La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

La Sindone: unimmagine impossibile.. La Sindone è un lenzuolo di lino tessuto a spina di pesce, con una tecnica raffinata in uso soprattutto in Siria.

Presentazioni simili


Presentazione sul tema: "La Sindone: unimmagine impossibile.. La Sindone è un lenzuolo di lino tessuto a spina di pesce, con una tecnica raffinata in uso soprattutto in Siria."— Transcript della presentazione:

1 La Sindone: unimmagine impossibile.

2 La Sindone è un lenzuolo di lino tessuto a spina di pesce, con una tecnica raffinata in uso soprattutto in Siria nel I sec. d. C., lungo 4 metri e 26 cm e largo 111 cm, color giallino, sul quale è visibile la figura di un uomo alto più o meno 176 cm, con barba e capelli lunghi, muscoloso, visto di fronte e posteriormente. La Sindone è un lenzuolo di lino tessuto a spina di pesce, con una tecnica raffinata in uso soprattutto in Siria nel I sec. d. C., lungo 4 metri e 26 cm e largo 111 cm, color giallino, sul quale è visibile la figura di un uomo alto più o meno 176 cm, con barba e capelli lunghi, muscoloso, visto di fronte e posteriormente.

3 Le due immagini sono poste testa contro testa, e sono di colore più scuro rispetto al telo. Le due immagini sono poste testa contro testa, e sono di colore più scuro rispetto al telo.

4 1.2 pieghe parallele per il lungo pieghe per il largo a. fori simmetrici prodotti da una goccia di metallo fuso b. bruciature c. rattoppi d. aloni dacqua e.pieghe indurite della stoffa

5 La sua origine è incerta e limmagine che riproduce, di natura ancora più incerta, stimola alla ricerca di una spiegazione. Limmagine è un po tenue, ma, quando la si guarda con più attenzione, specialmente con laiuto della fotografia, mostra chiaramente la figura di un uomo che è stato sottoposto al supplizio della crocifissione, per questo è morto e porta i segni di alcune particolari torture. La sua origine è incerta e limmagine che riproduce, di natura ancora più incerta, stimola alla ricerca di una spiegazione. Limmagine è un po tenue, ma, quando la si guarda con più attenzione, specialmente con laiuto della fotografia, mostra chiaramente la figura di un uomo che è stato sottoposto al supplizio della crocifissione, per questo è morto e porta i segni di alcune particolari torture.

6 incredibile limmagine in negativo fotografico… Su questa metà del lenzuolo si intravede appena limmagine del corpo…

7 Luomo della Sindone è un giovane di trenta - trentacinque anni, con barba e capelli lunghi divisi da una riga in mezzo, la treccia dietro la nuca, muscoloso, probabilmente abituato ai lavori manuali, ha camminato scalzo, come si vede dal terriccio presente sul tallone. Luomo della Sindone è un giovane di trenta - trentacinque anni, con barba e capelli lunghi divisi da una riga in mezzo, la treccia dietro la nuca, muscoloso, probabilmente abituato ai lavori manuali, ha camminato scalzo, come si vede dal terriccio presente sul tallone.

8 Si nota limpronta del calcagno e delle dita del piede destro, mentre il sinistro è sollevato. Anche il polpaccio destro è più evidente. Se ne deduce che la rigidità cadaverica sia sopraggiunta quando la gamba sinistra era in flessione, per cui appare più corta (da qui liconografia che raffigura Gesù zoppo). Si nota limpronta del calcagno e delle dita del piede destro, mentre il sinistro è sollevato. Anche il polpaccio destro è più evidente. Se ne deduce che la rigidità cadaverica sia sopraggiunta quando la gamba sinistra era in flessione, per cui appare più corta (da qui liconografia che raffigura Gesù zoppo). Verosimilmente il piede destro appoggiava contro il legno della croce, mentre il sinistro era sopra il collo destro e furono inchiodati in questa posizione. Verosimilmente il piede destro appoggiava contro il legno della croce, mentre il sinistro era sopra il collo destro e furono inchiodati in questa posizione.

9 Dagli studi effettuati sullimmagine emerge che luomo che vi era avvolto doveva essere alto 176 cm e pesare circa 80 kg. Dagli studi effettuati sullimmagine emerge che luomo che vi era avvolto doveva essere alto 176 cm e pesare circa 80 kg. Tutto, i lineamenti, la barba, i capelli lunghi, altezza e peso,fa pensare che si tratti di un ebreo del I secolo. Tutto, i lineamenti, la barba, i capelli lunghi, altezza e peso,fa pensare che si tratti di un ebreo del I secolo.

