La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

1 Economia delle idee: La Nuova Macroeconomia Classica Vespri Lectio Minima.

Presentazioni simili


Presentazione sul tema: "1 Economia delle idee: La Nuova Macroeconomia Classica Vespri Lectio Minima."— Transcript della presentazione:

1 1 Economia delle idee: La Nuova Macroeconomia Classica Vespri Lectio Minima

2 2 Motivazione Lezione sulla Nuova Macroeconomia Classica (NMC) Approccio: Economia delle Idee Domanda di idee funzione del contesto (macroeconomico): Offerta di idee prodotta da nuove scuole di pensiero Applicazione: Dalla Stagflazione alla Grande Moderazione, grazie alla NMC Focalizzazione: la moneta e la politica monetaria

3 3 A) Riassunto della puntata precedente: il pensiero unico keynesiano anni 30’-’70 B) NMC: anni ’ C) Ed ora? Struttura

4 4 Le origini

5 5 La crisi del 29 (Grande Depressione) e la Teoria Generale di Keynes (TG) TG: l’idea giusta al momento giusto Anni 30: modello dominante: i mercati tendono all’equilibrio

6 6 Visione classica I mercati tendono all’equilibrio (ovvero = aggregando i i comportamenti individuali si ottengono risultati prevedibili ed auspicabili)

7 7 Modello dominante:ipotesi, risultati e approccio Quindi data: La flessibilità dei mercati (prezzi e quantità), si ha come risultati: 1) Disequilibri temporanei; 2) Produzione, Occupazione e salari reali pro-ciclici L’approccio: aggregando i comportamenti individuali i risultati sono prevedibili ed auspicabili

8 8 Invece: La crisi del 29 (Grande Depressione) Fallimento del modello: recessione e disoccupazione persistente, con salari reali contro-ciclici. I fatti: 1) Caduta ore/lavoro: nel 1939 erano ancora più basse del livello del 1929 (-22%) 2) Salari reali crescenti durante la crisi

9 9 L’intuizione TG I mercati non tendono all’equilibrio (ovvero: aggregando i comportamenti individuali i risultati possono essere inattesi ed indesiderati)

10 10 L’intuizione TG Rigidità sul mercato dei beni: Nel breve periodo i prezzi dei beni sono rigidi: dato quello che si è prodotto, si vende quello che il mercato domanda

11 11 L’intuizione TG Rigidità del salario (= prezzo del lavoro) sul mercato del lavoro determinazione del salario nominale, non reale, che è rigido rispetto a variazioni sul mercato del lavoro Oscillazioni della domanda si scaricano sull’occupazione, non sul salario nominale, quindi i salari reali oscillano

12 12 L’intuizione TG: le politiche (fine tuning) Si esce dalla recessione se la domanda aggregata riprende: A) se migliorano le aspettative dei privati B) se lo Stato contribuisce direttamente alla domanda aggregata (vedi oltre): I fatti: la spesa pubblica/GDP sale dal 16% (1939) al 48% (1944), la disoccupazione cade 17.2 % (1936) al 1.2% (1944)

13 13 Le ragioni del successo: anni ’40- ’60 L’efficacia delle politiche economiche: occupazione in cambio di inflazione ( correlazione -0.6) La curva di Phillips (vedi oltre):

14 14 Le ragioni del successo: anni ’40- ’60

15 15 Le ragioni del successo: anni ’40- ’60 Ovvero: prezzi e produzione vanno nella stessa direzione:

16 16 Le ragioni del successo: anni ’40- ’60

17 17 Le ragioni del successo: anni ’40- ’60 Ma anche: Sviluppo metodi econometrici Coerenza con l’orizzonte temporale (breve periodo) della politica

18 18 La crisi: gli anni ‘70 L’inefficacia delle politiche economiche: sparisce la Curva di Phillips (vedi oltre) …

19 19 La crisi: gli anni ‘70

20 20 La crisi: gli anni ‘70 e quindi anche la relazione pro-ciclica tra prezzi e produzione (vedi oltre):

21 21 La crisi: gli anni ‘70

22 22 La crisi della macroeconomia keynesiana Gli andamenti macroeconomici sono “inspiegabili” ed indesiderati Crisi della macroeconomia keynesiana

23 23 La nuova macroeconomica classica (NCM) L’intuizione: i mercati tenderanno più facilmente all’equilibrio con meno politica economica; Perché? Aggregando i comportamenti individuali ma tenendo conto delle aspettative, un minor intervento dello stato rende meno probabili i risultati inattesi ed indesiderabili;

24 24 NCM: il ruolo delle aspettative TG: aspettative importanti e imprevedibili (animal spirits) NMC: aspettative importanti e razionali Aspettative razionali = capacità di distinguere gli shock permanenti da quelli temporanei shock permanenti = shock sulla funzione di produzione

25 25 La nuova macroeconomica classica (NCM) Da cui: 1) Ricominciare a guardare l’offerta (vedi oltre):

26 26 La nuova macroeconomica classica (NCM) *) Sincronia tra produttività e produzione:

27 27 La nuova macroeconomica classica (NCM)

