La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

Le particelle elementari Nicolo Cartiglia -INFN Torino1 Le particelle elementari, simmetrie nascoste e la caccia al bosone di Higgs Milano, Liceo Severi.

Presentazioni simili


Presentazione sul tema: "Le particelle elementari Nicolo Cartiglia -INFN Torino1 Le particelle elementari, simmetrie nascoste e la caccia al bosone di Higgs Milano, Liceo Severi."— Transcript della presentazione:

1 Le particelle elementari Nicolo Cartiglia -INFN Torino1 Le particelle elementari, simmetrie nascoste e la caccia al bosone di Higgs Milano, Liceo Severi 14 Maggio 2012

2 Le particelle elementari Nicolo Cartiglia -INFN Torino2 Quello che ci circonda è estremamente complesso, spesso la sovrapposizione di moltissime cose diverse. Pensate a questa aula: ci sono moltissime cose che capitano in questo momento e scrivere le leggi fisiche per descriverle è praticamente impossibile. Problema: Complessità del mondo Il riduzionismo è il processo fondamentale usato in fisica per la comprensione della realtà: Le proprietà dei sistemi complessi si possono interpretare in termini delle proprietà delle parti più semplici che li compongono e delle forze che intervengono a comporli Soluzione: riduzionismo

3 Le particelle elementari Nicolo Cartiglia -INFN Torino3 Una proprietà emergente è una proprietà di qualche totalità complessa che non può essere spiegata nei termini delle proprietà delle sue parti. “Senatores boni viri, senatus autem mala bestia” Comportamenti emergenti sono spesso invocati in altre discipline tipo le scienze sociali o biologia Comportamenti emergenti

4 Le particelle elementari Nicolo Cartiglia -INFN Torino4 L’approccio riduzionista in fisica delle particelle ha portato a moltissimi progressi. Ogni ulteriore livello di “riduzione” porta con se` una grande quantità di informazioni, il passaggio da un livello a quello successivo avviene attraverso lo studio di regolarità che indicano la presenza di una sotto-struttura La fisica delle particelle Oggi parliamo di quello che non sappiamo… del prossimo livello

5 Le particelle elementari Nicolo Cartiglia -INFN Torino5 Fondamentali: queste particelle sono ritenute senza struttura interna (anche se non è esclusa) Queste particelle si dicono “materia”, sono i costituenti della materia Queste particelle si dicono “messaggeri”, sono quelli che trasmettono le forze

6 Le particelle elementari Nicolo Cartiglia -INFN Torino6 Bosoni e fermioni Un fatto fondamentale: Le particelle di materia hanno tutte spin ½ : FERMIONI I messaggeri delle forze hanno tutti spin intero (1 o 2): BOSONI I fermioni interagiscono tra di loro scambiandosi bosoni. Due fermioni non possono avere gli stessi numeri quantici. Questa è la ragione per cui esistono gli orbitali negli atomi. Due bosoni possono avere gli stessi numeri quantici: questa è la ragione dell’esistenza del laser e della superconduttività

7 Le particelle elementari Nicolo Cartiglia -INFN Torino7 Materia ed anti-materia Ogni particella di materia ha la sua anti-particella. - I mediatori non hanno le antiparticelle: non esistono gli anti-gluoni o gli anti-fotoni! - Le anti-particelle hanno cariche opposte a quelle delle particelle

8 Le particelle elementari Nicolo Cartiglia -INFN Torino8 quark Einstein: E=mc 2 la massa si può trasformare in energia e viceversa. Attraverso urti tra particelle si possono creare altre particelle: l’energia delle particelle viene trasformata in materia! Come si creano le particelle in laboratorio? protone Si crea sempre materia ed antimateria in quantità uguali