10 Luomo della Sindone non era un romano. Luomo della Sindone non era un romano. Sono state riscontrate le ferite di 120 colpi di flagello inferti da due diverse angolature. Contro i cittadini romani era vietato usare il flagrum. Sono state riscontrate le ferite di 120 colpi di flagello inferti da due diverse angolature. Contro i cittadini romani era vietato usare il flagrum. Probabilmente i carnefici erano due e lhanno colpito prima quando era in stazione eretta, poi chinato in avanti. Probabilmente i carnefici erano due e lhanno colpito prima quando era in stazione eretta, poi chinato in avanti. I carnefici erano romani: solo i romani usavano il flagrum. I carnefici erano romani: solo i romani usavano il flagrum. Flagrum: strumento costituito da due o tre strisce di corda o di cuoio che terminavano con pezzi di metallo, legno o osso; questi provocavano ferite e fuoriuscita di sangue. Flagrum: strumento costituito da due o tre strisce di corda o di cuoio che terminavano con pezzi di metallo, legno o osso; questi provocavano ferite e fuoriuscita di sangue.

11 Il torace e la schiena Si intravedono i segni della flagellazione…

12 Ha escoriazioni sulle spalle: il condannato avrebbe portato un peso, il palo orizzontale della croce. Ha escoriazioni sulle spalle: il condannato avrebbe portato un peso, il palo orizzontale della croce.

13 11. contusione dovuta al trasporto di una trave (un patibulum) 11. contusione dovuta al trasporto di una trave (un patibulum) 4. ferite da flagello 4. ferite da flagello Il patibolo si legava alle braccia … Il patibolo si legava alle braccia … … se cerano più condannati si strattonavano provocando cadute senza possibilità di appoggio sulle braccia; … se cerano più condannati si strattonavano provocando cadute senza possibilità di appoggio sulle braccia; il patibolo veniva poi issato sul palo dellesecuzione. il patibolo veniva poi issato sul palo dellesecuzione.

14 Ha escoriazioni profonde sul ginocchio: il condannato sarebbe caduto. Ha escoriazioni profonde sul ginocchio: il condannato sarebbe caduto. Ha una ferita al costato, dovuta a una lancia, infertagli dopo la morte. Infatti ne è uscito sangue e siero separatamente. Ha una ferita al costato, dovuta a una lancia, infertagli dopo la morte. Infatti ne è uscito sangue e siero separatamente.

15 Caratteristiche di ferita da punta e taglio… labbondanza del sangue è dovuta alla parete toracica strappata… Ferita del costato Il colpo è stato inferto a un cadavere, poiché i caratteri della colatura indicano l'avvenuta separazione della parte cellulare dalla componente seriosa.

16 Gli avambracci sono ben visibili e le mani sono incrociate sul pube, la sinistra sopra la destra. Sul polso sinistro si vede una ferita compatibile con linfissione di un chiodo fra gli ossicini del carpo. La lesione del nervo mediano ha provocato la deviazione dei pollici che sono coperti dalle altre dita. Gli avambracci sono ben visibili e le mani sono incrociate sul pube, la sinistra sopra la destra. Sul polso sinistro si vede una ferita compatibile con linfissione di un chiodo fra gli ossicini del carpo. La lesione del nervo mediano ha provocato la deviazione dei pollici che sono coperti dalle altre dita.

17 Punto di Destrot: piccolo spazio tra le ossa del carpo in grado di reggere il peso del corpo. Dopo lepoca romana si è persa la conoscenza di questo spazio: la sua esistenza è stata riscoperta nel Novecento. Punto di Destrot: piccolo spazio tra le ossa del carpo in grado di reggere il peso del corpo. Dopo lepoca romana si è persa la conoscenza di questo spazio: la sua esistenza è stata riscoperta nel Novecento.

18 I rivoli di sangue fanno pensare ad unagonia lunga, a braccia distese. I rivoli di sangue fanno pensare ad unagonia lunga, a braccia distese. Le macchie di sangue evidenziano i movimenti dellagonia delluomo della Sindone: per respirare si doveva sollevare puntando i piedi. Le macchie di sangue evidenziano i movimenti dellagonia delluomo della Sindone: per respirare si doveva sollevare puntando i piedi. Di norma il colpo di grazia (crucifragium) era la rottura delle gambe; mancando il punto di appoggio, la morte sopraggiungeva per asfissia. Di norma il colpo di grazia (crucifragium) era la rottura delle gambe; mancando il punto di appoggio, la morte sopraggiungeva per asfissia. Luomo della Sindone non ha segni di frattura agli arti inferiori. Luomo della Sindone non ha segni di frattura agli arti inferiori.

