La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

Diagramma delle Classi Il diagramma delle classi descrive le informazioni del processo; Esplicita le informazioni del processo, le loro proprietà e le.

Presentazioni simili


Presentazione sul tema: "Diagramma delle Classi Il diagramma delle classi descrive le informazioni del processo; Esplicita le informazioni del processo, le loro proprietà e le."— Transcript della presentazione:

1

2 Diagramma delle Classi Il diagramma delle classi descrive le informazioni del processo; Esplicita le informazioni del processo, le loro proprietà e le relazioni tra loro intercorrenti; Ha una corrispondenza naturale con lo schema concettuale del database che darà supporto all’automazione del processo;

3 Diagramma delle Classi Servono per definire/rappresentare le classi che compongono il sistema che si intende progettare Un diagramma delle classi specifica la struttura statica dell’applicazione  le classi  le associazioni tra classi, cioè le collaborazioni ed interazioni necessarie per realizzare i requisiti funzionali specificati nei diagrammi dei casi d’uso La specifica dell’aspetto dinamico della collaborazione (sequenza di invio di messaggi tra classi) viene espressa con i diagrammi di collaborazione e di sequenza

4 Diagramma delle Classi I diagrammi delle classi mostrano la struttura delle classi (attributi, operazioni, associazioni) del sistema o di sottosistemi e vengono utilizzati principalmente per:  documentare il sistema  descrivere le associazioni, generalizzazioni, aggregazioni tra le classi  descrivere gli attributi e le operazioni delle classi  specificare il modello implementativo delle classi e generare parte del codice del sistema  rappresentare sotto-sistemi esterni (ad esempio, librerie) e le loro relazioni con il sistema che si intende progettare  rappresentare istanze di oggetti  descrivere le interfacce esposte delle classi

5 Classe E’ la descrizione di un insieme di oggetti che condividono gli stessi attributi, metodi e relazioni ed è definita da: nome lista degli attributi lista delle operazioni

6 Attributi e operazioni Attributo : proprietà che caratterizza una classe, con un nome e un tipo (opzionale); una classe ha zero o più attributi; Operazione : servizio che può essere richiesto ad un oggetto della classe;

7 Esempio

8 Attributi Nomi che non sono diventati classi durante la definizione delle classi stesse Conoscenza del dominio applicativo - Persona (ambito bancario)‏ nome, cognome, codiceFiscale, numeroConto - Persona (ambito medico)‏ nome, cognome, allergie, peso, altezza

9 Attributi e Metodi: Visibilità  La visibilità determina disponibilità verso le altre classi: private (simbolo “-” o altri): visibile solamente all'interno della stessa classe protected (simbolo “#” o altri): visibile nella classe e nelle sue sottoclassi public (simbolo “+” o altri): visibile a tutte le classi associate Package (simbolo “ ~ ” o altri): visibile a tutte le classi presenti nello stesso package  per convenzione gli attributi sono private e le operazioni public  l’insieme delle operazioni visibili (esposte) di una classe è detto interfaccia delle classe

10 Modificabilità di un'associazione Modificabilità  la modificabilità di un’associazione è un vincolo che indica se l’istanza di una classe può aggiungere o cancellare istanze di una classe in relazione dal lato dell’associazione su cui il vincolo è indicato, dopo la creazione o l’inizializzazione dell’associazione stessa.  può assumere tre valori:  changeable (è il valore di default)  Frozen  addOnly

11 Ordinamento Associazione Ordinamento:  è un vincolo che specifica se le istanze destinazione di un’associazione con molteplicità maggiore di 1 debbano avere un determinato ordinamento  il criterio di ordinamento può essere definito con una nota

12 Percorrenza Associazione Percorrenza  indica il verso di percorrenza di un’associazione, cioè il verso di percorrenza dei messaggi che realizzano la collaborazione tra le classi che partecipano all’associazione  la percorrenza viene indicata con la freccia  un’associazione senza frecce indica una percorrenza bidirezionale: devono essere realizzati i messaggi in entrambi i versi

13 Package di una classe Il nome del package può comparire prima del nome della classe (separato da “::”) nel caso di una gerarchia di package (più package) ogni singolo nome di package deve essere separato da “::” il package è lo spazio dei nomi di una classe il nome di una classe deve essere univoco all’interno del suo spazio del nomi (cioè all’interno del package che la contiene) i nomi di package innestati diventano quindi dei path il path è utile quando si specificano classi di librerie esterne

