La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

Alfonso Bosellini I materiali della Terra solida.

Presentazioni simili


Presentazione sul tema: "Alfonso Bosellini I materiali della Terra solida."— Transcript della presentazione:

1 Alfonso Bosellini I materiali della Terra solida

2 Alfonso Bosellini – I materiali della Terra solida - © Italo Bovolenta editore 2012 Capitolo 8 La Terra deformata: faglie, pieghe, orogenesi Lezione 19 Comportamento reologico delle rocce 2

3 Alfonso Bosellini – I materiali della Terra solida - © Italo Bovolenta editore Le deformazioni delle rocce Nelle pareti delle montagne ci sono rocce stratificate, spesso con strati inclinati, ondulati e contorti.

4 Alfonso Bosellini – I materiali della Terra solida - © Italo Bovolenta editore Le deformazioni delle rocce Questi strati sedimentari, che spesso contengono fossili marini, si formarono sul fondo del mare. Poiché ora si trovano a quote molto elevate, essi devono essere stati sollevati fino a quelle altezze.

5 Alfonso Bosellini – I materiali della Terra solida - © Italo Bovolenta editore Le deformazioni delle rocce Il sollevamento e la concomitante deformazione sono fenomeni successivi alla formazione delle rocce. La deformazione e il sollevamento possono seguire l’evento formativo di decine o centinaia di milioni di anni.

6 Alfonso Bosellini – I materiali della Terra solida - © Italo Bovolenta editore Giacitura delle rocce Solitamente solo limitate porzioni di rocce, dette affioramenti, sono esposte in superficie. Di ogni affioramento è necessario conoscere la giacitura: la giacitura è la disposizione nello spazio di una massa rocciosa relativamente omogenea o dei singoli strati che costituiscono un affioramento. Studiando gli affioramenti i geologi possono ricostruire l’andamento generale degli strati e dei corpi rocciosi, quindi la struttura geologica di una zona.

7 Alfonso Bosellini – I materiali della Terra solida - © Italo Bovolenta editore Giacitura delle rocce Uno strato roccioso è assimilabile a un piano nello spazio, per il quale sono identificabili: direzione è l’angolo, misurato in senso orario, che la retta orizzontale risultante dalla intersezione del piano dello strato con il piano orizzontale forma con la direzione del nord;

8 Alfonso Bosellini – I materiali della Terra solida - © Italo Bovolenta editore Giacitura delle rocce Uno strato roccioso è assimilabile a un piano nello spazio, per il quale sono identificabili: inclinazione è l’angolo, misurato su un piano verticale, che la superficie di stratificazione forma col piano orizzontale;

9 Alfonso Bosellini – I materiali della Terra solida - © Italo Bovolenta editore Giacitura delle rocce Uno strato roccioso è assimilabile a un piano nello spazio, per il quale sono identificabili: immersione è la linea di massima pendenza, perpendicolare alla direzione, che indica verso quale punto dell’orizzonte la superficie è inclinata; è definita da un angolo orizzontale, misurato dal nord in senso orario.

10 Alfonso Bosellini – I materiali della Terra solida - © Italo Bovolenta editore Giacitura delle rocce La direzione, l’inclinazione e l’immersione sono parametri rilevabili con una bussola da geologo.

11 Alfonso Bosellini – I materiali della Terra solida - © Italo Bovolenta editore Giacitura delle rocce La direzione, l’inclinazione e l’immersione sono parametri rilevabili con una bussola da geologo.

12 Alfonso Bosellini – I materiali della Terra solida - © Italo Bovolenta editore Come si deformano le rocce Se si applica a un corpo una forza deformante e non si supera un certo valore, definito limite elastico, il corpo riprende la forma originaria, quando la forza cessa: il corpo ha un comportamento elastico.

13 Alfonso Bosellini – I materiali della Terra solida - © Italo Bovolenta editore Come si deformano le rocce Se la forza applicata supera il valore del limite elastico, la deformazione diventa permanente: il corpo ha un comportamento plastico.

14 Alfonso Bosellini – I materiali della Terra solida - © Italo Bovolenta editore Come si deformano le rocce L’applicazione di una forza può comportare anche la rottura di un corpo.

15 Alfonso Bosellini – I materiali della Terra solida - © Italo Bovolenta editore Come si deformano le rocce Le rocce fragili (come il vetro) si fratturano senza mostrare alcuna plasticità; le rocce duttili (come l’argilla) si fratturano solo dopo una considerevole deformazione plastica.