19 La testa appare chinata in avanti, come avviene nei cadaveri a causa del rigor mortis, il collo si vede bene nellimmagine dorsale, ma non in quella frontale.

20 È stato coronato con un casco di spine. È stato coronato con un casco di spine. È stato colpito sulla faccia e ha una ferita allo zigomo destro e al naso.

21 Le modalità di lesione sono da tutti riferite alla "incoronazione" del condannato mediante una "corona" o meglio un "casco" di rami spinosi. Sarebbero tali spine ad aver determinato molteplici ferite da punta al cuoio capelluto, all'origine delle emorragie in questione. Si tratta pertanto di lesioni vitali, che, come tali, presuppongono che l'Uomo della Sindone, al momento in cui fu ferito dalle spine, fosse ancora in vita. …due rivoletti di sangue fuoriescono da una ferita da punta che ha leso il ramo frontale dell'arteria temporale superficiale. Il sangue infatti ha carattere nettamente arterioso. …vediamo una breve colatura di sangue venoso a forma di 3 (dovuta al corrugarsi, sotto la spasmo del dolore, del muscolo frontale). Essa è conseguente ad una lesione della vena frontale.

22 Il sangue ha carattere artero - venoso (sangue misto di arteria e di vena) La nuca

23 Ha avuto una sepoltura individuale ed affrettata. Ha avuto una sepoltura individuale ed affrettata. È stato deposto nel sudario senza essere lavato È stato deposto nel sudario senza essere lavato Vi è rimasto meno di trentasei ore perché non vi sono segni di putrefazione. Vi è rimasto meno di trentasei ore perché non vi sono segni di putrefazione.

24 30 d.C. Dopo essere state alla tomba di Gesù le donne dicono agli apostoli che lhanno trovata vuota. Dopo essere state alla tomba di Gesù le donne dicono agli apostoli che lhanno trovata vuota.

25 Pietro e Giovanni corrono a vedere. Pietro raccoglie il lenzuolo di lino che aveva avvolto il corpo di Gesù e lo porta via. Pietro e Giovanni corrono a vedere. Pietro raccoglie il lenzuolo di lino che aveva avvolto il corpo di Gesù e lo porta via.

26 Per gli ebrei del tempo di Gesù la morte di croce era una pena alla quale poteva essere condannato solo chi era colpevole di delitti molto gravi o uno schiavo. Quel telo di lino per loro era il ricordo di unenorme vergogna, ma per gli apostoli era prezioso! Per loro Gesù era il Maestro, il Figlio di Dio! Decisero pertanto di nasconderlo e lo portarono nelle grotte di Qumran, vicino a Gerusalemme. Per gli ebrei del tempo di Gesù la morte di croce era una pena alla quale poteva essere condannato solo chi era colpevole di delitti molto gravi o uno schiavo. Quel telo di lino per loro era il ricordo di unenorme vergogna, ma per gli apostoli era prezioso! Per loro Gesù era il Maestro, il Figlio di Dio! Decisero pertanto di nasconderlo e lo portarono nelle grotte di Qumran, vicino a Gerusalemme. scavi di Qumran

27 Rimane a Qumran sino a quando non lo trovano alcuni dei primi cristiani scappati da Gerusalemme. La città infatti si è ribellata ai Romani, che dominano la Palestina, e i Romani fanno strage dei suoi abitanti; qualcuno si rifugia allora nelle grotte di Qumran, dove cè la Sindone. Rimane a Qumran sino a quando non lo trovano alcuni dei primi cristiani scappati da Gerusalemme. La città infatti si è ribellata ai Romani, che dominano la Palestina, e i Romani fanno strage dei suoi abitanti; qualcuno si rifugia allora nelle grotte di Qumran, dove cè la Sindone. II secolo

28 Uno sconosciuto la porta poi ad Edessa, che oggi è la città di Urfa, in Turchia. Il telo che aveva avvolto Gesù non è più visto come il segno di una condanna vergognosa, ma è considerato miracoloso. Quando nel 212, emessa viene conquistata dai Romani, che ormai considerano i cristiani come dei nemici e li perseguitano, la Sindone viene nascosta in una nicchia nelle mura della città e non se ne saprà più nulla per molto tempo. Uno sconosciuto la porta poi ad Edessa, che oggi è la città di Urfa, in Turchia. Il telo che aveva avvolto Gesù non è più visto come il segno di una condanna vergognosa, ma è considerato miracoloso. Quando nel 212, emessa viene conquistata dai Romani, che ormai considerano i cristiani come dei nemici e li perseguitano, la Sindone viene nascosta in una nicchia nelle mura della città e non se ne saprà più nulla per molto tempo.

