La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

Www.inca.it (A cura di Villiam Zanoni) 1. www.inca.it (A cura di Villiam Zanoni) 2 Uno dei problemi più importanti che ha coinvolto i lavoratori negli.

Presentazioni simili


Presentazione sul tema: "Www.inca.it (A cura di Villiam Zanoni) 1. www.inca.it (A cura di Villiam Zanoni) 2 Uno dei problemi più importanti che ha coinvolto i lavoratori negli."— Transcript della presentazione:

1 (A cura di Villiam Zanoni) 1

2 (A cura di Villiam Zanoni) 2 Uno dei problemi più importanti che ha coinvolto i lavoratori negli ultimi 15 anni è sicuramente quello della frammentazione delle posizioni contributive. La stessa riforma del 1995, pur prevedendo determinate soluzioni, paradossalmente ha contribuito a complicare il quadro, soprattutto per i lavoratori che si sono trovati a metà del guado.

3 (A cura di Villiam Zanoni) 3 Le posizioni più complicate, nellordine, sono quelle che riguardano: a) il mix fra lavoro privato e lavoro pubblico; b) il mix fra lavoro dipendente e lavoro parasubordinato; c) il mix fra lavoro dipendente e lavoro autonomo o libero professionale.

4 (A cura di Villiam Zanoni) 4 Nonostante le difficoltà, in estrema sintesi erano possibili soluzioni di ricongiunzioni gratuite ( articolo 1 della legge n° 29/79 ) o relativamente onerose ( articolo 2 della legge 29/79 ), ma anche trasferimenti gratuiti verso INPS di posizioni giacenti presso altre Casse dei lavoratori dipendenti ( articolo unico legge 322/58 ).

5 (A cura di Villiam Zanoni) 5 Tutto questo scenario è stato sconvolto con la manovra estiva del 2010 ( D.L. n° 78/2010 convertito in legge n° 122/2010 ), con la quale improvvisamente è accaduto che: a) è stata abrogata la legge 322/58; b) è stata resa onerosa la legge 29/79, articolo 1; c) è diventata molto più onerosa la legge 29/79, articolo 2.

6 (A cura di Villiam Zanoni) 6 Dal 31 luglio 2010 sono quindi iniziati i drammi raccontati in quasi tutti i talk-show televisivi e nella pagine dei principali quotidiani, tutti alla ricerca dei casi più eclatanti ai quali venivano chieste somme particolarmente consistenti per far dialogare fra di loro le varie contribuzioni e per accedere a pensione.

7 (A cura di Villiam Zanoni) 7 Il paradosso più rilevante che abbiamo vissuto è rappresentato dalle difficoltà finanziarie ( manifestate dal MEF e dal Ministero del Lavoro ) di individuare soluzioni accettabili, quando la relazione tecnica che ha accompagnato il varo della manovra estiva del 2010 non aveva evidenziato alcun impatto economico da parte delle norme che ci si apprestava a varare ( né minori spese, né maggiori entrate ).

8 (A cura di Villiam Zanoni) 8 Cè voluto il carrozzone della legge di stabilità 2013 e lapprossimarsi della consultazione elettorale per riuscire a trovare una soluzione: - si è finalmente stabilito che i lavoratori cessati dal servizio fino al 30 luglio 2010 possono applicare la legge 322/58; - si sono allargate le maglie per lapplicazione delle norme in materia di totalizzazione dei vari periodi assicurativi.

9 (A cura di Villiam Zanoni) 9 Le norme in questione sono contenute nellarticolo 1, commi da 238 a 249, della legge 24 dicembre 2012, n° 228

10 (A cura di Villiam Zanoni) 10 Ma perché ci preoccupiamo delle frammentazioni contributive? Per il semplice fatto che quando avvengono su libera scelta del lavoratore è ovvio che ciascuno dovrebbe assumere tali decisioni con la consapevolezza delle eventuali ricadute negative. Quando vengono invece provocate dai datori di lavoro, magari anche con accordi sindacali, la vicenda si complica.

