La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

PRINCIPALI EFFETTI DANNOSI/INDESIDERATI CAUSATI DAL LAVORO SULLA SALUTE DELLUOMO MALATTIE DA LAVORO HEALTH PROBLEMS –insorgono in genere lentamente –sono.

Presentazioni simili


Presentazione sul tema: "PRINCIPALI EFFETTI DANNOSI/INDESIDERATI CAUSATI DAL LAVORO SULLA SALUTE DELLUOMO MALATTIE DA LAVORO HEALTH PROBLEMS –insorgono in genere lentamente –sono."— Transcript della presentazione:

1 PRINCIPALI EFFETTI DANNOSI/INDESIDERATI CAUSATI DAL LAVORO SULLA SALUTE DELLUOMO MALATTIE DA LAVORO HEALTH PROBLEMS –insorgono in genere lentamente –sono contratte nellesercizio e a causa di un lavoro –possono comportare: morte danni irreversibili (vari gradi) danni reversibili (vari gradi) –possono avere carattere: –evolutivo –non evolutivo INFORTUNI SUL LAVORO SAFETY PROBLEMS si verificano per causa violenta in occasione di lavoro possono comportare: morte danni irreversibili(vari gradi) danni reversibili (vari gradi )

2 INFORTUNIO SUL LAVORO LESIONE: è un qualunque danno allorganismo psico-fisico del lavoratore che comporti inabilità al lavoro. CAUSA VIOLENTA: e un fatto esterno che agisce rapidamente sulla persona, ponendosi in rapporto di causa-effetto con la lesione. OCCASIONE DI LAVORO: e lesistenza di un nesso etiologico (di genesi) tra il lavoro ed il verificarsi del rischio. Linfortunio si deve verificare non solo sul lavoro, ma soprattutto per il lavoro.

3 MALATTIA PROFESSIONALE LA CAUSA E LENTA, DILUITA NEL TEMPO, AGISCE PER GRADI SULLORGANISMO E A GENESI MONOFATTORIALE (ad es. ipoacusia da rumore, pneumoconiosi polmonari). E UNA PATOLOGIA TABELLATA (inserita nel novero delle malattie professionali riconosciute dal sistema assicurativo INAIL). LA DENUNCIA di malattia professionale è subordinata a due fattori: 1) la diagnosi di malattia, 2) laccertamento del rischio.

4 WORK RELATED DISEASES MALATTIE CORRELATE AL LAVORO: non esiste una correlazione univoca tra attività lavorativa e malattia, ma lambiente di lavoro e, soprattutto, le modalità esecutive dello stesso, possono contribuire in maniera sostanziale alla manifestazione della malattia.

5 A GENESI MULTIFATTORIALE PRESENZA DI FATTORI DI RISCHIO EXTRAPROFESSIONALI : ad es. fisiologici (sesso, BMI ed età ); patologici pregressi o attuali predisponenti. RISCONTRABILI ANCHE AL DI FUORI DELLA POPOLAZIONE LAVORATIVA PATOLOGIE NON TABELLATE<. tra di esse sono frequentemente descritte le patologie muscolo-scheletriche, specie a carico dellarto superiore. La componente professionale causale, nellinduzione di tale sindrome, riguarda quelle attività lavorative in cui predominano: - lelevata ripetitività del movimento, - la presa forzata - la deviazione, specie se estrema, dellarticolazione del polso - la carenza dei periodi di recupero.

6 Movimentazione Manuale dei carichi (MMC)

7 Col termine movimentazione manuale dei carichi (MMC) si intendono quelle attività svolte da uno/più operatori caratterizzate da sollevamento e/o deposizione, spinta, tiro, trasporto, spostamento o sostegno di un peso che, a causa delle circostanze e delle condizioni con cui viene manipolato, potrebbe comportare rischi per la sicurezza e per la salute, particolarmente a carico della colonna vertebrale dorso-lombare.

8 il principale organo bersaglio di una incongrua o eccessiva movimentazione manuale di pesi è considerato il tratto lombare(o meglio lombo-sacrale) della colonna vertebrale ma non si escludono altre possibili azioni acute o croniche correlate, sia a carico degli altri segmenti muscolo-scheletrici (ad es., colonna cervicale, spalla, arti in genere), sia a carico di altri apparati (ad es., cardiovascolare, ernie addominali, ecc.). Stante lalta incidenza della patologia lavoro correlata con la MMC e tenuto conto dellelevato assenteismo che il dolore lombare ricorrente (low back pain degli anglosassoni) è in grado di causare (secondo varie statistiche più di 30 giorni di assenza per malattia ogni 100 lavoratori/anno) molti Paesi ad economia avanzata hanno regolamentato luso della forza muscolare nella movimentazione occupazionale dei pesi. La Direttiva europea n. 269/90 ha obbligato i Paesi membri della UE ad emanare norme di tutela che includano la MMC tra i fattori di rischio da valutare per fini di prevenzione e protezione.

