La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

Opportunità per insegnare le lingue straniere nella scuola statale in Inghilterra e in Galles Qualified Teacher Status (QTS)

Presentazioni simili

Presentazione sul tema: "Opportunità per insegnare le lingue straniere nella scuola statale in Inghilterra e in Galles Qualified Teacher Status (QTS)"— Transcript della presentazione:

1 Opportunità per insegnare le lingue straniere nella scuola statale in Inghilterra e in Galles Qualified Teacher Status (QTS)

2 Teacher shortage reaching crisis levels (Mail Online ) School Direct failing to tackle teacher shortages, report warns (Times Educational Supplement ) Experts warn over teacher recruitment crisis in schools (Telegraph Online ) over-teacher-recruitment-crisis-in-schools.html The problem is most acute for the following subjects: Maths, Physics, Modern Languages.

3 What do you need to teach in state schools in England and Wales? Fluency in English Excellent communication skills in French, German or Spanish Bachelor’s level degree in modern languages Successful completion of the one-year Post-Graduate Certificate in Education (PGCE) A strong character After completing the PGCE a job is not guaranteed but, because of the shortage of language teachers, there is a very good chance of getting a full-time permanent contract.

4 Two of our graduates are currently teaching French in state schools in England. ED is in Northampton and LP is in Milton Keynes.

5 Teacher salaries At a minimum of £22,023 (or £27,543 in inner London), the starting salary in teaching is high compared to other graduate starting salaries. Leading practitioners can earn up to £65,324 in London and £58,096 outside London, while head teachers can reach a salary of between £42,232 and £114,437. High performing teachers can progress faster up the pay ranges on the basis of annual appraisals. Pay and benefits Teachers earn a very competitive salary, complemented by other benefits. Progression Teaching offers fantastic career prospects and development opportunities.

6 So why is there a shortage of teachers? Graduates in the hard sciences, maths and languages have other opportunities. Some people complete the PGCE but then decide not to enter the teaching profession. Many teachers leave the profession before reaching retirement age. Some leave after just two or three years. Others leave the state sector and get jobs in independent schools.

7 How do I start? The Department of Education has a site called Getting Into Teaching. Interested in becoming a teacher? Get all the information you need about a career in teaching and how to get there. Register with us for personalised support and advice. We'll tell you everything you need to know about becoming a teacher – from writing a successful application, to the different training courses, to climbing the career ladder once you've qualified. Get started

8 Other pages on the Getting Into Teaching site About teaching Training options Applying for training Bursaries and funding School experience Subjects and age groups Teaching events

9 Training bursaries 2015/16 QualificationBursary Bachelor 1 st class honours/PhD£25,000 Bachelor class 2:1/Master£20,000 Bachelor class 2:2£15,000 EQUIVALENCES Bachelor 1 st = 110/110 con lode Bachelor 2:1 = Bachelor 2:2 =

10 How do I apply for a PGCE course? You have to apply directly to a university or college that has an appropriate course. ED enrolled at the University of Cumbria. LP went to the University of Oxford and a few days ago she sent me this link: In England and Wales language teachers must be qualified to teach two modern languages, although it is normal to teach only one language when you actually start work. “But I’m studying English and French!” No problem: you can train to teach French and Italian, German and Italian or Spanish and Italian. You have to choose a PGCE course that offers Italian as one of the languages. Italian is not taught in many schools. However, head teachers have a lot of autonomy. If a head teacher has someone capable of teaching Italian, s/he can introduce Italian as an optional subject on the timetable.

