La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

Il trattamento digitale delle fonti giuridiche

Presentazioni simili


Presentazione sul tema: "Il trattamento digitale delle fonti giuridiche"— Transcript della presentazione:

1 Il trattamento digitale delle fonti giuridiche
“Il diritto romano e le scienze antichistiche nell’era digitale” Firenze, Altana di Palazzo Strozzi, 12 – 13 settembre 2011 Il trattamento digitale delle fonti giuridiche di tradizione manoscritta 01 (dal Corriere della sera, 1990 )

2 [da Festus Lexicon Project (Crawford et alii, 2009
02 Ed. di Thewrewk de Ponor del 1893 del Codex Farnesianus di Festo (Cod. Neapol. IV. A. 3). (http://search.books2ebooks.eu/Record/ ) Un singolo manoscritto dell’XI sec. sopravvive del Lessico di Festo, ma parte significativa era già persa prima della sua scoperta, forse nel Nulla resta nel Farnesianus prima della lettera M, inoltre nel XV secolo il manoscritto ha sofferto danni da fuoco ed i bordi della colonna esterna sono completamente bruciati. Ha inoltre subito ulteriori perdite quando Pomponio Leto l’ha smontato e conservato, parte per se stesso. Il Farnesianus è stato paragonato “ad un soldato i cui compagni sono stati sconfitti e massacrati ed è per caso sopravvissuto con gli arti mutilati, ma coperto di gloria” [da Festus Lexicon Project (Crawford et alii, 2009

3 Codex Farnesianus Festo XI sec. 03

4 Il palinsesto veronese delle Istitizioni di Gaio.
Cod. XIII fol. 86 v. Scriptura dell’VIII sec. su di una prior del V sec. d.C. (Immagine semplificata con filtro anti noce di galla. Metodica di F. Briguglio) 04

5 Trattamento delle immagini del palinsesto veronese
delle Istituzioni di Gaio. V sec. d.C. (da F. Briguglio, Le pagine scomparse, MEP, X, 2007) 05

6 06

7 07

8 Manoscritto musicale della Biblioteca Reale Danese, acquisito liberamente in rete. 08

9 D. 19, 2 (tit.: Locati et conducti ) con commento di Stefano.
P. Reinach VI d.C. 09 D. 19, 2 (tit.: Locati et conducti ) con commento di Stefano.

10 Rhetón con paragraphaí
10 P. Reinach 2173

11 11

12 12

13 13

14 14

15 Bibliotheca Corviniana Digitalis (www.corvina.oszk.hu)
15 Bibliotheca Corviniana Digitalis (www.corvina.oszk.hu) Biblioteca Nonantolana virtuale (www. bncrm.librari.beniculturali.it/ index.php?it/175/ biblioteca-nonantolana-virtuale.)

16 16 Catalogue of digitized medieval manuscripts
University of California (http://manuscripts.cmrs.ucla.edu) Consulting Medieval Manuscripts Online University of Tennessee

17 Codex Farnesianus (Festo, De verborum significatione 177) f. 7r. int.
Niger lapis in Comitio locum funestum significat, ut ali(i dicunt), Romuli morti destinatum, 17 f. 7r ext. sed non usu ob[venisse ut ibi sepeliretur, sed Fau-] stulum nutri[cium eius, ut alii dicunt, Hos-] tilium avum Tu[llii Hostilii regis] . . . La stele nera nel Comizio indica un luogo funesto destinato, come dicono alcuni, alla tomba di Romolo ma che non accadesse più di solito che ivi si seppellisse, ma come dicono altri di Faustolo suo educatore o di Ostilio, avo del re Tullio Ostilio…

18 Il cippo arcaico del Foro romano rinvenuto sotto il niger lapis
Attratte dal rinvenimento, le Autorità visitano gli scavi del Foro (1899), in un dipinto coevo (da: Moatti, Roma antica, ed. Electa, 1992) Frammenti di cratere attico raffigurante il ritorno di Efesto in Olimpo dal niger lapis, utile per la datazione (560/540 a.C.) 18