16 Alfonso Bosellini – I materiali della Terra solida - © Italo Bovolenta editore Fattori che influenzano le deformazioni delle rocce La natura e la composizione delle rocce influenza il loro comportamento: i graniti, le arenarie e i calcari hanno un comportamento marcatamente fragile; le argilliti, le marne e i gessi hanno un comportamento tipicamente plastico.

17 Alfonso Bosellini – I materiali della Terra solida - © Italo Bovolenta editore Fattori che influenzano le deformazioni delle rocce Ogni roccia si comporta diversamente, in modo rigido o plastico, a seconda della profondità in cui si trova: in prossimità della superficie tende con più facilità a fratturarsi; in profondità tende a deformarsi plasticamente. Con l’aumentare della profondità aumentano sia la temperatura sia la pressione litostatica, cioè la pressione esercitata su una porzione di roccia dal peso delle rocce soprastanti.

18 Alfonso Bosellini – I materiali della Terra solida - © Italo Bovolenta editore Fattori che influenzano le deformazioni delle rocce Sia la pressione, sia la temperatura, sia la presenza di acqua favoriscono il comportamento plastico delle rocce.

19 Alfonso Bosellini – I materiali della Terra solida - © Italo Bovolenta editore Fattori che influenzano le deformazioni delle rocce Anche il fattore tempo influenza il comportamento dei corpi sottoposti a forze deformanti. Quando le forze agiscono regolarmente per tempi lunghi, i corpi mostrano un comportamento fluido e plastico. Quando le forze agiscono per tempi brevi, i corpi mostrano un comportamento rigido e fragile.

20 Alfonso Bosellini – I materiali della Terra solida - © Italo Bovolenta editore Movimenti regionali della crosta terrestre Periodicamente la Terra è interessata da movimenti in blocco, indicati col termine epirogenesi, senza deformazione delle rocce. Il Serapeo di Pozzuoli è un esempio di sollevamenti e abbassamenti del suolo, testimoniati dai segni dell’immersione lasciati da organismi litodomi sulle colonne del tempio romano.

21 Alfonso Bosellini – I materiali della Terra solida - © Italo Bovolenta editore Movimenti regionali della crosta terrestre Il lento e graduale abbassamento del substrato roccioso su cui si depositano i sedimenti prende il nome di subsidenza. La costa adriatica tra Ravenna e Venezia, in particolare la zona del delta del Po, è soggetta a subsidenza.

22 Alfonso Bosellini – I materiali della Terra solida - © Italo Bovolenta editore Il principio dell’isostasia Il termine isostasia o equilibrio isostatico indica l’ideale condizione di equilibrio gravitazionale che determina, in accordo con la densità delle rocce, le quote cui si ergono le varie parti di continenti e oceani. Il galleggiamento, una vera e propria spinta verticale, è dovuto al fatto che il volume dell’oggetto che si trova sott’acqua è più leggero dell’equivalente volume di acqua spostata. I corpi galleggiano sull’acqua mantenendosi in equilibrio idrostatico: quanto più alta è la parte che emerge, tanto più essi affondano nell’acqua.

23 Alfonso Bosellini – I materiali della Terra solida - © Italo Bovolenta editore Il principio dell’isostasia Allo stesso modo, la crosta «galleggia» sul mantello più denso in equilibrio isostatico con esso. La nascita di una catena montuosa determina un notevole ispessimento della crosta e la formazione di radici profonde; quando la catena viene spianata dall’erosione, il limite inferiore delle radici si alza per compensazione isostatica.

24 Alfonso Bosellini – I materiali della Terra solida - © Italo Bovolenta editore Il principio dell’isostasia L’isostasia è documentata da un esperimento fornitoci dalla natura stessa. Durante l’ultima glaciazione molti territori ad alte latitudini furono ricoperti da una coltre di ghiaccio e la crosta si depresse per l’enorme carico. Quando ritornò il clima caldo il ghiaccio mano a mano si sciolse e la crosta cominciò a sollevarsi per ritornare in equilibrio isostatico. Ghiacciaio Crosta Mantello


Scaricare ppt "Alfonso Bosellini I materiali della Terra solida."

Presentazioni simili


Annunci Google