La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

Controllo dei Server e dei Servizi con MOM 2005 PierGiorgio Malusardi Evangelist – IT Professional Microsoft.

Presentazioni simili


Presentazione sul tema: "Controllo dei Server e dei Servizi con MOM 2005 PierGiorgio Malusardi Evangelist – IT Professional Microsoft."— Transcript della presentazione:

1 Controllo dei Server e dei Servizi con MOM 2005 PierGiorgio Malusardi Evangelist – IT Professional Microsoft

2 Agenda Funzioni chiave Architettura e Internals Estensibilità

3 MOM 2005 Funzioni Chiave Gestione degli Eventi e delle Prestazioni –Raccolta degli Eventi a livello Enterprise –Consolidamento e Filtri basati su Regole –Risposta Proattiva agli Alert Controllo di Applicazioni e Servizi –Libreria di Regole –Knowledge-base inserita nel prodotto Automatizzazione –dei Task –con Script –della Diagnostica Rapportistica –Rapporti basati su Web –Pubblicazione Programmata dei Report Pronto per lEnterprise –Console Centralizzata –Viste Topologiche –Estensibile con MCF

4 MOM 2005 Architettura Management Server Database MOM Data Warehouse MOM Console per Report Console Operatore Console Amministrativa Agenti MOM MOM 2005 Management Group Configuration group = Management Group DCAM = MOM Management Server Zone Config Group = Source Mgmt Group Master Config Group = Destination Mgmt Group SQL Server Reporting Services

5 Canali di Comunicazione Canali di Comunicazione tra Agent e Consolidator –Regole e Configurazione dellAgent verso il basso –Dati e heartbeat Verso lalto Su socket TCP/IP sockets con porta definita (default 1270) Heartbeat su UDP: indica lo stato in vita Servizi Forniti –Trasporto Sicuro –Buffering dei Dati da trasmettere –Consegna Immediata degli Alert –Consegna dei Dati Assicurata Dati scartati solo dopo ack del Management Server Ripetizione Automatica Fail Over su altri Management Servers e Fail back –In ambienti AD, Criptatura e pacchetti firmati Comunicazione sempre iniziata dallagent

6 Database Il database di MOM è una singola sorgente autoritativa di tutta la configurazione di un Management Group –Regole, Overrides –Scripts –Attributi dei Computer –Viste –Configurazioni dei Server e Agent MOM –Gruppi di Computer Nidificati –Schema Estensibile per Classi, Attributi e Associazioni

7 Database Il Database di MOM è anche il magazzino aggregato di tutti i dati raccolti –Eventi –Alert –Campionamenti di Performance –Dati di Scoperta Le tabelle grandi sono partizionate per data per migliorare le prestazioni Supporta SQL Server 2000, MSDE Supporta SQL Server in Cluster, istanze multiple di SQL Server e SAN

8 Console di Gestione Console delloperatore –Per creare e vedere viste, Aggiornare Alerts Viste personalizzabili Le viste possono essere organizzate in gerarchie Azioni sensibili al contesto –Viste multi-pannello Console Amministrativa –Uno Snapin per ogni management group –Nodo delle Regole – Per creare, vedere, modificare Regole di Export/Import rules –Nodo di Configurazione – Per configurare MOM Console Web

9 I componenti di MOM 2005I componenti di MOM 2005 demo demo

10 Sicurezza Sicurezza Basata sui Ruoli –MOM Users – Possono solo vedere i data e risolvere gli alert –MOM Authors – Possono creare le regole –MOM Admins – Possono fare qualsiasi cosa, compreso configurare MOM Account di Servizio –Gli Agenti e i Servizi Mom girano come Local System/Network Service –LAction Manager può girare usando un account di servizio di dominio –LAction Manager sui Management Server richiede accesso ammnistrativo per la gestione dei nodi durante le fasi di installazioni/disinstallazione degli agent –DAS richiede laccesso al DB Se non cè mutua autenticazione gli agent possono essere in foreste non trustate, in workgroup, oltre firewall Con Active Directory, operazioni completamente sicure possono essere stabilite tra foreste in trust