14 Informazioni aggiuntive classe danno ulteriore informazione descrittiva della classe informazioni sull’autore, sulla data di creazione ed ultima modifica informazioni sullo stato della specifica (draft, finale, obsoleta, ecc.) informazioni booleane che vincolano l’uso della classe (per default tali proprietà sono tutte false):  isAbstract (classe che non può essere istanziata)  isLeaf (classe che non può essere specializzata, cioè sottotipizzata)  isRoot (classe che non può essere una specializzazione di un’altra) vengono visualizzate tra parentesi graffe sotto il nome della classe {autore=“Paolino Paperino”, dataCreazione=“21/10/2007”, isLeaf}

15 Relazioni tra Classi Tre sono i tipi principali di relazioni tra classi Associazione Generalizzazione Aggregazione/Composizione

16 Associazioni tra Classi Ogni associazione ha due estremità collegate alle classi dell’associazione Le estremità sono etichettate con molteplicità (indicano la cardinalità ma in modo opposto alla notazione di Entity-Relationship!)‏ Una estremità può essere etichettata con il ruolo (opzionale) che la classe assume nella associazione

17 Molteplicità (1)‏ La molteplicità dice: Se l’associazione è obbligatoria oppure no? Il numero minimo e massimo di oggetti che possono essere relazionati ad un altro oggetto

18 Molteplicità (2) Esattamente uno: 1 Zero o uno:0..1 Molti: 0..* Uno o più: 1..* Un numero specifico: 7 Un intervallo: Lista: 0..1, 3..4, 6..* Tutti i numeri eccetto 2 e 5

19 Ruolo Definisce il ruolo svolto nell’associazione

20 Associazioni tra Classi Le associazioni rappresentano collegamenti concettuali tra classi

21 Classi associazione Alcune proprietà potrebbero appartenere all’associazione e non alle parti coinvolte

22 Associazioni n-arie Nella maggior parte dei casi vengono definite associazioni binarie In UML è comunque possibile specificare associazioni n-arie La notazione fa uso del simbolo del rombo come centro di associazione

23 Generalizzazioni di Classi

24 Aggregazioni Le aggregazioni sono una forma particolare di associazione. Una parte è in relazione con un oggetto (part-of)‏

25 Composizioni Una relazione di composizione è un’aggregazione forte - Le parti componenti non esistono senza il contenitore

26 Interfaccia Un’interfaccia è una classe che  non ha attributi né istanze dirette (è astratta)  ha solamente operazioni non implementate (non ha metodi) Un’interfaccia deve essere realizzata (implementata) da una classe La notazione dell’interfaccia è il cerchio con etichetta

27 Linee guida per l’individuazione di Classi Candidate Per determinare se un concetto descritto nei requisiti è una classe candidata lo si può verificare rispetto a queste domande: il concetto è un “contenitore” di dati? possiede attributi che possono assumere valori distinti? potrebbe comprendere molti oggetti sue istanze? appartiene al contesto del processo in esame?

28 Esempi Identificazione delle classi candidate per il processo di acquisto on-line di un computer

29 Esempio Diagramma delle Classi per il processo di acquisto on-line di un computer

30 Esercizio 1 (Società indagini statistiche)

31 Class Diagram Azienda

32 Class Diagram Libreria

33 Riepilogo Rappresentazione Esterna Diagrammi dei casi d’uso: come il sistema si “mostra” all’utente (interno o esterno)‏ Rappresentazione Interna  Diagrammi delle classi: specifica della caratteristiche e delle corrispondenti relazioni tra gli insiemi informativi gestiti dal sistema.  Diagrammi di sequenza e di collaborazione: mostra esplicitamente la sequenza di messaggi che vengono scambiati tra gli attori del sistema e gli oggetti.  Diagrammi delle attività: specifica dei flussi di lavoro.  Diagrammi di stato: specifica degli stati in cui un oggetto (istanza di una classe) può venirsi a trovare durante il suo ciclo di vita


Scaricare ppt "Diagramma delle Classi Il diagramma delle classi descrive le informazioni del processo; Esplicita le informazioni del processo, le loro proprietà e le."

Presentazioni simili


Annunci Google