La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

5: DataLink Layer5-1 Chapter 5 Link Layer and LANs Computer Networking: A Top Down Approach Featuring the Internet, 3 rd edition. Jim Kurose, Keith Ross.

Presentazioni simili


Presentazione sul tema: "5: DataLink Layer5-1 Chapter 5 Link Layer and LANs Computer Networking: A Top Down Approach Featuring the Internet, 3 rd edition. Jim Kurose, Keith Ross."— Transcript della presentazione:

1 5: DataLink Layer5-1 Chapter 5 Link Layer and LANs Computer Networking: A Top Down Approach Featuring the Internet, 3 rd edition. Jim Kurose, Keith Ross Addison-Wesley, July A note on the use of these ppt slides: We’re making these slides freely available to all (faculty, students, readers). They’re in PowerPoint form so you can add, modify, and delete slides (including this one) and slide content to suit your needs. They obviously represent a lot of work on our part. In return for use, we only ask the following:  If you use these slides (e.g., in a class) in substantially unaltered form, that you mention their source (after all, we’d like people to use our book!)  If you post any slides in substantially unaltered form on a www site, that you note that they are adapted from (or perhaps identical to) our slides, and note our copyright of this material. Thanks and enjoy! JFK/KWR All material copyright J.F Kurose and K.W. Ross, All Rights Reserved

2 5: DataLink Layer5-2 Il livello 2 Obiettivo: r Capire come è fatto un dominio di collisione: m protocolli di livello 2 m accesso condiviso allo stesso canale m indirizzi di livello 2: indirizzi MAC m trasferimento affidabile, controllo di flusso: stesse tecniche usate a livello 4 r Carrellata su alcune tecnologie di livello 2: Ethernet, Token Ring, PPP, ATM

3 5: DataLink Layer5-3 Link Layer: Introduzione Chiameremo: r gli hosts e i router nodi r I canali di comunicazione che connettono direttamente dei nodi adiacenti sono detti link m Link in rame, fibra ottica m Link senza fili m Link via satellite, ecc. r I pacchetti a livello 2 sono detti frame: contengono datagrammi di livello 3 (volendo anche più di un datagramma per frame) “link” Il livello data-link (livello 2) ha la responsabilità di trasferire i datagrammi da un nodo a uno adiacente lungo un link diretto

4 5: DataLink Layer5-4 Link layer: contesto r Ogni link è gestito dal suo protocollo (l’unificazione avviene a livello 3): m es., si usa Ethernet per arrivare al primo router, che usa PPPoA per connettersi al router di livello superiore, che usa ATM per connettersi a Internet r Ogni protocollo di livello due ha differenze e può fornire funzionalità diverse m es. Ethernet non ha le ricevute di ritorno, PPP si. Similitudine r un viaggio da Cosenza a Vienna m autobus: Cosenza -> SUF m aereo: SUF -> VIE m treno: VIE -> Vienna m turista = datagramma

5 5: DataLink Layer5-5 Funzioni del livello 2 r Framing, accesso al link: m Si incorporano i datagrammi in frame, si aggiungono intestazioni opportune; m Si decide come accedere al canale se è condiviso da più di due nodi m Si usano i “MAC” address per identificare i nodi sorgente e destinazione sono DIFFERENTI dagli indirizzi IP! servono per identificarsi all’interno di un dominio di collisione, non oltre r Garantisce affidabilità nel transito del link m Stesse tecniche del livello 4 (ricevute di ritorno, finestre, checksum) m Link senza fili: tassi di errore esorbitanti a causa delle interferenze. D: A cosa servono le ricevute di ritorno a livello 2, se le abbiamo a livello 4?

6 5: DataLink Layer5-6 Cosa fa (o può fare) il livello 2 r Controllo di flusso: m gestisce il flusso tra due nodi adiacenti (Ethernet=no, PPP=si) r Rilevamento di errore: m Errori causati da rumore, o da attenuazioni (cavi troppo lunghi, distanze elevate) m Se rilevato frame sbagliato: Si dice al trasmittente di ritrasmettere (PPP), o si scarta il pacchetto (Ethernet) r Correzione di errore: m Il ricevitore identifica i bit sbagliati ed è in grado di correggerli (PPP, Wireless) r Half-duplex e full-duplex m In half duplex il canale può essere usato da un nodo alla volta. Con il full-duplex tutti possono trasmettere contemporaneamente

