La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

CORSO ASPIRANTI RADIOAMATORI PARTE DEL PROGRAMMA DESAME DENOMINATA: Regole e procedure desercizio nazionali ed internazionali (Codice delle Comunicazioni.

Presentazioni simili


Presentazione sul tema: "CORSO ASPIRANTI RADIOAMATORI PARTE DEL PROGRAMMA DESAME DENOMINATA: Regole e procedure desercizio nazionali ed internazionali (Codice delle Comunicazioni."— Transcript della presentazione:

1 CORSO ASPIRANTI RADIOAMATORI PARTE DEL PROGRAMMA DESAME DENOMINATA: Regole e procedure desercizio nazionali ed internazionali (Codice delle Comunicazioni elettroniche, sub-allegato D, Art. 3 comma 1)

2 1. ALFABETO FONETICO (ICAO, NATO) A = Alfa J = Juliett S = Sierra B = Bravo K = Kilo T = Tango C= Charlie L = Lima U = Uniform D = Delta M = Mike V = Victor E = Echo N= November W = Whiskey F = Foxtrot O = Oscar X = X-Ray G = Golf P = Papa Y = Yankee H = Hotel Q = Quebec Z = Zulu I = India R = Romeo Libro di testo pag. 95

3 2. Codice Q Sono sigle di 3 lettere che servono ad abbreviare intere frasi. Se dette sigle sono seguite dal punto interrogativo, si deve intendere la frase in forma di domanda, altrimenti si deve intendere in forma di risposta o affermazione Un elenco completo si può trovare alla pagina tm tm Libro di testo pag. 94

4 Codice Q (voci richieste dal sub-allegato D) QRK Qual'è l'intelligibilità del mio segnale? L'intelligibilità dei vostri segnali è …………. QRM Siete disturbato? Sono disturbato QRN Siete disturbato da rumori atmosferici? Sono disturbato da rumori atmosferici QRO Debbo aumentare la potenza di emissione? Aumentate la potenza di emissione QRP Debbo diminuire la potenza di trasmissione? Diminuite la potenza di trasmissione QRQ Debbo trasmettere più velocemente? Trasmettete più velocemente QRS Debbo trasmettere più lentamente? Trasmettete più lentamente QRT Debbo cessare la trasmissione? Cessate la trasmissione QRZ Da chi sono chiamato? Siete chiamato da ………… QRV Siete pronto? Sono pronto QSB La forza dei miei segnali è variabile? La forza dei vostri segnali varia QSL Potete darmi accusa di ricezione? Vi do accusa di ricezione QSO Potete comunicare direttamente con? Posso comunicare direttamente con QSY Debbo cambiare frequenza di trasmissione? Trasmettete su un altra frequenza...kHz (o MHz) QRX Quando mi richiamerete? Vi richiamerò alle ore.... QTH Quale è la vostra posizione in latitudine e longitudine? La mia posizione è.... di latitudine e....di longitudine

5 Codice Q (altre per radioamatori) Altre voci utili (riporto solo la forma di risposta) QRA: il nominativo della mia stazione è …. QRB: la distanza tra la vostra stazione e la mia è di …. miglia nautiche ( o Km) QRG: la mia frequenza esatta è ……… QRH: la vostra frequenza varia QRI: la vostra tonalità è ………. QRL: sono occupato QRU: non ho nulla per voi QSA: la forza dei vostri segnali è …….. QSD: la vostra manipolazione è difettosa QSK: posso sentirvi tra i miei segnali QSX: resto in ascolto di …………… QTC: ho messaggi per voi QTR: lora esatta è …………..