11 (A cura di Villiam Zanoni) 11 Nellambito delle Amministrazioni Pubbliche abbiamo tendenzialmente vissuto tre tipologie di vicende: - profonda evoluzione del sistema delle aziende municipalizzate; - creazione di consorzi o unioni di comuni per la gestione di determinati servizi; - costituzione di società di diritto privato, ancorchè a capitale pubblico, cui viene affidata la gestione di determinati servizi.

12 (A cura di Villiam Zanoni) 12 Affrontiamo subito la vicenda meno complicata: - nella costituzione di consorzi o unioni di comuni di norma il personale resta in carico a ciascuna amministrazione con riparto dei costi, situazione che non ha alcuna ricaduta sulle posizioni individuali dei lavoratori; nessun problema previdenziale che meriti la nostra attenzione.

13 (A cura di Villiam Zanoni) 13 La vicenda delle aziende municipalizzate ha invece diversi risvolti degni di attenzione. Uno dei passaggi fondamentali è rappresentato dalla trasformazione di dette aziende in S.p.A. in modo singolo o associato Tale processo di privatizzazione, dal punto di vista previdenziale, ha generato due mondi diversi.

14 (A cura di Villiam Zanoni) 14 I lavoratori che sono stati assunti direttamente dalla S.p.A. vengono iscritti direttamente allINPS come qualunque dipendente privato. I lavoratori già in servizio al momento della trasformazione dovrebbero essere iscritti allINPS a loro volta, ma hanno il diritto di optare per il mantenimento della pregressa iscrizione previdenziale

15 (A cura di Villiam Zanoni) 15 Detta opzione deve tuttavia essere esercitata, a pena di decadenza, entro i 90 giorni successivi alla data di modifica del rapporto previdenziale. ( Articolo 5 della legge 8 agosto 1991, n° 274 )

16 (A cura di Villiam Zanoni) 16 Diverse di queste S.p.A. hanno poi dato corpo ad ulteriori processi di fusione fino a generare quelle mega aziende del tipo di HERA o IREN. Va subito chiarito che tale ulteriore tappa non ha modificato linquadramento previdenziale del lavoratore, poiché sulla base di un principio di ultrattività della opzione non muta liscrizione previdenziale.

17 (A cura di Villiam Zanoni) 17 Di tuttaltro tenore sono invece le vicende accadute nelle megautilities quando sono state create al loro interno nuove aziende per le quali è stato chiesto a dei lavoratori di cessare il precedente rapporto di lavoro per intraprenderne uno diverso con la nuova società: in tale caso liscrizione previdenziale nella nuova società è esclusivamente INPS senza possibilità di scelta.

18 (A cura di Villiam Zanoni) 18 Lultima vicende è quella della costituzione di società di diritto privato, ancorchè a capitale pubblico, cui viene affidata la gestione di servizi. Per quanto finora accaduto abbiamo assistito a due fasi: una prima nella quale i lavoratori della/le amministrazione/i vengono comandati a prestare attività nella società, ed una seconda in cui transitano alle dipendenze della società stessa.

19 (A cura di Villiam Zanoni) 19 In caso di comando, come già ricordato, non si pone alcun problema poiché il lavoratore resta in carico allamministrazione con il relativo trattamento previdenziale. In caso di passaggio, invece, si ripresenta lo stesso problema della privatizzazione con conseguente iscrizione allINPS, ma con possibilità di opzione (entro 90 giorni) per la pregressa iscrizione.

20 (A cura di Villiam Zanoni) 20 Evidenziata la panoramica, va anche ricordato che la parte previdenziale rappresenta un problema soprattutto per le generazioni più anziane o per quelle di mezzo, mentre per le giovani generazioni la questione è molto più semplice. Il sistema contributivo puro (contributi dal 1996 in poi), infatti, presenta problemi notoriamente inferiori.

