La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

INGRESSI E USCITE. Ingressi ! Sono nella parte bassa del PLC e sono divisi in due gruppi. Ogni morsetto può ospitare al massimo due fili. Assicurarsi.

Presentazioni simili


Presentazione sul tema: "INGRESSI E USCITE. Ingressi ! Sono nella parte bassa del PLC e sono divisi in due gruppi. Ogni morsetto può ospitare al massimo due fili. Assicurarsi."— Transcript della presentazione:

1 INGRESSI E USCITE

2 Ingressi ! Sono nella parte bassa del PLC e sono divisi in due gruppi. Ogni morsetto può ospitare al massimo due fili. Assicurarsi di non lasciare scoperto del filo di rame. Svitare a fondo la vite del morsetto prima di alloggiare il filo, poi chiudere.

3 Schema elettrico degli ingressi ! Internamente al PLC, ogni ingresso è optoisolato. La polarità del circuito dingresso è indifferente (non in tutti i modelli di PLC). Possono essere di tipo NPN cioè con il comune degli ingressi (1M) positivo, mentre sono PNP se il comune è negativo.

4 Cosè loptoisolatore ? Loptoisolatore serve per isolare elettricamente la delicata circuiteria elettronica del PLC dallimpianto di comando (che normalmente funziona a 24V). E fatto con un led che eccita un fototransistor, quindi lisolamento è di tipo ottico. Essendo un componente elettronico è piuttosto delicato e non sostituibile. E abbastanza sensibile ai disturbi elettrici. Quindi è consigliabile effettuare collegamenti corti e lontano dai cavi di alimentazione e del circuito duscita (che comanda i carichi).

5 Il comune degli ingressi ! Normalmente i PLC hanno un comune per gli ingressi (questo modello un comune per gli ingressi da I0.0 a I0.7 ed uno per gli ingressi da I1.0 a I1.5). Lalimentazione degli ingressi deve essere tra 21V e 28V in corrente continua, può provenire da una sorgente esterna oppure si possono usare gli appositi terminali M e L+ (alimentazione per sensori).

6 Il nostro circuito dingresso ! Il circuito dingresso è alimentato dallo stesso PLC, tramite i terminali di servizio a 24V in corrente continua (max 1.5A). Infatti è importante sfruttare questa soluzione, in quanto garantisce una corretta tempistica di alimentazione (prima della lettura degli ingressi) e protezione da disturbi.

7 Limpianto di comando ! Plancia del PLC Morsettiera Prestare attenzione al collegamento comune dellimpianto di comando. Nel nostro caso con i 24V dello stesso PLC. Fare collegamenti corti e lontani da quelli di alimentazione e delle uscite

8 Importante ! Non superare i 28 V per comandare gli ingressi Segnale dingresso riconosciuto attivo se > 15.0V, non attivo se < 5.0 V. Evitare disturbi elettrici (fili corti, schermati, lontano da altri cavi, ecc.) Non sovraccaricare o cortocircuitare lalimentazione 24V del PLC usata per alimentare gli ingressi (max 1.5A). Alimentare limpianto di comando (collegato agli ingressi) prima del PLC stesso (oppure sfruttare la sua alimentazione 24V) per evitare false attivazioni.

9 Uscite ! Sono nella parte alta del PLC e sono divisi in gruppi (di solito multipli di due). Ogni morsetto può ospitare al massimo due fili. Assicurarsi di non lasciare scoperto del filo di rame. Svitare a fondo la vite del morsetto prima di alloggiare il filo, poi chiudere.

10 Schema elettrico delle uscite ! Le uscite nei PLC sono a transistor o a relè. Le uscite a transistor possono essere NPN cioè ricevono corrente (comune negativo) oppure PNP cioè emettono corrente (comune positivo). Non sono protette (quindi attenzione a scintillamenti per forti carichi o frequenti commutazioni) e non sono sostituibili. Possono sopportare al massimo 0.75A (24v) ognuna e hanno tempi di commutazioni di circa 10µsec (per quelle a relè 2A a 250v con tempi dellordine dei 10 msec).

11 Il comune delle uscite ! In questo PLC le alimentazioni delle uscite sono divise in due gruppi. Lalimentazione delle uscite deve essere distinta da quella degli ingressi. Con i relè può essere anche in corrente alternata.

12 Il nostro circuito duscita ! Le alimentazioni delle uscite sono state ponticellate assieme e portati alla alimentazione del PLC medesimo. Usare preferibilmente la 24V = e non superare i carichi max (0.75A).

