La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

TITOLO 3 CONSOLIDAMENTO DEI CONTI PUBBLICI CAPO V MISURE PER LA RIDUZIONE DEL DEBITO PUBBLICO 5 dicembre 2011 Testo provvisiorio 9.7 DECRETO MONTI.

Presentazioni simili


Presentazione sul tema: "TITOLO 3 CONSOLIDAMENTO DEI CONTI PUBBLICI CAPO V MISURE PER LA RIDUZIONE DEL DEBITO PUBBLICO 5 dicembre 2011 Testo provvisiorio 9.7 DECRETO MONTI."— Transcript della presentazione:

1 TITOLO 3 CONSOLIDAMENTO DEI CONTI PUBBLICI CAPO V MISURE PER LA RIDUZIONE DEL DEBITO PUBBLICO 5 dicembre 2011 Testo provvisiorio 9.7 DECRETO MONTI

2 Indice 2 Art. 25. Riduzione del debito pubblico Art. 26. Prescrizione anticipata delle lire in circolazione Art. 27. Dismissioni immobili 5 dicembre 2011Testo provvisorio

3 Art. 25 Riduzione del debito pubblico La quota pari al 90 per cento dei proventi di cui al decreto-legge 20 maggio 2010, n. 72, convertito, con modificazioni, dalla legge 19 luglio 2010, n. 111, al netto degli importi riassegnati per essere destinati al rimborso dei crediti di cui allarticolo 2, comma 3, del predetto decreto- legge, è versata allentrata del bilancio dello Stato per essere destinata al Fondo per lammortamento dei titoli di Stato di cui allarticolo 2, comma 1, della legge 27 ottobre 1993, n dicembre 2011Testo provvisorio

4 Art. 26 Prescrizione anticipata delle lire in circolazione In deroga alle disposizioni di cui allarticolo 3, commi 1 ed 1 bis, della legge 7 aprile 1997, n. 96, e allarticolo 52-ter, commi 1 ed 1 bis, del decreto legislativo 24 giugno 1998, n. 213, le banconote, i biglietti e le monete in lire ancora in circolazione si prescrivono a favore dellErario con decorrenza immediata ed il relativo controvalore è versato allentrata del bilancio dello Stato per essere riassegnato al Fondo ammortamento dei titoli di Stato 4 5 dicembre 2011Testo provvisorio

5 Art. 27 Dismissioni immobili 5 1.Valorizzazione dei beni pubblici anche attraverso strumenti societari Art. 33 bis (Strumenti sussidiari per la gestione degli immobili pubblici Il Ministero dellEconomia e delle Finanze – Agenzia del demanio, promuove iniziative idonee per la costituzione, senza nuovi o maggiori oneri per la finanza pubblica, di società, consorzi o fondi immobiliari Qualora le iniziative di cui al presente articolo prevedano forme societarie, ad esse partecipano i soggetti apportanti e il Ministero delleconomia e delle finanze – Agenzia del demanio, che aderisce anche nel caso in cui non vi siano inclusi beni di proprietà dello Stato in qualità di finanziatore e di struttura tecnica di supporto. LAgenzia del demanio individua, attraverso procedure di evidenza pubblica, gli eventuali soggetti privati partecipanti 5 dicembre 2011Testo provvisorio

6 Art. 27 Dismissioni immobili 6 Per procedere al riordino, gestione e valorizzazione del patrimonio immobiliare degli Enti territoriali, nonché di società o enti a totale partecipazione degli stessi, con delibera dell'organo di Governo, vengono individuati i singoli beni immobili ricadenti nel territorio di competenza, non strumentali all'esercizio delle proprie funzioni istituzionali, suscettibili di valorizzazione ovvero di dismissione. Viene così redatto il piano delle alienazioni e valorizzazioni immobiliari Linserimento degli immobili nel piano ne determina la conseguente classificazione come patrimonio disponibile, fatto salvo il rispetto delle tutele ambientali e paesaggistiche 5 dicembre 2011Testo provvisorio

7 Art. 27 Dismissioni immobili 7 2.Valorizzazione economica e sociale degli immobili pubblici attraverso programmi unitari di valorizzazione territoriale con gli enti territoriali Art. 3 ter Processo di valorizzazione degli immobili pubblici Lattività dei Comuni, Città metropolitane, Province, Regioni e dello Stato, anche ai fini dellattuazione del presente articolo, si ispira ai principi di cooperazione istituzionale e di copianificazione Al fine di contribuire alla stabilizzazione finanziaria il Presidente della Giunta regionale, dintesa con la Provincia e gli entilocali interessati, promuove la formazione di programmi unitari di valorizzazione territoriale per il riutilizzo funzionale e la rigenerazione degli immobili di proprietà della Regione stessa, della Provincia e degli enti locali e di ogni soggetto pubblico, anche statale, proprietario, detentore o gestore di immobili pubblici, nonché degli immobili oggetto di procedure di valorizzazione

