La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

ISTITUTI TECNICI E PROFESSIONALI IL RIORDINO 1. 2 LE COMPETENZE: DALLE DISCIPLINE ALLE COMPETENZE I nuovi ordinamenti della secondaria si inquadrano in.

Presentazioni simili


Presentazione sul tema: "ISTITUTI TECNICI E PROFESSIONALI IL RIORDINO 1. 2 LE COMPETENZE: DALLE DISCIPLINE ALLE COMPETENZE I nuovi ordinamenti della secondaria si inquadrano in."— Transcript della presentazione:

1 ISTITUTI TECNICI E PROFESSIONALI IL RIORDINO 1

2 2 LE COMPETENZE: DALLE DISCIPLINE ALLE COMPETENZE I nuovi ordinamenti della secondaria si inquadrano in un processo europeo finalizzato a promuovere la mobilità delle risorse umane, anche grazie alla trasparenza e alla confrontabilità dei titoli di studio, in linea con il riferimento condiviso del Quadro europeo dei titoli e delle qualifiche European qualification framework *

3 Impegno europeo Germania German Qualifications Frammework for Lifelong Learning 3

4 4 LE COMPETENZE: IL QUADRO EUROPEO DELLE COMPETENZE (EQF) I LIVELLI DI RIFERIMENTO DELLEQF LICENZA BIENNIO QUALIFICA DIPLOMA Sc. Media

5 IL NUOVO MODELLO FORMATIVO E IL QUADRO EUROPEO DELLE COMPETENZE (EQF) CompetenzeAbilitàConoscenzeDiscipline nel EQF la competenza è descritta in termini di RESPONSABILITÀ e AUTONOMIA. nel EQF abilità sono descritte come COGNITIVE (uso del pensiero logico, intuitivo e creativo) e PRATICHE (che implicano la destrezza manuale e l'uso di metodi, materiali, attrezzature e strumenti) nel EQF le conoscenze sono descritte come TEORICHE e/o PRATICHE 5

6 COMPETENZE ABILITACONOSCENZE 6

7 LIVELLICONOSCENZEABILITACOMPETENZE IIIC. DI FATTI, PRINCIPI, PROCESSI E CONCETTI GENERALI, IN AMBITO di STUDIO O di LAVORO UNA GAMMA di ABILTIA COGNITIVE E PRATICHE NECESSARIE A SVOLGERE COMPITI E RISOLVERE PROBLEMI SCEGLIENDO ED APPLICANDO METODI di BASE, STRUMENTI, MATERIALI ED INFORMAZIONI ASSUMERE LA RESPONSABILITA di PORTARE A TERMINE COMPITI NELLAMBITO DEL LAVORO O DELLO STUDIO; ADEGUARE IL PROPRIO COMPORTAMENTO ALLE CIRCOSTANZE NELLA SOLUZIONE di PROBLEMI IVC. PRATICA E TEORICA IN AMPI CONTESTI IN UN AMBITO di LAVORO O di STUDIO UNA GAMMA di ABILTIA COGNITIVE E PRATICHE NECESSARIE A RISOLVERE PROBLEMI SPECIFICI IN UN CAMPO di LAVORO O di STUDIO SAPERSI GESTIRE AUTONOMAMENTE, NEL QUADRO DELLE ISTRUZIONI IN UN CONTESTO di LAVORO O di STUDIO, di SOLITO PREVEDIBILI, MA SOGGETTI A CAMBIAMENTI; SORVEGLIARE IL LAVORO DI ROUTINE DI ALTRI, ASSUMENDO UNA CERTA RESPONSABILITA PER LA VALUTAZIONE ED IL MIGLIORAMENTO di ATTIVITA LAVORATIVE O di STUDIO 7

8 TRIENNIO BIENNIO+ MONO ENNIO di QUALIFICA BIENNIO di POST QUALIFICA- IMPOSTAZIONE PER DISCIPLINE STRUTTURA DELLISTRUZIONE PROFESSIONALE PRIMA DEL RIORDINO 8

9 PERCORSO QUINQUENNALE - I BIENNIO, II BIENNIO, - QUINTO ANNO- IMPOSTAZIONE PER COMPETENZE LA STRUTTURA dellIstruzione Professionale DOPO LA RIORDINO NELLI.P. IL SECONDO BIENNIO è ARTICOLATO IN DUE DISTINTE ANNUALITA AL FINE di CONSENTIRE UN RACCORDO CON I PERCORSI di ISTRUZIONE E FORMAZIONE PROFESSIONALE 9

10 GLI ISTITUTI PROFESSIONALI 10 sulla base di specifiche intese, nel rispetto delle competenze esclusive delle regioni, possono svolgere un ruolo integrativo e complementare rispetto al sistema di istruzione e formazione professionale Ai fini di assicurare la continuità dellofferta formativa, in caso di mancata adozione della normativa prevista ed in assenza di intese gli Istituti Professionali- nei limiti degli ordinamenti e delle consistenze di organico previsti dal presente regolamento - possono continuare a realizzare i corsi triennali previgenti per il conseguimento della qualifica In regime sussidiarioIn regime surrogatorio

11 LIDENTITA DEGLI ISTITUTI PROFESSIONALI E CONNOTATA DALLINTEGRAZIONE TRA UNA SOLIDA BASE di ISTRUZIONE GENERALE E LA CULTURA PROFESSIONALE CHE CONSENTE AGLI STUDENTI di SVILUPPARE I SAPERI E LE COMPETENZE NECESSARI AD ASSUMERE RUOLI TECNICI OPERATIVI NEI SETTORI PRODUTTIVI E di SERVIZIO di RIFERIMENTO, CONSIDERATI NELLA LORO DIMENSIONE SISTEMICA 11

12 STRUTTURA ATTUALE ISTITUTI TECNICI BIENNIO + TRIENNIO IMPOSTAZIONE PER DISCIPLINE 12

13 STRUTTURA DELLISTRUZIONE TECNICA DOPO IL RIORDINO PRIMO BIENNIO SECONDO BIENNIO V ANNO IMPOSTAZIONE PER COMPETENZE 13

14 GLI ISTITUTI TECNICI E PROFESSIONALI APPARTENGONO AD UNAREA TECNICO PROFESSIONALE UNITARIA GLI ISTITUTI TECNICI FILIERE TECNOLOGICHE GLI ISTITUTI PROFESSIONALI FILIERE PRODUTTIVE 14 LILIANA BORRELLO

15 LIDENTITA DEGLI ISTITUTI TECNICI E CONNOTATA DA UNA SOLIDA CULTURA di BASE A CARATTERE SCIENTIFICO TECNOLOGICO SOSTENUTA DALLUTILIZZO di LINGUAGGI di SETTORE E METODOLOGIE di CARATTRERE GENERALE E SPECIFICO E ESPRESSA DA UN LIMITATO NUMERO di AMPI INDIRIZZI CORRELATI A SETTORI FONDAMENTALI PER LO SVILUPPO ECONOMICO E PRODUTTIVO MUMERO 15

16 16 IL NUOVO MODELLO FORMATIVO GLI ISTITUTI TECNICI Percorsi fortemente strutturati con la definizione degli indirizzi e, nella maggior parte dei casi, delle articolazioni Flessibilità con valore di arricchimento professionale e tecnologico, supporto allorientamento nella definizione del percorso post secondario terziario o accademico

17 17 IL NUOVO MODELLO FORMATIVO ISTRUZIONE PROFESSIONALE Limpianto del percorso di base è poco strutturato ed è riferito a macro aree La flessibilità ha un valore fondante per recepire le indicazioni del territorio individuare nuovi spazi occupazionali promuovere linnovazione dellofferta formativa

