La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

LO STUDIO DEGLI INFORTUNI NELLE AZIENDE DEL SERVIZIO SANITARIO REGIONALE Reggio Emilia 25 Ottobre 2007 Servizio Sanità Pubblica Direzione Sanità e Politiche.

Presentazioni simili


Presentazione sul tema: "LO STUDIO DEGLI INFORTUNI NELLE AZIENDE DEL SERVIZIO SANITARIO REGIONALE Reggio Emilia 25 Ottobre 2007 Servizio Sanità Pubblica Direzione Sanità e Politiche."— Transcript della presentazione:

1 LO STUDIO DEGLI INFORTUNI NELLE AZIENDE DEL SERVIZIO SANITARIO REGIONALE Reggio Emilia 25 Ottobre 2007 Servizio Sanità Pubblica Direzione Sanità e Politiche Sociali Regione Emilia Romagna Giuseppe Iannini

2 Motivo dellindagine La ricerca ha preso avvio nel 2006: - dalle indicazioni dellAgenzia Europea per la sicurezza e salute sul lavoro che pone la propria attenzione sul settore sanitario ed assistenziale sulla base delle seguenti considerazioni: il settore è uno dei più grandi della comunità impiegando il 10% dei lavoratori; ha un tasso di infortuni più alto del 34% rispetto la media UE; il secondo tasso più elevato di incidenza di disturbi muscoloscheletrici dopo il settore costruzioni; gli infortuni a matrice biologica da puntura dago o contatto con liquidi contaminati, le manifestazioni irritativo-allergiche in particolare da lattice contenuto nei guanti e i disturbi osteoarticolari da sollevamento di carichi sono i problemi di salute più preoccupanti e ricorrenti; - dallapprovazione delle Delibere di Giunta Regionale n del e n. 426 del Piano Regionale della Prevenzione con allinterno il progetto specifico salute e sicurezza nel comparto sanità.

3 Obiettivo - Costruire un quadro completo di tutti gli infortuni in e fuori franchigia nelle 17 Aziende Sanitarie della Regione Emilia Romagna. - Iniziare un percorso virtuoso alla luce delle aree di miglioramento individuate.

4 Le fasi del processo a spirale della tutela della salute e sicurezza. Rischio Danno Invalidità Inidoneità Risarcimento Azione preventiva Azione protettiva Visione sistemica = gestione fenomeno

5 Tav. n. Anno 2006 % media operatori sorvegliati sul totale operatori % operatori inidonei o idonei con limitazioni- prescrizioni sul totale operatori e su sorvegliati % casi inidoneità parziale temporanea o permanente sui sorvegliati % casi inidoneità totale temporanea o permanente sui sorvegliati % casi idoneità con limitazioni o prescrizioni su operatori sorvegliati Principali cause/problemi legati inidoneità o idoneità con limitazioni e prescrizioni % ricorsi su giudizi idoneità-inidoneità Numero ricorsi ( accettati, modificati) Principali motivazioni/cause dei ricorsi Fonte: Medici competenti Aziende Sanitarie Idoneità Inidoneità Per trovare una linea guida condivisa

6 Metodologia di indagine Per inquadrare gli aspetti critici del fenomeno infortuni e malattie professionali e predisporre strategie di miglioramento abbiamo utilizzato: DATI INAIL A)- I dati tradizionali degli infortuni fuori franchigia riconosciuti dallINAIL Le tabelle presentano i dati estratti dalla banca Inail-Ispesl-Regioni per il periodo: ; questo triennio è indicato come significativo, completo e stabile per trarre indicazioni in quanto nel 2003 è entrato il sistema European statistics on accidents at works- Esaw non ancora perfettamente a regime; nuovo sistema ( infortuni non ancora definiti al 100%).

7 Tav. n. 1: Numero infortuni riconosciuti, % casi di infortuni stradali ed itinere, casi di morte e con postumi permanenti. Triennio Annon. totale infortuni riconosciuti % infortuni stradali ed itinere n. infortuni mortali n. casi con postumi % % (*)1259 triennio Dati estratti dai nuovi flussi informativi Inail-Ispesl-Regioni Infortuni definiti al 100% (*) non rilevato per cambio di modalità di rilevazione (da agente forma ad esaw)

8 Tav.2 Numero infortuni riconosciuti,% casi di infortuni stradali ed itinere, casi di morte e con postumi permanenti. Triennio Annon. totale infortuni riconosciuti % infortuni stradali ed itinere n. infortuni mortali n. casi con postumi (*) % %1187 triennio Dati estratti dai NFI Inail-Ispesl-Regioni ed Infortuni non definiti al 100 % (*) non rilevato per cambio di modalità di rilevazione (da agente forma ad esaw)