19 De lingua latina 6, 31 (Goetz e Schoell):
  Varrone, De lingua latina 6, 31 (Goetz e Schoell): ... Dies qui vocatur sic ‘quando rex comitiavit fas’, [s]is dictus ab eo, quod eo die rex sacrific[i]ulus dicat ad comitium, ad quod tempus est nefas, ab eo fas: itaque post id tempus lege actum saepe. 19 …Il dies che è chiamato ‘quando rex comitiavit fas’ è così detto perché in quel giorno il rex sacrificulus rivolge pronunzie (dicat) al comizio. Fino a quel tempo è nefas, da quel tempo in poi è fas. E perciò dopo quel tempo si è svolta spesso 1'attività del ‘lege agere’.

20 De lingua latina 6, 31 (C. Laurent. 51, 5):
  Varrone, De lingua latina 6, 31 (C. Laurent. 51, 5): ... Dies qui vocatur sic ‘quando rex comitiavit fas’, [s]is dictus ab eo, quod eo die rex <ex> sacrificio ius dicat ad comitium, ad quod tempus est nefas, ab eo fas: itaque post id tempus lege actum saepe. 20 …Il dies che è chiamato ‘quando rex comitiavit fas’ è così detto perché in quel giorno il rex in seguito ad un sacrificio rivolge pronunzie (dicat) al comizio. Fino a quel tempo è nefas, da quel tempo in poi è fas. E perciò dopo quel tempo si è svolta spesso 1'attività del ‘lege agere’.

21 21 Codex Florentinus Laurentianus (F).
Varrone, De Ling. Lat. X, Il Laurentianus 51, 10 è dell’XI sec. e proviene da Monte Cassino. E’ fonte unitaria del più lungo frammento pervenuto dell’opera. Il diverso Codex Florentinus 51, 5 del 1427 è la più fedele riproduzione di F e risulta di particolare utilità in casi in cui la scrittura di F sia di difficoltosa o impossibile lettura. 21

22 Riproduzione fotografica
D. I, 3, 36 – D. I, 5, 4 22 Litera Florentina Riproduzione fotografica del 1988 a cura di A. Corbino e di B. Santalucia

23 Biblioteca Malatestiana De legatis et fideicommissis.
Litera Bononiensis o Vulgata. Biblioteca Malatestiana di Cesena. Pluteo sin. IV, cod. 2, fol. 111. Incipit di D. XXX: De legatis et fideicommissis. 23

24 24 (da L. Maganzani, Fonti e strumenti di ricerca, Como, 1988.)
(XI sec.) D. 23, 3, 69, 7 (in Florentina attribuito a Papiniano l. IV Responsorum) (= in F, con qualche variante) (XII sec.) (XII sec.)

25 D. 8, 2, 5 (Ulpiano, l. XVII ad edictum)
Littera Florentina. D. 8, 2, 5 (Ulpiano, l. XVII ad edictum) 25

26 D. 8, 2, 5 (Ulpiano, l. XVII ad edictum)
Litera Bononiensis. D. 8, 2, 5 (Ulpiano, l. XVII ad edictum) 26 Ulpianus, Invitum autem in servitutibus accipere debemus, non solum eum qui contradicit, sed eum qui non consentit…

27 D. 1, 4, 1 27

28 PSI I, 55. 28 Commento del titolo de pactis del Digesto (2, 14),
privo del rhéton, da attribuire forse al maestro Cobida. 28

29 Biblioteca Malatestiana di Cesena. Cod. I f. 257 recto XIII-XIV sec.
Codice di Giustiniano. XII, 13-16 Biblioteca Malatestiana di Cesena. Cod. I f. 257 recto XIII-XIV sec. 29

30 delle Istituzioni di Gaio. Biblioteca Capitolare di Verona.
Palinsesto del V sec. d.C. delle Istituzioni di Gaio. Biblioteca Capitolare di Verona. 30