6 3.ABBREVIAZIONI OPERATIVE richieste dal sub-allegato D AR Fine della trasmissione BK Segnale utilizzato per interrompere una trasmissione in atto (break) CQ Chiamata a tutte le stazioni CW Onda continua - Telegrafia DE Utilizzato per separare l'indicativo di chiamata della stazione K Invito a trasmettere MSG Messaggio PSE Per favore RST Intelligibilità, forza del segnale, tonalità R Ricevuto RX Ricevitore SIG Segnale TX Trasmettitore UR Vostro VA Fine dell'interruzione Libro di testo pag. 20

7 ABBREVIAZIONI Una lista enorme di abbreviazioni si trova alla pagina Una lista meno completa ma contenente le voci più utilizzate si trova alla pagina all/2875/GAMT/abbrevia.htm all/2875/GAMT/abbrevia.htm

8 4. Segnali internazionali di soccorso In telegrafia: SOS In fonia: MAYDAY

9 La risoluzione 640 della ITU La Resolution 640 della convention ITU WARC tenutasi in Ginevra nel 1979 stabilisce che in caso di catastrofi naturali le stazioni di radioamatore possono effettuare traffico radio con scambio di messaggi per conto terzi, e sono consentite trasmissioni radio verso stazioni non radioamatoriali, cose che sono vietate nelle condizioni normali. Una completa descrizione della risoluzione 640 si trova alla pagina

10 5. INDICATIVI DI CHIAMATA Composizione dellindicativo di chiamata (anche detto: nominativo di stazione) Per i radioamatori: prefisso + suffisso Il prefisso indica la nazione di appartenenza della stazione, ed eventualmente una regione geografica allinterno della nazione Il suffisso è individuale ed identifica la singola stazione Esempio: IK4CIE IK4 prefisso (IK=italia, 4=Emilia-Romagna) CIE suffisso: identifica Vittorio Bussoni

11 PREFISSI NAZIONALI Prefissi usati in Italia: libro di testo pag I1, IK1, IZ1, IW1 : Piemonte e Liguria I2, IK2, IZ2, IW2 : Lombardia I3, IK3, IZ3, IW3 : Veneto I4, IK4, IZ4, IW4 : Emilia Romagna I5, IK5, IZ5, IW5 : Toscana I6, IK6, IZ6, IW6 : Marche ed Abruzzo I7, IK7, IZ7, IW7 : Puglie e provincia di Matera I8, IK8, IZ8, IW8 : Molise, Campania, Calabria e provincia di Potenza I0, IK0, IZ0, IW0 : Lazio ed Umbria Regioni a Statuto Speciale: IX1 Valle d'AostaValle d'Aosta IN3 Trentino-Alto AdigeTrentino-Alto Adige IV3 Friuli-Venezia GiuliaFriuli-Venezia Giulia IS0 SardegnaSardegna IT9 Sicilia (la Sicilia coincide con tutta la call area 9)Sicilia

12 PREFISSI NAZIONALI ISOLE MINORI IA5 Isole tirreniche della Toscana (Capraia, Cerboli, Elba, Formica di Burano, Formiche di Grosseto, Giannutri, Giglio, Gorgona, Montecristo, Formica di Montecristo, Pianosa)ToscanaCapraiaElbaFormiche di GrossetoGiannutriGiglioGorgonaMontecristo IB0 Isole tirreniche del Lazio (Palmarola, Ponza, Santo Stefano, Ventotene)LazioPalmarolaPonzaSanto StefanoVentotene IC8 Isole tirreniche della Campania, e non-ufficialmente, della Calabria e della provincia di Potenza (Capri, Ischia,, Procida, Vivara)CampaniaCalabriaPotenzaCapriProcidaVivara ID8 Isole tirreniche della Calabria, Isola di Dino, Isola di Cirella)CalabriaIsola di DinoIsola di Cirella ID9 Isole Eolie (Alicudi, Basiluzzo, Filicudi, Formiche, Lipari, Lisca Bianca, Panarea, Salina, San Pietro a Canna, Stromboli, Strombolicchio, Vulcano)Isole EolieAlicudiFilicudiLipariPanareaSalinaStromboliStrombolicchioVulcano IE9 Isola di UsticaUstica IF9 Isole Egadi (Asinelli, Favignana, La Formica, Levanzo, Maraone, Marettimo)Isole EgadiFavignanaLevanzoMarettimo IG9 Isole Pelagie (Lampedusa, Lampione, Linosa)Isole PelagieLampedusaLampioneLinosa IH9 Isola di PantelleriaPantelleria IJ7 Isole ioniche della Puglia e della provincia di Matera (Arcipelago delle Cheradi)PugliaMateraArcipelago delle Cheradi IL7 Isole adriatiche della Puglia (Isole Tremiti: Caprara, Pianosa, San Domino, San Nicola)PugliaIsole TremitiPianosa IM0 Isole minori della Sardegna (Asinara, Bisce, Budelli, Sant'Antioco, San Pietro, Tavolara)SardegnaAsinaraBisceBudelliSant'AntiocoSan PietroTavolara IP1 Isole della LiguriaLiguria oppure per particolari scopi: IQ Sezioni delle associazioni dei radioamatori legalmente costituite (di fatto assegnato anche a Comitati Regionali e Gruppi). IR Stazioni ripetitrici automatiche non presidiate. II, IO, IP, IR, IU, manifestazioni o eventi di particolare importanza, limitatamente alla durata dell'evento. IY stazioni per commemorazioni Marconiane, alcune permanenti ( IY1TTM, IY4FGM )

