La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

Città Rete: Trasparenza e Legalità VENDITA DI PRODOTTI AGRICOLI I° Seminario su Il commercio su aree pubbliche Polizzi Generosa, 27 Marzo 2015.

Presentazioni simili


Presentazione sul tema: "Città Rete: Trasparenza e Legalità VENDITA DI PRODOTTI AGRICOLI I° Seminario su Il commercio su aree pubbliche Polizzi Generosa, 27 Marzo 2015."— Transcript della presentazione:

1 Città Rete: Trasparenza e Legalità VENDITA DI PRODOTTI AGRICOLI I° Seminario su Il commercio su aree pubbliche Polizzi Generosa, 27 Marzo 2015

2 CITTÀ A RETE: TRASPARENZA E LEGALITÀ I°Seminario- 27/03/ Decreto Legislativo 18 maggio 2001, n. 228 Orientamento e modernizzazione del settore agricolo, a norma dell'articolo 7 della legge 5 marzo 2001, n. 57 (G.U. n. 137 del 15 giugno s.o. n. 149)

3 L’art. 4 del d.lgs. 18 maggio 2001, n. 228, c.d. “legge di orientamento per il settore agricolo”, ha introdotto una nuova disciplina in materia di vendita diretta dei prodotti agricoli da parte degli imprenditori agricoli, prevedendo regole innovative in ordine agli aspetti procedurali ed ampliando la tipologia di prodotti che possono formare oggetto di detta attività, prima regolata dalla legge 9 febbraio 1963, n. 59 e successive modifiche. In sintesi, le principali innovazioni possono così riassumersi: 1. Possibilità per “gli imprenditori agricoli, singoli o associati” di esercitare la vendita diretta dei “prodotti provenienti in misura prevalente dalle rispettive aziende”.

4 2. Diritto di esercitare la vendita diretta “in tutto il territorio della Repubblica” “previa comunicazione”(ora SCIA) al Comune, “decorsi trenta giorni dal ricevimento della comunicazione”(ora immediatamente).

5 3. Possibilità di esercitare la vendita dei prodotti agricoli anche attraverso la modalità del “commercio elettronico”.

6 4. Estensione della disciplina prevista dall’art. 4 anche alla “vendita di prodotti derivati, ottenuti a seguito di attività di manipolazione o trasformazione dei prodotti agricoli e zootecnici”.

7 5. Conferma della specialità della normativa in materia di vendita diretta, cui “continuano a non applicarsi le disposizioni di cui al d.lgs. 31 marzo 1998, n. 114” sul commercio, salvo che “l’ammontare dei ricavi derivanti dalla vendita dei prodotti non provenienti dalla rispettive aziende nell’anno solare precedente sia superiore a lire 80 milioni (ora € ,00) per gli imprenditori individuali ovvero a lire 2 miliardi (ora 4 milioni di euro) per le società”

8 Art. 1. Imprenditore agricolo È imprenditore agricolo chi esercita una delle seguenti attività: Coltivazione del fondo Selvicoltura Allevamento di animali Attività connesse Per coltivazione del fondo, per selvicoltura e per allevamento di animali s'intendono le attività dirette alla cura ed allo sviluppo di un ciclo biologico o di una fase necessaria del ciclo stesso, di carattere vegetale o animale, che utilizzano o possono utilizzare il fondo, il bosco o le acque dolci, salmastre o marine. Sono considerate connesse le attività, esercitate dal medesimo imprenditore agricolo, dirette alla manipolazione, conservazione, trasformazione, commercializzazione e valorizzazione che abbiano ad oggetto prodotti ottenuti prevalentemente dalla coltivazione del fondo o del bosco o dall'allevamento di animali, nonché le attività dirette alla fornitura di beni o servizi mediante l'utilizzazione prevalente di attrezzature o risorse dell'azienda normalmente impegnate nell'attività agricola esercitata, ivi comprese le attività di valorizzazione del territorio e del patrimonio rurale e forestale, ovvero di ricezione ed ospitalità come definite dalla legge.

9 Art. 2. Iscrizione al registro delle imprese 1. L'iscrizione degli imprenditori agricoli, dei coltivatori diretti e delle società semplici esercenti attività agricola nella sezione speciale del registro delle imprese di cui all'articolo 2188 e seguenti del codice civile, oltre alle funzioni di certificazione anagrafica ed a quelle previste dalle leggi speciali, ha l'efficacia di cui all'articolo 2193 del codice civile. Risoluzione Ministero sviluppo economico dell’8 maggio 2014 Risoluzione n del 20 gennaio 2014

10 Art. 4. Esercizio dell'attività di vendita 1. Gli imprenditori agricoli, singoli o associati, iscritti nel registro delle imprese di cui all'art. 8 della legge 29 dicembre 1993, n. 580, possono vendere direttamente al dettaglio, in tutto il territorio della Repubblica, i prodotti provenienti in misura prevalente dalle rispettive aziende, osservate le disposizioni vigenti in materia di igiene e sanità.