29 Alla fine della guerra contro i Persiani, limperatore Giustiniano fa costruire una chiesa con una cappella dove conservare la Sindone. Quattrocento anni dopo, quando Edessa è stata conquistata dai musulmani, i bizantini attaccano la città; nelle trattative di pace limperatore Costantino II Porfirogenito chiede che gli venga consegnata la Sindone, la ottiene e la fa portare a Costantinopoli, dove rimane sino al Alla fine della guerra contro i Persiani, limperatore Giustiniano fa costruire una chiesa con una cappella dove conservare la Sindone. Quattrocento anni dopo, quando Edessa è stata conquistata dai musulmani, i bizantini attaccano la città; nelle trattative di pace limperatore Costantino II Porfirogenito chiede che gli venga consegnata la Sindone, la ottiene e la fa portare a Costantinopoli, dove rimane sino al 1205.

30 La Sindone, finisce poi nelle mani di Othon de la Roche che, con i suoi uomini, ha preso parte alla crociata e al saccheggio di Costantinopoli, nonostante la minaccia della scomunica da parte del papa Innocenzo III. La Sindone, finisce poi nelle mani di Othon de la Roche che, con i suoi uomini, ha preso parte alla crociata e al saccheggio di Costantinopoli, nonostante la minaccia della scomunica da parte del papa Innocenzo III.

31 Da Costantinopoli la Sindone giunge in Grecia, dove lo stesso Othon de la Roche la consegna (forse la vende) ai cavalieri dellordine dei templari (un ordine religioso e militare nello stesso tempo, che aveva lo scopo di proteggere i pellegrini in Terrasanta) perché la affidino alla sua famiglia: per questo si dirà che i templari venerano un volto barbuto. Da Costantinopoli la Sindone giunge in Grecia, dove lo stesso Othon de la Roche la consegna (forse la vende) ai cavalieri dellordine dei templari (un ordine religioso e militare nello stesso tempo, che aveva lo scopo di proteggere i pellegrini in Terrasanta) perché la affidino alla sua famiglia: per questo si dirà che i templari venerano un volto barbuto.

32 Nella metà del XIV secolo Geoffroy de Charny, valoroso cavaliere e uomo di profonda fede, celebrato condottiero francese, depone il lenzuolo nella chiesa da lui fondata del 1353 nel suo feudo di Lirey nella Champagne. Nella metà del XIV secolo Geoffroy de Charny, valoroso cavaliere e uomo di profonda fede, celebrato condottiero francese, depone il lenzuolo nella chiesa da lui fondata del 1353 nel suo feudo di Lirey nella Champagne.

33 Nel 1453 una sua lontana discendente, Marguerite, la cede, forse la vende, ai Savoia, che la portano a Chambery, la capitale del loro ducato. Nel 1453 una sua lontana discendente, Marguerite, la cede, forse la vende, ai Savoia, che la portano a Chambery, la capitale del loro ducato.

34 Dopo aver subito un incendio nel 1532, nel 1578 la Sindone è trasferita a Torino, dove il duca Emanuele Filiberto ha spostato la capitale col pretesto di consentire a Carlo Borromeo, che desiderava di venerarla senza dover affrontare il faticoso viaggio oltre le Alpi. Da allora la Sindone rimane definitivamente a Torino.

35 Nel 1694 è sistemata nellapposita cappella adiacente alla cattedrale, progettata dallarchitetto Guarino Guarini.

36 Nel 1973 viene mostrata per la prima volta in televisione.

37 Nel 1983 Umberto di Savoia la lascia in eredità al papa, che laffida allarcivescovo di Torino.

38 Nel 1997 la Sindone esce intatta da un altro incendio e nel 2002 viene restaurata.

39 Dallincendio del 1532 è stata portata in salvo con delle bruciature e bagnata: era contenuta in due casse, una di legno e laltra dargento, ma persino la cassa dargento si è in parte fusa e bucata, così anche lacqua che è servita a spegnere le fiamme è entrata. Le suore clarisse lhanno poi rammendata e hanno cucito sul retro un telo di rinforzo. Dallincendio del 1532 è stata portata in salvo con delle bruciature e bagnata: era contenuta in due casse, una di legno e laltra dargento, ma persino la cassa dargento si è in parte fusa e bucata, così anche lacqua che è servita a spegnere le fiamme è entrata. Le suore clarisse lhanno poi rammendata e hanno cucito sul retro un telo di rinforzo.

40 Dallincendio del 1997 è uscita indenne. Il salvataggio è stato mostrato in diretta televisiva. Dallincendio del 1997 è uscita indenne. Il salvataggio è stato mostrato in diretta televisiva.