7 5: DataLink Layer5-7 Come si parlano le schede di rete r Il livello 2 (anche il livello 1) è realizzato dall’hardware della scheda di rete (NIC) r Lato mittente: m I datagrammi sono messi dentro frame m Si aggiungono tutte le info addizionali r Lato destinatario m Si controllano gli errori, si effettua il controllo di flusso (ricevute di ritorno..) m Estrae il datagramma e lo passa al software che implementa il livello 3 mittente frame destin. datagramma frame scheda di rete Protocollo livello 2

8 5: DataLink Layer5-8 Tipi di link Due tipi: r Punto-punto m PPP, PPPoA, PPPoE (dal modem (analogico/ADSL) al router Alice a monte) r broadcast (canale condiviso: es. l’ARIA) m Ethernet m wireless LAN r Nei link broadcast tutti vedono tutti

9 5: DataLink Layer5-9 Accesso su link broadcast r Il canale è unico (bus Ethernet, etere) r Se due nodi trasmettono in contemporanea, c’è interferenza m collisione se un nodo riceve due o più segnali in contemporanea Ci vuole un protocollo per condividere il canale r I nodi devono mettersi d’accordo su chi può parlare r Ma queste comunicazioni di servizio devono usare il canale stesso!

10 5: DataLink Layer5-10 Tre tipi di protocolli di condivisione r Suddivisione del canale (es. cellulari GSM) m a slot di tempo, di frequenza ecc. ecc. m il problema è risolto a livello 1, come vedremo r Ad accesso casuale (Ethernet) m Consentite le collisioni m C’è un meccanismo per “sopportare” le collisioni r A turni (token ring) m Ognuno trasmette a turno, quando possiede il “boccino” (token)

11 5: DataLink Layer5-11 Protocolli ad accesso casuale r Se un nodo deve trasmettere m Lo fa m Non ci si mette d’accordo prima  Più nodi che trasmettono ➜ “collisione”, r Un protocollo MAC (Medium Access Control) specifica: m come rilevare le collisioni m come convivere con le collisioni (es., con ritrasmissioni ritardate) r Esempio di Protocolli MAC ad accesso casuale: m slotted ALOHA, ALOHA m CSMA/CD (Ethernet) m CSMA/CA (Wi-Fi )

12 5: DataLink Layer5-12 CSMA (Carrier Sense Multiple Access) CSMA: Si sta in ascolto prima di trasmettere: Se si vede che il canale è silenzioso: si trasmette tutto il frame r Se il canale è occupato, si ritarda la trasmissione r Analogia con esseri umani: non interrompere chi sta parlando!

13 5: DataLink Layer5-13 Collisioni Ci possono essere lo stesso collisioni: C’è il ritardo di propagazione! Collisione: Spreco inutile di tempo Schema spaziale nota: La distanza e il tempo di propagazione hanno un ruolo sulla probabilità di collisione (distanza piccola = minore probabilità di collisione)

14 5: DataLink Layer5-14 CSMA/CD (Collision Detection) CSMA/CD: si fa sempre monitoraggio del canale m ma appena si rileva una collisione, si smette di trasmettere, liberando il canale r rilevamento di collisione: m Effettuato a livello 1, es. misurando i voltaggi sul canale r Analogia umana: cortesia quando si inizia a parlare contemporaneamente

15 5: DataLink Layer5-15 Diagramma per CSMA/CD

16 5: DataLink Layer5-16 Ethernet La tecnologia LAN dominante r Meno di 20€ per scheda. r E’ anche storicamente la prima tecnologia LAN r Più semplice ed economica di token ring e ATM r Negli anni si è evoluta fornendo standard di velocita adeguati (da 10Mbit agli attuali 10Gbit) Metcalfe’s Ethernet sketch (topologia a bus)

17 5: DataLink Layer5-17 L’algoritmo di Ethernet 1. Viene creato il frame da trasmettere 2. Se il canale è inattivo, il frame viene trasmesso. Se il canale è occupato, si aspetta che si liberi e poi si trasmette 3. Se si riesce a trasmettere il frame senza rilevare collisioni, la scheda di rete ASSUME che tutto sia andato OK. 4. Se si rileva una collisione durante la trasmissione, questa si interrompe e si manda un segnale ‘sporco’ (jam) 5. In seguito al fallimento, si entra in modalità exponential backoff: dopo l’m-esima collisione, la scheda sceglie un valore K casuale tra {0,1,2,…,2 m -1}. Quindi si aspetta per K*512*bittime e si torna al passo 2