18 IL NUOVO MODELLO FORMATIVO I RIFERIMENTI STRATEGICI AUTONOMIA FLESSIBILITA 18 LILIANA BORRELLO IL DPR N.275/99 consente alle istituzione scolastiche di disporre di spazi di autonomia didattica e organizzativa, di ricerca, sperimentazione e sviluppo, sia come singole istituzioni scolastiche che come reti di scuole Le istituzioni scolastiche possono modificare il monte ore annuale di tutte le discipline per una quota oraria non superiore al 20 - nellambito degli indirizzi definiti dalle regioni ed in coerenza con il profilo educativo culturale e professionale LIstituzione scolastica può usufruire di un contingente organico attribuito alle singole scuole e/o disponibile attraverso accordi di rete (art7 DPR n. 275 del 99) E riferita solo allarea di indirizzo e incide con percentuali diverse sullorario del percorso quinquennale. E intesa come possibilità di articolare in opzioni le aree di indirizzo (allegati B-C) E funzionale alle esigenze degli studenti, del territorio, del mondo del lavoro, della ricerca e delle professioni E funzionale al ruolo integrativo e complementare svolto dallistruzione professionale rispetto al sistema dellistruzione e della formazione professionale regionale NOTA Lutilizzo degli spazi di flessibilità è consentita nei limiti delle consistenze di organico senza esuberi di personale

19 Nellambito dellautonomia didattica, organizzativa e di ricerca, senza maggiori oneri per la finanza pubblica, possono essere costituiti DIPARTIMENTI ARTICOLAZIONI FUNZIONALI DEL COLLEGIO DEI DOCENTI PER IL SOSTEGNO ALLA DIDATTICA ED ALLA PROGETTAZIONE FORMATIVA 19

20 NELLAMBITO DELL AUTONOMIA DIDATTICA ED ORGANIZZATIVA, SENZA MAGGIORI ONERI PER LA FINANZA PUBBLICA COMITATO TECNICO SCIENTIFICO COMPOSTO DA DOCENTI, ESPERTI DEL MONDO DEL LAVORO, DELLE PROFESSIONI E DELLA RICERCA SCIENTIFICA E TECNOLOGICA CON FUNZIONI CONSULTIVE E di PROPOSTA PER LORGANIZZAZIONE DELLAREA di INDIRIZZO E LUTILIZZAZIONE DEGLI SPAZI di FLESSIBILITA ED AUTONOMIA 20

21 IL NUOVO MODELLO FORMATIVO: FLESSIBILITÀ ISTRUZIONE TECNICA SECONDO BIENNIO 30% QUINTO ANNO 35% ISTRUZIONE PROFESSIONALE 25% Primo biennio Terzo anno 35% Quarto anno 35% 40% 21

22 Passaggio dallapprendimento per discipline allapprendimento per competenze Passaggio dallapprendimento per discipline allapprendimento per competenze Connessione dellistituzione scolastica con il territorio e gli Stake Holders Connessione dellistituzione scolastica con il territorio e gli Stake Holders Flessibilità dellimpianto formativo e funzionalità dei contenuti di tutte le discipline generali e di indirizzo alle competenze da conseguire Flessibilità dellimpianto formativo e funzionalità dei contenuti di tutte le discipline generali e di indirizzo alle competenze da conseguire Integrazione dei saperi scientifici e tecnologici con i saperi linguistici e storico sociali nel quadro degli assi culturali e delle competenze di cittadinanza Integrazione dei saperi scientifici e tecnologici con i saperi linguistici e storico sociali nel quadro degli assi culturali e delle competenze di cittadinanza Dimensione laboratoriale Dimensione laboratoriale Governance dellistituzione scolastica Governance dellistituzione scolastica 22 IL NUOVO MODELLO FORMATIVO gli elementi strategici

23 23 MODELLO PER DISCIPLINE Per ogni singola disciplina è costruisce un percorso che inizia dal primo anno e prosegue fino al termine Lelemento prevalente è la valorizzazione della disciplina MODELLO PER COMPETENZE Definizione dei risultati di apprendimento alla fine del percorso quinquennale Descrizione dei risultati di apprendimento in termini di Competenze Abilità Conoscenze Definizione dei percorsi di apprendimento, dopo aver condiviso le integrazioni tra le diverse conoscenze, in funzione delle competenze da conseguire La singola conoscenza è un tassello della competenza

24 24 LE COMPETENZE I RISULTATI DI APPRENDIMENTO QUINTO ANNO SECONDO BIENNIO PRIMO BIENNIO

25 competenze Selezione dei contenuti secondo principi di essenzialità Condivisione del percorso e coinvolgimento del consiglio di classe Riferimento al contesto operativo 25

26 Le competenze (EQF) indicano comprovata capacità di usare Conoscenze e abilità Capacità personali Sociali e/o metodologiche In situazioni di lavoro o di studio e nello sviluppo professionale e/o personale 26

27 27 LE COMPETENZE PROMOZIONI E IMPLICAZIONI NEL CURRICOLO ORIZZONTALE Integrare ed armonizzare larea delle competenze comuni con quelle di indirizzo, puntando sulle conoscenze di snodo, che rappresentano un ponte naturale tra i due ambiti, sulle competenze di cittadinanza Attuare una didattica impostata secondo la logica della ricerca – azione, che collega listituzione scolastica al territorio e fornisce, se è opportuno, gli strumenti per definire i percorsi opzionali funzionali alle esigenze delle risorse umane e del territorio

28 28 LE COMPETENZE LA COERENZA VERTICALE sostiene la continuità ed il raccordo curriculare tra le scuole secondarie di primo e secondo grado sostiene la continuità ed il raccordo curriculare tra i due bienni della secondaria superiore Le esperienze interdisciplinari sono finalizzate a trovare interconnessioni e raccordi fra le indispensabili conoscenze disciplinari e a formulare - in modo adeguato - i problemi complessi posti dalla condizione umana nel mondo odierno e dallo stesso sapere

29 Nuovi modelli metodologici - operativi per promuovere apprendimento attraente personalizzazione dei percorsi partecipazione attiva collegamento con il contesto socio economico 29

30 30

31 31 Organizzazione dei percorsi - Linee guida (Direttiva del Miur n. 57 del 15 luglio 2010 ) - Pecup (Allegato A – D.P.R. n. 88/2010) - D.M. n. 139 del 22 agosto Raccomandazione del Parlamento europeo e del Consiglio 18 dicembre Raccomandazione del Parlamento europeo e del Consiglio 23 aprile 2008 [costituzione del Quadro europeo delle qualifiche per lapprendimento permanente (EQF )]

32 32 Nelle Linee guida sono presentati riferimenti e orientamenti a sostegno dellautonomia delle istituzioni scolastiche, per la definizione del POFe dellorganizzazione del curricolo, ivi compresa, per il primo biennio, larticolazione in co mpetenze, abilità e conoscenze dei risultati di apprendimento di cui agli allegati B) e C) del Regolamento

33 33 Pecup Il secondo ciclo di istruzione e formazione ha come riferimento unitari o il profilo educativo, culturale e professionale (Allegato A). Esso è finalizzato a: a) la crescita educativa, culturale e professionale dei giovani, per trasformare la molteplicità dei saperi in un sapere unitario, dotato di senso, ricco di motivazioni; b) lo sviluppo dellautonoma capacità di giudizio; c) lesercizio della responsabilità personale e sociale.

34 34 CARATTERISTICHE INNOVATIVE Forte integrazione tra saperi teorici e saperi operativi; Risultati di apprendimento declinati in competenze, abilità e conoscenze anche con riferimento al Quadro europeo dei titoli e delle qualifiche (EQF), per favorire la mobilità delle persone nellUnione europea (da definire con apposito regolamento); Centralità dei laboratori; Stage, tirocini e alternanza scuola-lavoro per apprendere in contesti operativi; Possibile collaborazione con esperti esterni per arricchire lofferta formativa e sviluppare competenze specialistiche

35 35 VALUTAZIONE E ESAMI DI STATO Per la valutazione periodica e finale degli studenti e per gli esami di Stato: sono previste prove finalizzate anche allaccertamento delle competenze in contesti applicativi; le Commissioni degli esami di Stato possono avvalersi anche di qualificati esperti del mondo economico e produttivo.

