La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

La narrativa Il passaggio fra 800 e 900. La nascita del romanzo europeo Nasce nel 17° secolo E unopera in prosa E la narrazione di vicende individuali,

Presentazioni simili


Presentazione sul tema: "La narrativa Il passaggio fra 800 e 900. La nascita del romanzo europeo Nasce nel 17° secolo E unopera in prosa E la narrazione di vicende individuali,"— Transcript della presentazione:

1 La narrativa Il passaggio fra 800 e 900

2 La nascita del romanzo europeo Nasce nel 17° secolo E unopera in prosa E la narrazione di vicende individuali, ma sempre inserite nella storia, spesso contemporanea Presenta sempre lideologia dellautore e la sua visione del mondo.

3 Il romanzo nel 17° secolo caratteristiche son chiamate romanzi le storie finte davventure amorose, scritte in prosa con arte per il piacer e listruzione dei lettori ( P. D. Huet 1670) La principessa di Cleves (1678) si può considerare il primo romanzo moderno scritto da M.dame de Lafayette. Si può considerare come esempio di narrazione psicologica, ma costituisce anche il prototipo del romanzo storico grazie alla commistione di personaggi reali con personaggi di invenzione.

4 Il romanzo inglese del 700 Un tratto fondamentale del romanzo inglese alle sue origini è che non si presenta come narrazione di fatti inventati, ma come unesperienza realmente vissuta, come testimonianza diretta della realtà. Defoe con il suo Robinson Crusoe (1719) e con Moll Flanders (1722) vuole presentare al lettore come documenti autentici le vicende accadute ad un marinaio abbandonato in unisola deserta o le memorie autobiografiche della protagonista.

5 Defoe Usa la prima persona e il narratore è autodiegetico sono i protagonisti stessi a narrare le loro vicende dando ad esse il carattere dellautenticità e veridicità dei fatti narrati Cè inoltre identità tra il punto di vista del protagonista e lideologia dellautore

6 Richardson Pamela (1740) e Clarissa (1748) Romanzi epistolari: la narrazione risulta da una serie di lettere che si scambiano tra loro i vari personaggi, senza lintervento di voci narranti esterne. Anche in qs caso il lettore ha limpressione di essere di fronte a fatti reali, non ad una pura finzione narrativa

7 Richardson Il romanzo epistolare ha la caratteristica del racconto di fatti descritti in prima persona (come quelli di Defoe), ma a caldo Il personaggio si abbandona alla confessione consentendo laccesso alla parte più intima della coscienza Il genere epistolare dà quindi sì limpressione dellesperienza vissuta, ma anche consente lo scavo nella dimensione soggettiva Nei suoi romanzi epistolari ci sono più voci narranti che permettono una pluralità di punti di vista che aiuta a conoscere un articolato quadro sociale.

8 Fielding Tom Jones (1749) Introduce un narratore eterodiegetico onnisciente Interviene spessissimo nella narrazione e dialoga con il lettore Spezza lillusione di realtà dei fatti narrati Mira a creare una distanza tra lettore e fatti narrati

9 Fielding Usa lironia Scopo dellautore è indagare caratteri tipici di certi ambienti sociali e categorie morali:

10 LOTTOCENTO: Romanticismo Naturalismo

11 OTTOCENTO Romanticismo- Naturalismo Non si mette in discussione la consistenza della realtà e dellio Rimane la fiducia in una possibilità di vivere ed orientarsi nella realtà Lio si percepisce ancora come un organismo, magari alla ricerca della totalità

12 LE STRUTTURE FORMALI 800 Oggettività e realismo nellimpianto narrativo fiducia nel rapporto comunicativo (fiducia nella parola, la quale può descrivere la realtà, costruire un corrispettivo del mondo reale) mondo: ordinato, chiaro, coerente La situazione narrativa si incardina nelle categorie per eccellenza della realtà: spazio, tempo, causalità. tempo lineare: trama - eventi dislocati in una successione cronologica collegati tra loro da rapporti di causa – effetto deficit iniziale - finale compensazione del deficit – tempo narrativo per eccellenza (limperfetto o il passato remoto).

13 personaggi individuati singolarmente e socialmente portatore di valori - eroe positivo –Il narratore è al di fuori della macchina narrativa e sovrintende al suo funzionamento. Narrazione in terza persona Narratore regista, onnisciente (Natural. e verismo): procedimento narrativo impersonale lo scrittore deve comportarsi di fronte alla realtà come uno scienziato e ricercare il csd documento umano; la letteratura viene ad essere determinata da cause ben precise e condizionanti (race, moment, milieu).