13 PREFISSI INTERNAZIONALI Anche se non richiesti ufficialmente nel programma desame, pare che alcune domande dei quiz siano riferite ai nominativi internazionali. E comunque utile conoscerli, soprattutto per chi opera in onde corte ed effettua collegamenti internazionali Lelenco ITU completo lo trovate in tm e la lista paritetica di solito introvabile la trovate in pref.htm tm pref.htm lelenco è presente sul libro di testo alla pagina 123

14 6. PIANI DI FREQUENZE DELLA IARU Lobiettivo dei BAND-PLAN IARU è quello di armonizzare tra le varie nazioni i modi di emissione allinterno delle bande radiantistiche. Lobiettivo è anche quello di ottimizzare il numero di stazioni che possono occupare una banda, in relazione alla diffusione del modo di emissione. Al momento, i band-plan IARU non sono legge ma ci si sta adoperando perché lo diventino. Trovate i band-plan completi qui:

15 C.- REGOLAMENTAZIONE NAZIONALE E INTERNAZIONALE DEI SERVIZI DI RADIOAMATORE E DI RADIOAMATORE VIA SATELLITE Definizione del servizio di radioamatore: servizio di istruzione individuale, d'intercomunicazione e di studio, effettuato da radioamatori, cioè da persone debitamente autorizzate che si interessano della tecnica radioelettronica a titolo esclusivamente personale e senza interesse pecuniario.

16 articolo S25 del R egolamento R adiocomunicazioni 25.1 Le radiocomunicazioni fra stazioni radioamatoriali di Paesi diversi sono vietate se lamministrazione di uno dei Paesi interessati ha notificato la sua opposizione Le trasmissioni tra stazioni radioamatoriali di Paesi diversi devono limitarsi a comunicazioni relative alloggetto del servizio di radioamatore come definito al 1.56, e a osservazioni di carattere puramente personale. 25.2A È vietato codificare le trasmissioni tra stazioni radioamatoriali di Paesi diversi per nasconderne il senso, tranne se si tratta di segnali di comando scambiati tra stazioni terrestri di comando e stazioni spaziali del servizio di radioamatore via satellite Le stazioni radioamatoriali possono essere utilizzate per trasmettere comunicazioni internazionali provenienti o destinate a terzi solo in casi demergenza e per i soccorsi in caso di catastrofe. Unamministrazione può determinare lapplicabilità di questa disposizione alle stazioni radioamatoriali che sottostanno alla sua giurisdizione Le amministrazioni determinano se una persona che desidera ottenere una concessione per esercitare una stazione radioamatoriale deve o meno dimostrare di essere in grado di ricevere e trasmettere testi in codice Morse Le amministrazioni verificano le attitudini operative e tecniche di chi desidera esercitare una stazione radioamatoriale La potenza massima delle stazioni radioamatoriali è fissata dalle amministrazioni competenti Tutti gli articoli o disposizioni pertinenti della Costituzione, della Convenzione o del presente Regolamento sono applicabili alle stazioni radioamatoriali.