36 36 CRITERI DI CONFLUENZA NEL NUOVO ORDINAMENTO Il sistema è RIORDINATO e INNOVATO per valorizzare le vocazioni degli istituti tecnici e degli istituti professionali; Tutti i corsi di ordinamento (e le relative sperimentazioni degli attuali istituti tecnici) degli istituti tecnici e degli istituti professionali confluiscono nel nuovo ordinamento.

37 37 MISURE DI ACCOMPAGNAMENTO DESTINATARIMISURE Personale scolastico Giovani e famiglie Informazione/formazione del personale scolastico sui contenuti della riforma; Campagna di informazione in relazione alle scelte per lanno scolastico 2010/2011; Interventi da attuare in collaborazione con lANSAS Studenti non promossi Misure di accompagnamento per gli studenti non promossi alla classe successiva in relazione alla progressiva entrata in vigore del nuovo ordinamento

38 38 MONITORAGGIO E VALUTAZIONE DI SISTEMA Costituzione del COMITATO NAZIONALE PER LISTRUZIONE TECNICA E PROFESSIONALE, articolato in Commissioni di settore, composto da: esperti del mondo del lavoro e delle professioni, dell università e della ricerca; dirigenti scolastici e docenti ; esperti designati dalla Conferenza dei Presidenti delle Regioni e dall UPI, dal Ministero del lavoro, della salute e delle politiche sociali, dal Ministero dello sviluppo economico, con funzioni di proposta e consulenza per laggiornamento periodico dei percorsi degli istituti tecnici e professionali e per la definizione degli indicatori per la valutazione e lautovalutazione del servizio degli istituti.

39 … E DOPO IL DIPLOMA ?

40 LEGGE 40 DEL 2007 ED IL SUCCESSIVO D ECRETO DELLA PRESIDENZA DEL C ONSIGLIO DEI M INISTRI DEL 25 GENNAIO 2008 L INEE GUIDA PER LA RIORGANIZZAZIONE DEL SISTEMA DI ISTRUZIONE E FORMAZIONE TECNICA SUPERIORE E LA COSTITUZIONE DEGLI ISTITUTI TECNICI SUPERIORI Fondazione di partecipazione diploma di specializzazione tecnica superiore in aree tecnologiche ritenute prioritarie dagli indirizzi nazionali di programmazione, con riferimento al quadro strategico dellUnione Europea: -efficienza energetica; -mobilità sostenibile; -nuove tecnologie della vita; -nuove tecnologie per il made in Italy; -tecnologie innovative per i beni e le attività culturali; -tecnologie dellinformazione e della comunicazione.

41 41 Pecup Il Profilo sottolinea, in continuità con il primo ciclo, evidenzia che: le conoscenze disciplinari e interdisciplinari (il sapere) le abilità operative apprese (il fare consapevole), linsieme delle azioni e delle relazioni interpersonali intessute (lagire) sono condizione indispensabile per la maturazione delle competenze

42 42 Competenza Comprovata capacità di utilizzare conoscenze, abilità e capacità personali, sociali e/o metodologiche, in situazioni di lavoro o di studio e nello sviluppo professionale e personale. Nel contesto del Quadro Europeo delle Qualifiche le competenze sono descritte in termini di responsabilità e autonomia Fonte Raccomandazione del Parlamento europeo e del Consiglio del 23 aprile 2008 sulla costituzione del Quadro europeo delle qualificheper la pprendimento permanente

43 43 Biennio Limpianto del sistema degli Istituti Tecnici è diretto alla promozione di un insieme di competenze descritte nel Pecup sia generale, sia relativo ai singoli indirizzi. Per quanto riguarda il biennio iniziale, vengono assunte per la parte comune le competenze incluse nellimpianto normativo riferibile allobbligo distruzione, riconducibile alle otto competenze chiave di cittadinanza e ai quattro assi culturali

44 44 Otto competenze chiave di cittadinanza da conseguire al termine dellistruzione obbligatoria (Allegato 2 del documento tecnico – D.M. n. 139/2007) Le competenze chiave proposte nellallegato 2 sono il risultato che si può conseguire - allinterno di un unico processo di insegnamento /apprendimento - attraverso la reciproca integrazione e interdipendenza tra i saperi e le competenze contenuti negli assi culturali: - Imparare ad imparare - Progettare - Comunicare - Collaborare e partecipare - Agire in modo autonomo e responsabile - Risolvere problemi - Individuare collegamenti e relazioni - Acquisire ed interpretare linformazione

45 45 Competenze chiave per lapprendimento permanente - Un quadro di riferimento europeo (Raccomandazione del Parlamento europeo e del Consiglio ) Il quadro di riferimento delinea otto competenze chiave: 1.Comunicazione nella madrelingua 2.Comunicazione nelle lingue straniere 3.Competenza matematica e competenze di base in scienza e tecnologia 4.Competenza digitale 5.Imparare a imparare 6.Competenze sociali e civiche 7.Spirito di iniziativa e imprenditorialità 8.Consapevolezza ed espressione culturale

46 46 Livelli EQF ( costituzione del Quadro europeo delle qualifiche per lapprendimento permanente) Per il biennio è opportuno riferirsi ai primi tre livelli di competenza Raccomandazione del Parlamento europeo e del Consiglio 23 aprile 2008 Descrittori che definiscono i livelli del Quadro europeo delle qualifiche. Ciascuno degli 8 livelli è definito da una serie di descrittori che indicano i risultati dellapprendimento relativi alle qualifiche a tale livello in qualsiasi sistema delle qualifiche

47 47 Assi culturali (Allegato 1 Documento tecnico – D.M. n. 139/2007) I saperi e le competenze per lassolvimento dellobbligo di istruzione sono riferiti ai quattro assi culturali (dei linguaggi, matematico, scientifico-tecnologico, storico- sociale), contenuti nellallegato 1. Essi costituiscono il tessuto per la costruzione di percorsi di apprendimento orientati allacquisizione delle competenze chiave che preparino i giovani alla vita adulta e che costituiscano la base per consolidare e accrescere saperi e competenze in un processo di apprendimento permanente, anche ai fini della futura vita lavorativa: - asse dei linguaggi - asse matematico - asse scientifico-tecnologico - asse storico-sociale Per ogni asse culturale vengono riportate: - Competenze di base a conclusione dellobbligo di istruzione Per ogni competenza di base vengono riportate: - abilità/capacità e conoscenze

48 48 Nel primo biennio, i risultati di apprendimento dellarea di istruzione generale sono in linea di continuità con gli assi culturali (dei linguaggi, matematico, scientifico­tecnologico e storico­sociale) dellobbligo di istruzione e si caratterizzano per il collegamento con le discipline di indirizzo

49 49 Le discipline di indirizzo sono presenti nel percorso fin dal primo biennio, in funzione orientativa e concorrono a far acquisire agli studenti i risultati di apprendimento dellobbligo di istruzione; si sviluppano nel successivo triennio con gli approfondimenti specialistici che si propongono di sostenere gli studenti nelle loro scelte professionali e di studio Le competenze acquisite dagli studenti nellintero corso di studi sono confi gurate a partire dal quadro unitario definito dagli assi culturali dellobbligo di istruzione, che ne risulta progressivamente potenziato.

50 50 Gli aspetti tecnologici e tecnici sono presenti fin dal primo biennio ove, attraverso lapprendimento dei saperi-chiave, acquisiti soprattutto attraverso lattività di laboratorio, esplicano una funzione orientativa. Nel secondo biennio, le discipline di indirizzo assumono connotazioni specifiche in una dimensione politecnica, con lobiettivo di far raggiungere agli studenti, nel quinto anno, una adeguata competenza professionale di settore, idonea anche per la prosecuzione degli studi a livello terziario con particolare riferimento allesercizio delle professioni tecniche. Il secondo biennio e il quinto anno costituiscono, quindi, un percorso unitario per accompagnare e sostenere le scelte dello studente nella costruzione progressiva del suo progetto di vita, di studio e di lavoro.