9 Le particelle elementari Nicolo Cartiglia -INFN Torino9 Particelle e viaggi nel tempo Quando, come ad LHC, si scontrano particelle, si crea uno stato della materia che non esiste attualmente in nessun altro posto nell’universo. Le condizioni che si creano ad LHC sono esistite solo negli attimi iniziali dopo il BigBang. LHC ~ sec

10 Le particelle elementari Nicolo Cartiglia -INFN Torino10 Antimateria… L’antimateria è una concetto comune in fisica delle particelle, è come la carica negativa rispetto a quella positiva. Regola: se si creano delle particelle in laboratorio si ottiene tanta materia quanto anti-materia, tante cariche positive tante negative. Come elementi, per ora sappiamo fare solo l’anti-idrogeno e l’anti-elio L’antimateria costa tantissimo: $25 miliardi per un grammo di positroni (anti-elettroni) e $62,5 trillioni per un grammo di anti-idrogeno… Quando materia ed antimateria si incontrano, si annichilano

11 Le particelle elementari Nicolo Cartiglia -INFN Torino11 Un problema ovvio Durante il big bang, cioè il momento iniziale del nostro universo, si è creata tanta materia quanta anti-materia, tuttavia abbiamo un ovvio problema: Dove è finita l’anti-materia? Imbarazzante: non abbiamo idea => Abbiamo perso il 50% delle particelle.. Nota: materia ed anti-materia non sono esattamente uguali: se lo fossero sarebbero scomparse entrambe nello stesso modo ed adesso ci sarebbe solo energia (questo problema si chiama “CP violation”, è una violazione di simmetria)

12 Le particelle elementari Nicolo Cartiglia -INFN Torino12 u d e e t b   Due problemi connessi c s   1) I quark ed i leptoni sono ripetuti 3 volte, ci sono 3 generazioni simili (ma non identiche) Non si sa perché… 2) Tuttavia: 3 generazioni è il numero minimo per permettere una differenza tra materia ed anti-materia Quindi: Se ci fossero solo 2 generazioni non saremmo qui poichè tutta la materia ed anti-materia si sarebbero annichilate. È la nostra esistenza una ragione sufficiente? Probabilmente no… Dato che non sappiamo perché ci sono 3 generazioni, stiamo cercando la quarta

13 Le particelle elementari Nicolo Cartiglia -INFN Torino13 Forza gravitazionale : Forza elettromagnetica: tiene uniti i protoni, i neutroni ed il nucleo anche se di carica uguale messaggero: gluone carica: colore (3 tipi) radioattività, attività solare … messaggeri: W  e la Z carica: debole Caduta dei corpi, moto stellare… messaggero: gravitone carica: Massa/energia magneti, atomi, chimica… messaggero: fotone carica: elettrica (1 tipo) Forza forte: Le forze: cariche ed intermediari Forza debole:

14 Le particelle elementari Nicolo Cartiglia -INFN Torino14 La forza di colore: 3 cariche La forza di colore è molto diversa dalle altre Ci sono 3 cariche (3 colori): Lo scambio di un gluone può cambiare il colore del quark. I gluoni sono colorati, cioè sono carichi, e quindi interagiscono tra di loro. Aumenta con la distanza g

15 Le particelle elementari Nicolo Cartiglia -INFN Torino15 Cosa capita quando due particelle si allontanano? Forza di gravità ed elettromagnetica: Forza di colore: La forza diminuisce con la distanza, le particelle sono libere. 1.I fotoni non sono carichi 2.Le particelle hanno sempre la stessa carica Aumenta con la distanza, le particelle non possono liberarsi. 1.I gluoni sono carichi, ed interagiscono tra di loro 2.I quark cambiano carica

16 Le particelle elementari Nicolo Cartiglia -INFN Torino16 Le particelle che avete visto fino ad adesso (quark, leptoni, messaggeri) vengono descritte da un modello matematico chiamato: Modello Standard Descrive moltissimi dati sperimentali con grande accuratezza Tuttavia ci sono cose che non sappiamo. Per esempio: Dimensioni spaziali? Di cosa è fatto l’universo? Simmetrie nascoste:  Il bosone di Higgs  La ragione dell’esistenza del bosone di Higgs