17 continua… 25.9 Durante le loro emissioni, le stazioni radioamatoriali devono trasmettere il loro indicativo di chiamata a brevi intervalli. 25.9A Le amministrazioni sono invitate ad adottare le misure necessarie ad autorizzare le stazioni radioamatoriali a prepararsi per rispondere ai bisogni di comunicazione delle operazioni di soccorso in caso di catastrofe. 25.9B Unamministrazione può decidere se autorizzare una persona di unaltra amministrazione che ha ricevuto una concessione per lesercizio di una stazione radioamatoriale ad esercitare una stazione radioamatoriale quando tale persona si trova temporaneamente sul proprio territorio, fatte salve eventuali condizioni o restrizioni che potrebbe imporre. Articolo 25 Sezione II – Servizio di radioamatore via satellite Le disposizioni della Sezione I del presente articolo si applicano, se del caso, allo stesso modo al servizio di radioamatore via satellite Le amministrazioni che autorizzano stazioni spaziali al servizio di radioamatore via satellite devono fare in modo che prima del lancio venga installato un numero sufficiente di stazioni terrestri di comando, così da garantire limmediata eliminazione delle interferenze nocive causate dalle emissioni di una stazione del servizio di radioamatore via satellite

18 Bande di frequenza e relativi statuti (applicato ai radioamatori) statuto esclusivo: i radioamatori sono gli unici utilizzatori della banda statuto primario: esistono nella banda più categorie di persone autorizzate ad utilizzarla, ma i radioamatori sono gli utilizzatori principali, con diritto di precedenza statuto secondario: esistono nella banda più categorie di persone autorizzate ad utilizzarla, e i radioamatori devono cedere il passo quando un utilizzatore primario rivendica lutilizzo

19 Bande di frequenza in Italia Consultare il testo a pagina e a pagina 92 In Italia quasi tutte le frequenze sono assegnate in statuto primario o secondario, quasi mai in esclusivo. Questo perché il Ministero delle Comunicazioni si è riservato il diritto di usare le frequenze dei radioamatori anche per eventuali proprie necessità. E stata assegnata la frequenza 6990 KHz ai servizi di Radioamatore per la Protezione Civile, per sole comunicazioni digitali (PSK); altre frequenze in uso sono: HF- 7,045 MHz Fonia HF- 3,643.5 MHz Fonia HF MHz Digitale

20 Regioni radio UIT ( ITU ) Regione 1: Europa, Africa e medio oriente Regione 2: continente americano Regione 3: Asia e Oceano Pacifico

21 Raccomandazione CEPT T/R Testo della Raccomandazione adottata dalla Commissione "Telecomunicazioni" ( Nizza 1985 ) concernente la Licenza di radioamatore CEPT La Conferenza Europea delle Amministrazioni delle Poste e delle Telecomunicazioni, considerando (omissis…) raccomanda che le Amministrazioni membri della CEPT riconoscano il principio di una "Licenza di Radioamatore della CEPT", alle condizioni specificate nell'Appendice 1, per le quali le Amministrazioni membri non esigeranno né diritti né tasse, riservando all'Amministrazione il diritto soltanto di emettere la Licenza.

22 Raccomandazione CEPT T/R APPENDICE I CONDIZIONI GENERALI AL RILASCIO DELLA LICENZA CEPT I. Disposizioni generali riguardanti la "Licenza di Radioamatore CEPT" La "Licenza di Radioamatore CEPT" avrà una forma simile a quella della Licenza nazionale oppure di un documento apposito emesso dalla stessa Autorità e sarà redatto nella lingua nazionale ed in tedesco, inglese e francese. Questo documento sarà valido unicamente per i non residenti, per la durata dei loro soggiorni temporanei nei Paesi membri della CEPT che hanno adottato la Raccomandazione, con il limite di validità della Licenza nazionale. I Radioamatori in possesso di una Licenza provvisoria non possono beneficiare delle disposizione della Raccomandazione. Le condizioni minime richieste per una Licenza CEPT saranno: (i) la dichiarazione secondo la quale il titolare è autorizzato ad utilizzare la sua Stazione di Radioamatore conformemente alla presente Raccomandazione nei Paesi che l'adottano; (ii) il nome e l'indirizzo del titolare; (iii) l'indicativo di chiamate; (iv) la classe di Licenza CEPT); (v) la validità; (vi) l'Autorità che la rilascia. È consigliabile allegare un elenco dei Paesi che adottano la Raccomandazione.

