La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

1 1^ Lezione Il processo di smaltimento dei rifiuti.

Presentazioni simili


Presentazione sul tema: "1 1^ Lezione Il processo di smaltimento dei rifiuti."— Transcript della presentazione:

1 1 1^ Lezione Il processo di smaltimento dei rifiuti

2 2 Rientrano sotto la definizione di rifiuti tutte quelle sostanze o oggetti che risultano di scarto o avanzo alle più svariate attività umane. Rifiuti?

3 3 TIPI DI RIFIUTI ORGANICI (cioè biodegradabili sostanza che può essere scomposta da microrganismi) NON ORGANICI (cioè non biodegradabili - se lasciati nellambiente non si decompongono) Sono tutte le sostanze di origine vegetale o animale (residui di cucina, scarti di potature, carcasse di animali ecc.) Sono tutti gli altri materiali

4 4 Tempi di degradazione/decomposizione naturale dei rifiuti Fazzolettino di carta 3 mesi Torsolo di mela 3/6 mesi Sigaretta con filtro 2 anni Gomma da masticare 5 anni Fiammiferi e cerini 6 mesi Giornali (se sminuzzati circa 3 mesi – se accatastati circa 10 anni)

5 5 Tempi di degradazione/decomposizione naturale dei rifiuti Vetro 4000 anniCarta telefonica 1000 anni Lattine in alluminio per bibite da 10 ai 100 anni Plastica in genere dai 100 ai 1000 anni Polistirolo oltre 1000 anni

6 6 I rifiuti vengono classificati in base all'origine, in rifiuti urbanie rifiuti speciali NON PERICOLOSI PERICOLOSI NON PERICOLOSI I rifiuti pericolosi: i rifiuti cosiddetti pericolosi sono quelli che, mescolati agli altri o abbandonati a se stessi, rilasciano sostanze tossiche o nocive che disperdendosi nellambiente lo inquinano pericolosamente e profondamente per lunghi periodi, contaminando le catene alimentari e giungendo fino alluomo.

7 7 Rifiuti Urbani Pericolosi (sono quei rifiuti che devono essere gestiti diversamente dai rifiuti normali) Ingombranti Medicinali scaduti Pile/Batterie Barattoli di vernice Telefonini/batterie Questi materiali contengono sostanze molto pericolose, chiamate metalli pesanti. Anche pochi grammi di questi metalli possono provocare grossi danni allambiente e di conseguenza anche alluomo.

8 8 Rifiuti Speciali Pericolosi (sono quei rifiuti che devono essere gestiti diversamente dai rifiuti normali) Rifiuti prodotti da Ospedali Rifiuti da demolizione auto Rifiuti da costruzione o demolizione Rifiuti prodotti da attività Industriali Rifiuti prodotti dalle raffinerie di petrolio Rifiuti prodotti dalle industrie chimiche

9 9 Abbiamo tre diversi modi di smaltire i rifiuti Discarica Inceneritore Raccolta differenziata

10 10 Il modo più semplice e meno costoso è quello della discarica. La discarica purtroppo è anche il modo di smaltimento più pericoloso per l ambiente

11 11 Seguiamo il percorso dei nostri rifiuti sino alla discarica

12 12 La discarica non è altro che un enorme fosso ottenuto mediante escavazione di un suolo dove si andranno a depositare i rifiuti fino al riempimento della stessa.

13 13 I rifiuti vengono compattati per ridurne le dimensioni e per evitare che si creino spazi vuoti allinterno della discarica

14 14 Argilla Sabbia La discarica per accogliere i rifiuti dovrebbe rispettare numerosi criteri Rifiuti Biogas

15 15 Se la discarica è progettata e costruita correttamente, i rifiuti devono comunque rimanere sorvegliati per almeno 30 anni dopo la sua. chiusura. La maggior parte delle discariche non presenta questi requisiti. Abbiamo inoltre numerosissime discariche abusive

16 16 Queste non sono dotate di nessun sistema di impermeabilizzazione e spesso sono situate in posti assolutamente non idonei. La maggioranza delle volte raccolgono anche rifiuti pericolosi che dovrebbero essere smaltiti in tuttaltro modo.

17 17 In Italia lo smaltimento in discarica è il principale metodo di eliminazione dei rifiuti. Il 60% dei rifiuti totali prodotti nel 2007 è stato smaltito in discarica. Con percentuali ben superiori al Sud (77%) rispetto al Nord (4 %).

