La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

UN TERMINE RELIGIOSO Il termine martire deriva dal greco martus: il testimone. Fin dallantichità, per il cristianesimo il martire è colui che ha testimoniato.

Presentazioni simili


Presentazione sul tema: "UN TERMINE RELIGIOSO Il termine martire deriva dal greco martus: il testimone. Fin dallantichità, per il cristianesimo il martire è colui che ha testimoniato."— Transcript della presentazione:

1

2 UN TERMINE RELIGIOSO Il termine martire deriva dal greco martus: il testimone. Fin dallantichità, per il cristianesimo il martire è colui che ha testimoniato con il sacrificio della propria vita la fede in Cristo: è latto di estrema fede e fiducia in Dio che porta a sopportare la prova più dura della vita umana, la morte. Due colombe reggono le palme del martirio. Catacombe di Domitilla, Roma Il martire si distingue dal confessore, che non ha conosciuto la prova della morte.

3 LA STORIA DEI MARTIRI Il martirio costituisce un tratto essenziale della storia cristiana dei primi tre secoli: i martiri sono considerati coloro che hanno seguito fino in fondo lesempio di Cristo. La lapidazione di un martire, affresco

4 Rappresentazione di una scena di martirio in unarena MARTIRI PUBBLICI Allepoca delle persecuzioni, non soltanto la figura dei martiri, ma anche le loro esecuzioni, spesso pubbliche, assunsero un ruolo centrale nel culto cristiano.

5 I LAPSI Alcuni cristiani non ressero alle persecuzioni e alle torture e negarono la fede in Gesù per salvare la propria vita: erano i cosiddetti lapsi (coloro che erano caduti). Una volta scampato il pericolo, chiedevano di essere accolti di nuovo in Chiesa, suscitando reazioni controverse in coloro che erano rimasti fedeli. Moneta raffigurante limperatore Diocleziano, cui sono legate le persecuzioni del III secolo

6 SANTO STEFANO (1/2) Stefano, ebreo di nascita, fu il primo dei sette diaconi scelti dagli apostoli perché li aiutassero nel ministero della fede. Egli è venerato come santo dalla Chiesa cattolica e dalla Chiesa ortodossa. Santo Stefano in un dipinto di Giotto Santo Stefano in unicona russa

7 SANTO STEFANO (2/2) Stefano fu il protomartire, cioè il primo cristiano ad aver dato la vita per testimoniare la propria fede in Cristo e per la diffusione del Vangelo. Lapidazione di Santo Stefano Il suo martirio è descritto negli Atti degli Apostoli, dove appaiono evidenti la sua chiamata al servizio dei discepoli e il suo martirio, avvenuto per lapidazione.

8 LE DONNE MARTIRI Quella del martirio non è una storia solo maschile: fin dallinizio dellepoca cristiana le donne sono state protagoniste di atti di testimonianza della fede fino alla morte che hanno contribuito a costruire la storia del martirio cristiano: madri, figlie, sorelle che in compagnia dei loro uomini o da sole hanno affrontato il sacrificio estremo per rinascere a nuova vita. Vergini martiri Santa Caterina, vergine e martire

9 DUE ILLUSTRI MARTIRI Simone, figlio di Giona e fratello di Andrea, primo tra i discepoli, professò che Gesù era il Cristo, Figlio del Dio vivente. Gesù lo chiamò Pietro. Paolo, Apostolo delle genti, predicò Cristo crocifisso ai Giudei e ai Greci. Pietro e Paolo martiri Entrambi, nella fede e nellamore di Gesù Cristo, annunciarono il Vangelo nella città di Roma e morirono martiri sotto limperatore Nerone: il primo, come dice la tradizione, crocifisso a testa in giù e sepolto in Vaticano presso la via Trionfale; il secondo trafitto con la spada e sepolto sulla via Ostiense.

10 I LUOGHI DEI MARTIRI Dalla fine del II secolo, il giorno dellanniversario della morte del martire (dies natalis: il giorno della rinascita a nuova vita) divenne un giorno festivo che presupponeva una cerimonia liturgica vicino alla sua tomba. Cappella dei martiri a Otranto La pratica si diffuse nei secoli successivi, quando si moltiplicarono i luoghi destinati al culto e al ricordo dei martiri cristiani.

11 UN MODELLO DI LUNGO PERIODO Letà cosiddetta dei martiri termina con la fine delle persecuzioni, ma il modello martiriale resta forte. Continuano a esistere episodi di martirio lungo tutta la storia del cristianesimo, fino ai giorni nostri, in casi di intolleranza e di violenza. Manifestazione contro le persecuzioni dei cristiani In alcuni contesti, anche i missionari sono stati giudicati martiri

12 MARTIRI PER CATTOLICI E PROTESTANTI Un posto privilegiato è stato riservato ai martiri anche dalla Riforma, pur critica nei confronti del culto dei santi: i martiri sono ricordati in apposite raccolte, i martirologi protestanti. Esecuzione di Lady Jane Grey, martire secondo il martirologio protestante

13 MARTIRI PER CATTOLICI E PROTESTANTI Uno spazio particolare è stato riservato ai martiri, nel Novecento, nella politica di beatificazione e santificazione di Giovanni Paolo II. Si conferma così il ruolo importante che queste figure hanno giocato sul lungo periodo, nella storia del cristianesimo. Giovanni Paolo II Padre Massimiliano Kolbe ( ), martire canonizzato nel 1982

14


Scaricare ppt "UN TERMINE RELIGIOSO Il termine martire deriva dal greco martus: il testimone. Fin dallantichità, per il cristianesimo il martire è colui che ha testimoniato."

Presentazioni simili


Annunci Google