17 Le particelle elementari Nicolo Cartiglia -INFN Torino17 Solo 3 dimensioni spaziali? Immaginiamo di vivere in un mondo a due dimensioni nel quale ci muoviamo solo su di un piano. Supponiamo inoltre che sia un tipo di temibili oggetti che vivono in 3 dimensioni, le SFERE. Le SFERE appaiono e scompaiono, senza nessuna possibilità di sapere dove arriveranno la prossima volta.. Nello stesso modo possiamo immaginare che ci siano della particelle che vivono in 4,5…12 dimensioni che appaiono e scompaiono nel nostro mondo. “String theory” predice 6 extra dimensioni Domanda: perché la gravità è così debole? (la risposta ha a che fare con extra dimensioni ??)

18 Le particelle elementari Nicolo Cartiglia -INFN Torino18 Oscuri Segreti Abbiamo un altro problema: Quello che vi ho raccontato spiega solo il 5% dell’universo, questa volta abbiamo perso il 95% dell’universo Cosa sappiamo del 95% dell’universo? Sappiamo che c’è perché ne vediamo il suo effetto gravitazionale Il 22-25% è costituito da ‘Dark Matter’: I.Non emette nessun tipo di radiazione elettromagnetica. II.Fa ruotare le galassie più velocemente III.Una possibilità è che contenga ‘particelle super-simmetriche’ Il % è composto da ‘Dark Energy’ 1.Riempie uniformemente tutto lo spazio 2.Aumenta la velocità di espansione dell’universo

19 Le particelle elementari Nicolo Cartiglia -INFN Torino19 Simmetrie Nascoste Le simmetrie della natura sono spesso “nascoste”, “rotte” da effetti che si sovrappongono. Esempio: le leggi della fisica sono simmetriche per rotazione. Sulla terra invece, a causa della gravità, questo non è vero. Si dice allora che la simmetria è nascosta (o rotta) dalla gravità. La simmetria esiste, ma non si vede più La ricerca di simmetria nascoste è il mestiere dei fisici teorici…

20 Le particelle elementari Nicolo Cartiglia -INFN Torino20 Il meccanismo di Higgs: rottura di simmetria Le particelle che vediamo in natura sono il risultato di una rottura di simmetria (L-R) da parte del campo di Higgs Consideriamo l’elettrone: esistono due particelle “elettrone”, chiamate e L ed e R. a massa nulla. Il campo di Higgs mischia i due stati in un’unica particella massiva. e eLeL eReR H H eLeL eReR H H eLeL Prima della rottura di simmetria i quark ed i leptoni hanno massa nulla ed esistono in due esemplari separati: L ed R.

21 Le particelle elementari Nicolo Cartiglia -INFN Torino21 Particelle reali Particelle apparenti MANCA!!

22 Le particelle elementari Nicolo Cartiglia -INFN Torino22 La massa dei leptoni e quark Idea chiave: Leptoni e quark non hanno massa La massa è una proprietà che viene acquisita attraverso l’interazione con il bosone di Higgs: sembrano avere massa perché interagiscono con il bosone di Higgs e diventano più difficili da spostare.

23 Le particelle elementari Nicolo Cartiglia -INFN Torino23 Nota Bene

24 Le particelle elementari Nicolo Cartiglia -INFN Torino24 Problemi successivi  L’origine della particella di Higgs  Inconsistenze matematiche del modello standard che producono predizioni impossibili Molte delle inconsistenze si risolvono introducendo un’ulteriore simmetria nascosta: la supersimmetria La “Supersimmetria” crea una simmetria tra particelle fermioniche e bosoniche:  ogni particella esiste sia nella versione fermionica che bosonica.