11 More details about applying for a PGCE course Finding out about PGCE courses Entry requirements Submitting your application After you’ve applied (preparation for interview)

12 Finding out about PGCE courses No website with a full list of PGCE courses. Necessary to research each University website in England and Wales. Many universities (e.g., Bristol, Edge Hill, Sussex) have a PGCE in “Modern Foreign languages”. So look for this. You can apply to more than one university. If you wish to teach a foreign language that you studied at school but did not study at university, you can apply for a “Subject Enhancement Course”

13 Entry requirements Each University has its own entry requirements. But every University will ask for: Good Bachelors level degree (BA) in Modern Foreign Languages. If you also have a Masters level degree (MA), that’s even better. IELTS qualification in English (Exact mark depends on University but usually an overall mark of 7 is required.) GCSE in English (unless you’ve studied it at university level). GCSE in Maths. (Italian diploma is sufficient to demonstrate this although many UK universities ask for a UK NARIC statement of comparability.)

14 Entry requirements (continued) A pass in a “Numeracy and Literacy Skills Test”. This can be done after you go to an interview at the university/ies. But it needs to be passed before starting the PGCE course. (“Not difficult” says an ex-studentessa at Cagliari.) A period of observation of about 7/10 days in a UK state school. (Preferably before you apply to show you’re seriously interested.)

15 Submitting your application When you’ve chosen your universitiy/ies, you must start your application at the UCAS website: (UCAS = Universities and Colleges Admissions Service) Go to the “UCAS Teacher Training” section on home page (as at ). Gives clear info about filling in your application on the UCAS website. Necessary to give the following information: your education, your work experience, a personal statement about why you want to be a teacher in the UK, names of two referees, one of whom should be an academic (‘docente’).

16 After applying (preparation for interview) The university/ies will contact you and will probably invite you to attend an interview (in person, not online!). So, prepare yourself for the question “Why do you want to be a teacher in a UK state school?” Answer this question in terms of what you could give to a school (and not in terms of what a school could give to you!). See the next two slides for more possible interview questions.

17 Interview: possible questions Talk about a memorable lesson you have observed. What would you like your pupils to say about you as a teacher (when you are not there!). The PGCE is a very tough course. What aspects of the course will be particularly difficult for you? What aspects of the course are you looking forward to? What’s your level of French/German/Spanish? Tell me something in French/German/Spanish. Have you read any news recently about current issues in education / foreign language teaching in schools?

18 Interview: possible questions (continued) During your lesson you notice that a pupil is using her mobile phone. She says her mum is in hospital and she wants to call her. What do you do? You are given a bag containing a book of poems, sunglasses, sweeties, a DVD, a small ball, puppets, etc. Talk about how you would use these items during a lesson. Imagine you have a lesson in which you present a cultural event in Italy. What would be your main points?

19 LP describes her experiences of teaching in Milton Keynes Dopo aver insegnato per tre anni e mezzo in una “comprehensive school” in Inghilterra, posso riassumere come segue gli aspetti positivi e negativi della mia esperienza. Positives: La certezza di poter cercare e trovare un lavoro a tempo indeterminato subito dopo aver conseguito la qualifica mi ha dato sempre la forza di andare avanti anche quando sembrava troppo dura e di non arrendermi ai primi colloqui falliti. A differenza dell’Italia, in Inghilterra c’è sicuramente un posto per te. Basta essere determinati e preparati. Il merito verrà premiato. L’esperienza dell’insegnamento, quando c’è la passione, è estremamente appagante, nonostante ci siano TANTI alti e bassi.

20 Ci si sente valorizzati come persone e come insegnanti. Questo può dipendere dalle scuola e dai colleghi, ma personalmente posso dire di aver ricevuto sempre complimenti incoraggianti e feedback positivo dai colleghi e dalla SLT (Senior Leadership Team) per una buona lezione o per altri piccoli successi. Ci si sente davvero apprezzati e importanti. Legato a questo, c’è il fatto di avere la propria aula, particolare del tutto eccezionale rispetto all’Italia, e per nulla trascurabile. Avere un contratto a tempo indeterminato e una propria aula da allestire e decorare a piacimento ti fa sentire parte importante di una scuola, crea un legame e un’affezione che aggiunge valore al tuo lavoro. Sono gli studenti a spostarsi e l’aula è “territorio” dell’insegnante, la quale decide i posti a sedere degli alunni e come gestire lo spazio. Questo consente al docente di sentirsi più autorevole in classe.

