La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

LEVOLUZIONE CULTURALE E LEVOLUZIONE CEREBRALE Il cespuglio ominide (od omininide) ©Ian Tattersall, 2008.

Presentazioni simili


Presentazione sul tema: "LEVOLUZIONE CULTURALE E LEVOLUZIONE CEREBRALE Il cespuglio ominide (od omininide) ©Ian Tattersall, 2008."— Transcript della presentazione:

1 LEVOLUZIONE CULTURALE E LEVOLUZIONE CEREBRALE Il cespuglio ominide (od omininide) ©Ian Tattersall, Illustrazione di Gisselle Garcia. Neandertaliani e umani hanno pressoché lo stesso volume cerebrale. Lespansione delle dimensioni cerebrali accomuna tutti i lignaggi conosciuti del genere Homo.

2 LEVOLUZIONE CULTURALE E LEVOLUZIONE CEREBRALE Dati A partire da 2 milioni di anni fa lespansione del cervello nel genere Homo diverge da quella delle scimmie antropomorfe, più o meno in corrispondenza di un repentino aumento dellampiezza delle oscillazioni glaciali. I più antichi manufatti (utensili di pietra scheggiata) sono stati trovati in un sito etiopico che risale a 2,6 milioni di anni fa; a questo periodo corrispondono le numerose industrie litiche africane, il cui complesso è denominato Olduvaiano (dallomonimo sito in Tanzania). Gli autori erano antropomorfe bipedi o H. ergaster (fossili risalenti a 1,8 milioni di anni fa)?

3 LEVOLUZIONE CULTURALE E LEVOLUZIONE CEREBRALE Dati Acheuleano: a partire da 1,6-1,4 milioni di anni fa in Africa compaiono lavorazioni più accurate (asce simmetriche realizzate percuotendo un nucleo finché non si ottiene la forma desiderata). In tutta lAfrica e lEurasia occidentale si trovano gli stessi identici strumenti. Musteriano: a partire da anni fa in Africa e in Eurasia si diffonde il metodo del nucleo preparato, che rappresenta un balzo cognitivo oltre che tecnologico: il nucleo di selce viene forgiato con dei colpi meticolosi e un colpo secco stacca una scheggia di forma predeterminata. Ocra rossa per decorare il corpo, gusci di uova di struzzo e conchiglie forate forse per creare collane ( anni fa). H. heidelbergensis e Neandertaliani.

4 LEVOLUZIONE CULTURALE E LEVOLUZIONE CEREBRALE Dati Rivoluzione paleolitica (circa anni fa): sculture naturalistiche e stilizzate, disegni parietali policromi, strumenti musicali, incisione di notazioni, ornamenti e orpelli, decorazioni di oggetti; sepolture rituali, con annessi doni votivi (linumazione era occasionalmente praticata anche dai Neandertaliani); intima conoscenza dei materiali usati per gli strumenti; probabilmente attività di sussistenza più elaborate (ossa di uccelli e pesci, di mammiferi di grossa e media taglia, concentrati in siti); raffinamento dell'organizzazione sociale; diversificazione culturale regionale; compaiono i primi indizi di un interesse per la comprensione dei fenomeni naturali.

5 LEVOLUZIONE CULTURALE E LEVOLUZIONE CEREBRALE Dati Prima degli uomini di Cro-Magnon gli indizi di attività simbolica sono sporadici e solo congetturali. Il fatto che le prove paleontologiche decisive siano state trovate in Europa non è molto significativo: la documentazione in altre aree del mondo è esigua per la sproporzione tra il numero dei ricercatori coinvolti e la vastità del territorio dindagine. Con ogni probabilità le capacità simboliche dei Cro-Magnon furono importate in Europa già pienamente formate. Migrazione dallAfrica a ondate successive: la seconda di H. sapiens è databile tra e anni fa. I dati paleontologici e archeologici suggeriscono con forza che non cè correlazione tra la conformazione anatomica dellunica specie vivente del cespuglio Homo (da anni fa; anni fa per la conformazione cranica) e le prime tracce di comportamento simbolico.

6 LEVOLUZIONE CULTURALE E LEVOLUZIONE CEREBRALE Le dimensioni non contano 1.Seppur in continuità con le grandi dimensioni cerebrali degli altri membri del genere Homo (il volume è pressoché identico a quello dei Neandertaliani) il cranio di sapiens ha una conformazione, che si sviluppa verso l'alto, invece che in lunghezza e in larghezza. 2.Da quando noi ominidi abbiamo adottato il bipedismo: 1.le nostre mani (dotate di pollice opponibile che consentiva la locomozione sugli alberi), liberate da compiti locomotori, si rendono disponibili per nuove funzioni ( COOPTAZIONE FUNZIONALE ). N.b.: per circa un milione e mezzo di anni di bipedismo non ci sono prove di manufatti; 2.il nostro bacino si è ristretto, di conseguenza anche il canale del parto.

7 LEVOLUZIONE CULTURALE E LEVOLUZIONE CEREBRALE Le dimensioni non contano Un primate con tali dimensioni craniche dovrebbe richiedere una gestazione di 18 mesi, ma, poiché il bacino materno è troppo stretto, il parto avviene in anticipo rispetto a un completo sviluppo cerebrale del nascituro. Le suture del cranio nei giovani mammiferi indubbiamente facilitano il parto, ma poiché si trovano anche nei «giovani uccelli e rettili, che hanno soltanto da uscire da un uovo rotto», non possiamo spingerci a chiamare mirabili adattamenti queste suture (Darwin, L'origine delle specie, cap. VI). I calchi endocranici mostrano che i patterns di sviluppo tra scimpanzé e umani moderni differiscono nel periodo immediatamente successivo alla nascita: solo i crani umani cambiano rapidamente forma nel primo anno di vita, assumendone una globulare in luogo di quella allungata.