18 5: DataLink Layer5-18 Ethernet’s CSMA/CD (ancora) Segnale sporco (jam): per essere sicuri che tutti sappiano della collisione; 48 bit Bit time:.1 microsec per 10 Mbps Ethernet ; per K=1023, il tempo di attesa è 50msec Exponential Backoff: r Scopo: adattarsi al carico corrente m carico alto: l’attesa media è più lunga r Prima collisione: scegli K da {0,1}; il ritardo è K· 512 bit r dopo la seconda collisione consecutiva, K è scelto tra {0,1,2,3}… r Dopo dieci collisioni, il range è {0,1,2,3,4,…,1023} guardiamo l’applet Java insieme... LINK

19 5: DataLink Layer5-19 Inaffidabile e senza connessione r Connectionless: Non c’è handshake. r Inaffidabile: niente ACK o NACK esplicito al mittente m ci può essere perdita di pacchetti m Il problema viene risolto a livello 4 (da TCP) m altrimenti il livello 5 vedrà perdita di informazione (es. con UDP)

20 5: DataLink Layer5-20 Struttura di un frame ethernet I datagrammi sono incapsulati in frame Ethernet Preambolo: r 7 bytes con pattern seguiti da 1 byte con pattern r usato per sincronizzare il clock del ricevente e per occupare il canale

21 5: DataLink Layer5-21 Struttura del frame r Indirizzi: 6 bytes m Se l’adattatore riceve un pacchetto con il proprio MAC address come destinazione, o un broadcast il frame viene aperto e i dati vengono consegnati al livello 3 m altrimenti, la scheda di rete DOVREBBE scartare il frame r Type: codice del protocollo di livello 3 trasportato (Per lo più IP, ma ancora sopravvive qualche rete IPX, Novell, AppleTalk) r CRC: controllato dal ricevente. Se errato, il frame viene semplicemente scartato.

22 5: DataLink Layer5-22 Gli indirizzi MAC r Indirizzo IP: m Indirizzo valido tra nodi di livello 3 (hops) m Usato per far transitare i dati su tutta la rete r MAC address: m Usato per far arrivare un frame verso un nodo FISICAMENTE adiacente m Il mac address è a 48 bit (es. 00:30:f1:0d:19:db) m Cablato nella ROM della scheda di rete (ma purtroppo si può falsificare comunque)

23 5: DataLink Layer5-23 Indirizzi MAC r IEEE gestisce l’assegnazione r Ogni produttore di schede compra range di indirizzi da cablare nelle proprie schede di rete Analogia: (a) MAC address: numero di targa di automobile (b) IP address: come l’indirizzo postale  MAC address è standard ➜ portabilità m posso usare la stessa scheda di rete in qualsiasi dominio di collisione r Gli indirizzi IP non sono portabili m Dipendono dalla sottorete in cui si trovano per poter essere usati

24 5: DataLink Layer5-24 ARP: il protocollo per interfacciarsi con il livello 3 Ogni scheda di rete ha il suo MAC address nel dominio di collisione Indirizzo broadcast = FF-FF-FF-FF-FF-FF = NIC (scheda di rete) 1A-2F-BB AD D7-FA-20-B0 0C-C4-11-6F-E F7-2B LAN (wired or wireless)

25 5: DataLink Layer5-25 ARP: Address Resolution Protocol r Ogni hop IP ha una sua ARP table r ARP Table: tabella di coppie IP/MAC address m TTL (Time To Live): tempo prima che un rigo della tabella venga cancellato (tipicamente 20 minuti) Domanda: Ho un datagramma da consegnare ‘on-link’. Dato un indirizzo IP, come faccio a saperne il MAC address? 1A-2F-BB AD D7-FA-20-B0 0C-C4-11-6F-E F7-2B LAN

26 5: DataLink Layer5-26 ARP serve all’interno della stessa LAN r A vuole mandare datagramma a B, ma il MAC address di B non è nella ARP table di A. r A manda in broadcast una richiesta ARP m Indirizzo IP di destinazione = quello di broadcast della sottorete (eg ) m Rimpiazzato con FF-FF- FF-FF-FF-FF come indirizzo di frame m TUTTE le macchine sul dominio ricevono la query r B riceve il pacchetto ARP risponde ad A con il suo MAC address m la risposta è diretta ad A (unicast) r A salva la nuova coppia IP/MAC address nella sua ARP table finchè non scade il TTL r ARP è “plug-and-play”: m i nodi creano queste tabelle dinamicamente! m DNS invece richiede configurazione manuale dei DNS server 

27 5: DataLink Layer5-27 Routing tra due domini di collisione Voglio mandare datagramma da A a B via R assumiamo A conosca l’IP di B r R ha due tabelle ARP, una per dominio di collisione r In routing table at source Host, find router r In ARP table at source, find MAC address E6-E BB-4B, etc A R B