21 Si è parte di un dipartimento (e.g. il dipartimento di MFL se si insegnano le lingue straniere), il che significa essere parte di una squadra, supportarsi a vicenda, condividere idee, risorse, strategie, ma anche osservarsi a vicenda, fare e ricevere delle critiche costruttive per migliorarsi. Se si ha bisogno di rimuovere un alunno durante una lezione, un collega del dipartimento sarà disponibile ad accoglierlo. L’Head of Department è una figura essenziale a cui rivolgersi per qualsiasi problema: avere delucidazioni riguardo esami, programmi, problemi di comportamento etc. Se si tratta di un ottimo Head of Department, che io ho avuto la fortuna di avere, questi sarà in grado di guidarti, appoggiarti, consigliarti, supportarti, rimediare ai tuoi danni e, insomma, rendere la tua vita complicata di insegnante un po’ più semplice. So però da persone vicine, anch’esse insegnanti in UK, che tanti capi dipartimento sono tutt’altro che d’aiuto. Dipende quindi dall’esperienza personale.

22 La scuola offre continuo supporto e formazione professionale per migliorarsi come insegnante e crescere. Nella mia scuola c’è un numero di giorni prefissato dedicati al training professionale e in più, durante l’anno scolastico, si organizzano una serie di sessions e workshops che permettono di lavorare in gruppo e scambiarsi utili idee. C’è per tutti la possibilità di fare carriera all’interno della scuola. Ci sono svariati ruoli a cui tutti i docenti possono applicare e per ogni nuova responsabilità acquisita, c’è un aumento della retribuzione. Ogni anno per i primi 5 anni di lavoro poi, lo stipendio aumenta di una piccola percentuale. Superati i 5 anni, l’aumento sarà legato al raggiungimento di determinati obiettivi. Lunghe vacanze, distribuite durante l’anno

23 Negatives: Il cosìdetto “workload” è talvolta insostenibile. Le cose da fare oltre ad insegnare, e che spesso non hanno alcun legame con l’insegnamento in sé, sono molteplici. LP sent these results of a recent survey of teachers’ workload conducted by the NUT (National Union of Teachers): 90% of teachers said they had considered giving up teaching during the last two years because of workload. 87% said they knew one or more colleagues who had given up during the last two years because of workload. 96.5% said their workload had negative consequences for their family or personal life.

24 Preparare i “lesson plans” Correggere i quaderni degli studenti settimanalmente. Se si hanno circa 150 studenti come nel mio caso, questo vuol dire correggere 150 quaderni a settimana (o ogni quattro lezioni). Spesso i quaderni sono disordinati e zeppi di errori (come possono essere i quaderni di alunni italiani, col la differenza che questi non sono responsabilità degli insegnanti). Nella mia, come in altre scuole, i quaderni sono più o meno regolarmente controllati da Head of Departments or SLT e sono mensilmente oggetto di “samples”. È doveroso quindi che il “marking” sia up to date e rispetti le marking policies della scuola. Il marking è un incubo per la maggioranza degli insegnanti inglesi e incide pesantemente sul carico di lavoro totale.

25 Ogni insegnante è anche “form tutor”, cioè responsabile di tutor group. Il form time occupa mezz’ora della propria giornata ogni giorno. A volte è poi necessario preparare risorse o passare tempo al telefono per informare o interrogare i genitori riguardo assenze, ritardi, comportamento e problemi vari dell’alunno. Sia per i propri tutees che per gli altri alunni si devono scrivere periodicamente dei reports dettagliati, il che richiede tempo. Questi sono stati di recenti aboliti nella mia scuola, ma non in altre.