14 La concezione della realtà 800 Zola: La realtà è conoscibile con operazioni meccaniche di smontaggio e rimontaggio meccanismo ingranaggi pezzo per pezzo

15 Letteratura esplicativa da Il romanzo sperimentale di E. Zola E ciò costituisce il romanzo sperimentale: possedere il meccanismo dei fenomeni umani, mettere in luce gli ingranaggi delle manifestazioni passionali ed intellettuali quali li spiegherà la fisiologia, sotto le influenze dellereditarietà e delle circostanze ambientali….perciò dunque basiamo il nostro lavoro sulla fisiologia, prendendo dalle mani del fisiologo luomo isolato, per contribuire alla soluzione del problema e risolvere su basi scientifiche linterrogativo circa i comportamenti degli uomini… Si entrerà in un secolo in cui luomo, divenuto onnipotente, avrà soggiogato la natura utilizzandone le leggi per fare regnare su questa terra tutta la giustizia e la libertà possibili. Non vi è scopo più nobile, più elevato, più grande.

16 Non vi è scopo più nobile, più elevato, più grande. In esso consiste il nostro compito di esseri intelligenti: penetrare il COME delle cose per dominarle e ridurle allo stato di meccanismi ubbidienti. … Ecco in che consistono lutilità pratica e la elevata moralità delle nostre opere naturalistiche, che sperimentano sulluomo, che smontano e rimontano pezzo per pezzo la macchina umana per farla funzionare sotto linfluenza dei vari ambienti…Essere in grado di controllare il bene e il male, regolare la vita, risolvere tutti i problemi…

17 Lo sguardo del narratore sulla realtà 800 Quando nel romanzo laffinità e la coesione di ogni sua parte sarà così completa….che la mano dellartista rimarrà assolutamente invisibile, allora avrà limpronta dellavvenimento reale, lopera darte sembrerà essersi fatta da sè ….senza serbare alcun punto di contatto col suo autore, alcuna macchia del peccato dorigine. (G.Verga – prefazione a Lamante di Gramigna)

18 Lo sguardo del narratore sulla realtà 800 (Verga) La realtà puo essere fotografata Romanzo: documento umano Riduzione positivistica delluomo a neutro ed impassibile registratore di eventi

19 Ottocento ROMANTICISMONATURALISMO Manzoni: …..Così fatto è questo guazzabuglio del cuore umano Zola: mettere in luce gli ingranaggi delle manifestazioni passionali.. Realtà misteriosa in cui il principio di causalità, meccanicamente inteso, non sempre opera Conclusero che i guai vengono bensì spesso, perché ci si è dato cagione; ma che la condotta piu cauta ed innocente non basta a tenerli lontani…

20 PASSAGGIO 800/ Unità della concezione di sé: lio è un dato sicuro, fondante Perdita di identità – io frantumato Fiducia nella conoscenza oggettiva e razionale della realtà Perdita del centro

21 Hegel: tutto il reale è razionale e viceversa Realtà misteriosa, complessa, inconoscibile perlomeno da strumenti scientifici Realtà: complesso di fenomeni materiali regolati da leggi meccanicistiche e determinate Angoscia e smarrimento di fronte al non senso

22 Sapere come…Urge sapere perché….

23 Narrativa esplicativaLetteratura interrogativa:luomo non sa piu chi è e vuole chiedersi il senso di tutto

24 NOVECENTO Viene meno la possibilità di orientamento: lio si smarrisce allinterno di una realtà labirintica

25 NOVECENTO CE UN PARADOSSO: Tutto converge verso lio – crisi dellio Man mano che il soggetto diventa loggetto si capisce sempre meno del soggetto

26 La grande cultura precipita in uno smarrimento profondo,perché da una parte Dio era ormai svanito dallorizzonte umano e dallaltra parte luomo, nuovo dio, si è ormai detronizzato con le sue stesse mani La natura umana è presa sul serio, non si può accontentare del come, ha bisogno, un bisogno vitale non intellettuale del perché, ma il significato è enigmatico per questo luomo si smarrisce. Nel Novecento entra in crisi tutta lantropologia, la duplice immagine delluomo che ha percorso la storia europea: quella cristiana e quella elaborata dal Rinascimento inpoi dellhomo faber fortunae suae, del borghese soddisfatto di sè

27 LA CRISI DEL 900 LUOMO E INCAPACE DI ESSERE UOMO nei titoli delle opere Il mestiere di vivere Il male di vivere Luomo senza qualità Un inetto Uno, nessuno, centomila

28 LA CRISI DEL 900 Limpossibilità di rapporti Le mie mani, cosa sono le mie mani? La distanza incommensurabile che mi divide dal mondo degli oggetti e mi separa da essi per sempre. Sartre Io volevo esser solo in un modo affatto insolito, nuovo. Tuttalcontrario di quel che pensate voi: cioè senza me e appunto con un estraneo attorno. Pirandello