28 5: DataLink Layer5-28 r A crea datagramma con mittente A, destinatario B r A capisce che B non è nella stessa LAN grazie alla tabella di routing r A usa ARP per sapere il MAC address di R ( ), il gateway predefinito r A crea un frame con il MAC address di R come destinatario, ma il frame contiene il datagramma A B r La scheda di rete di A manda il frame r La scheda di rete di R riceve il frame r R estrae il datagramma dal frame, vede che è destinato a B e capisce (dalla tabella di routing) che B è dentro LAN2 r R usa ARP per avere il MAC address di B r R crea un frame, ci mette il datagramma A B e lo manda a B usando il suo MAC address B A R

29 5: DataLink Layer5-29 Topologia a stella r Fino a metà anni novanta era popolare la topologia a bus r Ora si preferisce la topologia a stella r A centro stella si può mettere un hub o uno switch hub o switch

30 5: DataLink Layer BaseT e 100BaseT r 10/100 Mbps;” r T sta per for Twisted Pair (doppino intrecciato) r Nodi connessi a un hub: “topologia a stella”; 100 m max distanza twisted pair hub

31 5: DataLink Layer5-31 Hubs Sono ripetitori di livello 1: m tutto ciò che arriva su un ingresso, viene ripetuto su tutti gli altri m alla stessa velocità m non c’è nessun buffer m l’hub non rileva le collisioni: è proprio come se non ci fosse doppino intrecciato in rame hub

32 5: DataLink Layer5-32 Interconnessioni con hub r Si possono fare micro e macro-stelle r La distanza tra i nodi si può estendere r I singoli domini di collisione sono fusi in uno solo hub

33 5: DataLink Layer5-33 Switch r Lavora a livello 2 m bufferizza i frame (store & forward) m guarda i frame e DECIDE su quale porta inoltrare un frame in base al MAC address m a volte si deve comunque usare il CSMA/CD (se c’è un hub su una porta) m altre volte si deve comunque fare broadcast (broadcast vero e proprio, oppure se non so su che porta è connesso un MAC address) r trasparente m le schede di rete non sanno se a monte c’è uno switch o un hub, r plug-and-play, auto-configurante m Gli switch imparano in base ai frame che arrivano su che porta sta un certo MAC address (hanno una tabella MAC numero porta). m Impazziscono facilmente se lo stesso MAC address compare su due porte diverse 

34 5: DataLink Layer5-34 Forwarding Come fa uno switch a capire dove mandare un frame? E’ come i problemi di routing a livello 3! hub switch 1 2 3

35 5: DataLink Layer5-35 Autoapprendimento r Ogni switch ha una switch table r Entrate della tabella: m (MAC Address, Interfaccia, Time Stamp) m Le entrate vecchie scadono (TTL circa 60 min) r Lo switch impara quali MAC address sono dietro a quali porte m quando si riceve un frame con un certo MAC sorgente, lo switch impara da quale porta è arrivato m le coppie MAC/numero interfaccia sono memorizzate

36 5: DataLink Layer5-36 Algoritmo Quando viene ricevuto un frame: Cercare se nella switch table risulta il MAC destinazione if MAC address presente then{ if MAC destinazione.porta = MAC sorgente.porta then butta il frame else manda il frame su MAC destinazione.porta } else broadcast su tutte le interfacce tranne quella da cui è arrivato il frame

37 5: DataLink Layer5-37 Esempio C manda un frame a D r Lo Switch riceve frame da C m C risulta essere sull’ interfaccia 1 m Siccome D non risulta in tabella, lo switch inoltra il frame sulle interfacce 2 e 3 r D riceve il frame hub switch A B C D E F G H I address interface ABEGABEG

38 5: DataLink Layer5-38 Switch example Appena D risponde a C: r Lo switch riceve il frame da D m Viene annotato che D è sull’interfaccia 2 m Siccome C è in tabella, il frame è mandato sulla sola interfaccia 2 r Frame ricevuto da C hub switch A B C D E F G H I address interface ABEGCABEGC D 2

39 5: DataLink Layer5-39 Teoria di Base:

40 5: DataLink Layer5-40 Cablaggio Cavo Utp 100MB Schema A

41 5: DataLink Layer5-41 Crossover Ethernet Cable

42 5: DataLink Layer5-42 Protocolli MAC a turni Token Ring: m Ottimi a pieno carico m Scarsi a basso carico  Ethernet: m Ottimi a basso carico m Eccesso di collisioni a carico alto

43 5: DataLink Layer5-43 Token ring Token passing: r Domino di collisione ad anello: c’è un token che viene passato da una scheda all’altra r Solo chi ha il token può trasmettere r Problemi: m Latenza alta: devo aspettare che il token faccia un giro completo per trasmettere m L’anello può rompersi in qualsiasi punto!