25 Le particelle elementari Nicolo Cartiglia -INFN Torino25 La Supersimmetria Secondo la supersimmetria quindi dobbiamo trovare: -Quark e leptoni che sono bosoni (s-quark, s-lepton) -Gluoni, fotoni che sono fermioni  Dato che è una simmetria deve capitare: massa dei quark = massa s-quark massa dei leptoni = massa degli s-leptoni Non abbiamo mai trovato s-quark o s-leptoni, quindi la loro massa è molto più grande dei loro fratelli fermionici. Questo vuol dire che la supersimmetria è rotta, nascosta da qualche cosa…

26 Le particelle elementari Nicolo Cartiglia -INFN Torino26 Riassunto : 2 simmetria nascoste L’universo è fatto (forse) da particelle supersimmetriche che si presentano sia nello stato bosonico che fermionico, tutte a massa nulla (elettrone con spin = 0 ed ½). La supersimmetria è rotta da qualche cosa che non sappiamo, che agisce sulle particelle bosoniche Le particelle fermioniche sono ancora senza massa, ed esistono in due stati (S-L). Le particelle bosoniche sono molto pesanti La simmetria S-L è rotta dal campo di Higgs: per esempio, al posto di due tipi di elettrone (S,L) a massa nulla, ne abbiamo uno massivo Le particelle fermioniche hanno massa “piccola” (<200 GeV) le particelle bosoniche sono molto pesanti (~ GeV) È vero??? ?? Higgs

27 Le particelle elementari Nicolo Cartiglia -INFN Torino27 E adesso cosa facciamo? Ci sono domande fondamentali di cui non sappiamo la risposta, abbiamo teorie che ipotizzano delle soluzioni. Dobbiamo trovare delle nuove particelle per capire quale delle teorie proposte sia quella giusta. Se trovassimo l’Higgs e le particelle supersimmetriche sarebbe straordinario… Come si trovano nuove particelle?

28 Le particelle elementari Nicolo Cartiglia -INFN Torino28 Alla ricerca di nuove particelle Tutte le nuove teorie implicano l’esistenza di nuove particelle. Queste particelle vanno “trovate”, cioè bisogna avere la prova sperimentale che esistono. Come si fa? Si deve misurare la loro massa

29 Le particelle elementari Nicolo Cartiglia -INFN Torino29 Massa, energia, impulso In un rivelatore noi misuriamo energia ed impulso: E, p La massa la si calcola con la seguente formula: E 2 = M 2 + p 2  M 2 = E 2 - p 2 Molte particelle decadono prima di essere misurate. In questo caso si misurano E,p dei prodotti di decadimento: M 2 = (E 1 +E 2 ) 2 – (p 1 +p 2 ) 2 Per n particelle: M 2 = (E 1 +E 2 +E 3 +…E n ) 2 – (p 1 +p 2 + p 3 +…p n ) 2 Importante: M non dipende dal numero di particelle del decadimento (2,3,4…n ) E1 p1E1 p1 M E2 p2E2 p2 E1 p1E1 p1 M E2 p2E2 p2 E3 p3E3 p3 En pnEn pn

30 Le particelle elementari Nicolo Cartiglia -INFN Torino30 Massa, energia, impulso 1)E = 10 GeV, p = 9,95 GeV M 2 = E 2 - p 2 M 2 = 100 – 99 = 1 GeV protone!! 2) E 1 = 10 GeV, p 1 = (3,3,4) GeV E 2 = 6 GeV, p 2 = (-1,-2,-1) GeV M 2 = (E 1 +E 2 ) 2 – [(p 1x +p 2x ) 2 + (p 1y +p 2y ) 2 + (p 1z +p 2z ) 2 ] M 2 = (10+6) 2 – [(3-1) 2 + (3-2) 2 + (4-1) 2 ] = = 242  M = 15.5 GeV E1 p1E1 p1 M E2 p2E2 p2

31 Le particelle elementari Nicolo Cartiglia -INFN Torino31 Istruzioni per trovare una particella nuova I teorici devono dire in cosa la particella decade: X  y+,y- Se nel rivelatore si trovano tante coppie di (y+,y-) che hanno la stessa massa, allora si può dire di aver scoperto X. Problema: nel rivelatore si trovano molte coppie (y+,y-) che non sono generati da una particella unica, ma vengono da parti distanti dell’evento. Questi eventi casuali si chiamano “fondo” e rendono difficile capire cosa capita.