51 51 Pecup (Allegato A del D.P.R. n. 88/2010 Profilo educativo, culturale e professionale dello studente a conclusione del secondo ciclo del sistema educativo di istruzione e formazione per gli Istituti Tecnici: 2.1: Risultati di apprendimento comuni a tutti i percorsi 2.2: Profilo culturale e risultati di apprendimento dei percorsi del settore economico 2.3: Profilo culturale e risultati di apprendimento dei percorsi del settore tecnologico

52 52 Direttiva n. 57/2010: Linee guida per il passaggio al nuovo ordinamento degli Istituti tecnici a) Allegato A: Declinazione dei risultati di apprendimento i conoscenze e abilità per il primo biennio b) Allegato A1 Settore economico c) Allegato A2 Settore tecnologico declinano: - attività e insegnamenti di area generale -attività e insegnamenti obbligatori di indirizzo per disciplina, in competenze, conoscenze e abilità

53 53 Allegato B e Allegato C del regolamento (D.P.R. n. 88/2010) Allegato B: Settore economico - area di istruzione generale per Indirizzo Amministrazione, Finanza e marketing e per Indirizzo Turismo Allegato B1 - area di indirizzo Amministrazione, Finanza e marketing Allegato B2 – area di indirizzo Turismo In essi sono declinati indirizzi, profili, quadri orario e risultati di apprendimento per competenze Allegato C: Settore tecnologico - area di istruzione generale per 9 indirizzi - Allegati C1, C2, C3, C4, C5, C6, C7, C8 e C9- area di indirizzo In essi sono declinati indirizzi, profili, quadri orario i risultati di apprendimento per competenze

54 INDICAZIONI NAZIONALI Il Regolamento degli Istituti Tecnici definisce gli aspetti culturali e strutturali e i piani di studio in termini di discipline e ore annuali Le Linee Guida per il primo biennio illustrano gli aspetti culturali e strutturali, affrontano le principali questioni curricolari e didattiche forniscono le indicazioni relative alle discipline in termini di competenze, abilità e conoscenze.

55 INDICAZIONI NAZIONALI: GLI ASPETTI CULTURALI Gli Istituti Tecnici hanno la finalità di formare sia per il lavoro e la professione sia per lo sviluppo personale e la cittadinanza Per questo il Profilo Educativo Culturale e Professionale è molto articolato e propone una vasta gamma di competenze genrali e specifiche Ad esempio far acquisire agli studenti non solo le competenze necessarie al mondo del lavoro e delle professioni, ma anche le capacità di comprensione delle innovazioni e dei problemi che lo sviluppo della scienza e della tecnica ha prodotto e continuamente produce. Gli IT si caratterizzano come scuole dell innovazione

56 INDICAZIONI NAZIONALI: CARATTERIZZAZIONE METODOLOGICA La caratterizzazione come scuole dellInnovazione ha anzitutto implicazioni metodologiche: Meno enfasi alla padronanza di procedure consolidate e ai repertori tecnologici e più situazioni impreviste, approccio dinamico alle tecnologie, che sono instabili, scelte in condizioni di incertezza Essere consapevoli delle prospettive di cambiamento delle tecnologie e delle relative dinamiche socio-economiche

57 INDICAZIONI NAZIONALI: AUTONOMIA E FLESSIBILITA Autonomia: Possibilità di variare il piano di studi per non più del 20% introducendo nuove discipline riducendo quelle ufficiali Flessibilità:possibilità di cambiamenti fino al 35%, in relazioni a speciali esigenze del territorio, secondo una normativa da varare

58 INDICAZIONI NAZIONALI: I DIPARTIMENTI Gli istituti tecnici definiscono, nella loro autonomia e nel rispetto delle tutele contrattuali in materia di organizzazione del lavoro, le modalit à di costituzione dei dipartimenti e le regole per il loro funzionamento. Possono essere previste anche forme molto flessibili e poco strutturate, con forme di comunicazione in presenza e in rete tra i docenti e gli altri soggetti interessati. Si ritiene comunque opportuno che ad essi vada riservato anche uno spazio fisico dedicato Funzioni del dipartimento nel primo biennio: Consolidamento, con il concorso di tutte discipline, delle competenze di base per la lingua italiana, la lingua straniera e la matematica, raccordo tra i saperi disciplinari e gli assi culturali previsti dallobbligo di istruzione e tra larea di istruzione generale e le aree di indirizzo

59 INDICAZIONI NAZIONALI: COMPETENZE, ABILITA CONOSCENZE Limpianto per competenze. I punti di riferimento europei. LOCSE Per il biennio degli IT sono state assunte le competenze a suo tempo definite per lobbligo scolastico Tali competenze, dovendosi riferire in modo unitario a ordini e piani di studio molto diversi sono definite in modo molto generale e, soprattutto per alcune discipline, hanno bisogno di specificazioni

60 INDICAZIONI NAZIONALI: UN INSEGNAMENTO RIVOLTO ALLE COMPETENZE Lavorare per competenze: criteri metodologici Metodi che coinvolgono lattività degli studenti nellaffrontare questioni e problemi di natura applicativa (alla propria vita, alle altre discipline, alla vita sociale e lavorativa) sia nellintrodurre i nuclei fondamentali delle conoscenze e abilit à, sia nel progressivo padroneggiarli. La laboratorialità e i laboratori come contesto per lapprendimento: u n ambiente di lavoro nel quale si realizzano individualmente o collettivamente prodotti che richiedono un utilizzo intelligente di quanto studiato o sollecitano un suo approfondimento. Operare per progetti

61 INDICAZIONI NAZIONALI: LORIENTAMENTO Lorientamento come attività permanente e non episodica deve avvenire non solo attraverso linformazione, ma anche attraverso la formazione E essenziale il rapporto con il mondo del lavoro e della ricerca basato sulla collaborazione, la co-progettazione e lalternanza

62 PUNTI DI ATTENZIONE E DIFFERENZIAZIONE IN TRENTINO Sul piano del profilo culturale e professionale ci sono solo da introdurre le specificità richieste dallautonomia regionale Definire i limiti dellautonomia e la definizione di flessibilità I piani orari: differenze con quelli nazionali. Le ore a disposizione della scuola. Compresenze più flessibili. Necessità di un approfondimento delle competenze in particolare per quanto riguarda larea scientifica- tecnologica, anche attraverso una comparazione e un reciproco arricchimento dei diversi ordini di studi: Licei, IT, IP, IFP

63 QUESTIONI APERTE O DA APPROFONDIRE PER LA PROGETTAZIONE Utilizzo degli spazi disponibili per la caratterizzazione delle vocazioni e specificità territoriali: mediante la definizione di competenze, luso delle ore a disposizione e, quando necessario, lattivazione dei meccanismi di autonomia e flessibilità Raccordo fra area di indirizzo e area comune: impossibile assegnare alcune competenze esclusivamente alluna o allaltra: ad esempio competenze comunicative e dimensione storico- sociale delle tecnologie.

64 QUESTIONI APERTE O DA APPROFONDIRE PER LA PROGETTAZIONE Il problema dellintegrazione delle scienze La componente tecnologica nel biennio del settore tecnologico: necessità di coordinare le discipline tecnologiche fra loro e con le le scienze. Scegliere gli obbiettivi e la struttura di Scienze e Tecnologie Applicate. Linformatica: trovare un bilancio fra valore strumentale e fondamento culturale.