41 Gli scienziati hanno poi suggerito di pulire la Sindone e di custodirla distesa, non arrotolata. Nel 2002 è stato perciò eseguito il restauro, che è consistito nello scucire le toppe messe nel 1532 e sostituire il telo di rinforzo. Questo ha reso molto migliori le condizioni di conservazione.

42 Gli scienziati hanno analizzato la Sindone e hanno scoperto che i pollini dei fiori e delle piante dei diversi luoghi in cui è stata portata hanno lasciato delle tracce sul telo. Così, con laiuto della botanica, hanno ricostruito il percorso per cui è arrivata da Gerusalemme a Torino. Gli scienziati hanno analizzato la Sindone e hanno scoperto che i pollini dei fiori e delle piante dei diversi luoghi in cui è stata portata hanno lasciato delle tracce sul telo. Così, con laiuto della botanica, hanno ricostruito il percorso per cui è arrivata da Gerusalemme a Torino.

43 Da secoli, ancora oggi si pone la domanda: cosè questo misterioso lenzuolo, da molti considerato come una reliquia, anzi la più significativa delle reliquie?

44 Per alcuni è un oggetto il cui innegabile rimando alla Passione di Cristo ne fa una realtà unica dal punto di vista religioso, capace quindi di suscitare anche linteresse degli studiosi di tante discipline. Per altri potrebbe essere un falso più o meno antico e quindi non meritevole di troppo interesse. Per alcuni è un oggetto il cui innegabile rimando alla Passione di Cristo ne fa una realtà unica dal punto di vista religioso, capace quindi di suscitare anche linteresse degli studiosi di tante discipline. Per altri potrebbe essere un falso più o meno antico e quindi non meritevole di troppo interesse.

45 Al di là delle posizioni estreme, è certo che la Sindone, sin dal suo apparire ha suscitato grandi emozioni per la straordinaria figura che racchiude, … Al di là delle posizioni estreme, è certo che la Sindone, sin dal suo apparire ha suscitato grandi emozioni per la straordinaria figura che racchiude, … … e la maggior parte degli studi compiuti, pur non avendone chiarito la modalità di formazione, sono propensi ad escluderne lorigine manuale. … e la maggior parte degli studi compiuti, pur non avendone chiarito la modalità di formazione, sono propensi ad escluderne lorigine manuale.

46 Sino alla fine dellOttocento la ricerca sulla Sindone aveva praticato soprattutto percorsi storici e in parte teologici, ma tutto sommato il problema dellautenticità rimaneva limitato a discussioni tra dotti, che difficilmente arrivavano ad interessare il vasto pubblico. Sino alla fine dellOttocento la ricerca sulla Sindone aveva praticato soprattutto percorsi storici e in parte teologici, ma tutto sommato il problema dellautenticità rimaneva limitato a discussioni tra dotti, che difficilmente arrivavano ad interessare il vasto pubblico.

47 Dalle fotografie, si è visto che sul lenzuolo cera limmagine di fronte e di schiena del corpo di Gesù, ma proprio come siamo abituati a vederlo rappresentato. Dalle fotografie, si è visto che sul lenzuolo cera limmagine di fronte e di schiena del corpo di Gesù, ma proprio come siamo abituati a vederlo rappresentato. Poi nel 1898 un avvocato di Torino, Secondo Pia, lha fotografata.

48 lì succede il contrario: sono più scure, come sul negativo di una normale fotografia. lì succede il contrario: sono più scure, come sul negativo di una normale fotografia. Ma, a differenza di quello che succede nelle normali fotografie, dove le parti scavate dei volti delle persone, come gli occhi e la bocca, sono più chiare rispetto alle altre, Ma, a differenza di quello che succede nelle normali fotografie, dove le parti scavate dei volti delle persone, come gli occhi e la bocca, sono più chiare rispetto alle altre,

49 Il dibattito si fa più acceso, le domande più numerose e le risposte non sono facili da trovare. Il dibattito si fa più acceso, le domande più numerose e le risposte non sono facili da trovare. Quel lenzuolo viene davvero da Gerusalemme? Quel lenzuolo viene davvero da Gerusalemme? Ci sono dei punti in comune tra quanto emerge dalla Sindone e il racconto della Passione che si legge nei Vangeli? Ci sono dei punti in comune tra quanto emerge dalla Sindone e il racconto della Passione che si legge nei Vangeli? Come si è formata limmagine? Come si è formata limmagine? Il telo risale al I secolo? Il telo risale al I secolo?

50 In sintesi: la Sindone è autentica? In sintesi: la Sindone è autentica? È veramente il lenzuolo che ha avvolto il corpo di Gesù nel sepolcro? È veramente il lenzuolo che ha avvolto il corpo di Gesù nel sepolcro?