8 LEVOLUZIONE CULTURALE E LEVOLUZIONE CEREBRALE Le dimensioni non contano Queste differenze sembrano rispecchiare quelle tra gli adulti Neandertaliani e H. sapiens: i neonati di entrambe le specie hanno una forma allungata, ma solo i cuccioli di sapiens sviluppano la forma globulare. Gli sviluppi endocranici prendono strade diverse solo dopo la nascita. Forse ciò che ci rende specifici è proprio quello che ci succede dalla nascita in poi, e non la nostra dotazione innata. Philipp Gunz, Simon Neubauer, Bruno Maureille, Jean-Jacques Hublin, Current Biology, nov

9 Il parto prematuro rispetto allo sviluppo cerebrale comporta una minore autonomia dei cuccioli, e quindi un prolungamento dello sviluppo intorno alla nascita (nel primo anno di vita il cervello si sviluppa a ritmo fetale) e nel corso dell'infanzia e delladolescenza. Tale neotenia è dovuta ai geni regolatori (Hox) che, attivando a cascata altri geni, hanno la funzione di governare i tempi di crescita e maturazione. Piccole mutazioni eterocroniche ci fanno essere più lenti nello sviluppo ontogenetico rispetto ai Neandertaliani (evidenze dentali*), e ancor di più rispetto alle australopitecine e ai primi Homo. * LEVOLUZIONE CULTURALE E LEVOLUZIONE CEREBRALE Le dimensioni non contano

10 MA SE I GENI NON CODIFICANO QUASI MAI DIRETTAMENTE UN CARATTERE FENOTIPICO, COME SI DISTINGUE LINNATO DALLACQUISITO? BIOLOGICO NON E SINONIMO DI INNATO O INELUTTABILE O PRESTABILITO. LEVOLUZIONE CULTURALE E LEVOLUZIONE CEREBRALE Ipotesi a)FATTORI GENETICI (innato) VS FATTORI AMBIENTALI (acquisito): la cultura fa parte degli input ambientali competenze o predisposizioni innate, alias inclinazioni preformate, alias istinti.

11 LEVOLUZIONE CULTURALE E LEVOLUZIONE CEREBRALE Ipotesi b)NEOTENIA (Ian Tattersall). Le nostre capacità cognitive potrebbero essere state potenzialmente a disposizione chissà da quanto tempo (e in quanti ominini); la rappresentazione simbolica (un candidato molto plausibile è il linguaggio) potrebbe essere stato un modo di cooptarle per un uso del tutto nuovo. Curiosità, sperimentazione e gioco realizzano le potenzialità cognitive che giacevano inutilizzate nelle strutture cerebrali precedenti. I processi cognitivi simbolici sono lesplorazione di possibilità di un nuovo ordine a partire da vincoli biologici preesistenti (il rapporto cranio-bacino), quindi potrebbe trattarsi di EXAPTATIONS, in particolare del tipo pennacchio.

12 LEVOLUZIONE CULTURALE E LEVOLUZIONE CEREBRALE Ipotesi c)COEVOLUZIONE DI LINGUAGGIO E CERVELLO (Terrence Deacon). Levoluzione del linguaggio traina levoluzione cerebrale: le richieste cognitive della rappresentazione simbolica (il riferimento parola-oggetto non è fondato su una correlazione fisica) si riflettono in differenze neuroanatomiche. LA DISCONTINUITà FRA STIMOLI E RIFERIMENTI SIMBOLICI RENDE QUESTI ULTIMI IMPOSSIBILI DA ASSIMILARE GENETICAMENTE. (T. Deacon, La specie simbolica, Fioriti 2001, p. 318).

13 LEVOLUZIONE CULTURALE E LEVOLUZIONE CEREBRALE Ipotesi b) E c) SONO INTEGRABILI. Potrebbe essere stata levoluzione culturale, resa possibile da una variazione che interessa lo sviluppo, ad aver fatto emigrare per tutto il globo i sapiens cognitivamente moderni (Out of Africa II). La conquista e la costruzione di nuove nicchie ecologiche potrebbero essere dovute a un uso diverso delle medesime strutture cerebrali, exattate nei processi cognitivi di interpretazione simbolica della natura.

14 Due Conclusioni LO SFORZO DELLINTERPRETAZIONE RICHIESTO DAI SEGNI LINGUISTICI RICHIEDE UN APPRENDIMENTO AGGIUNTIVO (possibile in virtù della NEOTENIA) RISPETTO ALLIMITAZIONE E ALLAPPRENDIMENTO SOCIALE. LA TRASMISSIONE SIMBOLICA FA DELLEVOLUZIONE CULTURALE UN CAMPO DI INDAGINE CON PROPRI PATTERNS ESPLICATIVI.

15 Il bambino è padre delluomo. WILLIAM WORDSWORTH, Larcobaleno


Scaricare ppt "LEVOLUZIONE CULTURALE E LEVOLUZIONE CEREBRALE Il cespuglio ominide (od omininide) ©Ian Tattersall, 2008."

Presentazioni simili


Annunci Google