La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

La Costituzione fra i banchi di scuola Valeria F. Stefany L. Jessica M. Martina M. Vito Nicola M. Erion P. Elena P. Martina P. Luca T. Coordinatore Prof.

Presentazioni simili


Presentazione sul tema: "La Costituzione fra i banchi di scuola Valeria F. Stefany L. Jessica M. Martina M. Vito Nicola M. Erion P. Elena P. Martina P. Luca T. Coordinatore Prof."— Transcript della presentazione:

1

2 La Costituzione fra i banchi di scuola

3 Valeria F. Stefany L. Jessica M. Martina M. Vito Nicola M. Erion P. Elena P. Martina P. Luca T. Coordinatore Prof. Noemi Lusi Dirigente Scolastico Prof. Paolo M. Reale Creato dal IV° E dell I.I.S. Carlo Urbani - Acilia - Roma

4 T utti i cittadini hanno pari dignità sociale e sono eguali davanti alla legge, senza distinzione di sesso, di razza, di lingua, di religione, di opinioni politiche, di condizioni personali e sociali. È compito della Repubblica rimuovere gli ostacoli di ordine economico e sociale, che, limitando di fatto la libertà e leguaglianza dei cittadini, impediscono il pieno sviluppo della persona umana e leffettiva partecipazione di tutti i lavoratori allorganizzazione politica, economica e sociale del Paese.

5 Abbiamo analizzato la relazione del Prof. Christopher McCrudden, Docente di diritti umani presso lUniversità di Oxford e professore associato di diritto presso lUniversità del Michigan, che si basa sul nuovo concetto di uguaglianza etnico, sulla parità di trattamento fra le persone indipendentemente dal sesso e dalla razza ed in materia di occupazione e di condizioni di lavoro.

6 Il Prof. McCrudden asserisce che affrontare queste idee di uguaglianza diverse e, almeno potenzialmente, contrastanti richiederà in futuro importanti modifiche da parte delle istituzioni nell'interpretazione e nell'applicazione del diritto comunitario. Il docente si sofferma su più punti in una relazione complessa ed esaustiva che ci limitiamo a citare in quanto unanalisi dettagliata richiederebbe uno studio molto approfondito.

7

8

9

10 Il movimento del diritto di voto alle donne nasce nel XIX secolo negli Stati Uniti e affermatosi in seguito in Gran Bretagna, in Italia e in molti altri paesi..

11 In Italia le donne furono chiamate a votare per la prima volta per il Referendum del 2 giugno 1946, in cui gli italiani furono chiamati a scegliere fra monarchia e repubblica.

12 Se dopo secoli le donne sono riuscite ad appropriarsi di un ruolo sociale, del rispetto della società anche nellesercizio della propria indipendenza, se hanno conseguito di poter vivere a modo loro, seppur nel più intimo rispetto degli altri, è anche grazie a quel documento che costituisce garanzia di rispetto e …. dellessere umano in quanto tale. Quel documento, la Costituzione Italiana, questanno compie sessantanni ed ancora oggi i suoi articoli ci assicurano la libertà che tanto spesso diamo per scontata.

13 La canzone selezionata permette di capire in un certo senso che le persone sono tutte uguali, senza distinzione di sesso, razza, lingua, religione, opinioni politiche, condizioni sociali e personali. Foto di: Fabrizio Moro

14 Ci sono stati uomini che sono morti giovani Ma consapevoli che le loro idee Sarebbero rimaste nei secoli come parole iperbole Intatte e reali come piccoli miracoli Idee di uguaglianza idee di educazione Contro ogni uomo che eserciti oppressione Contro ogni suo simile... contro chi è più debole Dal testo della canzone Pensa di F.Moro

15 IMMAGINI E CONTENUTI SONO STATI SELEZIONATI DA INTERNET ESCLUSIVAMENTE PER UTILIZZO NELLA DIDATTICA.

16 Valeria F. Stefany L. Jessica M. Martina M. Vito Nicola M. Erion P. Elena P. Martina P. Luca T. Coordinatore Prof. Noemi Lusi Dirigente Scolastico Prof. Paolo M. Reale Creato dal IV° E dell I.I.S. Carlo Urbani - Acilia - Roma


Scaricare ppt "La Costituzione fra i banchi di scuola Valeria F. Stefany L. Jessica M. Martina M. Vito Nicola M. Erion P. Elena P. Martina P. Luca T. Coordinatore Prof."

Presentazioni simili


Annunci Google