La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

“Spesso il male di vivere ho incontrato” il salmo 90 Nell’erba,immagine centrale del testo, c’è la metafora della vita umana Alba/mattina/sera Germoglia/fiorisce/falciata.

Presentazioni simili


Presentazione sul tema: "“Spesso il male di vivere ho incontrato” il salmo 90 Nell’erba,immagine centrale del testo, c’è la metafora della vita umana Alba/mattina/sera Germoglia/fiorisce/falciata."— Transcript della presentazione:

1 “Spesso il male di vivere ho incontrato” il salmo 90 Nell’erba,immagine centrale del testo, c’è la metafora della vita umana Alba/mattina/sera Germoglia/fiorisce/falciata

2 L’uomo sperimenta la sua fragilità Con immagini temporali: Mille anni…il giorno di ieri…il turno di veglia...mattino…sera Con immagini visive: Notte…buio…ombre…luce tua Con immagini di inconsistenza: Polvere…sogno…soffio

3 La lotta nell’animo umano sembra l’unica costante … Ed è fatta di fatica…delusione Davanti a Dio che mostra ira… collera…. Ma anche pietà… amore

4 Tanti poeti hanno dato voce alla sensazione che vivere è male Vagar mi fai co’ miei pensier su l’orme Che vanno al nulla eterno; e intanto fugge Questo reo tempo, e van con lui le torme Delle cure, onde meco egli si strugge; Foscolo, Alla sera

5 Pur tu, solinga, eterna peregrina, Che sì pensosa sei, tu forse intendi, Questo viver terreno, Il patir nostro, il sospirar, che sia; Che sia questo morir, questo supremo Scolorar del sembiante, E perir dalla terra, e venir meno Ad ogni usata, amante compagnia. E tu certo comprendi Il perchè delle cose, e vedi il frutto Del mattin, della sera, Del tacito, infinito andar del tempo. …………….. Questo io conosco e sento, Che degli eterni giri, Che dell'esser mio frale, Qualche bene o contento Avrà fors'altri; a me la vita è male. Leopardi, Canto notturno di un pastore…

6 Spesso il male di vivere ho incontrato: era il rivo strozzato che gorgoglia, era l’incartocciarsi della foglia riarsa, era il cavallo stramazzato. Bene non seppi, fuori del prodigio che schiude la divina Indifferenza: era la statua nella sonnolenza del meriggio, e la nuvola, e il falco alto levato. Montale, Spesso il male di vivere

7 E tu, Cielo, dall'alto dei mondi sereni, infinito, immortale, oh! d'un pianto di stelle lo inondi quest'atomo opaco del Male! Pascoli, X Agosto

8 Nelle parole dei poeti la domanda non trova risposta… Ma l’uomo non si stanca di chiedere… Il salmista comprende che chi percepisce la sua fragilità è già salvo… Insegnaci a contare i nostri giorni e acquisteremo un cuore saggio Perché se l’uomo torna in polvere …Dio torna ad avere pietà

9 Il salmo 90 come un grande abbraccio Ci sono due immagini confortanti che aprono e chiudono il salmo come un abbraccio sicuro e fiducioso Dio come tenda in cui rifugiarsi Dio che dà solidità al nostro agire …

10 e l’uomo alla fine ripete la sua richiesta due volte con un chiasmo rendi salda per noi l'opera delle nostre mani, l'opera delle nostre mani rendi salda.


Scaricare ppt "“Spesso il male di vivere ho incontrato” il salmo 90 Nell’erba,immagine centrale del testo, c’è la metafora della vita umana Alba/mattina/sera Germoglia/fiorisce/falciata."

Presentazioni simili


Annunci Google