La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

Parte prima 1.Informazione statistica e social media: riflessioni sulle potenzialità della comunicazione in Istat ai tempi degli strumenti social Conclusioni.

Presentazioni simili


Presentazione sul tema: "Parte prima 1.Informazione statistica e social media: riflessioni sulle potenzialità della comunicazione in Istat ai tempi degli strumenti social Conclusioni."— Transcript della presentazione:

1 Parte prima 1.Informazione statistica e social media: riflessioni sulle potenzialità della comunicazione in Istat ai tempi degli strumenti social Conclusioni Parte seconda 2.Twitter policy 3.I contenuti pubblicati 4.Copertura live di eventi: dal dekstop allo smartphone LIstat nei social media Ariella Martino | Istat Giorgia Proietti Pannunzi | Istat

2 ROMA FEBBRAIO 2013 LIstat nei social media Perché essere presenti? La diffusione di servizi di social networking è un fenomeno globale che non può essere ignorato.

3 LIstat nei social media Utilizzo di Internet nel mondo ROMA FEBBRAIO 2013 Fonte: Internet World Stats, (Dati aggiornati al 30 giugno 2012)http://www.internetworldstats.com/ 3

4 Come lIstat usa Twitter ROMA FEBBRAIO 2013 LIstat nei social media 4

5 I contenuti pubblicati ROMA FEBBRAIO 2013 LIstat nei social media Che succede in Italia? I social media – le community on line, i blog, i servizi di social networking, gli strumenti di foto/video/slide sharing – hanno conosciuto negli ultimi anni un utilizzo sempre più allargato e diffuso. Graduatoria di alcuni tra i social media più utilizzati in Italia Decimo Rapporto sulla comunicazione, Censis 2012, % di utenza complessiva 5

6 LIstat nei social media ROMA FEBBRAIO 2013 Le Linee guida per i siti web delle PA Il prodigioso sviluppo dei social media ha spinto il Ministro per la pubblica amministrazione e linnovazione a inserire nelle Linee guida per i siti web delle PA (ai sensi dellart. 4 della Direttiva 8/09) ladozione dellapproccio web 2.0 per coinvolgere i cittadini nel miglioramento della gestione e della qualità dei servizi offerti dalla pubblica amministrazione. I social media vengono considerati canali di broadcasting ad alto potenziale di audience, di versatile diffusione, estremamente economici e spesso interoperabili tra loro. Attraverso la pubblicazione in tempo reale di messaggi di testo, immagini, audio e video, si può: garantire uninformazione costante e aggiornata, erogare servizi mirati a particolari fasce di utenza, accrescere la percezione di vicinanza dellamministrazione. 6

7 LIstat nei social media ROMA FEBBRAIO 2013 LIstat dalla parte dei cittadini La mission di servire la collettività attraverso la produzione e la comunicazione di informazioni statistiche, analisi e previsioni, ha guidato nel 2010 la scelta dellIstituto di essere presente sul web sociale. 7

8 LIstat nei social media ROMA FEBBRAIO 2013 LIstat dalla parte dei cittadini: con quali obiettivi? 1.Utilizzare canali di diffusione supplementari rispetto al sito web istituzionale e ai feed Rss 2.Raggiungere quel target che potrebbe non essere toccato dai mezzi tradizionali di comunicazione istituzionale; 3.Dare sostanza ai principi di trasparenza, efficacia ed efficienza dellazione amministrativa che il dialogo diretto e immediato con i cittadini rende possibile; 4.Intercettare esigenze e bisogni informativi che emergono dal basso; 5.Instaurare un canale di comunicazione privilegiato con gli stakeholder tradizionali e con quelli di nuova generazione. 8

9 LIstat nei social media ROMA FEBBRAIO 2013 LIstat dalla parte dei cittadini: con quali obiettivi? GLI OBIETTIVI cosa comunicare e a quale target LE MODALITÀ come comunicare, con quale registro linguistico, con che grado di interazione GLI STRUMENTI su quali canali essere presenti LE RISORSE numerosità e competenze del personale dedicato 9

10 LIstat nei social media ROMA FEBBRAIO

11 LIstat nei social media ROMA FEBBRAIO 2013 Facebook. Presenze spot, in occasione di particolari eventi: maggio 2010 presentazione del Rapporto annuale sulla situazione del Paese; settembre 2010 avvio del 6° Censimento generale dellagricoltura; ottobre 2010 prima Giornata mondiale della statistica; dicembre 2010 della Decima conferenza nazionale di statistica. YouTube. A ottobre 2010 è stato aperto il canale che conta numerose visualizzazioni (ad oggi oltre 90 mila) per i più di 130 video caricati. Flickr. Allindirizzo htwww.flickr.com/photos/galleria_istat sono on line oltre 250 scatti, per un totale di circa 500 visualizzazioni, realizzati durante diversi eventi organizzati dallIstituto.htwww.flickr.com/photos/galleria_istat SlideShare. Su sono disponibili più di 90 presentazioni e 15 documenti organizzati per evento e per tag: le visualizzazioni sono numerose (oltre quota 5.000) soprattutto per il tema dedicato al 15° Censimento della popolazione.www.slideshare.net/slideistat 11

