La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

9.00 Lauda Sion Salvatorem, lauda ducem et pastorem in hymnis et canticis. Sion loda il Salatore la tua guida, il tuo pastore, con inni e cantici.

Presentazioni simili


Presentazione sul tema: "9.00 Lauda Sion Salvatorem, lauda ducem et pastorem in hymnis et canticis. Sion loda il Salatore la tua guida, il tuo pastore, con inni e cantici."— Transcript della presentazione:

1

2 9.00

3

4 Lauda Sion Salvatorem, lauda ducem et pastorem in hymnis et canticis. Sion loda il Salatore la tua guida, il tuo pastore, con inni e cantici. Quantum potes, tantum aude, quia maior omni laude, nec laudare sufficis. Impegna tutto il tuo fervore, egli supera ogni lode, non vi è canto che sia degno.

5

6

7 Benedetto XVI ha introdotto la preghiera mariana del Regina Cæli dal Palazzo Apostolico di Piazza San Pietro nella IV Domenica di Pasqua / B 3 maggio 2009 Benedetto XVI ha introdotto la preghiera mariana del Regina Cæli dal Palazzo Apostolico di Piazza San Pietro nella IV Domenica di Pasqua / B 3 maggio 2009

8 Bone pastor, panis vere, Jesu, nostri miserere, tu nos pasce, nos tuere, Buon pastore, vero pane, o Gesù pietà di noi, Tu nos bona fac videre in terra viventium. nutrici e difendici, portaci ai beni eterni nella terra dei viventi.

9

10 In quel tempo, Gesù disse: «Io sono il buon pastore. Il buon pastore dà la propria vita per le pecore. Il mercenario – che non è pastore e al quale le pecore non appartengono – vede venire il lupo, abbandona le pecore e fugge, e il lupo le rapisce e le disperde; perché è un mercenario e non gli importa delle pecore. Io sono il buon pastore, conosco le mie pecore e le mie pecore conoscono me, così come il Padre conosce me e io conosco il Padre, e do la mia vita per le pecore. Dal Vangelo secondo Giovanni 10, 11-18

11 E ho altre pecore che non provengono da questo recinto: anche quelle io devo guidare. Ascolteranno la mia voce e diventeranno un solo gregge, un solo pastore. Per questo il Padre mi ama: perché io do la mia vita, per poi riprenderla di nuovo. Nessuno me la toglie: io la do da me stesso. Ho il potere di darla e il potere di riprenderla di nuovo. Questo è il comando che ho ricevuto dal Padre mio». Dal Vangelo secondo Giovanni 10, 11-18

12

13

14

15

16

17

18 Si è da poco conclusa, nella Basilica di San Pietro, la Celebrazione eucaristica durante la quale ho consacrato diciannove nuovi Sacerdoti della Diocesi di Roma Si è da poco conclusa, nella Basilica di San Pietro, la Celebrazione eucaristica durante la quale ho consacrato diciannove nuovi Sacerdoti della Diocesi di Roma

19 Siamo felici. Ancora una volta ho scelto questa domenica, la IV di Pasqua, per tale felice evento, perché essa è caratterizzata dal Vangelo del Buon Pastore (cfr Gv 10,1-18) e perciò offre un contesto particolarmente adatto.

20 Per lo stesso motivo si celebra oggi la Giornata mondiale di preghiera per le vocazioni. Nel mio annuale messaggio per questa circostanza, ho invitato a riflettere sul tema: La fiducia nelliniziativa di Dio e la risposta umana.

21 Infatti, la fiducia nel Signore, che continuamente chiama tutti alla santità e alcuni in particolare a una speciale consacrazione, si esprime proprio nella preghiera. Sia personalmente che in comunità, dobbiamo pregare molto per le vocazioni, perché la grandezza e la bellezza dellamore di Dio attiri tanti a seguire Cristo sulla via del sacerdozio e in quella della vita consacrata.

22 Occorre anche pregare perché ci siano altrettanti sposi santi, capaci di indicare ai figli, soprattutto con lesempio, gli orizzonti alti a cui tendere con la loro libertà. I santi e le sante, che la Chiesa propone alla venerazione di tutti i fedeli, stanno a testimoniare il frutto maturo di questo intreccio tra la chiamata divina e la risposta umana. Affidiamo alla loro celeste intercessione la nostra preghiera per le vocazioni.

23 Cè unaltra intenzione per la quale oggi vi invito a pregare: il viaggio in Terra Santa

24 Che compirò, a Dio piacendo, dal prossimo venerdì 8 maggio al venerdì 15. Sulle orme dei miei venerati predecessori Paolo VI e Giovanni Paolo II, mi farò pellegrino ai principali luoghi santi della nostra fede. Con la mia visita mi propongo di confermare e di incoraggiare i cristiani di Terra Santa, che devono affrontare quotidianamente non poche difficoltà.

25 Quale Successore dellapostolo Pietro, farò loro sentire la vicinanza e il sostegno di tutto il corpo della Chiesa. Inoltre, mi farò pellegrino di pace, nel nome dellunico Dio che è Padre di tutti. Testimonierò limpegno della Chiesa Cattolica in favore di quanti si sforzano di praticare il dialogo e la riconciliazione, per giungere ad una pace stabile e duratura nella giustizia e nel rispetto reciproco.

26 Infine, questo viaggio non potrà non avere una notevole importanza ecumenica e inter-religiosa. Gerusalemme è, da questo punto di vista, la città- simbolo per eccellenza: là Cristo è morto per riunire tutti i figli di Dio dispersi (cfr Gv 11,52).

27 Rivolgendoci ora alla Vergine Maria, la invochiamo quale Madre del Buon Pastore, affinché vegli sui nuovi Presbiteri della Diocesi di Roma, e perché in tutto il mondo fioriscano numerose e sante vocazioni di speciale consacrazione al Regno di Dio.

28


Scaricare ppt "9.00 Lauda Sion Salvatorem, lauda ducem et pastorem in hymnis et canticis. Sion loda il Salatore la tua guida, il tuo pastore, con inni e cantici."

Presentazioni simili


Annunci Google