23 Raccomandazione CEPT T/R Condizioni di utilizzazione. 3.1 Il titolare deve esibire la Licenza di Radioamatore CEPT su richiesta delle Autorità di controllo del Paese ospitante; 3.2 l'autorizzazione non è accordata che per uso di una Stazione portatile o mobile. Una Stazione portatile dovrà, nello spirito di questa Raccomandazione comprendere anche Stazioni funzionanti con collegamento provvisorio alla rete elettrica. per esempio in un hotel; 3.3 l'autorizzazione è rilasciata anche per l'uso della Stazione di un Radioamatore del Paese ospitante, sempreché sia titolare di licenza. 3.4 il titolare deve rispettare le disposizioni del Regolamento delle Radiocomunicazioni, della presente Raccomandazione e del Regolamento in vigore nel Paese ospitante: egli inoltre deva rispettare ogni limitazione che gli sarà imposta relativamente a condizioni locali di natura tecnica o imposte dalla pubblica autorità; 3.5 l'uso della Stazione a bordo di aeromobili è proibito; 3.6 quando trasmette nel Paese ospitante, il titolare deve utilizzare il suo indicativo di chiamata nazionale preceduto dal prefisso del Paese, come previsto nel Paese ospite, e seguito dalla lettera "M" per una Stazione mobile, e da "P" per una stazione portatile; 3.7 il titolare non potrà chiedere protezione contro eventuali disturbi o interferenze. 4. Condizioni tecniche Le condizioni tecniche applicabili saranno quelle della classe nazionale corrispondente alla relativa classe CEPT. Queste equivalenze, figurano nelle due colonne di destra della tabella in Appendice II.

24 Raccomandazione CEPT T/R In questa nota si raccomanda alle singole amministrazioni di eliminare la prova di ricetrasmissione telegrafica dagli esami per ottenere la patente di radioamatore. La nota T/R viene recepita con Decreto legge del 21 luglio 2005 (libro di testo pagina 90)

25 Legislazione nazionale Il libro fa un po di confusione tra quanto ancora in vigore e quanto invece è obsoleto. In generale, fa testo il codice delle comunicazioni elettroniche del con poche varianti tra cui lunificazione delle classi di licenza del luglio Trovate il codice qui e gli allegati qui

26 Legislazione nazionale Articoli che riportano indicazioni errate anche se non ufficialmente aboliti…: DPR 5/8/1966: art. 3…: gli esami non contengono più la prova pratica di telegrafia DPR 5/8/1966: art. 4…: le licenze sono ora di una sola classe, con 500Watt in antenna (quindi non di alimentazione dello stadio finale!) DPR 5/8/1966: art. 9…: le bande di frequenza ivi indicate sono ovviamente indicate in modo erroneo, la tabella giusta è quella di pagina 52 o 92 DPR 5/8/1966: art. 10 comma m…: ora il trasferimento temporaneo della stazione di radioamatore è consentito senza comunicazione alcuna (vedi art.13 dellallegato 26 al C.d.C.E.) DPR 5/8/1966: art. 13…: la validità delle licenze è ora di 10 anni (al massimo) DM 01/12/1990: art. 2 e art. 6….: le classi di licenza sono ora unificate nellunica licenza di classe A DM 01/12/1990: art. 5….: ora luso delle stazioni di radioamatore è consentito su ogni mezzo mobile escluso quello aereo (art. 134 comma 2 del Codice delle Comunicazioni Elettroniche del 2003) Allegato 26, Art. 6, ora sono concessi nominativi speciali anche con 4 lettere di suffisso Allegato 26, Art. 8, ora non ha più senso

27 registro di stazione (LOG) È ancora in vigore larticolo 10 del DPR 05/08/1966 che recita (pag. 38del libro) : Presso le stazioni di radioamatore deve essere tenuto al corrente un registro nel quale saranno annotate le indicazioni relative alla data, ora e durata delle singole trasmissioni, le caratteristiche tecniche (frequenza, potenza, tipo di trasmissione) i nominativi delle stazioni corrispondenti, il contenuto delle conversazioni effettuate, ecc. Le registrazioni devono essere fatte ad inchiostro o a matita copiativa in modo chiaro e leggibile, senza spazi in bianco, interlinee, trasporti in margine o abrasioni; le eventuali cancellature dovranno essere eseguite in modo che le parole cancellate siano leggibili. I fogli del registro di stazione debbono essere numerati e firmati dal radioamatore. I registri dovranno essere tenuti a disposizione del Ministero delle Comunicazioni, il quale ha la facoltà di richiederli in qualsiasi momento o di esaminarli a mezzo di propri ispettori, e debbono essere conservati almeno per l'intero anno solare successivo a quello in cui ha avuto luogo l'ultima annotazione. QUINDI, ANCORA OGGI NON E CONSENTITO LUSO DEL SOLO LOG COMPUTERIZZATO.

