La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

1 La Text Encoding Initiative (TEI). 2 La TEI perchè  Proliferazione degli schemi di codifica  Difficoltà per il mondo umanistico ad avere visibilità.

Presentazioni simili


Presentazione sul tema: "1 La Text Encoding Initiative (TEI). 2 La TEI perchè  Proliferazione degli schemi di codifica  Difficoltà per il mondo umanistico ad avere visibilità."— Transcript della presentazione:

1 1 La Text Encoding Initiative (TEI)

2 2 La TEI perchè  Proliferazione degli schemi di codifica  Difficoltà per il mondo umanistico ad avere visibilità informatica  Confrontabilità dei dati

3 3 La TEI quando  nata nel 1986  2000 trasformazione in consorzio

4 4 La TEI chi  Un gruppo internazionale di studiosi  Association for Computing and the Humanities (ACH)  Association for Computational Linguistic (ACL)  Association for Literary and Linguistic Computing (ALLC)

5 5 La TEI oggi  sede legale presso l’CNRS di Nancy in Francia  Università di Oxford  Brown University  Università della Virginia.

6 6 La TEI cosa  maggio 1994 pubblicazione della prima versione completa e stabile delle Guidelines for Text Encoding and Interchange (TEI P3).  SGML  2000 TEI P4  SGML/XML  2006? TEI P5  XML (schema)  Il sito:

7 7 La codifica TEI  predilezione per un markup di tipo dichiarativo-strutturale  anche dei marcatori più specifici o procedurali, utilizzabili quando la scelta del markup descrittivo non è praticabile senza introdurre problemi

8 8 Le Guidelines   fornire un formato standard per l’interscambio di informazioni  fornire una guida per la codifica in questo formato  supportare la codifica di tutti i tipi di caratteristiche di ogni genere di testo  essere indipendente dalle applicazioni Ergo 

9 9  la scelta di SGML, XML e ISO 646 (P5: UTF-8)  la preparazione di un ampio set di tag predefiniti  la distinzione fra codifica richiesta, raccomandata e opzionale  la codifica per diverse interpretazioni del testo  la presenza di codifiche alternative per la stessa caratteristica testuale  la creazione di un sistema per estensioni dello schema definite dall’utente

10 10 le Guidelines non danno suggerimenti o restrizioni quanto all’importanza relativa delle caratteristiche del testo. La filosofia delle Guidelines è “se vuoi codificare questa caratteristica, fallo in questo modo”. Poche delle indicazioni sono vincolanti a priori.

11 11 Struttura della DTD TEI  insiemi di elementi generici che possono comparire in ogni tipo di testo (core tag sets)  insiemi di elementi specifici per vari tipi fondamentali di documenti: testo in prosa, testo in versi, testo drammatico, dizionari o trascrizione di registrazioni verbali (base tag sets)  insiemi di elementi per la rappresentazioni di caratteristiche evidenziate da particolari prospettive analitiche ed applicazioni specializzate: codifica di fonti primarie (manoscritti) e di apparati di varianti, codifica di strutture morfosintattiche, rappresentazione di strutture interpretative profonde, rappresentazione di strutture ipertestuali (additional tag sets)  insiemi di elementi per esigenze di codifica ausiliarie e specializzate, come la documentazione dello schema di codifica, o la dichiarazione di particolari sistemi di scrittura (auxiliary DTD).

12 12 Le “viste”  Un utente può costruire la propria “vista” (view) della DTD combinando l’insieme degli elementi che ritiene di dover utilizzare nel proprio lavoro  La DTD TEI è modulare e parametrizzata, vale a dire che raggruppa gli elementi, gli attributi e persino i content models (o porzioni degli stessi), in classi

13 13 Parametrizzata ≠ compilata 1. Di più facile manutenzione 2. Di più difficile lettura 3. Di più facile implementazione 4. Di più difficile comprensione

14 14 L’elemento ]]>

15 15 L’elemento, ancora...

16 16 Compilare le DTD  Cosa mettiamo nella pizza?

17 17 Progetti che usano TEI  Elenco TEI Elenco TEI  Biblioteca Italiana Biblioteca Italiana  Laboratori Linguistica Laboratori Linguistica  Bivio Bivio

18 18 TEI Lite   In italiano:  Una “vista” adatta a tutti i gusti (più o meno…)  Un sottoinsieme ragionato della DTD estesa  Adatta per le esigenze poste da progetti di codifica di corpus testuali e dalle creazioni di vasti archivi documentali  È meno adeguata per la codifica di testi a fini di ricerca specifica

19 19 I metadati: il teiHeader  il tipo di testo codificato  la fonte  il tipo di codifica adottato  il responsabile della codifica  le successive revisioni del testo.

20 20 4 parti  una descrizione del file, marcata  OBBLIGATORIO  una descrizione della codifica, marcata  un profilo del testo, marcato  una cronologia delle revisioni, marcata

21 21 Il minimo… Il Canzoniere di Petrarca: versione elettronica Università degli Studi di Pisa Testo esemplato sull'edizione critica curata da G. Contini

22 22 Il teiHeader Un esempio complesso: Edizione critica del primo atto della ToscaEdizione critica del primo atto della Tosca

23 23 Il teiHeader: elementi fondamentali (per l’esame)  Titolo del documento, autore, responsabile della codifica:  Responsabile della distribuzione del documento  Descrizione della fonte  Descrizione delle lingue del testo:  Storia del documento

24 24 Testi unitari e testi compositi  Testo unitario: Promessi Sposi  Testo composito: Opere complete di Giordano Bruno  Testo ???: antologia

25 25 Struttura testi TEI  contiene un singolo testo di qualsiasi tipo, unitario o composito, per esempio una poesia, un testo drammatico, una raccolta di saggi, un romanzo, un dizionario, un corpus.  contiene qualsiasi materiale prefatorio (intestazione, frontespizio, prefazioni, dedicatorie, ecc.) che si incontra prima dell’inizio del testo vero e proprio.  contiene il corpo di un singolo testo unitario, escluso qualsiasi materiale preliminare o finale.  contiene qualsiasi tipo di appendici, indici, ecc. che seguono la parte principale del testo.  contiene il corpo di un testo composito, raggruppando sequenze di testi distinti, che sono considerabili in ogni caso come legati fra di loro (ad esempio la raccolta delle opere di un autore, una sequenza di saggi, ecc). L’elemento deve contenere almeno un elemento, a sua volta contenente almeno l’elemento ed eventualmente gli elementi e.

26 26 Struttura testo unitario

27 27 Struttura testo composito

28 28 Modello di codifica 1. Testo in prosa 2. Possibilità di collegare parti diverse 3. Inserimento di immagini 4. Marcatura di nomi di persona, di luogo, date 5. Analisi linguistica

29 29 Modello di codifica: vista TEI Es:


Scaricare ppt "1 La Text Encoding Initiative (TEI). 2 La TEI perchè  Proliferazione degli schemi di codifica  Difficoltà per il mondo umanistico ad avere visibilità."

Presentazioni simili


Annunci Google