31 31 Codex Iustinianus (X-XI sec.)
(C. 2, 55, 1-2, in una lezioni in molti punti diversa dall’editio Krüger) (C. 5, 12, 20 e 22, manca la cost. 21) (XI sec.) (C.1, 27, 1, 21 e 22, con correzioni) (XI - XII sec.) 31

32 32

33 33 Digitalizzazione di manoscritti ad opera della Biblioteca di Monaco
Un Codex Iustinianus della Biblioteca di Monaco Un sito che da accesso a collezioni di manoscritti: 33

34 Istituzioni di Giustiniano. Explicit del l. II ed incipit del l. III:
Codice I f. 37 v. XIII sec. Biblioteca Malatestiana di Cesena. 34 33

35 Istituzioni di Giustiniano
II, Biblioteca comunale di Verona. IX sec. 35

36 Codex Theodosianus Codex Vaticanus Reginae lat. 886
XI, 30, in: Codex Vaticanus Reginae lat. 886 VI sec. 16 dic. 383 . 31 marzo 384 20 ott. 384 29 nov. 384 36

37 Breviarium Alarici. Cod. Vat. Reg. Lat. 1023, f. 67 verso. X sec.
(C. Th. III, 5, 5, con molte varianti rispetto al testo stabilito da Mommsen). 37

38 Lex Romana Wisigothorum in: Codex Monacensis lat. 22501 VI sec.
(C. Th. XVI, 2, 44 = Brev. Alaric. XVI, 1, 6, con relativa Interpretatio e inizio di C. Th. XVI, 8, 7 = Brev. Alaric. XVI, 3, 2). 38

39 Lex Romana Wisigothorum con relativa Interpretatio
Codex Berolinensis Phillippici 1761 VI sec. (C. Th. XVI, 2, 44 = Brev. Alaric. XVI, 1, 6, con relativa Interpretatio e C. Th. XVI, 8, 5 = Brev. Alaric. XVI, 3, 1). 39

40 de Theodosiano publicando
Codex Ambrosianus C29 inf. f. 141 r.: Gesta Senatus Romani de Theodosiano publicando del 25 maggio 438. 40 (Per gentile concessione della Veneranda Biblioteca Ambrosiana di Milano)

41 Vaticana fragmenta 281-282 (Vat. Lat. 5766)
Palinsesto dell’VIII su scrittura del V sec., con scolii. 41

42 Frammento di codice pergamenaceo delle Pauli Sententiae.
“Paolo di Leida” Cod. Leid. B.P. L. 2589, recto. Frammento di codice pergamenaceo delle Pauli Sententiae. Fine III/inizi IV sec. d.C. Trattazione della Lex Iulia repetundarum e della Lex Iulia maiestatis. Solo una parte è stata utilizzata dai compilatori della Lex romana Wisigothorum. 42

43 Basilici: Codex Vaticanus Pii II gr. 15 rescriptus
43 Palinsesto con scrittura del XIII sec., che ha coperto quasi del tutto una precedente dell’XI, con parte del testo inedito delle ll dei Basilici e dei relativi scholia.

44 Basilici (Da B. H. Stolte) 44 Codex Vindobonensis Suppl. gr. 200
(Palinsesto della fine XII sec. su testo della prima metà dell’XI sec.) Vind. Suppl. gr. 200, ?; f. 35r. Script. inf.: Basilica. Script. sup.: Lezionario degli Vangeli, XII sec. (Da B. H. Stolte)

45 Biblioteca Nazionale di Vienna. Hist. gr. 10, f. 1r
Basilici Biblioteca Nazionale di Vienna. Hist. gr. 10, f. 1r 45 Vind. Hist. gr. 10: script. sup. (fine XII secolo) Symeon Metaphrastes, Vita di Giovanni Crisostomo. Script. inf. Eliano Erodiano, ma anche Basilici. Due mani, prima metà del XI secolo. (Da B. H. Stolte)


Scaricare ppt "Il trattamento digitale delle fonti giuridiche"

Presentazioni simili


Annunci Google