51 Limmagine sul lenzuolo non può essere un dipinto, è largamente condivisa la conclusione che si tratti di una impronta lasciata da un corpo umano. Limmagine sul lenzuolo non può essere un dipinto, è largamente condivisa la conclusione che si tratti di una impronta lasciata da un corpo umano. Dalle caratteristiche di queste impronte si deduce che quelluomo era morto, come testimoniato sia dalla innaturale posizione del corpo spiegabile dalla rigidità cadaverica, sia dalla forma e natura delle lesioni presenti su quel corpo, che sono – in particolare quella del costato – incompatibili con la vita. Dalle caratteristiche di queste impronte si deduce che quelluomo era morto, come testimoniato sia dalla innaturale posizione del corpo spiegabile dalla rigidità cadaverica, sia dalla forma e natura delle lesioni presenti su quel corpo, che sono – in particolare quella del costato – incompatibili con la vita.

52 La morte dellUomo della Sindone è avvenuta certamente in seguito a una serie di torture e al supplizio della croce, come dimostrano con evidenza le ferite lasciate dai chiodi nei polsi e nei piedi. La morte dellUomo della Sindone è avvenuta certamente in seguito a una serie di torture e al supplizio della croce, come dimostrano con evidenza le ferite lasciate dai chiodi nei polsi e nei piedi. Linsieme di questi segni rimanda in modo assai preciso alle modalità descritte nei Vangeli per lesecuzione di Gesù Cristo. Linsieme di questi segni rimanda in modo assai preciso alle modalità descritte nei Vangeli per lesecuzione di Gesù Cristo.

53 A livello delle impronte che appaiono essere state lasciate da coaguli di sangue, si è effettivamente potuta dimostrare la presenza di sangue umano del gruppo AB. A livello delle impronte che appaiono essere state lasciate da coaguli di sangue, si è effettivamente potuta dimostrare la presenza di sangue umano del gruppo AB. La presenza del sangue è stata dimostrata dalle ricerche parallele, ma indipendenti, di tre gruppi di ricerca scientifica. La presenza del sangue è stata dimostrata dalle ricerche parallele, ma indipendenti, di tre gruppi di ricerca scientifica.

54 Sulla Sindone sono inoltre state scoperte tracce di aloe e mirra e sono stai individuati dei granuli di polline che sono compatibili con una provenienza medio - orientale della Sindone. Sulla Sindone sono inoltre state scoperte tracce di aloe e mirra e sono stai individuati dei granuli di polline che sono compatibili con una provenienza medio - orientale della Sindone.

55 Nel 1978 si è dimostrato, con lausilio di un computer, che limmagine sulla Sindone contiene una informazione tridimensionale. Nel 1978 si è dimostrato, con lausilio di un computer, che limmagine sulla Sindone contiene una informazione tridimensionale. Con studi successivi è stata ricavata limmagine del volto ripulita dalle ferite riuscendo a evidenziare particolari che potrebbero ricondurre alla presenza di monete dellepoca di Cristo. Con studi successivi è stata ricavata limmagine del volto ripulita dalle ferite riuscendo a evidenziare particolari che potrebbero ricondurre alla presenza di monete dellepoca di Cristo.

56 La ricerca che più ha destato scalpore in questi ultimi anni è stata, nel 1988, la datazione radiocarbonica che avrebbe fatto risalire il tessuto della Sindone tra il 1260 ed il Questo ha creato scompiglio tra gli studiosi, non tanto perché questo mette in dubbio la compatibilità della Sindone di Torino con la tradizione che vuole che sia il lenzuolo di Cristo, quanto perché, da un punto di vista scientifico e logico, pone dei seri problemi in contrasto con quanto la ricerca ha finora assodato.

57 Sono state anche sollevate delle obiezioni di carattere scientifico circa leffettivo valore da attribuire ai risultati dellesame con il C14. Il possibile ringiovanimento radiocarbonico del tessuto della Sindone potrebbe anche avere delle spiegazioni dovute alle sue vicissitudini e a un possibile inquinamento di natura biologica.

58 La ricerca quindi rimane aperta, e oggi non vi sono elementi definitivi né per giungere allepoca di Cristo, né tantomeno per considerare chiusa la questione con la datazione medioevale. È certo comunque che da un punto di vista logico e probabilistico una collocazione medioevale della sua origine pone più problemi di quanti ne presenti una provenienza più antica.