32 Le particelle elementari Nicolo Cartiglia -INFN Torino32 Evento di fondo: ( y+,y-) non sono stati prodotti da X Evento di segnale: ( y+,y-) sono stati prodotti da X

33 Le particelle elementari Ac Nicolo Cartiglia -INFN Torino33 Esempio famoso: coppie di muoni Negli urti protone-protone si generano molte coppie (  ). Quasi tutte sono “fondo”, combinazioni casuali di due muoni, ma ci sono anche delle coppie generate dal decadimento di particelle. Se si misura la massa di tutte le coppie di muoni si trovano spesso dei valori ripetuti, cioè si trovano dei “picchi” Regola: Picco nella distribuzione di massa = Particella

34 Le particelle elementari Ac Nicolo Cartiglia -INFN Torino34 La massa di due muoni: tante particelle! Fondo particelle

35 Le particelle elementari In generale: per trovare nuove particelle, devo studiare la massa di tantissime combinazioni (2 , 2e, , 4e, 2 , 3 , 2  +2e,….) ed essere molto fortunati. Se va bene, si troverà un nuovo picco. È 20 anni che non si trova niente… Nicolo Cartiglia -INFN Torino35

36 Le particelle elementari Nicolo Cartiglia -INFN Torino36 Una particella esasperante: il bosone di Higgs Gran parte della comunità scientifica ritiene l’esistenza del bosone di Higgs molto probabile, e la sua ricerca è alla base del più grande esperimento scientifico mai costruito. Come lo si cerca? Per prima cosa bisogna farlo…. Noi non sappiamo quanto pesa, per cui per 20 anni si è sperato di trovarlo ogni volta che un nuovo acceleratore veniva acceso…ma invano. LHC è così potente che, se esiste, lo facciamo di sicuro

37 Le particelle elementari Nicolo Cartiglia -INFN Torino37 Come si fa un bosone di Higgs? La teoria ci dice quali sono i meccanismi di produzione: Si parte da due protoni due “costituenti” si fondono, e si forma l’Higgs

38 Le particelle elementari Nicolo Cartiglia -INFN Torino38 Per i curiosi

39 Le particelle elementari Nicolo Cartiglia -INFN Torino39 Che probabilità ha di crearsi un bosone di Higgs? Si riesce a fare un bosone di Higgs una volta ogni urti… Nel modo in cui funziona LHC adesso, si fa circa un Higgs ogni ora (secondo la teoria attuale). Urto protone-protone che fa un Higgs Urto protone-protone

40 Le particelle elementari Nicolo Cartiglia -INFN Torino40 Come decade bosone di Higgs? Non si sa la massa dell’Higgs Higgs ama decadere in WW, ZZ, b, oppure in tau, od in gluoni. Dipende da quanto pesa… Se è leggero, il delle volte decade in due fotoni Importante: il bosone di Higgs non può essere misurato, lui decade subito in qualche cosa d’altro.

41 Le particelle elementari Nicolo Cartiglia -INFN Torino41 Come facciamo a vederlo? Dobbiamo misurare la massa di coppie bb, oppure WW, ZZ, …,  e vedere se è la stessa.

42 Le particelle elementari Nicolo Cartiglia -INFN Torino42 protone fotone Evento misura a CMS a Giugno 2011 E’ o non è un “Higgs   ” ?

43 Le particelle elementari Nicolo Cartiglia -INFN Torino43 protone muone Evento misura a CMS ad Agosto 2011 muone E’ o non è un “Higgs   muoni” ?