18 18 I rifiuti in questo caso cioè vengono bruciati. Un secondo modo di smaltire i rifiuti è quello dellinceneritore.

19 19 Negli impianti più moderni, il calore sviluppato durante la combustione dei rifiuti viene recuperato e utilizzato per produrre vapore, poi utilizzato per la produzione di energia elettrica e calore.

20 20 Questi impianti con tecnologie per il recupero vengono indicati col nome di termovalorizzatori termo valorizzatore calore Dallimmondizia si ottiene un valore, ossia lenergia valore, utilità

21 21 Prima di procedere all'incenerimento i rifiuti devono essere trattati tramite processi volti a eliminare i materiali non combustibili (vetro, (vetro, vetro metallimetalli, metalli, metalli inertiinerti) inerti) inertie la frazione umida (la materia organica come gli scarti alimentari, agricoliagricoli, agricoli, agricoliecc...).

22 22 I rifiuti trattati in questo modo sono definiti CDR (Combustibile (Combustibile Derivato Derivato dai Rifiuti) Rifiuti) o più comunemente ecoballe.

23 23 Seguiamo il percorso dei nostri rifiuti sino allinceneritore.

24 24 Impianto di selezione Materiali non combustibili Materiali combustibili Impianto di selezione Discarica Ecoballe Inceneritore

25 25 I rifiuti in questo caso cioè vengono separati allorigine e avviati al riciclo, ossia al riutilizzo. Il terzo modo di smaltire i rifiuti è quello della Raccolta Differenziata

26 26 2^ Lezione I rifiuti e linquinamento di acqua, suolo e sottosuolo

27 27 Inquinamento? La parola inquinamento proviene dal verbo inquinare, che significava sporcare, rendere sudicio.

28 28 Industrie Rifiuti Inquinamento è il fenomeno per cui si danneggia lambiente con lintroduzione di sostanze estranee e dannose.

29 29 I rifiuti si possono classificare in pericolosi e non pericolosi. Tutti i rifiuti sono comunque pericolosi per lambiente

30 30 Per i rifiuti pericolosi ingombranti (frigoriferi, televisori), bisogna rivolgersi al proprio comune. I rifiuti pericolosi non vanno mischiati o gettati nella spazzatura comune, vanno messi negli appositi contenitori

31 31 In caso contrario lambiente e le persone corrono seri rischi.

32 32 Le procedure di smaltimento dei rifiuti sono più o meno inquinanti. La Discarica è la procedura di smaltimento più pericolosa per lambiente

33 33 Fondo non in argilla Nessuna copertura Le discariche autorizzate che rispettano tutti i requisiti di legge sono infatti la minoranza. La maggior parte delle discariche non sono in regola.

34 34 I principali pericoli per lambiente derivanti dalle discariche sono due Inquinamento dellaria Biogas Inquinamento del terreno e delle acque Liquami di scarico (o Percolato) (o Percolato)

35 35 Le discariche non in regola e quelle abusive provocano un grave inquinamento atmosferico BIOGAS

36 36 Quali conseguenze provoca il biogas? Riscaldamento del pianeta Metano e anidride carbonica cambiamenticlimatici BIOGAS

37 37 Vediamo cosa succede quando piove

38 38 Discarica regolare Discarica abusiva

39 39 La discarica abusiva non ha il fondo in argilla e i liquami di scarico (percolato) inquinano il sottosuolo e le acque Falda acquifera Percolato

40 40 Le conseguenze per lambiente e per le persone sono gravissime.

41 41 Il suolo e il sottosuolo nei pressi della discarica è irrimediabilmente inquinato Terreno contaminato

42 42 Anche linceneritore è molto pericoloso per lambiente. I principali pericoli sono legati ai fumi delle ciminiere. Gli inceneritori producono inoltre ceneri e fanghi tossici

43 43 I fumi per quanto filtrati contengono numerosissime sostanze altamente tossiche. Diossine Polveri sottili

44 44 Le diossine Sono dei composti chimici che si producono bruciando i rifiuti e si accumulano nei grassi animali. Sono cancerogeni e tossici anche a dosi piccolissime

45 45 La diossina arriva alluomo tramite gli alimenti. Le diossine si depositano sui terreni e si accumulano nelle piante.

46 46 Dalle piante passano agli animali, e quindi alluomo tramite latte, uova, carne, formaggi.