9 Tav.n.3: Gli infortuni riconosciuti dallInail nel triennio Le prime 6 forme di accadimento su oltre 250 combinazioni con lagente materiale, rappresentano il 37.1% del totale. (N. Totale infortuni nel triennio = 7095) Numero casi Forma accadimento infortunio Agente materiale 854 Incidente stradale e in itinere Mezzi di trasporto terrestri non su rotaie 732 Sollevando spostandoPersone 472Caduto in piano suSuperfici di lavoro e transito 295 Ha messo un piede in falloSuperfici di lavoro e transito 145Ha urtato controArredi e impianti fissi 135Colpito daPersone Dati estratti dai nuovi flussi informativi Inail-Ispesl-Regioni

10 Tav.n. 4: Le malattie professionali riconosciute dallInail nel triennio I primi sei tipi di patologia raccolgono 253 casi pari al 89,71 del totale delle malattie professionali( N. 282). Malattie Professionali Numero di casi% Dermatiti da contatto ed altri eczemi16759,21 Affezione dei muscoli,legamenti,aponeurosi e tessuti3110,99 Asma289,92 Leucemia mieloide20,70 Affezioni dei dischi intervertebrali227,80 Malattie del sangue e degli organi emopoietici31,06 Totale25389,71 Dati estratti dai nuovi flussi informativi Inail-Ispesl-Regioni

11 ANALISI DATI ESTRATTI BANCA INAIL- ISPESL- REGIONI Le tavole 1,2,3,4 permettono di individuare le principali aree di miglioramento: -gli infortuni stradali sono un problema generale in tutti i settori produttivi; -il sollevamento delle persone, i disturbi muscolo-scheletrici e le dermatiti da contatto sono un problema specifico del comparto sanità. Questi dati, estratti della Banca Inail-Ispesl-Regioni sono solo la punta delliceberg del fenomeno in quanto prendono in considerazione soltanto i casi riconosciuti e non gli altri casi.

12 Per questo motivo si è deciso di avviare questa ricerca ( prima nel suo genere) che permette la costruzione di un quadro conoscitivo di riferimento completo di tutti i dati: quelli in franchigia, quelli fuori franchigia e gli incidenti a matrice biologica che molte volte non vengono registrati non superando la prognosi di un giorno. Questa indagine è stata effettuata con il contributo dei Servizi di Protezione e Prevenzione Aziendale della Regione B) DATI SPPA La raccolta completa dei dati inviati dai Servizi di Prevenzione e Protezione Aziendale, prevedeva lanalisi dal 2000 al 2006 ma per problemi di aggregazione omogenea siamo riusciti solo dal 2003 a raccogliere i dati con una griglia unica i dati di tutte le Aziende. B) I dati Inviati dai Responsabili dei Servizi di Prevenzione e Protezione Aziendale (SPPA), oltre gli infortuni, ci hanno permesso di valutare vari aspetti del fenomeno infortunistico.

13 Tav. n. 5: Quadro generale con dati per misurare i principali aspetti del fenomeno infortunistico. Fonte: Responsabili SPPA Aziende Sanitarie Anno Anno 2003Anno 2004Anno 2005Anno 2006Trend n. dipendenti ,15 % massa salariale dipendenti ,04 % premio assicurativo Inail in euro ,48 % n. infortuni fuori franchigia>4 giorni ( a carico Inail) ,84 % n. infortuni in franchigia ( a carico Azienda) ,00% n. infortuni a matrice biologica ,83 % totale infortuni( 4- inf. biologici) ,74% n. totale giorni persi infortunio ,00 %

14 Tav. n. 6: Totale infortuni distribuiti tra fuori e dentro la franchigia e infortuni biologici triennio Analisi InfortuniAnno 2003Anno 2004Anno 2005Anno 2006 >4 giorni inf. fuori franchigia ( a carico Inail ) < 4giorni inf. dentro franchigia ( a carico Azienda) n. infortuni biologici ( a carico Azienda) n. infortuni totali Incidenza infortuni a carico INAIL47,31%45,33%46,84%39,55% Incidenza infortuni a carico Azienda52,69%54,67%53,16%60,45% Fonte: Responsabili SPPA Aziende Sanitarie

15 Tav.7

16 Tav.n. 8: Percentuale di incidenti-infortuni biologici a livello regionale in ogni Azienda rapportato al numero di dipendenti. Fonte: Responsabili SPPA Aziende Sanitarie

17 Tav.n. 9: Percentuale di incidenti-infortuni biologici a livello regionale ed in ogni Azienda rapportato al numero di dipendenti. Fonte: Responsabili SPPA Aziende Sanitarie

18 ANALISI DEI DATI DEI SERVIZI DI PREVENZIONE E PROTEZIONE AZIENDALE - Gli incidenti/infortuni a matrice biologica sia percutanei (da punture dago o taglienti) che mucocutanei ( da contatto con liquidi contaminanti) sono in flessione; nel 2006 la % sul totale degli infortuni è del 32% e mediamente investe il 4% degli operatori. - Il monitoraggio dei dati negli anni evidenzia che la maggior parte degli infortuni e malattie professionali è ricorrente per forma di accadimento, agente e patologia e che un elevata percentuale si verifica durante lassistenza nello spazio intimo operatore-utente