44 Le particelle elementari Nicolo Cartiglia -INFN Torino44 elettrone Evento misura a CMS ad agosto 2011 elettrone E’ o non è un “Higgs   elettroni” ?

45 Le particelle elementari Nicolo Cartiglia -INFN Torino45 Noi cosa cerchiamo? Qui ci concentriamo sulle coppie di fotoni. Perché cerchiamo H   e non H  bb oppure H  WW? In realtà cerchiamo tutti i casi, però è molto più difficile, ci sono troppi altri meccanismi che fanno bb oppure WW Quindi: anche se H   capita molto di rado, le possibilità di confondersi con altre reazioni sono più piccole che negli altri casi.

46 Le particelle elementari Nicolo Cartiglia -INFN Torino46 Coppie di fotoni Se le coppie di fotoni: sono casuali, allora la loro massa non ha un valore fisso. vengono dal decadimento dell’Higgs, allora hanno tutte la stessa massa: M  = M Higgs

47 Le particelle elementari Nicolo Cartiglia -INFN Torino47 Cosa può capitare? Segnale Higgs forte: Se il segnale è molto grande, lo si vede facilmente: Stoccolma Time!!!!

48 Le particelle elementari Nicolo Cartiglia -INFN Torino48 Cosa può capitare? Segnale Higgs nullo: Se il segnale è non c’è: Coffe Time!!!!

49 Le particelle elementari Nicolo Cartiglia -INFN Torino49 Cosa può capitare? Segnale Higgs incerto: Se il segnale è dubbio: Statistic Time!!!!

50 Le particelle elementari Nicolo Cartiglia -INFN Torino50 Riassunto 1.Il bosone di Higgs viene creato in urti pp, con una probabilità di circa (nel 2011 circa 1-2 all’ora) 2.Il bosone di Higgs decade in tanti modi. Molti di questi modi non li possiamo misurare perché si confondono con altre cose. Il modo più facile è H   che capita circa 1-2 volte su mille (probabilità ~ ): un evento ogni 500 ore (20 giorni..). 3.Dobbiamo fare un istogramma della massa di tutte le coppie di fotoni, e dobbiamo cercare dei “picchi”, dei gruppi di eventi che hanno tutti la stessa massa. 4.Se il picco è piccolo bisogna fare un’analisi statistica dell’istogramma, per capire quale sia la probabilità che ci sia il segnale. 5.Se uno non lo sa fare, deve chiedere ad un amico….

51 Le particelle elementari Nicolo Cartiglia -INFN Torino51 Analisi statistica - I La base del problema è la seguente: gli urti protone-protone sono scorrelati quindi quello che capita in un evento non influenza quello che capita nell’evento successivo 1.Eventi scorrelati seguono la statistica di Poisson 2.Se in un bin ci sono n eventi, la deviazione standard è  = √n Supponiamo che mi aspetto: 100 eventi non-Higgs 10 eventi di Higgs. Nel bin ne misuro 110, vado o non vado ad Stoccolma?  = misura dell’incertezza

52 Le particelle elementari Nicolo Cartiglia -INFN Torino52 Analisi statistica - II In questo bin, devo valutare: La probabilità di avere 110 eventi di fondo e 0 di Higgs La probabilita di avere 109 di fondo e 1 Higgs, 108+2, 107+3….., 90+20…. In realtà quello che si fa è valutare, in ogni bin, la probabilità che l’ipotesi nulla (niente segnale) sia corretta. Questa quantità si chiama p-value: se il p-value è piccolo allora l’ipotesi nulla (che non ci sia Higgs) è improbabile.

