La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

LECCE 14.07.06 1 IL CICLO DEI PROGRAMMI DI COESIONE 2007-2013 POSTIT II.

Presentazioni simili


Presentazione sul tema: "LECCE 14.07.06 1 IL CICLO DEI PROGRAMMI DI COESIONE 2007-2013 POSTIT II."— Transcript della presentazione:

1 LECCE IL CICLO DEI PROGRAMMI DI COESIONE POSTIT II

2 LECCE LE NUOVE OPPORTUNITA PER I COMUNI A) CIRCA LA PROGRAMMAZIONE - unica politica di coesione, comunitaria e nazionale, attraverso il QSN e il DSR - rafforzamento del partenariato istituzionale - il focus dello SVILUPPO URBANO

3 LECCE LE NUOVE OPPORTUNITA PER I COMUNI B) CIRCA LA GESTIONE DEI PROGRAMMI Possibilità della DELEGA di funzioni gestionali di una parte del PO tramite gli istituti: - ORGANISMO INTERMEDIO - SOTTODELEGA alle AUTORITA URBANE - SOVVENZIONE GLOBALE

4 LECCE FORME DI GESTIONE DEI PO 1. A titolarità o a regia regionale; 2. a bando; 3. tramite distribuzione di risorse a determinati soggetti secondo parametri automatici 4. tramite decentramento mirato ossia delega di funzioni a determinati territori/città da indicare nel programma operativo

5 LECCE GLI ORGANISMI INTERMEDI Gli ORGANISMI INTERMEDI sono soggetti, pubblici o privati, delegati a svolgere funzioni della AdG o di Certificazione del Programma Operativo. Quando dette funzioni riguardino la gestione di una parte del PO, allOrganismo Intermedio delegato è conferita una SOVVENZIONE GLOBALE tramite apposita Convenzione/APQ con la Regione.

6 LECCE GLI ORGANISMI INTERMEDI Requisiti e Condizioni I REQUISITI e le CONDIZIONI per la scelta degli O.I. variano a seconda della complessità della delega, massima se associata alla Sovvenzione Globale (S.G.) I Requisiti base, relativi alla separazione delle funzioni amministrative (artt.57, 58, 60 Reg.Gen.), devono essere integrati dalla capacità di solvibilità nel caso della S.G.

7 LECCE GLI ORGANISMI INTERMEDI Requisiti e Condizioni Le Condizioni per gli EE.LL, singoli o associati, o di loro soggetti strumentali (STU,…), di accedervi riposano solo sulla impostazione del PO FESR, e del PO FSE, di farvi ricorso per la realizzazione delle strategie del PO, e si concretizzano con le designazioni nello stesso ( §.2 art.58), a seguito di intese (APQ/SAR/Convenzioni).

8 LECCE IL DOCUMENTO STATEGICO REGIONALE (DSR) - I Il DSR costituisce la sede unitaria delle politiche di Coesione (Sviluppo, Competitività, Risorse Umane), anche della PAC, e la cornice : - di integrazione dei relativi strumenti; - per lincontro e il confronto sia con le politiche e i Programmi nazionali (es. Trasporti), sia con i Piani Strategici degli EE.LL. Il DSR costituisce la base per lIntesa Istituzionale e si accompagna al DPEF regionale.

9 LECCE IL DSR - II Con la cornice del DSR si può conciliare lapplicazione del principio della concentrazione delle risorse (FESR, FSE, FAS, PAC…) in masse critiche per obiettivi e priorità, con una equa distribuzione territoriale degli effetti delle politiche regionali, piuttosto che delle risorse finanziarie, in quanto atta ad assicurare ovunque livelli appropriati dei servizi pubblici - Coesione interna.

10 LECCE IL DSR - III La cornice del DSR consente anche di conciliare il principio di concentrazione con la distribuzione di risorse sia per trasformare le emergenze in opportunità sia di costruire il futuro. La riabilitazione di quartieri degradati, ad es., può costituire loccasione di esperienze pilota, anche utilizzando le competenze dei punti di eccellenza il cui contesto va migliorato per rafforzarne la competitività.