65 ISTITUTI TECNICI Riordino e potenziamento degli Istituti Tecnici come scuola dellinnovazione Regolamento Art.1 comma 3

66 I DENTITÀ DEGLI ISTITUTI TECNICI Lidentità degli Istituti Tecnici si caratterizza per una solida base culturale di carattere scientifico e tecnologico in linea con le indicazioni dell Unione Europea Regolamento Art. 2 comma 1

67 O BIETTIVO SPECIFICO DEGLI I STITUTI T ECNICI Far acquisire agli studenti, in relazione allesercizio di professioni tecniche, saperi e competenze necessari per: Un rapido inserimento nel mondo del lavoro Laccesso allUniversità e allIstruzione e Formazione Tecnica Superiore Regolamento Art.2 comma 1

68 N OVITÀ DAL 1° SETTEMBRE 2010 Gli istituti tecnici sono riorganizzati e potenziati a partire dalle classi prime funzionanti nell anno scolastico in relazione al profilo educativo, culturale e professionale dello studente di cui allallegato A Regolamento Art. 1 comma 3

69 O RGANIZZAZIONE DEI PERCORSI La declinazione dei risultati di apprendimento in competenze, conoscenze e abilità è effettuata dalle istituzioni scolastiche, nella loro autonomia sulla base delle linee guida (art.8 comma 3 del regolamento) anche in relazione alle raccomandazioni del Parlamento e del Consiglio Europeo (23 aprile 2008 EQF ) Regolamento Art. 5 comma 1a

70 I PERCORSI I percorsi degli istituti tecnici hanno durata quinquennale e si concludono con il conseguimento di diplomi di istruzione secondaria superiore in relazione ai settori e agli indirizzi di cui agli articoli 3 e 4 del regolamento Regolamento Art. 2 comma 2

71 I PERCORSI Gli Istituti Tecnici passano da 10 settori e 39 indirizzi a 2 settori ed 11 indirizzi : SETTORE ECONOMICO SETTORE TECNOLOGICO DUE INDIRIZZI NOVE INDIRIZZI

72 SETTORE ECONOMICO AMMINISTRAZIONE,FINANZA e MARKETING che prevede le articolazioni : TURISMO Regolamento Art. 3 a) Relazioni internazionali per il marketing b) Sistemi informativi aziendali

73 SETTORE TECNOLOGICO 1) Meccanica, meccatronica ed energia con le articolazioni: - Meccanica e meccatronica - Energia 2) Trasporti e Logistica con le articolazioni: - Costruzione del mezzo - Conduzione del mezzo - Logistica 3) Elettronica ed Elettrotecnica con le articolazioni: - Elettronica - Elettrotecnica - Automazione 4) Informatica e Telecomunicazioni con le articolazioni: - Informatica - Telecomunicazioni 5) Grafica e Comunicazione

74 SETTORE TECNOLOGICO 6) Chimica, Materiali e Biotecnologie con le articolazioni: - Chimica e materiali - Biotecnologie ambientali - Biotecnologie sanitarie 7) Sistema Moda con le articolazioni: - Tessile, abbigliamento e moda - Calzature e moda 8) Agraria, agroalimentare e agroindustria con le articolazioni: - Produzioni e trasformazioni - Gestione dellambiente e territorio - Viticoltura ed enologia 9) Costruzioni, Ambiente e Territorio con le articolazioni: - Costruzioni, ambiente e territorio - Geotecnico

75 TABELLA DI CONFLUENZA DEI PERCORSI SETTORE ECONOMICO PREVIGENTE ORDINAMENTO NUOVO ORDINAMENTO TIPOLOGIAINDIRIZZO ARTICOLAZIONE Istituto Tecnico Commerciale Ragioniere Perito Commerciale AMMINISTRAZIO NE FINANZA E MARKETING AMMINISTRAZIONE FINANZA E MARKETING Istituto Tecnico per le Attività Sociali Economico- dietista Dirigente di comunità Istituto Tecnico Commerciale Ragioniere perito Commerciale e Programmatore SERVIZI INFORMATIVI AZIENDALI Istituto Tecnico per periti Aziendali e Corrispondenti in Lingue Estere Perito aziendale corrispondente in lingue estere RELAZIONI INTERNAZIONALI PER IL MARKETING Istituto Tecnico per il Turismo Perito Turistico TURISMO

76 TABELLA DI CONFLUENZA DEI PERCORSI SETTORE TECNOLOGICO 1 PREVIGENTE ORDINAMENTONUOVO ORDINAMENTO TIPOLOGIAINDIRIZZO ARTICOLAZIONE ISTITUTO TECNICO INDUSTRIALE Meccanica MECCANICA MECCATRONICA ED ENERGIA MECCANICA E MECCATRONICA Fisica industriale Industria ottica Metallurgia Materie plastiche Industria Navalmeccanica ISTITUTO TECNICO INDUSTRIALE Termotecnica Energia nucleare ENERGIA ISTITUTO TECNICO INDUSTRIALE Costruzioni aeronautiche TRASPORTI E LOGISTICA COSTRUZIONE DEL MEZZO ISTITUTO TECNICO NAUTICO Costruzioni Navali ISTITUTO TECNICO NAUTICO Capitani CONDUZIONE DEL MEZZO Macchinisti ISTITUTO TECNICO AERONAUTICO Navigazione aerea Assistenza alla navigazione aerea ISTITUTO TECNICO Progetti sperimentali LOGISTICA ISTITUTO TECNICO INDUSTRIALE Elettronica e automazione ELETRONICA ED ELETTROTECNICA Elettronica e Telecomunicazione ELETTRONICA ISTITUTI TECNICI Progetti sperimentali AUTOMAZIONE

77 TABELLA DI CONFLUENZA DEI PERCORSI SETTORE TECNOLOGICO 2 PREVIGENTE ORDINAMENTONUOVO ORDINAMENTO TIPOLOGIAINDIRIZZO ARTICOLAZIONE ISTITUTO TECNICO INDUSTRIALE Informatica INFORMATICA E TELECOMUNICAZIONI INFORMATICA ISTITUTI TECNICIProgetti sperimentaliTELECOMUNICAZIONI ISTITUTO TECNICO INDUSTRIALE Arti fotografiche GRAFICA E COMUNICAZIONE Arti grafiche Industria cartaria ISTITUTO TECNICO INDUSTRIALE Chimico CHIMICA, MATERIALI E BIOTECNOLOGIE CHIMICA E MATERIALI Chimico conciario Industria tintoria ISTITUTO TECNICOProgetti sperimentali BIOTECNOLOGIA AMBIENTALI ISTITUTO TECNICOProgetti sperimentali BIOTECNOLOGIE SANITARIE ISTITUTO TECNICO INDUSTRIALE Tessile, settore confezione industriale SISTEMA MODA TESSILE ABBIGLIAMENTO E MODA Tessile, settore produzione di tessuti Disegno di tessuti ISTITUTO TECNICOProgetti sperimentaliCALZATURE E MODA

78 TABELLA DI CONFLUENZA DEI PERCORSI SETTORE TECNOLOGICO 3 PREVIGENTE ORDINAMENTONUOVO ORDINAMENTO TIPOLOGIAINDIRIZZO ARTICOLAZIONE ISTITUTO TECNICO INDUSTRIALE Tecnologie alimentari AGRARIA, AGROALIMENTARE E AGROINDUSTRIA PRODUZIONE E TRASFORMAZIONI ISTITUTO TECNICO AGRARIO Indirizzo generale Progetti sperimentali GESTIONE DELLAMBIENTE E DEL TERRITORIO Corso per viticoltura ed enologia VITICOLTURA ED ENOLOGIA ISTITUTO TECNICO PER GEOMETRI Geometra COSTRUZIONI, AMBIENTE E TERRITORIO COSTRUZIONI, AMBIENTE E TERRITORIO ISTITUTO TECNICO INDUSTRIALE Edilizia GEOTECNICO Industria mineraria

79 L A STRUTTURA DEL PERCORSO QUINQUENNALE 1056 ore annuali di lezione = 32 ore settimanali Regolamento Art. 5 comma 1b

80 S TRUTTURA PRIMO BIENNIO 660 ore di attività e istruzione generale 396 ore di attività di indirizzo Assolvimento dellobbligo e acquisizione dei saperi e delle competenze di indirizzo in FUNZIONE ORIENTATIVA Art. 5 comma 2a

81 S TRUTTURA SECONDO BIENNIO 495 ore di attività e insegnamenti di istruzione generale 561 ore di attività di indirizzo Funzione formativa in relazione agli indirizzi Regolamento Art. 5 comma 2b - 2d

82 S TRUTTURA QUINTO ANNO 495 ore di attività e istruzione generale 561 ore di attività di indirizzo Orientamento : - prosecuzione degli studi - ingresso nel mondo del lavoro e delle professioni Regolamento Art. 5 comma 2 c - 2d