21 (A cura di Villiam Zanoni) 21 Computo Cumulo Totalizzazione

22 (A cura di Villiam Zanoni) 22 NORMA DI LEGGE CHE REGOLA IL COMPUTO NELLA GESTIONE SEPARATA, QUINDI NEL SISTEMA ESCLUSIVAMENTE CONTRIBUTIVO, TRAMITE LA FACOLTA DI OPZIONE, DEI CONTRIBUTI VERSATI IN ALTRE FORME DI PREVIDENZA DM n° 282/1996

23 (A cura di Villiam Zanoni) 23 Articolo 3 1. Gli iscritti alla gestione separata che possono far valere periodi contributivi presso l assicurazione generale obbligatoria per linvalidità, la vecchiaia ed i superstiti dei lavoratori dipendenti, le forme esclusive e sostitutive della medesima, le gestioni pensionistiche dei lavoratori autonomi di cui alla legge n° 233 del 1990 hanno facoltà di chiedere nellambito della gestione separata il computo dei predetti contributi, ai fini del diritto e della misura della pensione a carico della gestione stessa, alle condizioni previste per la facoltà di opzione di cui allarticolo 1, comma 23, della legge n° 335 del Regolamento recante la disciplina dellassetto organizzativo e funzionale della gestione e del rapporto assicurativo di cui allarticolo 2, comma 32, della L. 8 agosto 1995, n° 335 Sono esclusi i liberi professionisti DM n° 282/ articolo 3

24 (A cura di Villiam Zanoni) 24 Requisito Requisito : 15 anni di contribuzione di cui almeno 5 dopo il 31/12/1995 possedere unanzianità contributiva inferiore a 18 anni al 31/12/1995 Prestazioni del contributivo Calcolo contributivo DM n° 282/ articolo 3

25 (A cura di Villiam Zanoni) 25 NORMA DI LEGGE CHE REGOLA IL NEL SISTEMA ESCLUSIVAMENTE CONTRIBUTIVO NORMA DI LEGGE CHE REGOLA IL CUMULO NEL SISTEMA ESCLUSIVAMENTE CONTRIBUTIVO D.Lgs. n° 184/97

26 (A cura di Villiam Zanoni) 26 Cumulo di periodi assicurativi Cumulo di periodi assicurativi all'articolo 1, comma 19, della legge 8 agosto 1995, n. 335 dei requisiti di cui al comma 20 del predetto articolo 1 pensione di vecchiaia e dei trattamenti pensionistici per inabilità. 1. Per i lavoratori di cui all'articolo 1, comma 19, della legge 8 agosto 1995, n. 335, iscritti a due o più forme di assicurazione obbligatoria per l'invalidità, la vecchiaia e i superstiti, che non abbiano maturato in alcuna delle predette forme il diritto al trattamento previdenziale, è data facoltà di utilizzare, cumulandoli per il perfezionamento dei requisiti di cui al comma 20 del predetto articolo 1, i periodi assicurativi non coincidenti posseduti presso le predette forme, ai fini del conseguimento della pensione di vecchiaia e dei trattamenti pensionistici per inabilità. D.Lgs. n° 184/ articolo 1

27 (A cura di Villiam Zanoni) 27 Larticolo 1 del decreto legislativo n° 184/97 prevede la possibilità di cumulare la contribuzione versata in vari fondi pensionistici obbligatori, al fine di liquidare un unico trattamento di pensione, se: in nessuno dei fondi sia stato raggiunto il diritto autonomo a pensione; per i lavoratori i cui trattamenti pensionistici siano liquidati esclusivamente secondo il sistema contributivo. D.Lgs. n° 184/ articolo 1

28 (A cura di Villiam Zanoni) 28

29 (A cura di Villiam Zanoni) 29 LA TOTALIZZAZIONE DEI PERIODI ASSICURATIVI DECRETO LEGISLATIVO N° 42/2006 LEGGE N° 247/2007 DECRETO LEGGE N° 201/2011 CONVERTITO IN LEGGE N° 214/2011

30 (A cura di Villiam Zanoni) 30 Totalizzazione La nuova disposizione esordisce con la conferma delle vigenti disposizioni in materia di ricongiunzione (legge n° 29/1979 e legge n° 45/1990) ed implicitamente delle stesse norme relative allINPGI, allENPALS ed alle gestioni speciali dei lavoratori autonomi.