26 Si è periodicamente osservati da colleghi “informalmente” durante “learning walks”, durante le quali l’observer riempie un modulo di feedback riguardo la lezione osservata, i quaderni degli alunni etc. E formalmente dal proprio Head of Department o line manager. Si riceve un vero e proprio giudizio e questo non dovrebbe essere mai “needs improvement” or “inadequate”. In caso contrario, le osservazioni diventano più frequenti per assicurare che il docente stia agendo per migliorare il proprio teaching. L’outcome ultimo, in caso di non miglioramento è il licenziamento. Questo fa sentire abbastanza sotto pressione. Personalmente, sono abituata ad essere osservata e non ho mai avuto problemi, ma è senz’altro fonte di stress.

27 La maleducazione di certi alunni, a volte troppi, è anch’essa causa di stress e di frustrazione. A volte, intere lezioni vanno all’aria perché gli studenti non hanno rispetto del lavoro del docente e certi studenti possono essere davvero challenging. Al contrario dell’Italia però, qui c’è un sistema solido per far fronte ai problemi di comportamento: dalla detention o rimozione dall’aula, che scatta in seguito a casi mediamenti gravi, fino a stanza di esclusione e detention dopo scuola nel caso le prime non siano eseguite. La sospensione e l’esclusione sono ugualmente possibili ma è la possibilità di fare qualcosa nell’immediato che dà più supporto ai docenti.

28 Se questi lati negativi si sommano e si considera che si insegna fino alle 3 e si resta a scuola fino alle 5 in media, si capisce perché molti vogliano lasciare la professione. Chi ha famiglia non riesce umanamente a fare bene entrambe le cose. È un lavoro in cui non si più dire mai “ho finito”, neanche se si esce di scuola alle 6. Si pensa continuamente al da farsi, agli errori commessi durante la giornata, al comportamento di certi alunni che, inevitabilmente mette di malumore. Si lavora durante il weekend (perlomeno la domenica per il planning del lunedì) e a volte anche durante le vacanze. Parlo spesso con colleghi che hanno passato il weekend a fare marking o le vacanze a recuperare il lavoro arretrato. Il sistema scolastico è completamente diverso, per certi versi migliore, per altri peggiore. Ci vuole un po’ ad abituarsi.

29 ED (Northampton) also sent her reflections. Positives -Stipendio sicuro e decoroso -Buona pensione -Possibilità di crescita e di guadagnare di più - Più vacanze rispetto ad altri lavori - Soddisfazione personale data dall’insegnamento in sé -Sabato e Domenica ‘‘liberi’’

30 Negatives Il carico di lavoro è tanto. La scuola finisce alle 3.30 ma c’è sempre del lavoro da fare che ci si porta a casa. Personalmente ogni giorno lavoro fino alle 7 e almeno una serata intera nel weekend). Gli insegnanti in UK hanno molte responsabilità e pressioni. Al di là della lezione in classe ci sono compiti da correggere, documenti da preparare e tante scadenze da rispettare per inserire dati e commenti sugli studenti al computer.

31 La disciplina può mettere duramente alla prova. Occorre moltissima pazienza e perseveranza. Ci sono giorni in cui ci può sentire feriti a causa di commenti e atteggiamenti maleducati da parte degli studenti: ma non bisogna dare peso e continuare più forti. Bisogna ricordarsi che si ha a che fare con bambini e adolescenti.

32 Prima di trovare lavoro possono passare dei mesi e fare diversi colloqui. Bisogna essere perseveranti e prepararsi il più possibile. Insegnare italiano e tedesco è molto raro. Meglio specializzarsi in francese e spagnolo come ho fatto io (non ho mai insegnato italiano a parte qualche corso dopo scuola). Francese e spagnolo sono di gran lunga le lingue più popolari.

33 To sum up… +- Full-time permanent contractIt’s hard work Fairly good salaryIt’s stressful Pension contributions, maternity leaveSome of the kids are horrible Long holidaysTheir parents are often worse A job for life“It isn’t hard work; it’s bloody hard work.”

34 And finally… There is a TV programme called Tough Young Teachers. The first episode can be seen on Youtube:

Download ppt "Opportunità per insegnare le lingue straniere nella scuola statale in Inghilterra e in Galles Qualified Teacher Status (QTS)"

Presentazioni simili

Ads by Google