11 Regole: Unità di Istruzione/Policy Regole per Eventi –Regole di Collezione –Regole di Filtro –Regole per mancanza di Eventi –Regole per Consolidamento –Sopressione di Alert Duplicati Regole di Performance –Misurazione –Limiti Regole di Alert Regole Provider NT event log NT event log Perfmon data Perfmon data WMI WMI SNMP SNMP Log files Log files Syslog Syslog CriteriRisposta Alert Alert Script Script SNMP trap SNMP trap Pager Pager Task Task Managed Code Managed Code File Transfer File Transfer Where source=DCOM and Event ID=1006 Where source=DCOM and Event ID=1006 Conoscenza Product Knowledge Product Knowledge Links to Vendor Links to Vendor Company Knowledge Company Knowledge Links to Centralized Company knowledge Links to Centralized Company knowledge

12 Gruppi di Computer Nidificati Gruppi di Computer contengono Computer –Nidificati – Contengono altri Gruppi di Computer –Poliarchia – Gruppi di Computer o Singoli Computer possono avere più genitori –Dinamici Basati su Wildcard/Regular expression su Domin o Nome Macchina Basati su Formule che usano Attributi Basati su linclusione in altri gruppi –Statici Basati su liste per Inclusione/Esclusione Il Ricalcolo dellappartenenza ai gruppi è continua, in fase di aggiornamento dei dati di discovery Applicazioni –Target per Regole –Rollup –Scope –Viste –Target per Override

13 Scoperta di Servizi Applicazioni –Raccolta di Configurazioni e Inventario –Controllo dello Stato –Viste Topologiche –Creazione di Gruppi Dinamici –Creazione di Bersagli per Operazioni Schema –Classi (es. Ruolo SQL Server) Chiave Primaria ( es. SQLInstanceName) Proprietà non chiave (es. Dimensione) Attributi di Stato (es. IsHeartbeating) –Relazioni (es. Replicati) Proprietà Source Class (es. DC) Proprietà Target Class (es. DC) Tipo (es. containment)

14 Controllo di Stato e Topologia Basato sulla Scoperta di Servizi Classe Alert estesa –Punta una specifica istanza di unentità –Stato attuale del problema (indica investigate/active/inactive) –La sopressione degli alert duplicati aggiorna lo stato del problema Lo sviluppo di Management Pack per il controllo dello stato è semplificato da –Regole Avanzate di Soglia (Threshold Rule) –Cambio di stato dei servizi in seguito a eventi interni –Supporto di Script per la generazione di alert Risoluzione Automatica per Alert Inattivi Compatibilià allindietro – le vecchie regole mostrano sempre investigate per richiedere lintervento delloperatore

15 Regole State Alert Le regole State Alert consentono di generare Alert per Regole di Evento e di Performance Specificano: –Ruolo –Instanza –Componenti

16 Task Creati dallutente o Importati con i Management Pack Puntano ai target ed eseguono azioni immediatamente Console delle Operazioni –Gira nel contesto utente –Parametri presi dagli item selezionati nella UI –Azioni appropriate con uso intensivo di UI: es. Avvio di Enterprise Manager Operazioni a Runtime –Avviano Cmd, Script, Managed code –Girano nel contesto dellaction account –Puntano ad una specifica classe: es. drives –Selezionte da uno o più target: es. computer –Girano solo lato Agent, solo lato Management Server, o come più appropriato –Eventi di stato per start, successo o fallimento –Evento contiene lo stdout

17 Flusso Dati per Server Discovery e Agent InstallConsole Agent Nuovo Server Agent 1. 1.Nuovo server aggiunto al Dominio 2. 2.Discovery Programmata/Manuale trova il nuovo computer e lo rende persistente nel DB 3. 3.Se limpostazione è Agent Managed: il Management Server installa lagent 4. 4.LAgent si avvia e richiede le regole al Management Server 5. 5.Agent prende la regola di computer attribute durante questa fase di discovery 6. 6.Gli attributi sono aggiunti al DB; In base agli attributi il computer è aggiunto ad uno o più gruppi 7. 7.Management Server verifica ancora la configurazione. Questa volta fornisce regole più appropriate per lagent in base agli attributi Agent richiede la configurazione e prende le regole del Management Pack Agent spedisce i dati di Discovery DataBase è Aggiornato MOM DB ? Management Server

