rilievo è il tema della certificazione della formazione. Numerose sono state infatti in questi anni le iniziative informative e formative realizzate da enti pubblici e privati, quasi mai coordinate tra loro. Urgente la predisposizione di un sistema di certificazione condiviso (da annotare ad esempio sul libretto formativo del cittadino), accreditato dal servizio pubblico, al fine di una verifica e controllo sulla qualità della formazione erogata, evitando che l'obbligo formativo scada in un mero adempimento burocratico. Trasferimento delle disposizioni tecniche e procedurali: in un ambito proprio e diverso dalla legge, rendendole più facilmente aggiornabili ed adattabili al progresso tecnico con un impegno esplicito alla semplificazione procedurale e legislativa

19 ing. Alessandro Brasso 19 Criteri prioritari 6 Demistificare il processo Demistificare il processo La valutazione dei rischi non è necessariamente una cosa complicata o solo burocraticaLa valutazione dei rischi non è necessariamente una cosa complicata o solo burocratica Non si tratta di un compito esclusivo per specialistiNon si tratta di un compito esclusivo per specialisti Professionalità e qualità hanno un valore: Professionalità e qualità hanno un valore: occorre introdurre qualche requisito all'avvio di un'impresa edile per garantire un livello accettabile di qualità e di sicurezza nel settore e ……successivamente: occorre introdurre qualche requisito all'avvio di un'impresa edile per garantire un livello accettabile di qualità e di sicurezza nel settore e ……successivamente: Coinvolgere tutti sul luogo di lavoroCoinvolgere tutti sul luogo di lavoro Processo permanente (non un obbligo una tantum)Processo permanente (non un obbligo una tantum) Individuare e promuovere le buone prassi Individuare e promuovere le buone prassi

20 ing. Alessandro Brasso 20 Le Esperienze positive Valorizzazione ed affermazione delle esperienze della bilateralità, fondata sugli organismi e comitati paritetici costituiti attraverso gli accordi interconfederali in applicazione dellart. 20 del D.Lgs. 626/94; La bilateralità è una prassi sindacale che in Italia ha trovato diffusione principalmente nellambito dei settori delledilizia e dellartigianato con il precipuo scopo di supportare la contrattazione e le relazioni collettive ove queste ultime fossero di difficile praticabilità. bilateralità Negli anni novanta la stessa ha conosciuto una forte implementazione in tutti i settori quale strumento attraverso cui facilitare lo sviluppo di un sistema di relazioni industriali di tipo dinamico. Negli anni novanta la stessa ha conosciuto una forte implementazione in tutti i settori quale strumento attraverso cui facilitare lo sviluppo di un sistema di relazioni industriali di tipo dinamico.

21 ing. Alessandro Brasso 21 Limportanza della Bilateralità Si tratta di una significativa novità perché nel nostro Paese, a differenza di altre esperienze europee, scarse sono le pratiche di bilateralità e di relazioni (formalizzate) tra parti sociali e istituzioni. Si tratta di una significativa novità perché nel nostro Paese, a differenza di altre esperienze europee, scarse sono le pratiche di bilateralità e di relazioni (formalizzate) tra parti sociali e istituzioni. La prospettiva indicata non fa peraltro venire meno il ruolo della contrattazione collettiva che, specie a livello decentrato, dovrebbe farsi portatrice di proposte di merito. La prospettiva indicata non fa peraltro venire meno il ruolo della contrattazione collettiva che, specie a livello decentrato, dovrebbe farsi portatrice di proposte di merito.

22 ing. Alessandro Brasso 22 Limportanza della Bilateralità 2 Gli enti bilaterali del settore edile, in Piemonte, rientrano quindi nellambito di questo sistema, chiamati a rispondere alle istanze ed a offrire il proprio supporto a tutti i lavoratori e le imprese aziende del territorio appartenenti al settore. La valorizzazione del ruolo della bilateralità costituisce un fattore determinante nella soluzione delle problematiche della sicurezza.

23 ing. Alessandro Brasso 23 Limportanza della Bilateralità 3 Il Testo Unico coinvolge gli organismi paritetici, come i CPT del settore edile, nel riassetto delle attività di promozione della sicurezza, riconoscendo così alla bilateralità un ruolo fondamentale di cerniera tra le istituzioni e il mondo produttivo. Il Testo Unico coinvolge gli organismi paritetici, come i CPT del settore edile, nel riassetto delle attività di promozione della sicurezza, riconoscendo così alla bilateralità un ruolo fondamentale di cerniera tra le istituzioni e il mondo produttivo.