47 47 Sono particelle talmente piccole che nessun macchinario può filtrarle. Esse entrano nei nostri polmoni e si depositano in un organo (fegato, cuore, rene) Le polveri sottili

48 48 Le conseguenze sono gravissime. Sia le diossine che le polveri sottili producono infatti cancromalattie respiratorie malformazioni intossicazioni

49 49 Anche le ceneri e i fanghi contengono sostanze tossiche e devono essere smaltite presso discariche speciali.

50 50 Il terzo modo di smaltire i rifiuti è quello della Raccolta Differenziata. In Tal caso ricicliamo i materiali gettati ed otteniamo una grandissima riduzione dei rifiuti

51 51 La raccolta differenziata comporta una enorme riduzione dei rifiuti Rifiuti= inquinamento= malattie Raccolta Differenziata Pochi Rifiuti= poco inquinamento= poche malattie

52 52 3^ lezione Raccolta differenziata e meraviglie del riciclaggio

53 53 Raccolta differenziata è un obbligo fissato dal Governo (2007) obiettivi: 40% 50% 60% /12/07

54 54 Raccolta differenziata: un po di numeri 38% 19% 9%Sud Centro Nord Ciascuno di noi produce circa 500 Kg. di rifiuti allanno di cui il 40% è costituito da imballaggi.

55 55 La raccolta differenziata è la migliore procedura di smaltimento dei rifiuti. Consente un recupero di materiale Riduce notevolmente il quantitativo dei rifiuti

56 56 Con la raccolta differenziata i rifiuti devono essere separati sin dallorigine. Non dobbiamo cioè mischiare vetro, plastica, carta, alluminio insieme agli altri rifiuti

57 57 Bisogna distinguere : Frazione secca Frazione umida Vetro, carta, plastica Scarti di frutta, verdura Riciclaggio Compostaggio

58 58 Meraviglie del riciclaggio Meraviglie del riciclaggio

59 59 Plastica Il riciclaggio della plastica è molto importante perché la plastica è ottenuta attraverso la raffinazione del petrolio che è una risorsa in esaurimento. Cosa non mettere nel contenitore della plastica. La plastica dura (giocattoli, articoli casalinghi, elettrodomestici). Piatti, bicchieri e posate in plastica.

60 60 Plastica Il riciclaggio della plastica è molto importante perché la plastica è ottenuta attraverso la raffinazione del petrolio che è una risorsa in esaurimento.

61 61 Alluminio Produrre lalluminio attraverso il riciclaggio consente di risparmiare circa il 95% dellenergia necessaria a produrlo dal materiale grezzo.

62 62

63 63 È importante differenziarlo ed è ancora più importante riutilizzarlo: il risparmio energetico è 5 volte superiore. Cosa non mettere nel contenitore del vetro Vetro Lampadine Neon Ceramica e porcellana

64 64 Tonnellata di rottame di vetro Il vetro può essere riciclato interamente e allinfinito. Tonnellate di materia prima Vetro E consente di risparmiare 100 kg di olio combustibile.

65 65 Carta E importantissimo riciclare la carta per non abbattere alberi. Tonnellata di carta Alberi Tonnellata di carta riciclata Alberi

66 66 Basterebbero a 600 bambini dellAfrica per un anno intero La carta riciclata consente di risparmiare tantissima energia e anche litri di acqua.

67 67 Con la frazione umida si realizza il Compost Il compost è una specie di concime.

68 68 Il compost si presenta come un terriccio ricco di sostanze organiche. Quello di buona qualità è molto richiesto in agricoltura. Quello meno buono può essere utilizzato per la bonifica di cave e siti inquinati

69 69 Come si realizza la raccolta differenziata (esempio): Contenitori separati

70 70 Come si realizza la raccolta differenziata (esempio): Contenitori separati SECCO NON RICICLABILE

71 71 Raccolta porta a porta In questo caso devono essere rimossi tutti i contenitori di rifiuti nel paese ed ogni famiglia deve avere dei piccoli contenitori separati per tipi di rifiuti che saranno ritirati a domicilio

72 72 Serve limpegno di tutti per un mondo più pulito.

73 73 La raccolta differenziata aiuta lambiente.

74 74 Serve limpegno di tutti per un mondo più pulito. Difendiamo lambiente; difendiamo il nostro futuro


Scaricare ppt "1 1^ Lezione Il processo di smaltimento dei rifiuti."

Presentazioni simili


Annunci Google