31 (A cura di Villiam Zanoni) 31 A.G.O. FONDI SOSTITUTIVI FONDI ESCLUSIVI FONDI ESONERATIVI FONDI INTEGRATIVI Altre Casse

32 (A cura di Villiam Zanoni) 32 Totalizzazione L'esercizio della facoltà di totalizzazione richiede che l'interessato faccia espressa domanda di pensione con contestuale dichiarazione che intende avvalersi dei regime della totalizzazione dei periodi assicurativi di cui al D.lgs. n° 42/2006.

33 (A cura di Villiam Zanoni) 33 Le prestazioni liquidabili: pensione di vecchiaia pensione di anzianità con 40 anni di anzianità contributiva pensione di inabilità pensione indiretta ai superstiti Totalizzazione

34 (A cura di Villiam Zanoni) 34 E stato abrogato il requisito dei 3 anni, per cui oggi sono utili tutte le diverse contribuzioni in ciascuna cassa a prescindere dalla loro consistenza. Totalizzazione e DL n° 201/2011 convertito in legge n° 214/2011 News!

35 (A cura di Villiam Zanoni) 35 La totalizzazione deve riguardare tutti e per intero i periodi assicurativi. La richiesta di restituzione dei contributi, ove prevista, presentata successivamente alla data di entrata in del decreto legislativo (2 marzo 2006), preclude il diritto allesercizio della facoltà di totalizzazione (e se fatta prima ??) Totalizzazione per VO e ANZ Un rimborso chiesto entro tale data, esclude dalla totalizzazione solo la gestione destinataria della richiesta di rimborso.

36 (A cura di Villiam Zanoni) 36 Totalizzazione per VO e ANZ Requisiti di età e di contribuzione: aver compiuto il 65° anno di età (uomini e donne) e unanzianità contributiva almeno pari a 20 anni, ovvero, indipendentemente dalletà anagrafica, possedere unanzianità contributiva non inferiore a 40 anni

37 (A cura di Villiam Zanoni) 37 Totalizzazione per inabilità Facoltà estesa per la liquidazione dei trattamenti pensionistici per inabilità assoluta e permanente Il diritto si consegue in base ai requisiti di assicurazione e di contribuzione richiesti nella forma pensionistica nella quale il lavoratore è iscritto al verificarsi dello stato inabilitante.

38 (A cura di Villiam Zanoni) 38 Il diritto si consegue in base ai requisiti di assicurazione e di contribuzione richiesti nella forma pensionistica nella quale il lavoratore è iscritto al verificarsi dello stato invalidante. A tale fine sono totalizzabili tutti i periodi a prescindere dalla loro entità (articolo 2, comma 2) Totalizzazione per inabilità Anche la attribuzione della eventuale maggiorazione segue le stesse regole

39 (A cura di Villiam Zanoni) 39 Totalizzazione per inabilità Se lo stato inabilitante si verifica in costanza di iscrizione allINPDAP il diritto è riconosciuto in presenza di una inabilità: assoluta e permanente a qualsiasi attività lavorativa ai sensi dellarticolo 2, comma 12, legge n° 335/95 assoluta e permanente a qualsiasi proficuo lavoro ai sensi articolo 7, lettera a), legge n° 379/55 o per il personale statale ai sensi dellarticolo 42 del DPR n° 1092/73.

40 (A cura di Villiam Zanoni) 40 Totalizzazione per indiretta La facoltà è riconosciuta per la liquidazione dei trattamenti pensionistici ai superstiti di assicurato ancorché questultimo sia deceduto prima di aver acquisito il diritto a pensione La nuova norma si applica solo per i decessi avvenuti a decorrere dallentrata in vigore del decreto legislativo (3 marzo 2006). Si devono verificare i requisiti di assicurazione e di contribuzione richiesti nella forma pensionistica nella quale il dante causa era iscritto al momento della morte.