11 2. La vendita diretta dei prodotti agricoli in forma itinerante è soggetta a comunicazione (ora SCIA) al comune del luogo ove ha sede l'azienda di produzione e può essere effettuata a decorrere dalla data di invio della medesima comunicazione. Per la vendita al dettaglio esercitata su superfici all’aperto nell’ambito dell’azienda agricola, nonché per la vendita esercitata in occasione di sagre, fiere, manifestazioni a carattere religioso, benefico o politico o di promozione dei prodotti tipici o locali, non è richiesta la comunicazione di inizio attività. Per la vendita al dettaglio esercitata su superfici all’aperto nell’ambito dell’azienda agricola, nonché per la vendita esercitata in occasione di sagre, fiere, manifestazioni a carattere religioso, benefico o politico o di promozione dei prodotti tipici o locali, non è richiesta la comunicazione di inizio attività. (comma così modificato dall'art. 2-quinquies, comma 1, legge n. 81 del 2006, poi dall'art. 27, comma 1, legge n. 35 del 2012, poi dall'art. 30-bis della legge n. 98 del 2013)dall'art. 27, comma 1, legge n. 35 del 2012

12 3. La comunicazione di cui al comma 2, oltre alle indicazioni delle generalità del richiedente, dell'iscrizione nel registro delle imprese e degli estremi di ubicazione dell'azienda, deve contenere la specificazione dei prodotti di cui s'intende praticare la vendita e delle modalità con cui si intende effettuarla, ivi compreso il commercio elettronico.

13 4. Qualora si intenda esercitare la vendita al dettaglio non in forma itinerante su aree pubbliche o in locali aperti al pubblico, la comunicazione è indirizzata al sindaco del comune in cui si intende esercitare la vendita. Per la vendita al dettaglio su aree pubbliche mediante l'utilizzo di un posteggio la comunicazione deve contenere la richiesta di assegnazione del posteggio medesimo, ai sensi dell'art. 28 del decreto legislativo 31 marzo 1998, n. 114.

14 Commercio Elettronico 4-bis. La vendita diretta mediante il commercio elettronico può essere iniziata contestualmente all’invio della comunicazione al comune del luogo ove ha sede l’azienda di produzione.La vendita diretta mediante il commercio elettronico (comma introdotto dall'art. 30-bis della legge n. 98 del 2013)

15 5. La presente disciplina si applica anche nel caso di vendita di prodotti derivati, ottenuti a seguito di attività di manipolazione o trasformazione dei prodotti agricoli e zootecnici, finalizzate al completo sfruttamento del ciclo produttivo dell'impresa.

16 6. Non possono esercitare l'attività di vendita diretta gli imprenditori agricoli, singoli o soci di società di persone e le persone giuridiche i cui amministratori abbiano riportato, nell'espletamento delle funzioni connesse alla carica ricoperta nella società, condanne con sentenza passata in giudicato, per delitti in materia di igiene e sanità o di frode nella preparazione degli alimenti nel quinquennio precedente all'inizio dell'esercizio dell'attività. Il divieto ha efficacia per un periodo di cinque anni dal passaggio in giudicato della sentenza di condanna.

17 7. Alla vendita diretta disciplinata dal presente decreto legislativo continuano a non applicarsi le disposizioni di cui al decreto legislativo 31 marzo 1998, n. 114, in conformità a quanto stabilito dall'articolo 4, comma 2, lettera d), del medesimo decreto legislativo n. 114 del 1998 (v. Circolare successiva)

18 CIRCOLARE Regionale 9 ottobre 2003, n. 8. Legge regionale 22 dicembre 1999, n. 28. Riforma della disciplina del commercio. Premessa Sono pervenuti a questa Amministrazione diversi quesiti circa alcune modalità applicative della legge regionale 22 dicembre 1999, n. 28, di riforma della disciplina del commercio. Al fine di assicurare uniformità di interpretazione e comportamento tra le amministrazioni comunali, si reputa opportuno fornire i seguenti chiarimenti in ordine alle sottoelencate problematiche. Art. 2, comma 2, lett. d), legge regionale n. 28/99. Produttori agricoli La norma in argomento prevede che nel territorio della Regione le disposizioni contenute nella legge regionale n. 28/99 non si applicano ai produttori agricoli, singoli o associati, i quali esercitano attività di vendita di prodotti agricoli nei limiti di cui all'art del codice civile, alla legge 25 marzo 1959, n. 125 e successive modificazioni, e alla legge 9 febbraio 1963, n. 59 e successive modificazioni, a condizione che l'attività di vendita per il tipo di organizzazione e le modalità di esercizio, sia accessoria e strettamente connessa all'attività agricola.