83 A UTONOMIA E FLESSIBILITÀ Quota di autonomia del 20% dei curricoli Flessibilità : 30% dellorario annuale delle aree di indirizzo nel secondo biennio 35% dellorario annuale delle aree di indirizzo nell ultimo anno Regolamento Art.5 comma 3a – 3b

84 R EALIZZAZIONE DEI PERCORSI le competenze basate sulla DIDATTICA LABORATORIALE il collegamento organico con il MONDO del LAVORO e delle professioni le attività di STAGE, TIROCINI e ALTERNANZA SCUOLA-LAVORO come strumenti didattici per la realizzazione dei percorsi di studio Regolamento Art. 5 comma 2e

85 L E STRUTTURE INNOVATIVE La cui possibile istituzione è demandata alle singole Autonomie Scolastiche sono: i Dipartimenti: quali articolazioni funzionali del Collegio docenti. Il Comitato tecnico scientifico quale organismo paritetico composto da docenti ed esperti esterni Regolamento Art. 5 comma 3

86 I D IPARTIMENTI Sono articolazioni funzionali del collegio in merito a : Azioni di progettazione Sostegno alla didattica Integrazione disciplinare Svolgono un ruolo innovativo poiché favoriscono Il lavoro di gruppo La condivisione degli obiettivi ed il sostegno alla didattica Operativamente prevedono: Riunioni periodiche, Condivisione di esperienze, Pianificazioni di unità di apprendimento pluridisciplinari

87 I L C OMITATO T ECNICO S CIENTIFICO COMPOSIZIONE: paritetica, con un ugual numero di docenti ed esperti del mondo del lavoro e/o delle professioni e/o della ricerca. FUNZIONE: consultiva e di proposta in relazione a : - Organizzazione delle aree di indirizzo - Utilizzo degli spazi di autonomia e flessibilità ISTITUZIONE: demandata alle singole autonomie scolastiche (D.S. e OO.CC) DURATA: annuale – biennale o altro, così come declinato dalla singola Autonomia che lo istituisce

88 O PPORTUNITÀ SOTTESE ALLA COSTITUZIONE DEL CTS creazione di un Rapporto sinergico tra mondo della scuola dellimpresa, delle professioni e della ricerca. Superamento dellautoreferenzialità Creazione, col supporto di istituzioni del territorio, ( appartenenti a industria, professioni e ricerca), di unità didattiche ed azioni formative ( stages, alternanza scuola lavoro…) coerenti col profilo in uscita. Realizzazione di un P.O.F. coerente con linnovazione

89 89 Nelle quote di flessibilità, è possibile: articolare le aree di indirizzo in opzioni anche con insegnamenti alternativi ; scegliere insegnamenti alternativi compresi in un apposito elenco nazionale, definito con regolamento ministeriale, per rispondere a particolari esigenze del mondo del lavoro e delle professioni, senza incorrere in una dispendiosa proliferazione e frammentazione di indirizzi. MIUR PIÙ AUTONOMIA PER LE SCUOLE I nuovi Istituti Tecnici

90 90 MONITORAGGIO E VALUTAZIONE DI SISTEMA Costituzione del COMITATO NAZIONALE PER LISTRUZIONE TECNICA E PROFESSIONALE, articolato in Commissioni di settore, composto da: esperti del mondo del lavoro e delle professioni, dell università e della ricerca; dirigenti scolastici e docenti ; esperti designati dalla Conferenza dei Presidenti delle Regioni e dall UPI, dal Ministero del lavoro, della salute e delle politiche sociali, dal Ministero dello sviluppo economico, con funzioni di proposta e consulenza per laggiornamento periodico dei percorsi degli istituti tecnici e per la definizione degli indicatori per la valutazione e lautovalutazione del servizio degli istituti. MIUR I nuovi Istituti Tecnici

91 91 AMMINISTRAZIONE, FINANZA E MARKETING - PROFILO MIUR I nuovi Istituti Tecnici Il Perito in Amministrazione, Finanza e Marketing ha competenze specifiche nel campo dei macro-fenomeni economici nazionali ed internazionali, della normativa civilistica e fiscale, dei sistemi aziendali (organizzazione, pianificazione, programmazione, amministrazione, finanza e controllo) degli strumenti di marketing, dei prodotti assicurativo-finanziari e delleconomia sociale. Integra le competenze dellambito professionale specifico con quelle linguistiche e informatiche per operare nel sistema informativo dellazienda e contribuire sia allinnovazione sia al miglioramento organizzativo e tecnologico dellimpresa. È in grado di: - partecipare al lavoro organizzato e di gruppo con responsabilità e contributo personale; - operare con flessibilità in vari contesti affrontando il cambiamento; - operare per obiettivi e per progetti; - documentare opportunamente il proprio lavoro; - individuare, selezionare e gestire le fonti di informazione; - elaborare, interpretare e rappresentare dati con il ricorso a strumenti informatici; - operare con una visione trasversale e sistemica; - comunicare con linguaggi appropriati e con codici diversi; - comunicare in due lingue straniere anche su argomenti tecnici. In particolare, è in grado di assumere ruoli e funzioni relative a: - rilevazione dei fenomeni gestionali utilizzando metodi, strumenti, tecniche contabili ed extracontabili; - trattamenti contabili in linea con i principi nazionali ed internazionali; - adempimenti di natura fiscale (imposte dirette ed indirette, contributi); - trattative contrattuali riferite alle diverse aree funzionali dellazienda; - lettura, redazione e interpretazione dei documenti contabili e finanziari aziendali; - controllo della gestione; - reporting di analisi e di sintesi; - utilizzo di tecnologie e programmi informatici dedicati alla gestione amministrativo/finanziaria.

92 92 MIUR I nuovi Istituti Tecnici TURISMO - PROFILO Il Perito nel Turismo ha competenze specifiche nel campo dei macrofenomeni economici nazionali ed internazionali, della normativa civilistica e fiscale, oltre a competenze specifiche nel comparto delle aziende del settore turistico. Opera nel sistema produttivo con particolare attenzione alla valorizzazione e fruizione del patrimonio paesaggistico, artistico, culturale, artigianale, enogastronomico. Integra le competenze dellambito gestionale e della produzione di servizi/prodotti turistici con quelle linguistiche e informatiche per operare nel sistema informativo dellazienda e contribuire sia allinnovazione sia al miglioramento organizzativo e tecnologico dellimpresa. Opera con competenza ed autonomia nelle diverse tipologie di imprese turistiche. È in grado di: - esprimere le proprie competenze nella gestione organizzativa dei servizi secondo parametri di efficienza, efficacia e qualità; - esprimere le proprie competenze nel lavoro organizzato e di gruppo con responsabilità e propositivo contributo personale; - operare con flessibilità in vari contesti affrontando adeguatamente il cambiamento; - operare per obiettivi e per progetti; - documentare opportunamente il proprio lavoro; - individuare, selezionare e gestire le fonti di informazione; - elaborare, interpretare e rappresentare efficacemente dati con il ricorso a strumenti informatici; e software gestionali; - operare con visione trasversale e sistemica; - comunicare con linguaggi appropriati e con codici diversi; - comunicare in tre lingue straniere.