29 LA CRISI DEL 900 La malattia: come segno del disagio esistenziale nevrosi che nasce dalla domanda insoddisfatta di senso Uomo dissociato, schizoide, fisicamente deformato. Sono malato, sono malvagio.. Dostoevskij – Memorie del sottosuolo

30 LA CRISI DEL 900 La malattia: Inettitudine: Incapacità di vivere Incapacità di decidere Malattia della volontà Doloroso privilegio: essere in divenire aperto alle infinite serie di possibilità privilegio di conoscenza

31 LA CRISI DEL 900 La malattia: Il sano sa godere la vita, ma è inautentico, crede di vivere ma è vissuto Il malato è inadatto a vivere, insoddisfatto, ma autentico Paradosso drammatico: Luomo per vivere autenticamente è costretto a rinunciare alla vita

32 Il rifiuto del ruolo di poeta LA CRISI DEL 900 Il rifiuto del ruolo di poeta linautenticità della vita che la società offre porta a non identificarsi più con essa e i suoi valori il poeta rifiuta il ruolo di colui che attraverso la sua opera porta avanti gli ideali condivisi e i significati dellesistenza

33 Lo sguardo del narratore sulla realtà 900..Se è meccanismo, come puo essere vita, come puo essere arte? E quasi come entrare in uno di quei musei di statue viventi, di cera,vestite e dipinte.. Pirandello. Quaderni di Serafino Gubbio operatore

34 Lo sguardo del narratore sulla realtà 900 La realtà dietro le apparenze non puo essere fissata in una forma La funzione delluomo e dello scrittore è spingere lo sguardo oltre la superficie dei fenomeni

35 LE STRUTTURE FORMALI Il 900 Dalla crisi del rapporto io – mondo, nasce la fine dellimpianto naturalistico De Benedetti: la narrativa moderna mette in crisi la possibilità di leggere i romanzi standosene in poltrona, tranquilli, non sono romanzi di evasione, sono inquietanti perché rappresentano lo sgretolamento delluomo borghese, della concezione unitaria e coerente che luomo ha di sé.

36 LE STRUTTURE FORMALI Il 900 Il venir meno di certezze universali porta alla impossibilità di affermare un significato unitario nella realtà che si rivela inconsistente, frammentata Viene meno nel romanzo novecentesco la possibilità di ricostruire in unità il mondo, la vita, perché manca il soggetto unitario che possa dare ordine alla realtà da una prospettiva superiore.

37 LE STRUTTURE FORMALI Il 900 Scelta del banale e del quotidiano, in cui i personaggi non fanno, ma subiscono passivi e disorientati Il protagonista non è più un individuo per un verso o per laltro esemplare, ma un uomo senza qualità spesso alla ricerca di una identità, di un ubi consistam. E leroe negativo. (Vinti di Verga e inetto sveviano)

38 LE STRUTTURE FORMALI Quando si usa un linguaggio normale, vuol dire che dell universo si ha unidea sicura e precisa, che si crede in un mondo certo, ontologicamente ben determinato, in un mondo gerarchizzato dove i rapporti stessi tra luomo e il cosmo sono determinati. (Contini) Questo cambiamento della concezione di sé e della realtà determina un cambiamento delle modalità di scrittura, poetica e narrativa. Dalla crisi del rapporto io – mondo, nasce la fine dellimpianto naturalistico e si modifica il rapporto tra scrittore e materia narrata che non formano più due entità distinte.

39 LE STRUTTURE FORMALI Il 900 tempo come durata (spt dopo Bergson) - profonda modificazione delle categorie gnoseologiche di tempo – spazio – causalità, Il tempo interiorizzato: il tempo - funzione della coscienza individuale dimensione della memoria andirivieni continuo di passato e presente Il vicino viene allontanato e il lontano avvicinato, limportante trascurato e il banale valorizzato tempo della narrazione: presente - romanzo opera aperta destrutturazione dellintreccio: attenzione alle vicende interiori Narratore e materia non distaccati Abbandono della terza persona e adozione della prima persona Narratore inattendibile (vedi Zeno)

40 LE STRUTTURE FORMALI Il 900 tecniche: Monologo interiore: punto di vista sempre più interno Flusso di coscienza. Alterazioni anche delle strutture sintattiche e grammaticali Manipolazione dei codici – linguaggio – rimescolamento dei registri linguistici


Scaricare ppt "La narrativa Il passaggio fra 800 e 900. La nascita del romanzo europeo Nasce nel 17° secolo E unopera in prosa E la narrazione di vicende individuali,"

Presentazioni simili


Annunci Google