9 D.L.vo 81/08 i.e.c. D.Lvo 106/09 TITOLO VI MOVIMENTAZIONE MANUALE DEI CARICHI

10 1. Le norme del presente titolo si applicano alle attività lavorative di movimentazione manuale dei carichi che comportano per i lavoratori rischi di patologie da sovraccarico biomeccanico, in particolare dorsolombari 2. Ai fini del presente titolo, sintendono: a) movimentazione manuale dei carichi: le operazioni (…) che comportano rischi di patologie da sovraccarico biomeccanico, in particolare dorsolombari; b) patologie da sovraccarico biomeccanico: patologie delle strutture osteoarticolari, muscolotendinee e nervovascolari. Art. 167 Campo di applicazione

11 1. Il datore di lavoro adotta le misure organizzative necessarie e ricorre ai mezzi appropriati, in particolare attrezzature meccaniche, per evitare la necessità di una movimentazione manuale dei carichi da parte dei lavoratori. 2. Qualora non sia possibile evitare la movimentazione manuale dei carichi ad opera dei lavoratori, il datore di lavoro adotta le misure organizzative necessarie, ricorre ai mezzi appropriati e fornisce ai lavoratori stessi i mezzi adeguati, allo scopo di ridurre il rischio che comporta la movimentazione manuale di detti carichi, tenendo conto dell'allegato XXXIII, ed in particolare: Art. 168 Obblighi del datore di lavoro

12 a) organizza i posti di lavoro in modo che detta movimentazione assicuri condizioni di sicurezza e salute; c) evita o riduce i rischi, particolarmente di patologie dorso- lombari, adottando le misure adeguate, tenendo conto in particolare dei fattori individuali di rischio, delle caratteristiche dell'ambiente di lavoro e delle esigenze che tale attività comporta, in base all'allegato XXXIII; b) valuta, se possibile anche in fase di progettazione, le condizioni di sicurezza e di salute connesse al lavoro in questione tenendo conto dell'allegato XXXIII; d) sottopone i lavoratori alla sorveglianza sanitaria di cui all'articolo 41, sulla base della valutazione del rischio e dei fattori individuali di rischio di cui allallegato XXXIII

13 definisce gli elementi di riferimento e i fattori individuali di rischio da considerare per prevenire il rischio di patologie da sovraccarico biomeccanico connesse alle attività lavorative di MMC. ELEMENTI DI RIFERIMENTO: caratteristiche del carico sforzo fisico richiesto caratteristiche dellambiente di lavoro esigenze connesse allattività FATTORI INDIVIDUALI DI RISCHIO: inidoneità fisica a svolgere il compito in questione considerando anche le differenze di genere e di età indumenti, calzature o altri effetti personali inadeguati portati dal lavoratore insufficiente formazione o addestramento Allegato XXXIII

14 Analisi del rischio 1. Caratteristiche del carico – La movimentazione manuale di un carico può costituire un rischio se: il carico è troppo pesante è ingombrante o difficile da afferrare è in equilibrio instabile o il suo contenuto rischia di spostarsi è collocato in una posizione tale per cui deve essere tenuto o maneggiato: (a)ad una certa distanza dal tronco; (b) con una torsione o uninclinazione del tronco può causare lesioni al lavoratore in caso di urto (a motivo della struttura esterna e/o della consistenza del carico stesso)

15 2. Sforzo fisico richiesto – Lo sforzo fisico può presentare un rischio se: è eccessivo può essere effettuato soltanto con un movimento di torsione del tronco può comportare un movimento brusco del carico è compiuto con il corpo in posizione instabile

16 3. Caratteristiche dellambiente di lavoro – Le caratteristiche dellambiente di lavoro possono aumentare il rischio se: lo spazio libero, in particolare verticale, è insufficiente per lo svolgimento dell attività richiesta il pavimento è ineguale (rischi di inciampo o di scivolamento per le scarpe calzate dal lavoratore) il posto o lambiente di lavoro non consentono al lavoratore la movimentazione a unaltezza di sicurezza o in buona posizione il pavimento o il piano di lavoro presentano dislivelli che implicano la manipolazione del carico a livelli diversi il pavimento o il punto di appoggio sono instabili la temperatura, lumidità o la circolazione dellaria sono inadeguate