11 LECCE VIII PRIORITA QSN - I LE CORNICI ISTITUZIONALI, STRATEGICHE E OPERATIVE Coniugare gli obiettivi specifici in una visione volta a favorire lintegrazione degli interventi, le diverse scale di programmazione e il coordinamento con i programmi di settore. Coordinamento fra gli investimenti di programmi nazionali di infrastrutture nei territori del mutamento, quale economie esterne, con gli investimenti nelle Città e nei sistemi territoriali.

12 LECCE VIII PRIORITA QSN - II Necessità della preliminare ricognizione delle informazioni sullapproccio della Regione allo sviluppo urbano sostenibile - §4, a, art.36 (ruoli dei diversi territori, parametri di integrazione/connessione con i programmi di settore..) in modo che ogni Comune possa collocarvi in modo coerente i propri piani e programmi strategici.

13 LECCE VIII PRIORITA QSN - III La Programmazione Operativa regionale (il POR) identificherà le unità territoriali beneficiarie degli interventi fra le seguenti: Città metropolitane Città Sistemi territoriali inter-comunali o territori di progetto per sostenervi lo sviluppo di iniziative su Comuni singoli o associati.

14 LECCE VIII PRIORITA - IV Il POR nellambito delle regioni della Convergenza assicurerà risposte specifiche, di carattere multisettoriale e plurifondo, sui temi della lotta alla marginalità nelle aree periferiche e peri-urbane, del recupero socioeconomico ed ambientale delle medesime per favorire il raggiungimento di target di servizio per i servizi minimi essenziali.

15 LECCE VIII PRIORITA - V Il POR promuoverà non solo iniziative di finanza di progetto, ma anche iniziative su concessioni, su strumenti societari (società miste e STU, o su schemi innovativi di urbanistica consensuale o perequativa. Cfr. lart. 42 Reg. Gen. circa lammissibilità di contributi per fondi per lo sviluppo urbano…tra i settori pubblico e privato e in altri progetti inclusi in un Piano integrato per lo sviluppo urbano.

16 LECCE VIII PRIORITA - VI I SISTEMI DI SELEZIONE devono: raggiungere lobiettivo della concentrazione territoriale degli interventi, di massimizzare laddizionalità e leffetto leva finanziario delle risorse aggiuntive; Prevedere procedure per la valutazione ex ante e per la selezione degli i interventi basati su una batteria di criteri minimi quali: a) integrazione di proposte interventi infrastrutturali con piani esecutivi di gestione;

17 LECCE VIII PRIORITA - VII c)Completamento di iniziative progettuali rivelatesi proficue; e) co-finanziamento locale; f) partecipazione finanziaria di operatori privati; g) meccanismi per favorire la cooperazione orizzontale per le reti di Comuni); h) progetti integrati fra Comune metropolitano e altri Comuni della cintura. Le proposte di intervento dovranno essere corredate di studi di fattibilità.

18 LECCE VIII PRIORITA - VIII I RAPPORTI REGIONI-COMUNI-SISTEMA DELLE AUTONOMIE LOCALI Per progetti e programmi per le città e i sistemi metropolitani il POR potrà adottare specifici Accordi di programma, attraverso procedure negoziali, che identifichino: a) gli obiettivi strategici; b)i piani di investimento; c) la struttura e le fonti finanziarie; d) i meccanismi gestionali e amministrativi.

19 LECCE VIII PRIORITA - IX PRINCIPI da seguire: promozione del decentramento alle Città di funzioni rilevanti per la definizione ed attuazione di programmi integrati; circa le città metropolitane, per lampiezza della delega di funzioni gestionali si terrà conto del concetto di proporzionalità con le risorse disponibili al livello regionale; per i PIT, già in fase di impostazione, siano definiti meccanismi istituzionali e di gestione anche attraverso impegni finanziari pluriennali.


Scaricare ppt "LECCE 14.07.06 1 IL CICLO DEI PROGRAMMI DI COESIONE 2007-2013 POSTIT II."

Presentazioni simili


Annunci Google