8 Art. 27 Dismissioni immobili 8 Nel rispetto dei principi di sussidiarietà, differenziazione e adeguatezza, nonché di leale collaborazione tra le istituzioni, lo Stato partecipa ai programmi coinvolgendo tutte le Amministrazioni statali competenti Il Ministero delleconomia e finanze – Agenzia del demanio e le strutture tecniche della Regione e degli enti territoriali e locali interessati possono individuare le azioni, gli strumenti, le risorse, con particolare riguardo a quelle potenzialmente derivanti dalla valorizzazione del patrimonio immobiliare pubblico, che saranno oggetto di sviluppo nellambito dei programmi unitari di valorizzazione territoriale I programmi unitari di valorizzazione territoriale sono finalizzati ad avviare, attuare e concludere un processo di valorizzazione unico dei predetti immobili in coerenza con gli indirizzi di sviluppo territoriale e con la programmazione economica che possa costituire, nellambito del contesto economico e sociale di riferimento, elemento di stimolo ed attrazione di interventi di sviluppo sostenibile locale, nonché per incrementare le dotazioni di servizi pubblici locali e di quelle relative allabitare 5 dicembre 2011Testo provvisorio

9 Art. 27 Dismissioni immobili 9 Il Presidente della Giunta regionale, nel caso in cui sia necessario riconfigurare gli strumenti territoriali e urbanistici per dare attuazione ai programmi di valorizzazione, promuove la sottoscrizione di un accordo di programma; inoltre, in base alla relativa legge regionale di regolamentazione della volontà dei soggetti esponenziali del territorio, si procede alla variazione di detti strumenti di pianificazione Nellambito dellaccordo di programma può essere attribuita agli enti locali interessati dal procedimento una quota compresa tra il 5% e il 15% del ricavato della vendita degli immobili valorizzati se di proprietà dello Stato da corrispondersi a richiesta dellente locale interessato, in tutto o in parte, anche come quota parte dei beni oggetto del processo di valorizzazione Qualora tali immobili, ai fini di una loro valorizzazione, siano oggetto di concessione o locazione onerosa, allAmministrazione comunale è riconosciuta una somma non inferiore al 50% e non superiore al 100% del contributo di costruzione che il concessionario o il locatario corrisponde allatto del rilascio o dellefficacia del titolo abilitativo edilizio 5 dicembre 2011Testo provvisorio

10 Art. 27 Dismissioni immobili 10 Il Presidente della Giunta Regionale, le Provincie e gli Enti locali, ovvero lAmministrazione promuovente per lattuazione dei processi di valorizzazione, possono concludere uno o più accordi di cooperazione con il Ministero per i beni e le attività culturali Gli organi periferici dello Stato, preposti alla valutazione delle tutele di natura storico - architettonica e paesaggistico - ambientale si esprimono nellambito del suddetto accordo Per il finanziamento degli studi di fattibilità e delle azioni di supporto dei programmi unitari di valorizzazione territoriale, lAgenzia del demanio, anche in cofinanziamento con la Regione, le Province e gli Enti locali, può provvedere a valere sui propri utili di gestione ovvero sul capitolo relativo alle somme da attribuire allAgenzia del demanio per lacquisto dei beni immobili, per la manutenzione, la ristrutturazione, il risanamento e la valorizzazione dei beni del demanio e del patrimonio immobiliare statale, nonché per gli interventi sugli immobili confiscati alla criminalità organizzata 5 dicembre 2011Testo provvisorio

11 Art. 27 Dismissioni immobili 11 Per la valorizzazione degli immobili in uso al Ministero della difesa, lo stesso Ministro, previa intesa con il Presidente della Giunta regionale o il Presidente della Provincia, nonché con gli Organi di governo degli EE.LL., provvede alla individuazione delle ipotesi di destinazioni duso da attribuire agli immobili stessi, in coerenza con quanto previsto dagli strumenti territoriali e urbanistici Per garantire la conservazione, il recupero e il riutilizzo degli immobili non necessari in via temporanea alle finalità di difesa dello Stato è consentito lutilizzo dello strumento della concessione di valorizzazione 5 dicembre 2011Testo provvisorio


Scaricare ppt "TITOLO 3 CONSOLIDAMENTO DEI CONTI PUBBLICI CAPO V MISURE PER LA RIDUZIONE DEL DEBITO PUBBLICO 5 dicembre 2011 Testo provvisiorio 9.7 DECRETO MONTI."

Presentazioni simili


Annunci Google