44 5: DataLink Layer5-44 IEEE : Accesso multiplo r CA = collision avoidance r : CSMA – come su Ethernet (802.3) r : no collision detection! m non è possibile monitorare tutte le collisioni, a causa del “problema della stazione nascosta”, o dell’attenuazione m Obiettivo: evitare le collisioni: CSMA/C(ollision)A(voidance) A B C A B C A’s signal strength space C’s signal strength

45 5: DataLink Layer5-45 Collision Avoidance: RTS-CTS exchange AP A B time RTS(A) RTS(B) RTS(A) CTS(A) DATA (A) ACK(A) reservation collision defer

46 5: DataLink Layer5-46 Evitare le collisioni idea: il mittente “riserva” il canale prima di spedire il frame reale: evito le collisioni di frame lunghi r il mittente trasmette prima delle piccole richieste di invio (RTS) verso l’access point (AP) usando CSMA m Gli RTS possono comunque andare in collisione (ma sono corti) r l’AP diffonde un “puoi trasmettere” (CTS) in risposta all’RTS r il CTS è percepito da tutte le stazioni m il mittente trasmette quindi il frame di dati m le altre stazioni rimandano la trasmissione I frame di prenotazione evitano le collisioni di frame di dati!

47 5: DataLink Layer5-47 frame control duration address 1 address 2 address 4 address 3 payloadCRC seq control frame: indirizzamento Address 2: MAC address mittente Address 1: MAC address access point intermedio Address 3: MAC address di destinatario Address 3: usato solo in modalità speciali

48 5: DataLink Layer5-48 Internet router AP H1 R1 AP MAC addr H1 MAC addr R1 MAC addr address 1 address 2 address frame R1 MAC addr H1 MAC addr dest. address source address frame frame: indirizzamento

49 5: DataLink Layer5-49 frame control duration address 1 address 2 address 4 address 3 payloadCRC seq control Type From AP Subtype To AP More frag WEP More data Power mgt RetryRsvd Protocol version frame: more duration of reserved transmission time (RTS/CTS) frame seq # (for reliable ARQ) frame type (RTS, CTS, ACK, data)

50 Allocazione dei canali 5: DataLink Layer5-50

51 5: DataLink Layer5-51 E’ il momento della gita! hub switch to external network router IP subnet mail server web server

52 5: DataLink Layer5-52 Manchester encoding r Used in 10BaseT r Each bit has a transition r Allows clocks in sending and receiving nodes to synchronize to each other m no need for a centralized, global clock among nodes! r Hey, this is physical-layer stuff!

53 5: DataLink Layer5-53 Error Detection EDC= Error Detection and Correction bits (redundancy) D = Data protected by error checking, may include header fields Error detection not 100% reliable! protocol may miss some errors, but rarely larger EDC field yields better detection and correction

54 5: DataLink Layer5-54 Parity Checking Single Bit Parity: Detect single bit errors Two Dimensional Bit Parity: Detect and correct single bit errors 0 0

55 5: DataLink Layer5-55 Internet checksum Sender: r treat segment contents as sequence of 16-bit integers r checksum: addition (1’s complement sum) of segment contents r sender puts checksum value into UDP checksum field Receiver: r compute checksum of received segment r check if computed checksum equals checksum field value: m NO - error detected m YES - no error detected. But maybe errors nonetheless? More later …. Goal: detect “errors” (e.g., flipped bits) in transmitted segment (note: used at transport layer only)

56 5: DataLink Layer5-56 Checksumming: Cyclic Redundancy Check r view data bits, D, as a binary number r choose r+1 bit pattern (generator), G r goal: choose r CRC bits, R, such that m exactly divisible by G (modulo 2) m receiver knows G, divides by G. If non-zero remainder: error detected! m can detect all burst errors less than r+1 bits r widely used in practice (ATM, HDCL)

57 5: DataLink Layer5-57 CRC Example Want: D. 2 r XOR R = nG equivalently: D. 2 r = nG XOR R equivalently: if we divide D. 2 r by G, want remainder R R = remainder[ ] D.2rGD.2rG


Scaricare ppt "5: DataLink Layer5-1 Chapter 5 Link Layer and LANs Computer Networking: A Top Down Approach Featuring the Internet, 3 rd edition. Jim Kurose, Keith Ross."

Presentazioni simili


Annunci Google