La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

IL GOVERNO. DEFINIZIONE TRADIZIONALE: Titolare della funzione esecutiva governo come potere esecutivo governo come vertice dell’amministrazione MA: riduttività.

Presentazioni simili


Presentazione sul tema: "IL GOVERNO. DEFINIZIONE TRADIZIONALE: Titolare della funzione esecutiva governo come potere esecutivo governo come vertice dell’amministrazione MA: riduttività."— Transcript della presentazione:

1 IL GOVERNO

2 DEFINIZIONE TRADIZIONALE: Titolare della funzione esecutiva governo come potere esecutivo governo come vertice dell’amministrazione MA: riduttività del termine “esecutivo”

3 RUOLO DEL GOVERNO NEL PASSAGGIO FRA: MONARCHIA ASSOLUTA MONARCHIA COSTITUZIONALE MONARCHIA PARLAMENTARE “democratizzazione delle istituzioni”

4 GOVERNI DELL’ETA’ REPUBBLICANA: Tendenza verso “governi di coalizione” Centralizzazione del Governo Rafforzamento della leadership del presidente del Consiglio

5 Composizione Il governo è un organo complesso composto da: Presidente del Consiglio dei ministri – Presidenza del Consiglio Ministri – vertice delle amministrazioni (ministeri) e ministri senza portafoglio (delega di funzioni del Presidente del Consiglio) Consiglio dei ministri – organo collegiale costituito del Presidente, che lo presiede, e dei ministri

6 Altri organi : -Vicepresidente o Vicepresidenti del Consiglio dei Ministri; - Sottosegretari di stato; - Viceministri; - Consiglio di gabinetto e Comitati di ministri; - Comitati interministeriali; - Commissari straordinari;

7 Formazione del governo (art. 92 Cost.) La formazione del Governo è il procedimento di nomina del Presidente del Consiglio e dei Ministri. Tale procedimento è regolato solo in parte dalla Costituzione (art. 92 Cost.) ed è costituito di quattro fasi: Fase preparatoria - Consultazioni (ma v. effetti della riforma elettorale in senso maggioritario) Fase costitutiva - Conferimento dell’incarico Fase precettiva - Nomina del Presidente del Consiglio e dei Ministri Fase integrativa dell’efficacia - Giuramento e fiducia

8 Responsabilità politica: il rapporto fiduciario Mozione di fiducia (motivata, voto palese, magg. semplice) Mozione di sfiducia (almeno 1/10 dei componenti) Questione di fiducia Crisi di governo (parlamentari ed extra-parlamentari) Rimpasti governativi Mozione di sfiducia individuale

9 Responsabilità giuridica Art. 96: REATI COMMESSI NELL’ESERCIZIO DELLE FUNZIONI Prima: messa in stato d’accusa da parte del Parlamento e giudizio Corte Cost. Ora: competenza magistratura + autorizzazione a procedere MA da quella prevista per i parl. perché vincolata nei motivi del diniego

10 REATI PENALI COMUNI Piena responsabilità -Tentativi di approvare leggi su non perseguibilità P.C.M. e alte cariche dello Stato per reati comuni commessi anche prima dell’assunzione della carica: falliti - Lodo Schifani: illegittimità Corte cost Lodo Alfano: illegittimità Corte cost. 2009

11 Ruolo del Presidente del Consiglio e principio collegiale (art. 95 Cost.; art. 5 legge 400/1988) Attribuzioni del Presidente del Consiglio: dirige la politica generale del Governo, essendone responsabile di fronte alle Camere (primus inter pares o primus supra pares?) pone la questione di fiducia presenta alle Camere i disegni di legge di iniziativa governativa, sottopone al Presidente della Repubblica gli atti aventi forza di legge e i regolamenti governativi solleva la questione di costituzionalità delle leggi regionali e il conflitto di attribuzione contro un altro potere dello stato o una regione mantiene l’unità dell’indirizzo politico e amministrativo promuove e coordina l’attività dei Ministri tiene i rapporti con il Presidente della Repubblica, con la Corte Costituzionale, con le Istituzioni comunitarie, con le Regioni e le Autonomie locali dirige gli organi collegiali esercita poteri di rappresentanza

12 Attribuzioni del Consiglio dei ministri (art. 2 l.. 400/1988) determina la politica generale del Governo e, ai fini dell’attuazione di essa, l’indirizzo generale dell’azione amministrativa; delibera su ogni questione relativa all’indirizzo politico fissato dal rapporto fiduciario con le Camere; dirime i conflitti di attribuzione tra i Ministri; esprime l’assenso alla iniziativa del Presidente del Consiglio dei Ministri di porre la questione di fiducia dinanzi alle Camere; delibera sulla presentazione dei disegni di legge, sugli atti aventi forza di legge e sui regolamenti governativi; delibera se sollevare la questione di costituzionalità o conflitto di attribuzione

13 ATTRIBUZIONI DEI MINISTRI COLLEGIALIINDIVIDUALI In quanto membri del in quanto organi di vertice Consiglio dei ministri di particolari settori della pubblica amministrazione

14 LE FUNZIONI DEL GOVERNO Funzioni di indirizzo politico Funzioni amministrative Funzioni normative legislative (solo per d.l. e d.lgs.) regolamentari


Scaricare ppt "IL GOVERNO. DEFINIZIONE TRADIZIONALE: Titolare della funzione esecutiva governo come potere esecutivo governo come vertice dell’amministrazione MA: riduttività."

Presentazioni simili


Annunci Google