24 ing. Alessandro Brasso 24 Limportanza della Bilateralità 4 La nuova normativa da la possibilità agli organismi paritetici (es. CPT), dotati di struttura e competenza, di effettuare sopralluoghi allo scopo di supportare le imprese nell'individuazione di soluzioni che garantiscano la tutela della salute e la sicurezza sul lavoro. La nuova normativa da la possibilità agli organismi paritetici (es. CPT), dotati di struttura e competenza, di effettuare sopralluoghi allo scopo di supportare le imprese nell'individuazione di soluzioni che garantiscano la tutela della salute e la sicurezza sul lavoro.

25 ing. Alessandro Brasso 25 Le Parti Sociali devono tenere vivo il dibattito sul Testo Unico, che deve essere visto come un punto di partenza per discutere ancora di sicurezza, ma soprattutto di prevenzione". devono tenere vivo il dibattito sul Testo Unico, che deve essere visto come un punto di partenza per discutere ancora di sicurezza, ma soprattutto di prevenzione". E prevenzione è anche e soprattutto formazione.

26 ing. Alessandro Brasso 26 Un esempio: Sedici ore di formazione obbligatoria nei cantieri edili «Il progetto "16 ore prima" è un'importante innovazione introdotta nei contratti collettivi di lavoro siglati dalle parti sociali (Associazione Nazionale Costruttori Edili e Associazioni artigianali: C.N.A. Costruzioni - C.A.S.A./Federedil - Confartigianato; Sindacati dei lavoratori edili: Feneal-Uil/Filca-Cisl/Fillea- Cgil), sottoscritti nel giugno-luglio 2008» «Dal 1° gennaio, le imprese usufruiscono del vantaggio di inserire in cantiere lavoratori dotati di una formazione di base».

27 ing. Alessandro Brasso 27 D. Lgs. 9 aprile 2008 n° 81 N° 13 Titoli N° 13 Titoli N° 51 Allegati N° 51 Allegati Oltre 250 pagine + decreti attuativi e circolari ministeriali Oltre 250 pagine + decreti attuativi e circolari ministeriali

28 ing. Alessandro Brasso 28 In conclusione Per cercare di abbassare il più possibile il numero di infortuni sul lavoro, credo che la strada principale siano sempre più la Prevenzione e la Formazione. Per cercare di abbassare il più possibile il numero di infortuni sul lavoro, credo che la strada principale siano sempre più la Prevenzione e la Formazione. Attraverso corsi di formazione regolari, bisogna sensibilizzare i lavoratori sui temi della sicurezza. Attraverso corsi di formazione regolari, bisogna sensibilizzare i lavoratori sui temi della sicurezza. La promozione e la divulgazione della cultura della salute e sicurezza sul lavoro DOVREBBE svolgersi anche all'interno dell'attività scolastica, universitaria e nei percorsi di formazione professionale. La promozione e la divulgazione della cultura della salute e sicurezza sul lavoro DOVREBBE svolgersi anche all'interno dell'attività scolastica, universitaria e nei percorsi di formazione professionale. Purtroppo, tutte queste pratiche hanno un costo e in un periodo di crisi globale, come quello che stiamo vivendo, le aziende tagliano quei costi che ritengono inutili od apparentemente non prioritari, tendendo a porre attenzione a salute e sicurezza sul lavoro, solo per gli obblighi minimi previsti dalle norme vigenti - D.Lgs. 81/08 compreso. Purtroppo, tutte queste pratiche hanno un costo e in un periodo di crisi globale, come quello che stiamo vivendo, le aziende tagliano quei costi che ritengono inutili od apparentemente non prioritari, tendendo a porre attenzione a salute e sicurezza sul lavoro, solo per gli obblighi minimi previsti dalle norme vigenti - D.Lgs. 81/08 compreso.

29 ing. Alessandro Brasso 29 Grazie per lattenzione.


Scaricare ppt "Ing. Alessandro Brasso 1 CONVEGNO INCIDENTI SUL LAVORO: I MORTI NON SONO TUTTI UGUALI 14 marzo 2009 - Torino R d B Pubblico Impiego - CUB."

Presentazioni simili


Annunci Google