59 Fino ad oggi, nessuno è riuscito a spiegare in che modo si sia formata questa immagine. Fino ad oggi, nessuno è riuscito a spiegare in che modo si sia formata questa immagine. Si è pensato che fosse dovuta al contatto del lino con i profumi che gli ebrei spargevano sui corpi dei morti quando li seppellivano. Si è pensato che fosse dovuta al contatto del lino con i profumi che gli ebrei spargevano sui corpi dei morti quando li seppellivano. Si è pensato che fosse dovuta a bruciature provocate da calore o da una luce molto forte. Si è pensato che fosse dovuta a bruciature provocate da calore o da una luce molto forte.

60 Nessuna di queste spiegazioni, però, è stata dimostrata senza lasciare dubbi. Nessuna di queste spiegazioni, però, è stata dimostrata senza lasciare dubbi. Bisogna accettare di essere davanti a un fatto misterioso. Bisogna accettare di essere davanti a un fatto misterioso.

61 Le immagini delle ferite sono certamente dovute al decalco di coaguli di sangue, limpronta dl corpo ha una causa del tutto diversa. Le immagini delle ferite sono certamente dovute al decalco di coaguli di sangue, limpronta dl corpo ha una causa del tutto diversa. Si tratta infatti di una ossidazione delle fibrille superficiali dei fili di lino, ma sullorigine di tale fenomeno non si è ancora data una spiegazione del tutto accettabile. Si tratta infatti di una ossidazione delle fibrille superficiali dei fili di lino, ma sullorigine di tale fenomeno non si è ancora data una spiegazione del tutto accettabile.

62 Il nuovo sistema di conservazione della Sindone tiene conto di tutte le informazioni che si hanno ad oggi. Il nuovo sistema di conservazione della Sindone tiene conto di tutte le informazioni che si hanno ad oggi. Pertanto la Sindone è stata collocata dentro una teca ad avanzata tecnologia, in atmosfera di gas inerte, a temperatura ed umidità costanti, completamente distesa in modo da evitare le pieghe e i danni derivanti dalla precedente conservazione arrotolata in un cilindro di legno. Pertanto la Sindone è stata collocata dentro una teca ad avanzata tecnologia, in atmosfera di gas inerte, a temperatura ed umidità costanti, completamente distesa in modo da evitare le pieghe e i danni derivanti dalla precedente conservazione arrotolata in un cilindro di legno.

63 Il problema di conservazione della Sindone non è di poco conto. Il problema di conservazione della Sindone non è di poco conto. Infatti esistono tecnologie sperimentate per conservare tessuti anche più antichi della Sindone, ma è molto difficile studiare un sistema ottimale di conservazione di unimmagine la cui origine ci è ignota. Infatti esistono tecnologie sperimentate per conservare tessuti anche più antichi della Sindone, ma è molto difficile studiare un sistema ottimale di conservazione di unimmagine la cui origine ci è ignota.

64 Le Ostensioni della Sindone avvengono ogni 25 anni e in occasioni molto particolari. Le Ostensioni della Sindone avvengono ogni 25 anni e in occasioni molto particolari.

65 Nella storia ce ne sono state parecchie, a partire da quella del XIV secolo di Lirey, poco dopo che la Sindone era arrivata in Francia. Nel Cinquecento si hanno poi diverse Ostensioni, due alla presenza del cardinale di Milano Carlo Borromeo, le altre in occasioni di Battesimi, matrimoni e funerali di vari componenti della famiglia regnante dei Savoia. Nella storia ce ne sono state parecchie, a partire da quella del XIV secolo di Lirey, poco dopo che la Sindone era arrivata in Francia. Nel Cinquecento si hanno poi diverse Ostensioni, due alla presenza del cardinale di Milano Carlo Borromeo, le altre in occasioni di Battesimi, matrimoni e funerali di vari componenti della famiglia regnante dei Savoia.

66 Il secolo che ha visto più Ostensioni è stato lOttocento, da quella del 1804 in onore di papa Pio VII che passava da Torino per andare in Francia, a quelle del 1814 e 1815 in occasione della caduta di Napoleone e del ritorno del papa dalla prigionia in Francia, a quelle legate ad avvenimenti che riguardavano i Savoia. Il secolo che ha visto più Ostensioni è stato lOttocento, da quella del 1804 in onore di papa Pio VII che passava da Torino per andare in Francia, a quelle del 1814 e 1815 in occasione della caduta di Napoleone e del ritorno del papa dalla prigionia in Francia, a quelle legate ad avvenimenti che riguardavano i Savoia.