19 Con il decreto legislativo 18 maggio 2001, n. 228, avente ad oggetto: orientamento e modernizzazione del settore agricolo, a norma dell'art. 7 della legge 5 marzo 2001, n. 57, è stato sostituito il contenuto dell'art del codice civile con la ridefinizione dell'imprenditore agricolo e delle attività che possono essere svolte dal medesimo. nel caso di attività di vendita svolta da imprenditori agricoli e loro associati occorre fare riferimento al predetto decreto e non più alla legge n. 59/63. Pertanto, nel caso di attività di vendita svolta da imprenditori agricoli e loro associati occorre fare riferimento al predetto decreto e non più alla legge n. 59/63. CIRCOLARE 9 ottobre 2003, n. 8. Legge regionale 22 dicembre 1999, n. 28. Riforma della disciplina del commercio. L’art. 24 del D.L. 25/06/2008 n. 112, con decorrenza , ha abrogato la L. n.59/1963 (all. A 7)

20 Si ritiene, infatti, che il predetto decreto legislativo in virtù del rinvio dinamico alla normativa nazionale previsto dalla legge regionale n. 28/99 trovi applicazione nel territorio della Regione siciliana. In ordine ai requisiti previsti per l'esercizio della suddetta attività si richiama, in particolare, il parere del MAP prot. n del 5 febbraio Con il suddetto parere il Ministero, sebbene confermi che il predetto decreto legislativo n. 228, nel prevedere l'istituto della comunicazione non fa esplicito richiamo al possesso dei requisiti dei locali nei quali esercitare, al rispetto dei regolamenti di polizia urbana annonaria ed igienico-sanitaria, ai regolamenti edilizi e alle norme urbanistiche, nonché quelle relative alla destinazione d'uso degli stessi, ritiene comunque che il rispetto dei predetti requisiti è imprescindibile ove i medesimi facciano riferimento all'esercizio dell'attività commerciale. CIRCOLARE 9 ottobre 2003, n. 8. Legge regionale 22 dicembre 1999, n. 28. Riforma della disciplina del commercio.

21 8. Qualora l'ammontare dei ricavi derivanti dalla vendita dei prodotti non provenienti dalle rispettive aziende nell'anno solare precedente sia superiore a 160 mila euro per gli imprenditori individuali ovvero a 4 milioni di euro per le società, si applicano le disposizioni del citato decreto legislativo n. 114 del (comma così modificato dall'art. 1, comma 1064, legge n. 296 del 2006)

22 8-bis. In conformità a quanto previsto dall’articolo 34 del decreto-legge 6 dicembre 2011, n. 201, convertito, con modificazioni, dalla legge 22 dicembre 2011, n. 214, nell’ambito dell’esercizio della vendita diretta è consentito il consumo immediato dei prodotti oggetto di vendita, utilizzando i locali e gli arredi nella disponibilità dell’imprenditore agricolo, con l’esclusione del servizio assistito di somministrazione e con l’osservanza delle prescrizioni generali di carattere igienico-sanitario. (comma aggiunto dall'art. 30-bis della legge n. 98 del 2013)

23 8-ter. L’attività di vendita diretta dei prodotti agricoli ai sensi del presente articolo non comporta cambio di destinazione d’uso dei locali ove si svolge la vendita e può esercitarsi su tutto il territorio comunale a prescindere dalla destinazione urbanistica della zona in cui sono ubicati i locali a ciò destinati. (comma aggiunto dall'art. 30-bis della legge n. 98 del 2013)

24 I Controlli sulle imprese agricole con la pubblicazione della legge 11 agosto 2014, n. 116 di conversione al D.L. n. 91/2014 cambia lo scenario dei controlli sulle imprese agricole.legge 11 agosto 2014, n. 116 di conversione al D.L. n. 91/2014 Inoltre, viene isituito il registro unico dei controlli sulle imprese agricole e introdotto l'istituto della diffida

25 Per informazioni e contatti: Mario Serio Per informazioni e contatti: Mario Serio, COMUNE DI SCLAFANI BAGNI, Cellulare


Scaricare ppt "Città Rete: Trasparenza e Legalità VENDITA DI PRODOTTI AGRICOLI I° Seminario su Il commercio su aree pubbliche Polizzi Generosa, 27 Marzo 2015."

Presentazioni simili


Annunci Google