17 4. Esigenze connesse con lattività – Lattività può comportare un rischio se implica: sforzi fisici troppo frequenti o troppo prolungati che sollecitano, in particolare, la colonna vertebrale periodo di riposo fisiologico o di recupero insufficiente distanze troppo grandi di: (a) sollevamento; (b) abbassamento; (c) trasporto un ritmo imposto da un processo che non può essere modulato dal lavoratore

18 5. Fattori individuali di rischio – Il lavoratore può incorrere in un rischio (accresciuto) nei seguenti casi: é portatore di inidoneità fisica a svolgere il compito in questione indossa indumenti, calzature o altri effetti personali inadeguati non gli è stata fornita sufficiente ed adeguata informazione e formazione.

19 La valutazione del rischio va effettuata sia in caso di azioni di movimentazione ricorrenti che occasionali Azioni ricorrenti Convenzionalmente si considera rilevante (e come tale meritevole di valutazione preliminare) ogni azione di movimentazione manuale che sia svolta con una certa frequenza (> 1 volta allora nel turno) a partire da un peso minimo di 3 kg: in questi casi si debbono applicare formule e criteri in base ai quali si stabilisce se sussista o meno il rischio di sovraccarico bio-meccanico per lorganismo del lavoratore. Azioni occasionali La valutazione, in questo caso, viene abitualmente effettuata con una semplice bilancia (per il sollevamento e deposizione) ovvero con limpiego di un dinamometro (in caso di movimentazione a spinta, traino o a strascico). Tale valutazione, vagliate le condizioni operative, in particolare la distanza dal corpo del peso che non deve mai essere eccessiva (ad es. > 63 cm) ed il punto di partenza o di arrivo della movimentazione che non deve mai essere troppo lontano dal pavimento (ad es., > 175 cm), nonché le condizioni ambientali in cui si opera (ad es., al freddo), terrà conto prevalentemente del superamento o meno di uno dei valori massimi indicati dalle leggi del nostro Paese, oltre che delle condizioni fisiche del soggetto:

20 ISO /2003 Per ridurre il rischi al più basso livello possibile il peso limite non dovrebbe mai superare i 25 kg. Per i lavoratori con ridotta capacità lavorativa, il peso limite non dovrebbe mai superare i 15 kg. Ciò consente di incrementare il livello di protezione della salute dei lavoratori al 95 %. CRITERI DI SCELTA: PESO E % il più vicina al 95% valori da usare nella equazione lifting sono: 25 kg per gli uomini, 20 kg per le donne 15 kg per lavoratori (M e F) con ridotta capacità fisica

21 CRITERI DI VALUTAZIONE PER LE AZIONI DI SOLLEVAMENTO (E DEPOSIZIONE) METODO NIOSH Il metodo più usato è quello proposto dal NIOSH (cfr. National Institute of Occupational Safety & Health:) che serve a valutare quantitativamente le azioni di sollevamento e/o di deposizione tramite unequazione che parte dalla definizione di un valore massimo di peso sollevabile in condizioni ideali ed applica una serie di fattori demoltiplicativi ciascuno con valore compreso tra 1 (condizioni ottimali) e 0 (condizioni ergonomicamente non accettabili)

22 Nella pubblicazione del NIOSH il peso massimo ideale da cui si parte è pari a 23 kg considerato protettivo per il 99% degli uomini adulti sani e per il 75-90% delle donne adulte sane. In Italia, tenuto conto delle norme in vigore, si è scelto di applicare la formula NIOSH partendo da un peso ideale di 25 kg per luomo e di 20 kg per la donna (15 per ladolescente): tali valori, differenziati per sesso, garantiscono una buona protezione per circa il 90% degli uomini e delle donne addetti alla movimentazione.