41 (A cura di Villiam Zanoni) 41 Totalizzazione e ricongiunzione La domanda di ricongiunzione dei periodi assicurativi presentata dal 3 marzo 2006 in poi e perfezionata mediante accettazione da parte dellinteressato, preclude il conseguimento dei trattamenti pensionistici da totalizzazione di cui al decreto legislativo.

42 (A cura di Villiam Zanoni) 42 NOVITA PER TOTALIZZAZIONE LINPS, con messaggio n° del 29 dicembre 2009, previo parere del Ministero del Lavoro, ha chiarito che lincompatibilità fra ricongiunzione (legge n° 29/79 e legge n° 45/90) non trova applicazione per le operazioni già definite al 3 marzo Per le definizioni successive, invece, il problema rimane nella sua totale attualità.

43 (A cura di Villiam Zanoni) 43 Totalizzazione: il calcolo Le gestioni interessate, ciascuna per la parte di propria competenza, determinano il trattamento pro quota in rapporto ai rispettivi periodi di iscrizione maturati. La misura del trattamento a carico degli enti previdenziali pubblici è determinata sulla base della disciplina prevista dal D.lgs 30/4/97, n° 180, in materia di opzione per la liquidazione del trattamento pensionistico esclusivamente con le regole del sistema contributivo.

44 (A cura di Villiam Zanoni) 44 Totalizzazione: il calcolo Nel caso in cui una quota di pensione sia liquidabile con il diritto autonomo, possono essere applicate le regole di calcolo della singola gestione (retributive o miste). Nota ministero del lavoro

45 (A cura di Villiam Zanoni) 45 Totalizzazione: il calcolo Diritto autonomo pensione pubblica: Nel calcolare le relative quote di pensione pubblica si applicano le regole generali ( retributivo e misto ), determinando però lanzianità contributiva al 31/12/1995 (18 anni) mediante la sommatoria di tutti gli spezzoni di contributi che concorrono alla totalizzazione.

46 (A cura di Villiam Zanoni) 46 Messaggio INPS n° del 12 ottobre 2012 NOVITA RECENTISSIMA Una volta effettuata la totalizzazione, nel caso in cui esista il diritto autonomo a pensione in una o più della casse coinvolte, ai fini del calcolo di pensione il lavoratore ha diritto di scegliere la formula di calcolo a lui più favorevole. News!

47 (A cura di Villiam Zanoni) 47 Le pensioni vecchiaia, anzianità e inabilità, derivanti dalla totalizzazione decorrono dal 1° giorno del mese successivo a quello di presentazione della domanda di pensione in regime di totalizzazione. Non erano previste le finestre di accesso Totalizzazione: la decorrenza

48 (A cura di Villiam Zanoni) 48 Totalizzazione: la decorrenza Articolo 12, comma 3, del D.L. n° 78/2010 in legge n° 122/2010 Per i diritti maturati dal 1° gennaio 2011 in poi vengono introdotte le finestre anche per le pensioni di vecchiaia e di anzianità da totalizzazione. Si applicano sempre le finestre previste per i lavoratori autonomi: + 18 mesi dal diritto

49 (A cura di Villiam Zanoni) 49 Per chi accede a pensione con 40 anni la finestra dei 12 o 18 mesi, viene allungata di: 1 mese nel mesi nel mesi dal 2014 Si applica alle totalizzazioni Dal 1° gennaio 2012 che succede? D.L. n° 98/2011 in Legge n° 111/2011, (articolo 18 comma 22-ter)

50 (A cura di Villiam Zanoni) 50 Letà di 65 anni è indicizzata alla speranza di vita, come pure i 40 anni di requisito contributivo, fermo restando che si continuerà ad applicare la finestra di 18 mesi, con 1 mese in più nel 2012, 1 ulteriore mese dal 2013 e 1 ulteriore mese dal 2014 in poi. Dal 1° gennaio 2012 che succede? D.L. n° 210/2011 in Legge n° 214/2011, News!