28 28 NCM: il ruolo delle aspettative e la politica economica shock permanenti = talvolta anche dalla domanda aggregata Ma politica economica = solo shock temporanei Shock temporanei = solo effetto sui prezzi Quindi: meno politica macroeconomica, meno instabilità dei prezzi

29 29 La nuova macroeconomica classica (NCM): basta politiche “attive” Da cui: Se si conosce la natura dello shock: perché intervenire, basta il mercato! Se non si conosce la natura dello shock, perché intervenire, si rischia il peggio! meno politiche congiunturali (+ regole, - discrezionalità), più politiche strutturali

30 30 La nuova macroeconomica classica (NCM):no politiche “attive” Quindi: Regole nella politica monetaria e fiscale; Esempi rilevanti: Politica monetaria: l’indipendenza delle banche centrali indipendenti:

31 31 Regole monetarie

32 32 La nuova macroeconomica classica (NCM):no politiche “attive” Quindi: Regole nella politica monetaria e fiscale; Esempi rilevanti: Politica Fiscale: il Patto di Stabilità

33 33 Regole fiscali

34 34 La nuova macroeconomica classica (NCM) Inoltre: 3) riletture della Grande Crisi del ’29: (ruolo delle rigidità dei mercati a causa di cattivi interventi stato) e del boom anni ’40-60 (guerra come shock dal lato dell’offerta)

35 35 Il risultato: La Grande Moderazione (US) La Grande Moderazione, ovvero: la “morte” della macro keynesiana (o meglio, delle politiche congiunturali attive) I risultati : stabilità (minor volatilità) della crescita economica (vedi oltre): 1) meno recessioni (def NBER = di solito caduta del PIL per almeno 2 trimestri) 2) meno variabilità

36 36 La Grande Moderazione (US): PIL

37 37 La Grande Moderazione (US): i prezzi I risultati : maggior stabilità dei prezzi (vedi oltre): Caduta dell’inflazione Minor volatilità dell’inflazione

38 38 La Grande Moderazione (US): i prezzi

39 39 La Grande Moderazione: non solo US …

40 40 La Grande Moderazione: Il pil

41 41 La Grande Moderazione: Il PIL ed i prezzi Dati 24 Paesi industrializzati, nel periodo 1983 – 1998 (Cecchetti 2005): 1)In 11 casi cadono la volatilità sia del PIL che dei prezzi 2)In 20 casi cade la volatilità dei prezzi 3)In nessun caso aumenta sia la volatilità dei prezzi che del pil * Graficamente:

42 42 La Grande Moderazione: Il PIL ed i prezzi

43 43 La Grande Moderazione: le cause Grande Moderazione = meno incertezza (imprevedibilità): Perché? 1)Le politiche economiche (in particolare la politica monetaria) (= + stabilità comportamenti pubblici – incertezza) 2) L’innovazione finanziaria ( migliore gestione rischio – incertezza + stabilità comportamenti privati) 3) Cambiamenti nell’offerta da innovazione (aumenti efficienza nella funzione di produzione, grazie alla migliore gestione delle scorte = + efficienza - incertezza) 4) Cambiamenti nell’offerta da globalizzazione (riduzione del potere di mercato, + efficienza – incertezza) 5) La fortuna

44 44 La Grande Moderazione: le politiche economiche In particolare: La stabilità del pil e dei prezzi dipende dall’efficacia delle politiche economiche; Econometricamente (Cecchetti 2004): i I miglioramenti delle macro performance – che si registano in 21 paesi su 24 - possono essere attribuiti alle politiche economiche Le politiche economiche spiegano fino al 90% delle performance (vedi oltre):

45 45 La Grande Moderazione: le politiche economiche

46 46 La Grande Moderazione: la politica monetaria US

47 47 La Grande Moderazione: la politica monetaria US

48 48 La GM: inflazione minore e più stabile: US …

49 49 La Grande Moderazione: la politica monetaria non US

50 50 Che fare? Il lungo periodo …

51 51 Che fare? Il lungo periodo …

52 52 Che fare? Il lungo periodo …

53 53 Che fare? Il lungo periodo …

54 54 DOPO LA CRISI L’eredità della NMC: Le aspettative Le istituzioni Le domande di ricerca: Quale liquidità e quali prezzi Il rapporto tra stock e flussi Quale banca centrale e quale politica monetaria

55 55 Per saperne di più Cecchetti (2004), Has Monetary Policy Become More Efficient? A Cross-Country Analysis Summers (2005), What Caused the Great Moderation? Some Cross Country Evidence Cecchetti (2005), Assessing the Sources of Changes in the Volatility of the Real Growth Davis e Kahn (2008), Interpreting the Great Moderation, FED NY, Staff Papers Luzzetti e Ohanian (2010), The GTUIM after 75 years: The importance of being in the right place at the right moment, NBER WP Series Bean (2010), The Great Moderation, The Great Panic and the Great Contraction


Scaricare ppt "1 Economia delle idee: La Nuova Macroeconomia Classica Vespri Lectio Minima."

Presentazioni simili


Annunci Google