23 Condizioni per lapplicabilità della formula NIOSH il sollevamento è effettuato in posizione eretta avviene con entrambe le mani si sviluppa, senza torsioni, su un piano sagittale (anteriormente al soggetto) le dimensioni del carico non sono eccessive vi sono buone possibilità di presa il movimento avviene in un tempo limitato (< 2) è possibile per il lavoratore effettuare un certo recupero (riposo) tra unoperazione e laltra nel compito lavorativo le componenti differenti dal sollevamento (in particolare trasporto, spinta e traino) sono minime cè buona aderenza tra calzatura e pavimento i gesti di sollevamento non devono essere bruschi il peso manipolato non è troppo freddo, caldo, contaminato o dal contenuto instabile il lavoro è svolto in spazi non ristretti il soggetto è in buone condizioni di salute il soggetto è stato addestrato al tipo di lavoro che svolge le condizioni climatiche estive o invernali sono buone

24 CRITERI DI VALUTAZIONE PER LE AZIONI DI SPINTA E TRASCINAMENTO (TRAINO) O DI TRASPORTO IN PIANO SNOOK & CIRIELLO Questa metodologia, basata su studi di tipo psico-fisiologico, considera le azioni di spinta (iniziale - forza necessaria per mettere in movimento il peso costituito, ad esempio, da un carrello a mano + il suo carico - e di mantenimento per guidare il carrello lungo il tragitto prestabilito) o di traino (iniziale e di mantenimento) da valutarsi in base ai seguenti parametri: forza di spinta o traino necessaria per far muovere il carrello inizialmente e poi durante la traslazione (il dato, espresso in kg, si ricava mediante un apposito dinamometro) frequenza delle azioni altezza da terra della presa distanza di spostamento genere (maschile o femminile)

25 CALCOLO DELLINDICE DI MOVIMENTAZIONE (IM) E AZIONI CONSEGUENTI Una volta calcolato il valore di peso (massimo) raccomandato (RWL) (sia con la formula NIOSH per le azioni di sollevamento e deposizione che con le tabelle derivate da Snook & Ciriello per le azioni di spinta e traino o trasporto in piano), ai fini della quantificazione del rischio va calcolato lindice di movimentazione (IM) che non è altro che il rapporto tra il peso effettivamente spostato (ovvero spinto/trainato o portato in piano) nelle condizioni lavorative allo studio ed il peso raccomandato, secondo la formula seguente: IM (indice movimentazione) = Peso trattato / Peso raccomandato

26 Limpegno fisico e, conseguentemente, il rischio connesso con la movimentazione saranno valutati in base al seguente punteggio: < 0,85 - Rischio basso: la movimentazione è al di sotto di quello che potrebbe essere definito come livello dazione. Entro questo valore non viene indicata nessuna azione specifica per la tutela del lavoratore sano eccetto la normale informazione basale su prevenzione e protezione nei luoghi di lavoro 0,86-1,00 - Rischio border line basso: la movimentazione è effettuata al di sotto di quello che potrebbe essere definito come valore limite ma al di sopra del c.d. livello di azione. Entro questa fascia di rischio sono già raccomandabili varie cautele quali la informazione e, se il Medico Competente lo ritiene opportuno, anche la sorveglianza sanitaria, almeno una tantum per verificare le condizioni basali del lavoratore e per decidere se sorvegliarlo periodicamente (in relazione al suo stato clinico) 1,01-1,25 - Rischio border line alto: la movimentazione è effettuata, seppur di poco, al di sopra del c.d. valore limite indicativo del rischio. Sono pertanto da programmare ed attuare, ove possibile, interventi migliorativi. Per questa fascia di rischio, oltre alla informazione, va attuata anche la Sorveglianza sanitaria sistematica da parte del Medico competente, con una periodicità indicativa a cadenza triennale per i lavoratori adulti e sani

27 1,26-3,00 - Rischio significativo: La movimentazione è effettuata sicuramente al di sopra del c.d. valore limite indicativo del rischio. Sono pertanto da programmare ed attuare, ove possibile, interventi migliorativi. Per questa fascia di rischio, oltre alla info-formazione, va attuata obbligatoriamente anche la Sorveglianza sanitaria sistematica da parte del Medico competente (con una periodicità indicativa a cadenza biennale per i lavoratori adulti e sani, di età fino a 45 anni e con indice di movimentazione inferiore a 2; a cadenza da stabilirsi negli altri casi) >3,00 - Rischio molto elevato: La movimentazione è effettuata non solo sicuramente al di sopra del c.d. valore limite indicativo del rischio ma comporta anche uno stress biomeccanico molto intenso per lorganismo del lavoratore, specie se ripetuta frequentemente. Sono pertanto da programmare ed attuare, ove possibile, interventi migliorativi immediati. Per questa fascia di rischio, oltre alla informazione, va attuata obbligatoriamente la Sorveglianza sanitaria sistematica da parte del Medico competente, con una periodicità indicativa a cadenza annuale per i lavoratori adulti e sani, di età fino a 45 anni, con eventuale ulteriore accorciamento del periodo delle visite periodiche a semestrale nei casi di rischio particolarmente concentrato e/o di soggetto potenzialmente più suscettibile.