13 Impianto dei carichi ! Plancia del PLC Alimentare i carichi elevati (motori,ecc.) separatamente, interfacciando le uscite con relè. Usare una alimentazione separata per le uscite (24V ~) collegando il neutro al comune dei relè dinterfaccia e la fase ai vari apparecchi. Evitare frequenti commutazioni, sovraccarichi e di collegare direttamente carichi fortemente induttivi (motori)

14 Importante ! Riconoscere le uscite se a relè o a transistor, in quanto cambia lalimentazione del comune (negativa per NPN, positiva per PNP, indifferente per i relè). Alimentare separatamente limpianto dei carichi (uscite) da quello di comando (ingressi). Non superare i limiti delle uscite (quelle a transistor 0.75A, quelle a relè 2A ). Ricordarsi dei lunghi tempi di commutazione (>10 msec) dei relè, quindi per controlli di potenza (PWM, Inverter) e posizionamenti (PTO. Step motor) usare uscite a transistor. Evitare frequenti commutazioni e scintillamenti dovuti a carichi elevati (per le uscite a relè, mentre per quelle a transistor è indifferente). Interfacciare le uscite con relè (se possibile) anche nel caso di PLC con uscite a relè, perchè non sono protetti e non sostituibili.

15 Layout degli ingressi e delle uscite! Rappresentazione schematica degli ingressi (in basso) e delle uscite (in alto). I terminali di alimentazione del PLC sono normalmente a 24V=, in alcuni casi a 220V~ I terminali di alimentazione di servizio (24V=) servono per espansioni, pannelli di comando, altri dispositivi e/o per limpianto di comando collegato agli ingressi (sensori, pulsanti, fine corsa).

16 Tenere conto ! Del ciclo di scansione del PLC (cioè del fatto che prima legge gli ingressi, poi processa le istruzioni del programma, poi esegue un procedura di comunicazione e di autodiagnosi e solamente alla fine aggiorna le uscite. Durata tra 10 msec e 100 msec). Che impulsi in ingresso più brevi del ciclo di scansione verrebbero normalmente ignorati (se necessario usare le opportune funzioni). Che le uscite sono comandate simultaneamente e dopo la lettura del programma (attenzione alle uscite ripetute, cioè la stessa uscita utilizzata più volte nel programma, perché conterebbe solo lultimo stato di attivazione). Che ogni volta che si alimenta il PLC lui aggiorna la memoria EEPROM (che ha vita media di cicli). Quindi evitare frequenti accensioni e se necessario fermare limpianto, non spegnere il PLC ma metterlo in STOP.

17 Riassumendo !

18 L indirizzamento ! L identificatore per larea di memoria degli ingressi è la lettera I. Ogni singola uscita (detta canale) viene individuata con un preciso indirizzo, composto da una cifra, un punto e una seconda cifra (compresa tra 0 e 7). La prima cifra indica il byte (cioè una serie di 8 ingressi), la seconda il bit (cioè nella serie di 8 quale in specifico tra la prima la 0 e lultima la 7).

19 Esempio ! Il primo ingresso, corrispondente al primo morsetto del gruppo degli ingressi è I 0.0. Poiché costituito dal byte 0, bit 0. Il secondo ingresso sarà I 0.1, il terzo I 0.2, cosi via, fino allottavo I 0.7. Da qui si ricomincia con il byte successivo, cioè I 1.0, I 1.2, ecc.. Questo indirizzamento vale anche per le uscite, dove però il simbolo è la Q.

20 Attenzione ! Quando sono presenti delle espansioni, l indirizzamento ricomincia sempre dal byte successivo ad ogni modulo collegato.

21 Concludendo ! Gli ingressi sono indicati con la lettera I (registro dimmagine degli ingressi) e le uscite con la lettera Q (registro dimmagine delle uscite). Vengono individuati con un indirizzamento conforme alle direttive IEC , cioè : lettera dellarea di memoria ( es: I per gli ingressi, Q per le uscite) seguito dal numero del byte, poi un punto e infine il numero del bit corrispondente nel byte.


Scaricare ppt "INGRESSI E USCITE. Ingressi ! Sono nella parte bassa del PLC e sono divisi in due gruppi. Ogni morsetto può ospitare al massimo due fili. Assicurarsi."

Presentazioni simili


Annunci Google