51 (A cura di Villiam Zanoni) 51

52 (A cura di Villiam Zanoni) 52 Come già ricordato la legge di stabilità ha ripristinato la legge n° 322/58 per chi ha cessato lattività fino al 30 luglio Chi ha fatto la ricongiunzione dopo la predetta data e non ha ancora ottenuto la pensione, può revocare la domanda entro 1 anno e accedere alla totalizzazione.

53 (A cura di Villiam Zanoni) 53 La legge di stabilità ci ha consegnato anche una nuova totalizzazione: nessun diritto autonomo a pensione in nessuna cassa; solo pensione di vecchiaia con i nuovi requisiti della legge Fornero (età + 20 anni + 1,5 volte A.S.), o di quelli più elevati previsti in altre Casse, nonché inabilità e indiretta; calcolo con le regole di ciascun ordinamento.

54 (A cura di Villiam Zanoni) 54

55 (A cura di Villiam Zanoni) 55 Al contrario di quanto accade ai fini pensionistici, nella partita del TFS/TFR non sono ammesse opzioni di sorta. Il lavoratore segue quindi i diversi inquadramenti e trattamenti.

56 (A cura di Villiam Zanoni) 56 Il problema si pone in particolare quando da un regime di TFS o di TFR gestiti con logica previdenziale dallINPDAP, si passa ad un regime di TFR gestito direttamente dal datore di lavoro.

57 (A cura di Villiam Zanoni) 57 In tal caso, cessando il rapporto assicurativo, lINPDAP liquida al datore di lavoro la somma precedentemente maturata, somma che compete al lavoratore

58 (A cura di Villiam Zanoni) 58 A fronte della mancata erogazione al lavoratore, sulla base di vicende già avvenute, deve essere escluso qualsiasi problema di prescrizione della prestazione stessa, ma deve essere messo in conto in capo al datore di lavoro lobbligo di rivalutare la somma introitata con un meccanismo similare a quello del Trattamento di Fine Rapporto (ISTAT 75% + 1,5%)

59 (A cura di Villiam Zanoni) 59

60 (A cura di Villiam Zanoni) 60 Censimento delle situazioni esistenti Contattare tutti i lavoratori cessati al 30 luglio 2010 Verificare le posizioni assicurative di tutti i soggetti coinvolti Presentare o revocare tutte le domande necessarie Tenere conto di tutte le problematiche esposte nella gestione delle situazioni future

61 (A cura di Villiam Zanoni) 61 La prescrizione contributiva 9. Le contribuzioni di previdenza e di assistenza sociale obbligatoria si prescrivono e non possono essere versate con il decorso dei termini di seguito indicati: a) dieci anni per le contribuzioni di pertinenza del Fondo pensioni lavoratori dipendenti e delle altre gestioni pensionistiche obbligatorie, compreso il contributo di solidarietà previsto dall'articolo 9-bis, comma 2, del decreto-legge 29 marzo 1991, n° 103, convertito, con modificazioni, dalla legge 1° giugno 1991, n° 166, ed esclusa ogni aliquota di contribuzione aggiuntiva non devoluta alle gestioni pensionistiche. A decorrere dal 1° gennaio 1996 tale termine è ridotto a cinque anni salvi i casi di denuncia del lavoratore o dei suoi superstiti; b) cinque anni per tutte le altre contribuzioni di previdenza e di assistenza sociale obbligatoria. 10. I termini di prescrizione di cui al comma 9 si applicano anche alle contribuzioni relative al periodo precedenti la data di entrata in vigore della presente legge, fatta eccezione per i casi di atti interruttivi già compiuti o di procedure iniziate nel rispetto della normativa preesistente. (Articolo 3 legge n° 335/1995)


Scaricare ppt "Www.inca.it (A cura di Villiam Zanoni) 1. www.inca.it (A cura di Villiam Zanoni) 2 Uno dei problemi più importanti che ha coinvolto i lavoratori negli."

Presentazioni simili


Annunci Google