La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

Alessandro Beltrami Milano, 14 luglio 2009 art. 77 ter, comma 11, DL 112/2008 2 Primo approccio “… la regione, sulla base di criteri stabiliti in sede.

Presentazioni simili


Presentazione sul tema: "Alessandro Beltrami Milano, 14 luglio 2009 art. 77 ter, comma 11, DL 112/2008 2 Primo approccio “… la regione, sulla base di criteri stabiliti in sede."— Transcript della presentazione:

1

2 Alessandro Beltrami Milano, 14 luglio 2009

3 art. 77 ter, comma 11, DL 112/ Primo approccio “… la regione, sulla base di criteri stabiliti in sede di consiglio delle autonomie locali, può adattare per gli enti locali del proprio territorio le regole e i vincoli posti dal legislatore nazionale, in relazione alla diversità delle situazioni finanziarie esistenti nelle regioni stesse, fermo restando l’obiettivo complessivamente determinato in applicazione dell’articolo 77-bis per gli enti della regione e risultante dalla comunicazione effettuata dal Ministero dell’economia e delle finanze - Dipartimento della Ragioneria generale dello Stato alla regione interessata” Criticità obiettivo per ogni singolo Ente già determinato a livello nazionale sistema sanzionatorio verifica infrannuale del rispetto dell’obiettivo

4 3 Patto regionale alla prova dei fatti art. 7 quater, comma 3, DL 5/2009 gli Enti che rispettano i requisiti previsti (rispetto del patto 2007, basso rapporto dipendenti/popolazione e contenimento spesa corrente) possono effettuare pagamenti nei limiti degli importi autorizzati dalla regione di appartenenza Procedura dichiarazione ad ANCI, UPI e Regione, entro il 30 aprile, dell’entità dei pagamenti che possono effettuare nel corso dell’anno la Regione definisce e comunica agli enti locali entro il 31 maggio l’ammontare dei pagamenti che possono essere esclusi dal saldo finanziario e contestualmente procede alla rideterminazione del proprio obiettivo programmatico del patto di stabilità interno per l’anno 2009 per un ammontare pari all’entità complessiva degli importi autorizzati, trasmettendo altresì al Ministero dell’economia e delle finanze entro il successivo mese di giugno, con riferimento a ciascun ente beneficiario, gli elementi informativi occorrenti per la verifica del mantenimento dell’equilibrio dei saldi di finanza pubblica

5 4 Patto regionale alla prova dei fatti Criticità Gli Enti locali ammessi non sono determinabili da parte della Regione ed è necessaria la verifica del singolo Ente (comma 1, lett. c) Solo il Piemonte ha messo a disposizione per i suoi Comuni 100 milioni di euro Risultati

6 5 Patto regionale - prospettive art. 9 A.C – Legge su armonizzazione bilanci Entro il 20 luglio il Governo invia alla Conferenza unificata, per il preventivo parere da esprimere entro il 10 settembre, le linee guida per la ripartizione degli obiettivi e viene definito il quadro di riferimento normativo per il Patto di stabilità interno, caratterizzato da stabilità, coerenza, conformità ai parametri europei e rispetto dell’autonomia gestionale degli enti Il Patto di Stabilità Interno definisce gli interventi necessari per il loro conseguimento distintamente per Regioni, Province e Comuni

7 6 Patto regionale - prospettive La Conferenza unificata dà indicazioni per collegamento tra gli obiettivi aggregati da fissare nell’ambito della Decisione di finanza pubblica e le regole previste per il singolo Ente in ragione della categoria di appartenenza Ancora una volta è il legislatore nazionale che si preoccupa di fissare meccanismi uguali e obiettivi per singolo Ente Inoltre Per la spesa in conto capitale la Decisione di finanza pubblica e la legge di stabilità individuano la quota di indebitamento delle Amministrazioni locali, e successivamente per il complesso delle Province e dei Comuni, articolata per Regioni, in coerenza con l’obiettivo aggregato individuato per l’intera Pubblica Amministrazione

8 7 Patto regionale - prospettive Come interviene la Regione? Il ricorso al debito da parte di uno o più Enti territoriali, in misura eccedente il limite stabilito dalla applicazione all’Ente stesso del Patto di Stabilità Interno vigente, è autorizzato, nell’ambito di ciascuna Regione, a condizione che venga compensato da un corrispondente minore ricorso al debito da parte di uno o più enti territoriali della stessa regione La Regione non partecipa finanziariamente, limitandosi ad esercitare un ruolo di regolatore e supervisore Ulteriore frammentazione del monitoraggio e non sostituzione a livello regionale

9 8 Patto regionale - prospettive art. 9, comma 7, e la riformulazione, del tutto analoga, al già citato art. 77 ter, comma 11 Le Regioni, fermo restando l’obiettivo di finanza pubblica complessivamente determinato in applicazione del Patto di Stabilità Interno vigente, possono adattare per gli Enti locali del proprio territorio le regole e i vincoli di finanza pubblica fissati dalla legge nazionale, in relazione alle diversità delle situazioni finanziarie ed economiche delle Regioni stesse, e coordinano la procedura di ripartizione della quota di indebitamento per la spesa in conto capitale dei Comuni e delle Province, anche al fine di consentire lo scambio di tale quota tra uno o più Enti locali della Regione, ai fini dell’ottimizzazione della distribuzione territoriale e temporale della spesa in conto capitale

10 9 Patto regionale in Lombardia Regione, ANCI e UPI hanno da subito costituito un tavolo di lavoro propedeutico alla realizzazione del Patto di Stabilità regionale in Lombardia spesa per investimenti individuazione criteri di virtuosità degli Enti locali sistema premiante e sistema sanzionatorio una diversa ipotesi di determinazione degli obiettivi

11 10 Patto regionale in Lombardia – stock del debito dei Comuni


Scaricare ppt "Alessandro Beltrami Milano, 14 luglio 2009 art. 77 ter, comma 11, DL 112/2008 2 Primo approccio “… la regione, sulla base di criteri stabiliti in sede."

Presentazioni simili


Annunci Google