67 Il 1898 è fondamentale, perché durante lOstensione di quellanno lavvocato torinese Secondo Pia, dopo aver superato lopposizione iniziale dei Savoia, riuscì a fotografare la Sindone, scoprendo che limmagine impressa è un negativo fotografico. Nel Novecento ci sono state poche Ostensioni, ma significative: nel 1933 si festeggiano i 1900 anni della passione e morte di Gesù Cristo. Il 1898 è fondamentale, perché durante lOstensione di quellanno lavvocato torinese Secondo Pia, dopo aver superato lopposizione iniziale dei Savoia, riuscì a fotografare la Sindone, scoprendo che limmagine impressa è un negativo fotografico. Nel Novecento ci sono state poche Ostensioni, ma significative: nel 1933 si festeggiano i 1900 anni della passione e morte di Gesù Cristo.

68 Poi la guerra mette fine alle esposizioni e per rivedere la Sindone bisognerà aspettare lOstensione del 1973, importantissima perché televisiva. Le successive avvennero nel 1978, nel 1980 in occasione della visita di papa Giovanni Paolo II a Torino, e nel 1998, dopo lincendio del Lultima Ostensione è stata nel 2000, in occasione del Giubileo. Dopo quella del 2010 ce ne sarà unaltra nel 2025.

69 La Sindone non può essere lasciata sempre alla venerazione dei fedeli perché lesposizione alla luce provoca lossidazione che fa scurire il tessuto sbiadendo i contorni dellimmagine. La Sindone non può essere lasciata sempre alla venerazione dei fedeli perché lesposizione alla luce provoca lossidazione che fa scurire il tessuto sbiadendo i contorni dellimmagine.

70 La Chiesa cattolica non si è espressa ufficialmente rispetto alla sua autenticità, delegando questo compito alla scienza, La Chiesa cattolica non si è espressa ufficialmente rispetto alla sua autenticità, delegando questo compito alla scienza, ma lasciando liberi i fedeli di venerarla come icona della Passione di Nostro Signore. ma lasciando liberi i fedeli di venerarla come icona della Passione di Nostro Signore.

71 Nessuno è mai riuscito a fornire prove definitive e inconfutabili in un senso o nellaltro, ma le probabilità che si tratti veramente del lenzuolo che ha avvolto il corpo di Cristo sono altissime.

72 Non abbiamo prove dirette, ma gli scienziati hanno analizzato la Sindone e hanno confrontato i risultati dei loro studi con il racconto della passione, morte e resurrezione di Gesù che si legge nei Vangeli.

73 Dallimmagine della Sindone si vedono i segni della corona di spine, della flagellazione, dei chiodi nei polsi e nei piedi, della ferita del colpo di lancia al costato, così come raccontano i Vangeli. Dallimmagine della Sindone si vedono i segni della corona di spine, della flagellazione, dei chiodi nei polsi e nei piedi, della ferita del colpo di lancia al costato, così come raccontano i Vangeli. È quasi impossibile che tutte queste conferme possano valere per un altro condannato che non sia Gesù. È quasi impossibile che tutte queste conferme possano valere per un altro condannato che non sia Gesù.

74 Secondo gli studiosi le probabilità che tutte queste coincidenze così puntuali si siano verificate per un altro crocifisso che non sia Gesù sono 1 su 200 miliardi. Secondo gli studiosi le probabilità che tutte queste coincidenze così puntuali si siano verificate per un altro crocifisso che non sia Gesù sono 1 su 200 miliardi. Ci sono maggiori probabilità di vedere uscire per 116 volte consecutive alla roulette lo steso numero di quante ce ne sono che lUomo della Sindone non sia Gesù. Ci sono maggiori probabilità di vedere uscire per 116 volte consecutive alla roulette lo steso numero di quante ce ne sono che lUomo della Sindone non sia Gesù.

75 La Sindone di fatto non aggiunge nulla alla nostra fede, fondata sullannuncio apostolico, ma, come diceva Giovanni Paolo II, : La Sindone di fatto non aggiunge nulla alla nostra fede, fondata sullannuncio apostolico, ma, come diceva Giovanni Paolo II, : Nella Sindone si riflette limmagine della sofferenza umana, come licona della sofferenza dellinnocente di tutti i tempi. Essa è un testimone muto ma sorprendentemente eloquente della Passione, morte e resurrezione di Cristo. Nella Sindone si riflette limmagine della sofferenza umana, come licona della sofferenza dellinnocente di tutti i tempi. Essa è un testimone muto ma sorprendentemente eloquente della Passione, morte e resurrezione di Cristo. E di questo dobbiamo tener conto. E di questo dobbiamo tener conto. adattamento di una presentazione proveniente dal web adattamento di una presentazione proveniente dal web


Scaricare ppt "La Sindone: unimmagine impossibile.. La Sindone è un lenzuolo di lino tessuto a spina di pesce, con una tecnica raffinata in uso soprattutto in Siria."

Presentazioni simili


Annunci Google