19 ASPETTO ECONOMICO Il D. M. del sancisce che ogni Azienda che effettua interventi di miglioramento della sicurezza, sorveglianza sanitaria e formazione può chiedere allINAIL la riduzione del tasso medio di tariffa e del premio assicurativo (del 5% nelle Aziende con oltre 500 lavoratori-anno; del 10% nelle Aziende fino a 500 lavoratori-anno); la riduzione può arrivare fino al 35% agendo su tutti gli aspetti del fenomeno infortunistico. Limporto complessivo del premio INAIL pagato dalle Aziende della Regione nel 2006 è di circa 20 milioni di euro per cui una riduzione del 5% può produrre un risparmio di circa 1 milione di euro, che reinvestito, può aumentare la tutela della salute e sicurezza. Questa azione, indirettamente, può inoltre introdurre la possibilità di richiedere una riduzione sul premio della assicurazione per la responsabilità professionale, che è di gran lunga superiore al premio INAIL. Questa spirale virtuosa inoltre può ridurre il numero di rivalse Inail alle Aziende per infortuni accaduti in presenza di violazione di norme antinfortunistiche.

20 La lettura di tutti i dati delle tabelle, le indicazioni della letteratura, degli enti preposti alla tutela della salute e sicurezza dei lavoratori, le normative a livello regionale, nazionale ed internazionale, le raccomandazioni sindacali e suggerimenti dei rappresentanti dei lavoratori ed il buon senso portano a individuare le seguenti strategie, azioni di miglioramento e considerazioni finali.

21 STRATEGIE ED AZIONI DI MIGLIORAMENTO Le indicazioni sulle strategie prioritarie ed azioni da introdurre: -lintegrazione dei servizi ed attori in particolare interni allAzienda che producono dati e informazioni sul fenomeno (control room); -lindividuazione di una figura con la responsabilità di coordinare dati ed informazioni provenienti dallarea sanitaria, tecnica ed amministrativa; -un sistema informatico-informativo comune per una analisi in tempo reale andamenti e una garanzia di confrontabilità dei dati; -corsi di formazione-aggiornamento da inserire obbligatoriamente nel piano della formazione sulle cause specifiche più frequenti e gravi, in particolare quelle legate al processo assistenziale (punture dago, patologia osteoarticolare da sollevamento persone); -la predisposizione di percorsi di affiancamento ed addestramento per gli operatori trasferiti o neoassunti; -ladozione di buone pratiche con sistemi di sicurezza nellambiente di lavoro e di protezione degli operatori in particolare per gli infortuni e le malattie ricorrenti; - la richiesta allINAIL della riduzione del tasso medio di tariffa del premio assicurativo nel rispetto del Decreto Ministeriale del per chi effettua gli interventi dettati dalla norma.

22 Considerazioni finali Questa indagine: - può rappresentare la base di riferimento ovvero un esempio per iniziare un percorso di miglioramento e per valutare i diversi aspetti degli infortuni; sarebbe opportuno estenderla anche alle malattie professionali; - è la prima iniziativa del progetto nel comparto sanità del Piano Regionale per la Prevenzione ; - è spendibile sul tema gestione del rischio nelle Aziende Sanitarie in quanto completa lanalisi dei rischi per i pazienti, lorganizzazione e gli operatori; - sottolinea che la visione sistemica permette di monitorare il processo infortunistico in tutte le fasi e gli aspetti; - evidenzia che la gestione efficace del fenomeno infortunistico può portare ad un risparmio economico che, reinvestito, aumenta la tutela della salute e la sicurezza dei lavoratori; - mostra che il trend del fenomeno infortunistico nella sanità è in controtendenza rispetto agli altri settori per cui ci si pone la domanda su cosa stia succedendo: ci sono nuovi rischi? è cambiata la percezione del rischio? è migliorato il sistema di registrazione? oppure….. - promuove una nuova cultura delle salute e sicurezza non fatalista ma di studio delle cause che determinano gli eventi; - è allineata con la strategia dellAgenzia Europea la prevenzione degli infortuni correlati al lavoro ed ai problemi sanitari comporta una riduzione dei costi e contribuisce a migliorare il rendimento organizzativo con un conseguente miglioramento dellassistenza ai pazienti;


Scaricare ppt "LO STUDIO DEGLI INFORTUNI NELLE AZIENDE DEL SERVIZIO SANITARIO REGIONALE Reggio Emilia 25 Ottobre 2007 Servizio Sanità Pubblica Direzione Sanità e Politiche."

Presentazioni simili


Annunci Google