93 93 MECCANICA, MECCATRONICA ED ENERGIA - PROFILO MIUR I nuovi Istituti Tecnici - ha competenze specifiche nel campo dei materiali, nella loro scelta, nei loro trattamenti e lavorazioni; delle macchine e dei dispositivi utilizzati nelle industrie manifatturiere, agrarie, dei trasporti e dei servizi nei diversi contesti economici; - nelle attività produttive dinteresse, esprime le proprie competenze nella progettazione, costruzione e collaudo dei dispositivi e dei prodotti e nella realizzazione dei processi produttivi; opera nella manutenzione preventiva e ordinaria e nellesercizio di sistemi meccanici ed elettromeccanici complessi. È in grado di dimensionare, installare e gestire semplici impianti industriali; - integra le conoscenze di meccanica, di elettrotecnica, elettronica e dei sistemi informatici dedicati con le nozioni di base di fisica e chimica, economia e organizzazione; interviene nellautomazione industriale e nel controllo e conduzione dei processi, rispetto ai quali è in grado di contribuire allinnovazione, alladeguamento tecnologico e organizzativo delle imprese, per il miglioramento della qualità ed economicità dei prodotti; elabora cicli di lavorazione, analizzandone e valutandone i costi; - relativamente alle tipologie di produzione, interviene nei processi di conversione, gestione ed utilizzo dellenergia e del loro controllo, per ottimizzare il consumo energetico nel rispetto delle normative sulla tutela dellambiente; - è in grado di operare autonomamente, nellambito delle normative vigenti, ai fini della sicurezza sul lavoro e della tutela ambientale; - è in grado di pianificare la produzione e la certificazione dei sistemi progettati, descrivendo e documentando il lavoro svolto, valutando i risultati conseguiti, redigendo istruzioni tecniche e manuali duso; - Conosce ed utilizza strumenti di comunicazione efficace e team working per operare in contesti organizzati.

94 94 TRASPORTI E LOGISTICA – PROFILO MIUR I nuovi Istituti Tecnici - ha competenze tecniche specifiche e metodi di lavoro funzionali allo svolgimento delle attività inerenti la progettazione, la realizzazione, il mantenimento in efficienza dei mezzi e degli impianti relativi e lorganizzazione di servizi logistici; - ha competenze e conoscenze che, a seconda delle declinazioni di settore scelte dai singoli istituti, riguardano le diversificate articolazioni del trasporto; - possiede una cultura sistemica ed è in grado di attivarsi in ciascuno dei segmenti operativi del settore in cui si specializza e di quelli collaterali; - integra le conoscenze fondamentali relative alle tipologie, strutture e componenti dei mezzi, allo scopo di garantire il mantenimento delle condizioni di esercizio richieste dalle norme vigenti in materia di trasporto; - è in grado di operare autonomamente nel controllo, nelle regolazioni, e riparazioni dei sistemi di bordo; - esprime le proprie competenze nella pianificazione e nellorganizzazione dei servizi; - applica le tecnologie per lammodernamento dei processi produttivi, rispetto ai quali è in grado di contribuire allinnovazione e alladeguamento tecnologico e organizzativo dellimpresa; - nellambito dellarea Logistica, è in grado di operare nel campo delle infrastrutture, delle modalità di gestione del traffico e relativa assistenza, delle procedure di spostamento e trasporto, della conduzione del mezzo in rapporto alla tipologia dinteresse, della gestione dellimpresa di trasporti e della logistica nelle sue diverse componenti: corrieri, vettori, operatori di nodo e intermediari logistici; - relativamente alle tipologie di intervento, agisce nellapplicazione delle normative nazionali, comunitarie ed internazionali per la sicurezza dei mezzi, dei servizi e del lavoro nonché del trasporto di merci pericolose; - è in grado di esprimere le proprie competenze nella valutazione di impatto ambientale, nella salvaguardia dellambiente e nellutilizzazione razionale dellenergia; - descrive e documenta il lavoro svolto, conosce ed utilizza strumenti di comunicazione efficace e team working per operare in contesti organizzati.

95 95 ELETTRONICA ED ELETTROTECNICA - PROFILO MIUR I nuovi Istituti Tecnici - ha competenze specifiche nel campo dei materiali e della tecnologia costruttiva dei sistemi elettronici e delle macchine elettriche, della generazione, elaborazione e trasmissione dei segnali elettrici ed elettronici, dei sistemi per la generazione, conversione e trasporto dellenergia elettrica e dei relativi impianti di distribuzione; - nei contesti produttivi dinteresse, esprime le proprie competenze nella progettazione, costruzione e collaudo dei sistemi elettronici e degli impianti elettrici; - è in grado di programmare controllori e microprocessori; opera nellorganizzazione dei servizi e nellesercizio di sistemi elettrici ed elettronici complessi; - è in grado di sviluppare e utilizzare sistemi di acquisizione dati, dispositivi, circuiti, apparecchi e apparati elettronici; - conosce le tecniche di controllo e interfaccia mediante software dedicato; - integra conoscenze di elettrotecnica, di elettronica e di informatica per intervenire nellautomazione industriale e nel controllo dei processi produttivi, rispetto ai quali è in grado di contribuire allinnovazione e alladeguamento tecnologico delle imprese relativamente alle tipologie di produzione; - interviene nei processi di conversione dellenergia elettrica, anche di fonte alternativa, e del loro controllo, per ottimizzare il consumo energetico e adeguare gli impianti e i dispositivi alle normative sulla sicurezza; - è in grado di esprimere le proprie competenze, nellambito delle normative vigenti, nel mantenimento della sicurezza sul lavoro e nella tutela ambientale, nonché di intervenire nel miglioramento della qualità dei prodotti e nellorganizzazione produttiva delle aziende; - è in grado di pianificare la produzione dei sistemi progettati; descrive e documenta i progetti esecutivi ed il lavoro svolto, utilizza e redige manuali duso; conosce ed utilizza strumenti di comunicazione efficace e team working per operare in contesti organizzati.

96 96 INFORMATICA E TELECOMUNICAZIONI - PROFILO MIUR I nuovi Istituti Tecnici - ha competenze specifiche nel campo dei sistemi informatici, dellelaborazione dellinformazione, delle applicazioni e tecnologie Web, delle reti e degli apparati di comunicazione; - ha competenze e conoscenze che, a seconda delle declinazioni che le singole scuole vorranno approfondire, si rivolgono allanalisi, progettazione, installazione e gestione di sistemi informatici, basi di dati, reti di sistemi di elaborazione, sistemi multimediali e apparati di trasmissione dei segnali; - ha competenze orientate alla gestione del ciclo di vita delle applicazioni che, sempre a seconda della declinazione che le singole scuole vorranno approfondire, possono rivolgersi al software: gestionale – orientato ai servizi – per i sistemi dedicati incorporati; - esprime le proprie competenze nella gestione di progetti, operando nel quadro di normative nazionali e internazionali, concernenti la sicurezza in tutte le sue accezioni e la protezione delle informazioni (privacy); - è in grado di esprimere le proprie competenze, nellambito delle normative vigenti, ai fini della sicurezza sul lavoro e della tutela ambientale e di intervenire nel miglioramento della qualità dei prodotti e nellorganizzazione produttiva delle imprese; - esprime le proprie competenze nella pianificazione delle attività di produzione dei sistemi, dove applica capacità di comunicare e interagire efficacemente, sia nella forma scritta che orale; - nellanalisi e realizzazione delle soluzioni ha un approccio razionale, concettuale e analitico, orientato al raggiungimento dellobiettivo, che esercita in contesti di lavoro caratterizzati prevalentemente da una gestione in team; - possiede unelevata conoscenza dellinglese tecnico specifico del settore per interloquire in un ambito professionale caratterizzato da forte internazionalizzazione; utilizza e redige manuali duso..

97 97 PROFILO GRAFICA E COMUNICAZIONE - PROFILO MIUR I nuovi Istituti Tecnici Il Perito in Grafica e Comunicazione ha competenze specifiche nel campo della comunicazione interpersonale e di massa, con particolare riferimento alluso di tecnologie per produrla; integra conoscenze di informatica di base e di strumenti hardware e software grafici e multimediali, di sistemi di comunicazione in rete, di sistemi audiovisivi, fotografici e di stampa; ha competenze tecniche e sistemistiche che, a seconda delle esigenze del mercato del lavoro e delle corrispondenti declinazioni, possono rivolgersi: - alla programmazione ed esecuzione delle operazioni di prestampa e alla gestione e allorganizzazione delle operazioni di stampa e post-stampa; - alla realizzazione di ipertesti e presentazioni multimediali; - alla realizzazione fotografica e audiovisiva; - alla realizzazione e gestione di sistemi software di comunicazione in rete; Sa gestire progetti, inserirsi in attività di azienda, operare nellambito delle norme di sicurezza; conosce ed utilizza strumenti di comunicazione efficace e team working per operare in contesti organizzati.