53 Le particelle elementari Nicolo Cartiglia -INFN Torino53 P-value per una distribuzione di Poisson Supponiamo di aspettarci 100 eventi, e ne vediamo 100, 110, 120… Che probabilità ha l’ipotesi nulla (niente Higgs) di essere corretta? Valore Atteso Valore Misurato P-Values  Poco probabile  Molto probabile Nel bin misuro 110 eventi, vado o non vado a Stoccolma? NO

54 Le particelle elementari Nicolo Cartiglia -INFN Torino54 Cercando Higgs Quindi: 1.Si fa un istogramma della massa di tutte le coppie di fotoni. 2.Se si trova un eccesso, l’ipotesi nulla non è valida Adesso che sapete tutto, nelle prossime pagine vi faccio vedere cosa abbiamo fatto negli ultimi 20 anni al CERN ….con 15 miliardi di vostri soldi.. Due esperimenti, CMS ed ATLAS, si danno appuntamento, per far vedere cosa hanno trovato, il 13 Dicembre 2011, ore 14. La sala è completamente piena, alle 11 del mattino solo posto sui gradini…

55 Le particelle elementari 55

56 Le particelle elementari Nicolo Cartiglia -INFN Torino56 Massa di due fotoni, tutti i dati CMS (il mio esperimento) Chi vede un eccesso? Ci serve il p-value di tutti i bin

57 Le particelle elementari Nicolo Cartiglia -INFN Torino57 Considerando tutti i possibili valori della massa di due fotoni, l’ipotesi “niente segnale” ha un minimo 125 GeV. Questo grafico dice che a 125 GeV la probabilità che l’ipotesi nulla sia corretta è E gli altri esperimenti? C’è un altro esperimento al CERN, ATLAS, ed anche loro stanno cercando il bosone di Higgs

58 Le particelle elementari Nicolo Cartiglia -INFN Torino58 CMS ATLAS Due piccoli picchi, nello stesso posto: 125 GeV Ed adesso? Si aspetta…

59 Le particelle elementari Nicolo Cartiglia -INFN Torino59 Quando si annuncia una scoperta? In tutte le scienze, la scoperta di qualche cosa di nuovo deve avere una solida base statistica. Probabilità piccolissime capitano (lotteria, essere promossi, passare la maturita` con 100 e lode…): è troppo grande! Le analisi statistiche sono molto complesse, e prendono in considerazione vari tipi di errori sperimentali. Molto diverso il tipo di analisi se si esclude (non c’è segnale) o se si scopre (c’è un segnale e si deve valutare).

60 Le particelle elementari Nicolo Cartiglia -INFN Torino60 E ad altri valori della massa? La ricerca dell’Higgs è fatta per tanti ipotetici valori di massa, da circa 110 a 600 GeV. Per tutti i valori, tranne ~125 GeV, l’ipotesi nulla (che non ci sia Higgs) ha un p-value alto, cioè funziona bene. Questo fatto ci permette di dire che tutte le masse, tranne GeV, sono escluse.

61 Le particelle elementari Nicolo Cartiglia -INFN Torino61 …. ??? ….. ????..... Dopo 20 anni di ricerca siamo riusciti a restringere l’intervallo della possibile massa del bosone di Higgs: Pre-2011: Possibile intervallo di massa: GeV Post-2011: Intervallo di massa ancora possible: 120 – 127 GeV C’è un eccesso di eventi con massa 125 GeV sia in CMS che in ATLAS. Al momento possiamo solo sperare….

62 Le particelle elementari E le particelle supersimmetriche? Per ora niente: questi sono i valori di massa esclusi con i dati del 2011 Nicolo Cartiglia -INFN Torino62

63 Le particelle elementari Nicolo Cartiglia -INFN Torino63 Vorremmo essere qui Siamo qui, in pianura, Speriamo di andare nella direzione giusta Higgs Particelle supersimmetriche


Scaricare ppt "Le particelle elementari Nicolo Cartiglia -INFN Torino1 Le particelle elementari, simmetrie nascoste e la caccia al bosone di Higgs Milano, Liceo Severi."

Presentazioni simili


Annunci Google