12 ROMA FEBBRAIO 2013 LIstat nei social media Twitter è il social network di punta dellIstituto. Lesperienza è iniziata a settembre 2010 con il lancio del concorso La statistica è… 12

13 LIstat nei social media Ma è soltanto dal 1° marzo 2011 che lIstat è entrato ufficialmente su Twitter modificando il nome dellaccount. Nella fase iniziale, lapertura del canale non è stata volutamente pubblicizzata. Ad agosto 2011, con la pubblicazione del nuovo sito web istituzionale, licona di rimando al canale Twitter è stata pubblicata in home page, accanto a quella degli altri social network in uso dallIstituto. ROMA FEBBRAIO

14 Twitter policy Da gennaio 2012 è online su la Twitter policy. Ecco qualche passaggio importante:www.istat.it Laccount Twitter è gestito dalla Direzione centrale diffusione e comunicazione. I tweet sono realizzati e pubblicati esclusivamente dal team preposto (no automatismi). Il team controlla e aggiorna laccount Twitter dal lunedì al venerdì. In particolari occasioni, anche sabato e partecipa alla conversazione e risponde, se lo ritiene opportuno, alle richieste ricevute. ROMA FEBBRAIO

15 LIstat nei social media: Twitter Il 1° marzo 2011 è stato aperto laccount 15

16 I contenuti pubblicati ROMA FEBBRAIO 2013 I tweet postati (in media tra i 2 e i 10 al giorno, circa 2mila in totale) coprono i seguenti contenuti: Principali risultati di indagini Promozione di convegni e seminari aperti al pubblico Diffusione di prodotti editoriali Avviso di bandi di gara, concorsi e borse di studio Segnalazione di articoli a firma del management Pubblicizzazione di tools, widget o app Retweet dei miglior tweet pubblicati dai nostri follower Interazioni con utenti 16

17 Copertura live di eventi: dal dekstop allo smartphone Coprire con Twitter un evento è un buon modo di farlo vivere online. Primo passo è la scelta di un #hashtag dedicato allevento, poi lannuncio della copertura live sulla pagina dedicata alliniziativa e infine la diretta tramite smartphone Alcuni esempi: X Conferenza nazionale di statistica (prima copertura live) Rapporto annuale Istat in diretta dalla Camera dei deputati Rapporto sul benessere Cnel-Istat in diretta da viale Lubin Conferenze stampa su risultati censimenti Tanti altri eventi… Alcuni esempi: X Conferenza nazionale di statistica (prima copertura live) Rapporto annuale Istat in diretta dalla Camera dei deputati Rapporto sul benessere Cnel-Istat in diretta da viale Lubin Conferenze stampa su risultati censimenti Tanti altri eventi… 17

18 Follower e following ROMA FEBBRAIO 2013 Follower da del 2011 a del 2012 (+711% in un anno, +36% nellultimo trimestre del 2012). Circa 13mila follower. Platea eterogenea (giornalisti ma anche blogger, web master, influencer, semplici utenti, istituzioni, nuovi stakeholder). Following divisi in 2 liste: News su Italia (media), Istituti di statistica (Twitter account degli Istituti nazionali di statistica nel mondo). Inoltre una ventina di altri following fuori lista i cui aggiornamenti vengono visualizzati sulla nostra pagina principale. 18

19 ROMA FEBBRAIO ° picco: 30/11/2012 Occupati e disoccupati e inflazione 3° picco: 22/01/2013 Conferenza stampa di inizio anno e presentazione Noi Italia ° picco: 10/09/2012 Live presentazione del 9° censimento industria, servizi e istituzioni non profit

20 Il 1° marzo 2012 è stato aperto laccount in lingua ROMA FEBBRAIO

21 LIstat nei social media ROMA FEBBRAIO 2013 Un sistema social media Includere nelle strategie di comunicazione dellIstat la progettazione di un sistema social media, ovvero di programmare le politiche di comunicazione in modo che: sia sfruttata la sinergia tra nuovi media, sito web istituzionale e, più in generale, tutti gli strumenti di interazione e scambio con i cittadini vengano utilizzati linguaggi e modalità di relazione comuni per tutti gli strumenti siano condivisi gli obiettivi del sistema e i messaggi da portare allesterno. Un progetto integrato di questo tipo comporta: 1.unadeguata politica di comunicazione interna a sostegno 2.un elevato livello di trasparenza e responsabilizzazione di tutti i livelli di governo coinvolti 3.la disponibilità allascolto e allo scambio. 21

22 LIstat nei social media ROMA FEBBRAIO

23 LIstat nei social media ROMA FEBBRAIO 2013 Grazie per lattenzione Ariella Martino - Giorgia Proietti Pannunzi – 23


Scaricare ppt "Parte prima 1.Informazione statistica e social media: riflessioni sulle potenzialità della comunicazione in Istat ai tempi degli strumenti social Conclusioni."

Presentazioni simili


Annunci Google