98 98 PROFILO CHIMICA, MATERIALI E BIOTECNOLOGIE - PROFILO MIUR I nuovi Istituti Tecnici - ha competenze specifiche nel campo dei materiali, delle analisi chimico-biologiche, nei processi di produzione, in relazione alle esigenze delle realtà territoriali, negli ambiti chimico, merceologico, biologico, farmaceutico, tintorio, conciario, cartario, materie plastiche, metallurgico, minerario, ambientale, biotecnologico e microbiologico, nelle analisi chimico- biologiche e ambientali, relative al controllo igienico-sanitario e al controllo e monitoraggio dellambiente.; - nei contesti produttivi dinteresse, esprime le proprie competenze nella gestione e nel controllo dei processi, nella gestione e manutenzione di impianti chimici, tecnologici e biotecnologici, partecipando alla risoluzione delle problematiche relative agli stessi. Ha competenze per lanalisi e il controllo dei reflui, nel rispetto delle normative per la tutela ambientale; - integra competenze di chimica, di biologia e microbiologia, di impianti e di processi chimici e biotecnologici, di organizzazione e automazione industriale, per contribuire allinnovazione dei processi e delle relative procedure di gestione e di controllo, per il sistematico adeguamento tecnologico e organizzativo delle imprese; - ha conoscenze specifiche in merito alla gestione della sicurezza degli ambienti di lavoro, del miglioramento della qualità dei prodotti, dei processi e dei servizi; - ha competenze per la pianificazione, gestione e controllo delle attività di laboratorio di analisi e, nello sviluppo del processo e del prodotto, è in grado di verificare la corrispondenza del prodotto alle specifiche dichiarate, applicando le procedure e i protocolli dellarea di competenza; controllarne il ciclo di produzione utilizzando software dedicati sia alle tecniche di analisi di laboratorio sia al controllo e gestione degli impianti. Esprime le proprie competenze nella pianificazione delle attività aziendali, relaziona e documenta le attività svolte; - conosce ed utilizza strumenti di comunicazione efficace e team working per operare in contesti organizzati.

99 99 PROFILO TESSILE, ABBIGLIAMENTO E MODA - PROFILO MIUR I nuovi Istituti Tecnici - ha competenze specifiche nellambito delle diverse realtà ideativo-creative, progettuali, produttive e di marketing del settore tessile, abbigliamento e moda; - nei diversi contesti dimpiego, con riferimento alle specifiche esigenze, è in grado di assumere ruoli e funzioni di ideazione, progettazione e produzione di filati, tessuti, confezioni, calzature e accessori, di organizzazione, gestione e controllo della qualità delle materie prime e dei prodotti finiti; - relativamente alle diverse tipologie di processi produttivi, interviene nella gestione e nel controllo degli stessi per migliorare qualità e sicurezza dei prodotti; - applica le normative sulla tutela dellambiente, sulla sicurezza dei luoghi di lavoro e degli impianti; - integra la sua preparazione con competenze trasversali di filiera che gli consentono sensibilità e capacità di lettura delle problematiche dellarea sistema- moda; - relativamente alle strategie aziendali, opera in termini di individuazione di strategie innovative di processo, di prodotto e di marketing; contribuisce allinnovazione creativa, produttiva e organizzativa delle aziende del settore moda; - esprime le proprie competenze nella pianificazione delle attività aziendali, relaziona e documenta le attività svolte; - conosce ed utilizza strumenti di comunicazione efficace e team working per operare in contesti organizzati.

100 100 PROFILO AGRARIA E AGROINDUSTRIA - PROFILO MIUR I nuovi Istituti Tecnici - ha competenze specifiche nel campo dellorganizzazione e della gestione delle attività produttive nei settori vegetale e animale, con attenzione alla qualità dei prodotti ed al rispetto dellambiente; - ha competenze e conoscenze che, a seconda delle articolazioni che le singole scuole vorranno approfondire, si rivolgono al miglioramento dei prodotti e delle tecniche di trasformazione, alla valorizzazione dei caratteri, con attenzione alla trasparenza e alla tracciabilità, o alla gestione dellambiente e del territorio secondo le normative concernenti lagricoltura; - nellambito delle articolazioni previste, esprime le proprie competenze nelle attività di miglioramento genetico dei prodotti, sia vegetali che animali, sulla scorta di competenze nel settore delle biotecnologie agrarie in modo da contribuire a garantire gli aspetti più significativi delle caratteristiche igieniche ed organolettiche o individua esigenze locali verso il miglioramento delle situazioni ambientali mediante controlli con opportuni indicatori, valorizzazione di produzioni mediante attività agrituristiche, protezione dei suolo e delle strutture paesaggistiche, sostegno agli insediamenti e alla vita rurale; - opera nel settore della trasformazione dei prodotti, attivando processi tecnologici e biotecnologici per ottenere qualità ed economicità dei risultati, gestendo altresì una corretta utilizzazione dei reflui e dei residui; - controlla con metodi contabili ed economici le predette attività redigendo documenti contabili, preventivi e consuntivi economici, rilevando indici di efficienza ed emettendo giudizi di convenienza; - esprime le proprie competenze nella pianificazione delle attività aziendali, relaziona e documenta le attività svolte; - procede ad operazioni di rilievo, di conservazione del catasto, ad interpretazione di carte tematiche, esprimendo le proprie competenze in attività di gestione del territorio. Rileva condizioni di disagio ambientale e progetta interventi a protezione delle zone di rischio; - opera nelle attività di promozione e commercializzazione dei prodotti agrari ed agroindustriali. Esprime le proprie competenze nella pianificazione delle attività aziendali, relaziona e documenta le attività svolte; - conosce ed utilizza strumenti di comunicazione efficace e team working per operare in contesti organizzati.

101 101 COSTRUZIONI, AMBIENTE E TERRITORIO - PROFILO MIUR I nuovi Istituti Tecnici - ha competenze nel campo dei materiali, delle macchine e dei dispositivi utilizzati nelle industrie delle costruzioni, nell'impiego degli strumenti di rilievo, nell'uso dei mezzi informatici per la rappresentazione grafica e per il calcolo, nella valutazione tecnica ed economica dei beni privati e pubblici esistenti nel territorio e nellutilizzo ottimale risorse ambientali; - possiede capacità grafiche e progettuali in campo edilizio e nellorganizzazione del cantiere, nella gestione degli impianti, nel rilievo topografico, nella stima di terreni e fabbricati e delle altre componenti del territorio, nei diritti reali che li riguardano, nellamministrazione di immobili e nello svolgimento di operazioni catastali; - nei contesti produttivi dinteresse, esprime le proprie competenze nella progettazione, valutazione e realizzazione di organismi complessi mentre opera in autonomia nel caso di organismi di modesta entità; - opera autonomamente nella gestione, nella manutenzione e nellesercizio di organismi edilizi e nella organizzazione di cantieri mobili. Relativamente ai fabbricati interviene nei processi di conversione dellenergia e del loro controllo, è in grado di prevedere, nellambito delledilizia eco compatibile, le soluzioni opportune per il risparmio energetico nel rispetto delle normative sulla tutela dellambiente; - la sua formazione sistemica gli consente di spaziare tra le sue conoscenze fino ad arrivare alla pianificazione ed alla organizzazione di tutte le misure opportune in materia di salvaguardia della salute nei luoghi di vita e di lavoro; - esprime le proprie competenze nella pianificazione delle attività aziendali, relaziona e documenta le attività svolte; - conosce ed utilizza strumenti di comunicazione efficace e team working per operare in contesti organizzati.


Scaricare ppt "ISTITUTI TECNICI E PROFESSIONALI IL RIORDINO 1. 2 LE COMPETENZE: DALLE DISCIPLINE ALLE COMPETENZE I nuovi ordinamenti della secondaria si inquadrano in."

Presentazioni simili


Annunci Google