28 VALUTAZIONE DELLA MOVIMENTAZIONE DI PAZIENTI NON/PARZIALMENTE COLLABORANTI DA PARTE DI PERSONALE SANITARIO CALCOLO DELLINDICE MAPO (MOVIMENTAZIONE E ASSISTENZA DI PAZIENTI OSPEDALIZZATI) è espressamente elaborato al fine di valutare il rischio cui sono esposti gli operatori, principalmente infermieri ed ausiliari, che svolgono la propria attività lavorativa nellambito dei reparti di degenza ospedaliera, attraverso lidentificazione e la successiva quantificazione di fattori specifici e ponderati; il risultato valutativo riguarda tutto il personale addetto allassistenza ed alla cura dei degenti, operante nel reparto in esame e non esclusivamente il singolo operatore; questo è conseguenza del fatto che i fattori considerati nel calcolo dellindice di rischio, si riferiscono alle caratteristiche strutturali ed organizzative del reparto nella sua interezza;

29 non viene fatta alcuna distinzione fra le figure operanti allinterno del reparto,principalmente infermieri generici e professionali ed ausiliari, ipotizzando che nel complesso limpegno profuso da ciascuna di queste sia paragonabile in relazione alle operazioni di movimentazione dei degenti; non pervenendo ad una valutazione personalizzata, il metodo comporta, al fine dellanalisi del rischio corso da un operatore sanitario durante lintero iter lavorativo, la valutazione di tutti i reparti presso i quali il lavoratore stesso ha prestato servizio nel corso degli anni; non viene presa in considerazione lanzianità di servizio del singolo operatore, ovvero non è possibile pervenire ad alcuna differenziazione ai fini della valutazione del rischio, in base al numero di anni di lavoro trascorsi presso il reparto in esame;

30 è applicabile esclusivamente ai reparti di degenza generici, non essendo valido per strutture dedicate, quali ad es. i blocchi operatori, il pronto soccorso, le strutture di riabilitazione funzionale e quei reparti ove lorganizzazione del lavoro si differenzia da quella standard, come nel caso dei reparti di rianimazione ove i pazienti sono costretti a rimanere allettati senza necessità di essere movimentati; è comunque un metodo di recente introduzione, che necessita di ulteriori studi, approfondimenti e validazioni, suscettibile di ulteriori modificazioni. il metodo non prevede unanalisi quali-quantitativa delle posture incongrue eventualmente assunte dagli operatori nelleffettuazione delle movimentazioni dei pazienti;

31

32

33

34 la frequenza di movimentazioni è determinata dal rapporto

35

36

37

38

39

40

41

42

43 Meccanizzazione il più possibile. Misure organizzative per la movimentazione. Pianificazione e ottimizzazione di tempi e modalità lavorative. Buon workplace design. Indicare la movimentazione corretta dei carichi e i rischi. Formazione ed addestramento sulle tecniche. Controllo movimenti errati o posture incongrue. Insegnamento di esercizi per rilassamento/rinforzo della muscolatura. PREVENZIONE PRIMARIA

44 Sorveglianza sanitaria Giudizio di idoneità alla mansione specifica Identificare i lavoratori con aumentato rischio di sviluppare patologie Allontanare dal rischio/ridurre esposizione per i lavoratori suddetti PREVENZIONE SECONDARIA

45

46

47 Per misure di prevenzione terziaria si intendono essenzialmente i trattamenti medici riabilitativi nei confronti di lavoratori che soffrano di patologie causate dalla movimentazione manuale dei carichi. PREVENZIONE TERZIARIA

48

49 Sollevamento da seduto a stazione eretta (73 kg di peso) Fino a 641 kg (ma oltre 1000 kg per pz di peso 95 kg) Spostamento nel letto (peso 52 kg) Superiore a 350 kg Trasferimento letto carrozzina Fino a 448 kg IN AMBIENTE OSPEDALIERO IL CARICO DISCALE PUO ESSERE:

50


Scaricare ppt "PRINCIPALI EFFETTI DANNOSI/INDESIDERATI CAUSATI DAL LAVORO SULLA SALUTE DELLUOMO MALATTIE DA LAVORO HEALTH PROBLEMS –insorgono in genere lentamente –sono."

Presentazioni simili


Annunci Google