La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

Calibrazione di rivelatori di radiazione ionizzante a sviluppo fotografico GAFChromic® Laboratorio di Biofisica delle Radiazioni.

Presentazioni simili


Presentazione sul tema: "Calibrazione di rivelatori di radiazione ionizzante a sviluppo fotografico GAFChromic® Laboratorio di Biofisica delle Radiazioni."— Transcript della presentazione:

1 Calibrazione di rivelatori di radiazione ionizzante a sviluppo fotografico GAFChromic® Laboratorio di Biofisica delle Radiazioni

2 Razionale Conoscere con accuratezza la dose di radiazione ionizzante è un’esigenza primaria sia nello studio degli effetti biologici della radiazione (radiobiologia e radioprotezione) che nelle applicazioni biomediche della radiazione stessa quali la radioterapia o la diagnostica. Una classe di rivelatori particolarmente semplice da usare è rappresentata da pellicole autosviluppanti (radiocromiche) che, se esposte alla radiazione, si anneriscono in misura proporzionale alla dose ricevuta. La lettura delle pellicole avviene con appositi densitometri che, opportunamente tarati, attribuiscono un valore di densità ottica del materiale. Scopo dell’esperienza è la taratura del lettore in dotazione presso i nostri laboratori irraggiando con varie dosi di raggi x pellicole GAF e la realizzazione di una curva di calibrazione da usare per la determinazione di una dose incognita di radiazione; la lettura dei GAF sarà confrontata con quella di in dosimetro già tarato ma basato su un diverso principio di funzionamento (camera a ionizzazione) per verificarne la compatibilità entro gli errori sperimentali.

3 Caratteristiche dei rivelatori GAF-1 trasparente e incolore Prima dell’irraggiamento Dopo l’irraggiamento colorazione blu  dose assorbita L’elemento sensibile è un idrocarburo aromatico composto da elementi a basso numero atomico (H, C, O, N), le cui caratteristiche sono quelle di un materiale quasi “acqua equivalente” con numero atomico efficace Z eff = 6,2  0,3.

4 1)non occorre uno sviluppo chimico; 2)possono essere immersi in acqua; risoluzione dosimetrico-spaziale 3)elevata risoluzione dosimetrico-spaziale (250  m); energiaqualità 4)bassa dipendenza della risposta dall’energia e dalla qualità del fascio; rateo di dose 5)indipendenza della risposta dal rateo di dose (per dosi fino a 40 Gy); umiditàrelativa 6)indipendenza dall’umidità relativa (30-70%); 7)riproducibilità 7)riproducibilità entro ±1% OD vs. Dose 8)curva di taratura OD vs. Dose “quasi” lineare; Caratteristiche dei rivelatori GAF-2

5 Esempio di curva di taratura di film radiocromici mediante fasci di raggi x prodotti da un acceleratore lineare Valori di densità ottica  OD 2c  in funzione della dose di raggi x da 6 MV (  ) e 10 MV (  ).

6 Strumentazione e tecniche impiegate Si utilizzerà una macchina a raggi x (250 kV p, 1mmCu) in dotazione al gruppo di Biofisica delle Radiazioni Dosi di radiazione (0-8 Gy) saranno amministrate alle pellicole I rivelatori saranno letti con un lettore ottico (densitometro) Una retta di taratura sarà derivata e successivamente utilizzata per la dosimetria da confrontare con quella misurata contestualmente mediante camera a ionizzazione. Metodi di elaborazione statistica (regressione lineare, etc.) saranno utilizzati


Scaricare ppt "Calibrazione di rivelatori di radiazione ionizzante a sviluppo fotografico GAFChromic® Laboratorio di Biofisica delle Radiazioni."

Presentazioni simili


Annunci Google