28 CLASSI DI EMISSIONE La Classe di emissione è linsieme delle caratteristiche di una emissione (tipo di modulazione, natura del segnale modulante, genere di informazione che si trasmette) Ogni classi di emissione è designata da 3 simboli che indicano le tre caratteristiche I simboli sono lettera-numero-lettera

29 CLASSI DI EMISSIONE – DESIGNAZIONE – primo simbolo N emissione di un'onda non modulata emissione, la cui portante principale è modulata in ampiezza (ivi compresi i casi in cui vi sono sottoportanti con modulazione angolare): A doppia banda laterale H banda laterale unica con portante completa R banda laterale unica con portante ridotta o di livello variabile J banda laterale unica con portante soppressa B bande laterali indipendenti C banda laterale residua emissione la cui portante principale è modulata con modulazione angolare: F modulazione di frequenza (FM) G modulazione di fase (PM) D emissione la cui portante principale è modulata in ampiezza e in modulazione angolare, sia simultaneamente, sia con una sequenza prestabilita emissione ad impulsi: P treno d'impulsi non modulato treno d'impulsi: K modulato in ampiezza L modulato in larghezza/durata M modulato in posizione/fase

30 CLASSI DI EMISSIONE – DESIGNAZIONE – secondo simbolo natura del segnale modulante 0 assenza di segnale modulante 1 un solo canale contenente l'informazione quantificata o numerica, senza l'impiego di una sotto portante modulante 2 un solo canale contenente l'informazione quantificata o numerica, con l'impiego di una sotto portante modulante 3 un solo canale contenente l'informazione analogica 7 due o più canali contenenti l'informazione quantificata o numerica 8 due o più canali contenenti l'informazione analogica 9 sistema composito con uno o più canali contenenti l'informazione quantificata o numerica e uno o più canali contenenti l'informazione analogica

31 CLASSI DI EMISSIONE – DESIGNAZIONE – terzo simbolo tipo di informazione da trasmettere N nessuna informazione A telegrafia per ricezione auditiva B telegrafia per ricezione automatica C fac-simile D trasmissione dati, telemisura, telecomando E telefonia (ivi compresa la radiodiffusione sonora) F televisione (video) W combinazione di casi precedenti

32 ESEMPI DI DENOMINAZIONI PIU USATE A1A telegrafia senza modulazione ( CW ) A2A telegrafia con modulazione in ampiezza A3E modulazione di ampiezza, fonia C3F televisione, che usa la modulazione di ampiezza con banda laterale vestigiale residua F1D trasmissione dati in modulazione di frequenza, senza sottoportante modulante F2D trasmissione dati in modulazione di frequenza con sottoportante modulante (packet radio radioamatori) F3E modulazione di frequenza, fonia J3E fonia in modulazione di ampiezza, con portante soppressa (SSB) B8E fonia in modulazione di ampiezza, due bande laterali indipendenti, portante soppressa (ISB)

33 PRATICA OPERATIVA A pagina 374 del libro, trovate il Manuale di Tecnica operativa di ON4WW : non è perfetto ma rende lidea di quello che si incontra nel mondo radio, soprattutto nelle bande delle onde corte. Il mondo dei radioamatori è talmente vasto che è impossibile riassumerlo in poche slides…. Ognuno troverà le attività che più lo appassionano. In bocca al lupo !


Scaricare ppt "CORSO ASPIRANTI RADIOAMATORI PARTE DEL PROGRAMMA DESAME DENOMINATA: Regole e procedure desercizio nazionali ed internazionali (Codice delle Comunicazioni."

Presentazioni simili


Annunci Google