18 Creazione di Gruppi di Computer e assegnazione di RegoleCreazione di Gruppi di Computer e assegnazione di Regole demo demo

19 Agentless Monitoring I nodi gestiti possono essere con Agent o Senza Agent Le funzionalità dellAgent sono fornite dal Management Server Non supportato –File transfer –Script e Managed code, a meno che il codice non supporti inerentemente la remotizzazione Agentless monitoring supporta il monitoring di Windows NT4 Le regole destinate ai nodi agentless, sono mandate allAgent locale Tutte le operazioni a livello di Local Agent sono isolate in base al nodo Le azioni sono avviate, e i dati raccolti, remotamente Quando sottomette i dati il proxy agent modifica in modo appropriato il nome della sorgente

20 Overrides Meccanismo per specializzare le regole in modo gestibile Coppia Nome-Valore assegnati in modo univoco al computer Tipi di Override –Rule Disable – tutte le regole –Performance measuring rule threshold – regole di prestazione –Script parameter – tutte le regole che hanno uno script in risposta Overrides targeting –Computer o Gruppi di Computer possono essere i target –Lista ordinata per priorità definisce come risolvere i conflitti Il risultato è un insieme di regole specializzate Esposti nella UI e in SDK

21 Heartbeat Gli Agent spediscono heartbeat come pacchetti UDP: 1270 (porta modificabile) Estremamente leggero In assenza di Heartbeats per un periodo definito il Management Server inizia una verica attiva. Errori categorizzati come Server Down o Service Down Generato un Alert Service Unavailable dopo un intervallo definto I Nodi possono essere configurati per ignorare errori di heartbeat per situazioni speciali Meccanismo fornito per –Nodi Agent Managed ( Agent mand Heartbeats) –Nodi Agentless (Management Server pinga i nodi) –Windows Server Cluster (Agent manda gli HB in luogo del Virtual Server)

22 Multilivello Il forward di Alert è rimpiazzato da MMPC – MOM to MOM Connector Alert e i Dati di discovery sono rediretti Alert possono essere rediretti come intere collezioni o selettivamente, in dipendenza delle Regole di Alert Possibile alert synchronization o send and forget Funzionano –Viste di Stato e Topologie –Viste di Alert –Viste di Computer –Apparteneza a Gruppi di Computer Non Funzionano –Operazioni –Viste di Event –Viste di Performance

23 MOM e Management Systems di terze parti Management System di terze parti es. Tivoli, Openview, etc. MCF Product Connector MCF Web Service MCF Management Pack MOM 2005 Management Group Connettori disponibili nel Resource Kit Tivoli TEC HPOVO HP NNM

24 MOM 2005 Workgroup Edition MOM 2005 per piccoli ambienti (fino a 10 server) –Piccoli datacenter –Ambienti di test Vantaggi di MOM 2005 Workgroup –Semplicità di installazione (management pack pre- installate) –Upgrade semplice a MOM 2005 FeatureMOM 2005 Workgroup Edition MOM 2005 Server Multipli NoYes Reporting NoYes MOM Connector Framework NoYes Numero massimo di server gestiti Numero massimo di server gestiti per configuration group N/A4000

25 Risorse Informazioni du MOM –http://www.microsoft.com/mom/ Management Pack –http://www.microsoft.com/mom/downloads/managementpacks/ MCF –http://www.microsoft.com/mom/evaluation/mcf/ SDK –http://www.microsoft.com/mom/downloads/sdk/ Service Monitoring Solution Accelerator –http://www.microsoft.com/business/reducecosts/efficiency/manageability/ monitoring.mspx Community –http://www.microsoft.com/mom/community/ Partner per MOM –http://www.microsoft.com/management/mma

26 Community Microsoft Community Resources Non-Microsoft Community Resources Newsgroups Converse online with Microsoft Newsgroups, including Worldwide User Groups Meet and learn with your peers Attend a free chat Attend a free web cast Most Valuable Professional (MVP)

27


Scaricare ppt "Controllo dei Server e dei Servizi con MOM 2005 PierGiorgio Malusardi Evangelist – IT Professional Microsoft."

Presentazioni simili


Annunci Google